NuovoNato

PLC o Arduino?

13 messaggi in questa discussione

Salve a tutti,

 

  sono nuovo di questo forum e di questo argomento.

 

Da qualche anno mi sono appassionato all'acquariologia.

 

Quello che mi appassiona non è soltanto l'aspetto naturalistico(pesci, piante etc.) ma anche tutte le automazioni(che attualmente faccio a mano) che l'acquario può offrire: cambio dell'acqua, rabbocco, controllo della temperatura, aggiunta all'acqua dei biocondizionatori etc. etc.

 

Sono un sistemista informatico di professione e ho una buona base sia di programmazione che di elettronica.

 

Vorrei avvicinarmi a questo mondo per poter (con molta calma) realizzare alcune automazioni per la gestione dell'acquario.

 

Ho visto in internet un sacco di documentazione per l'utilizzo di Arduino in acquariologia, ma vorrei un parere da chi conosce entrambi i mondi: PLC / Arduino.

 

Sono due dispositivi equivalenti o l'uno è più adatto dell'altro a questo scopo? La curva di apprendimento del dispositivo è la stessa?

 

Grazie a tutti e Saluti

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Arduino non è un sistema studiato per l'industria ed è molto più economico di un PLC, al contrario un PLC è più robusto, stabile e facilmente manutenzionabile, con ovviamente costi molto diversi.

 

Non sono due cose paragonabili 1:1, è come paragonare una Rolls e un Hummer (quello militare, non quello per miliardari sboroni).

 

In comune hanno solo che entrambi si programmano, ma in modi e con linguaggi completamente diversi.

 

Arduino usa un linguaggio molto simile al C mentre per i PLC non c'è uno standard, dipende dal produttore: Siemens usa Logo, altri produttori usano altro.

 

Cosa sia più facile dipende solo da te, di certo per usare Arduino è indispensabile una buona conoscenza dell'elettronica oltre che della programmazione.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Per arduino c'è un'apposia sezione nel forum di elettronica.
 

Quote

 

Sono due dispositivi equivalenti o l'uno è più adatto dell'altro a questo scopo?

 

 

Assolutamente no!

Arduino nasce come attrezzo a basso costo per lo sviluppo del Sw dei micro Atmel. E' ottimo per impieghi in ambiente "protetto" come puàò essere un laboratorio. E' di facile approccio per gli amatori anche con scarse conoscenze di programmazione. Soffre di tutti quei problemi di immunità ai disturbi tipici di questi prodotti. Inoltre il sistema di interconnessione non è il massimo dell'affidabilità.

 

I PLC nascono per lavorare in ambienti difficili como lo sono gli stabilimenti industriali.

Hanno un Hw molto robusto ad alta immunità ai disturbi.

Anche il loro Fw è molto robusto.

 

Un piccolo PLC può essere sufficiente per realizzare una completa automazione per un un acquario. Una scheda come arduino necessità sicuramente di espansioni.

 

Quote

La curva di apprendimento del dispositivo è la stessa?

 

Per arduino è sufficiente avere un minimo di rudimenti di programmazione per poter lavorare; la curva di apprendimento, almeno per le funzioni non troppo complesse, è rapidissima.

 

I PLC hanno un loro ambiente di sviluppo particolare, praticamente ogni PLC ha il suo ambiente; inoltre ogni PLC ah le sue particolari caratteristiche Hw.

La curva di apprendimento in genere è un po' meno rapida di quella per arduino.

 

Molto poi dipende dalle singole competenze.

 

Quote

è come paragonare una Rolls e un Hummer

 

Bhe un tantino esagerato:)

 

Se assimili un PLC ad un furi strada militare, arduino non può certo essere assimilato ad un RR, tutal più ad un comoda station wagon un po' delicata.;)

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Quote

Bhe un tantino esagerato:)

 

 

Era per sottolineare l'estrema diversità tra i due mondi... su un fuoristrada militare trovi la spartanità e la robustezza estrema, non c'è aria condizionata, non ci sono i vetri elettrici, non c'è il portabicchiere (al massimo il portafucile :) ), mentre su una Rolls trovi lusso e comodità (o in Arduino la facilità di programmazione, il supporto della community, un fantastiliardo di librerie già pronte all'uso), ma se provi ad andarci nella boscaglia ti impantani dopo venti metri.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Grazie mille per le info,

   c'è un'affermazione di Livio Orsini su Arduino che mi fa orientare verso il PLC:

 

Quote

Inoltre il sistema di interconnessione non è il massimo dell'affidabilità

 

E' chiaro che il salotto di casa, dove c'è l'acquario, non è certo un ambiente industriale ma se il sistema di interconnessione con chi gestisce il rabbocco non è perfetto potrei trovarmi la casa allagata... ...potrebbe succedere anche per un mio errore di programmazione ma se in fase di debug ho incertezze anche con l'HW tutto si complica.

 

A questo punto direri di iniziare con:

- capire quali sono i PLC su cui orientarmi(anche in base ai costi)

- verificarne l'interfaccia di programmazione, da quello che ho capito proprietaria

- capire come i PLC comunicano con il mondo esterno e che interfaccie usano

 

Grazie ancora a tutti e saluti

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Ciao,a questo indirizzo https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=2&cad=rja&uact=8&ved=0ahUKEwiYqurHlrjRAhXSIFAKHaNoCYgQFggqMAE&url=http%3A%2F%2Fdanipin77.blogspot.com%2F&usg=AFQjCNGKvwLj17PCPrKR2uQ4NryFuJ6mEA trovi un "semplice" progetto per controllo acquario fatto con uno zelio e un hmi magelis,tanto per farsi un'idea...

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Visto il prezzo è conveniente stare su uno Zelio o, meglio, su un piccolo PLC italiano come, ad esempio, Kontron.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Salve a tuti,

  ho dato un occhiata al progetto segnalato da Blackice.

Mi sono installato il software Zelio Soft 2 e ho aperto il file di programmazione utilizzato in questo progetto.

Sono rimasto alquanto sorpreso nel notare che è un enorme schema a blocchi!

Mi aspettavo le classiche righe di comando If ... Then ... Else e invece sorpresa...

E' possibile che abbia aperto il programma in questa modalità o è solo così la configurazione di questo PLC? E così per tutti i PLC?

Se è così per tutti, le nozioni di programmazione sono veramente poco utili?

Grazie e scusate per la sorpresa, per voi probabilmente è la cosa più normale del mondo.

 

Saluti

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

I blocchi FBD fanno parte di uno dei tre linguaggi di questo miniPLC,poi trovi l' LD e SFC.Fanno parte dello standard IEC 61131-3 relativo ai sistemi di controllo basati su PLC(poi ogni marca e relativo prodotto applicano "gelosamente" la propria versione grafica dell' ambiente di sviluppo ,ma seguendo le direttive) e necessariamente occorre conoscerne almeno uno se ti vuoi approcciare a questi prodotti.La programmazione testuale a cui fai riferimento non viene applicata su questi apparecchi(lo era molti decenni fa,poi abbandonata progressivamente) e alcune marche integrano la configurazione di interfacce grafiche HMI e sistemi di comunicazione in un unico software(tipo il TIA Siemens).

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

La programmazione dei PLC non è argomento di questa sezione.

Se vuoi approfondire apri una nuova discussione nel forum PLC e sezione specialistica di Zelio.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Grazie per le informazioni,

  sono sincero questo tipo di programmazione mi intriga.

 

Prossimi passi:

- Ricerca manuali sulla programmazione Zelio + Check del vostro utile forum

- Reverse engineering del progetto acquario :P

- Simulazioni del progetto con il software Zelio

- Scelta dell'hardware Zelio + altra parte elettronica

Tempo previsto per la realizzazione 1 anno(potrei essere ottimista).

Grazie a tutti, vi informerò dei progressi o se troverò scogli insormontabili

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Quote

Grazie a tutti, vi informerò dei progressi o se troverò scogli insormontabili

 

Tienici informati, fa sempre piacere seguire e conoscere i lavori nuovi, anche quelli amatoriali.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui


Connettiti adesso