Non sei registrato? Registrati subito cliccando QUI! E goditi tutte le funzionalita' del sito!


Vai al contenuto



Foto

Valvole Di Zona E Caldaia Riello Nuovasalvaspazio - Qual'è il funzionamento corretto?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
5 risposte a questa discussione

#1 lilix

lilix

    Nuovo utente

  • Utenti PLC Forum
  • Stelletta
  • 13 messaggi

Inviato 17 settembre 2007 - 14:20

Chiedo gentilmente aiuto a qualche esperto in quanto non riesco a trovare informazioni precise in merito.
Dunque il punto della discordia è il seguente: mi è stato montato un impianto di riscaldamento autonomo con caldaia RIELLO NUOVASALVASPAZIO, è stato diviso in due zone (zona giorno e zona notte) con dei collettori e valvole CALEFFI. Sono stati installati due termoregolatori uno per la zona giorno e uno per la zona notte + il cronotermostato della caldaia RIELLO in quanto sembra che senza questo non funzioni nulla.
Dunque il punto è che secondo me un impianto fatto in questa maniera non è assolutamente corretto (ma vorrei il parere di un esperto).
Innanzi tutto per far partire l'impianto bisogna dare il consenso alla caldaia dal cronotermostato RIELLO, quindi la caldaia inizia a far circolare acqua calda nei termosifono. La cosa che mi lascia perplesso però è che quando gli ambienti raggiungono le temperature impostate quindi le valvole di zona chiudono il passaggio dell'acqua calda ai termosifoni, la caldaia secondo me continua a funzionare in quanto il simbolo della fiammella sul display rimane ben visibile.
L'idraulico che mi ha montato il tutto mi ha detto che è giusto e normale che funzioni in questo modo, ma io mi chiedo!! Ho fatto installare un impianto a zone per poter risparmiare ancora di più rispetto ad un impianto di riscaldamento autonomo, ma se la caldaia continua a funzionare senza mai staccare mi sa che questo inverno altro che risparmio, ho paura che mi arriverà una mega bolletta del gas.
Quindi prima di contenstare il lavoro fatto o completare i pagamenti, perchè si sa che il cliente ha sempre ragione (finchè non ha pagato...), vorrei gentilmente un parere su quanto esposto prima. Devo farmi sistemare l'impianto o è giusto che funzioni in questo modo??!!!

Ringrazio in anticipo per ogni delucidazione...

#2 omaccio

omaccio

    Utente con >800 post

  • Utenti PLC Forum +
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 820 messaggi

Inviato 17 settembre 2007 - 15:37

Ciao non conosco la caldaia in questione ma per un corretto funzionamento raggiunte entrambe le temperature dovrebbe spegnere e non appena arriva il consenso da una delle due zone dovrebbe ripartire: questo il principio di funzionamento ma passiamo al tuo impianto!
1)Falso che funziona solo con il cronotermostato propietario, ma è pur vero che con quello hai sicuramente più funzioni a disposizioni.
2)accertati realmente che la fiamma e/o la caldaia sia ancora accesa quando appare sul display la fiammella, magari è veramente come dice l'idraulico.
3)Per far funzionare due zone hai bisogno di due termostati, su questo non ci piove quindi assicurati che sono installati entrambi.
4)verificato tutto ciò puoi postarci ancora e ti daremo consigli sul da farsi!

#3 Ivan Botta

Ivan Botta

    .

  • Moderatori
  • 7821 messaggi

Inviato 17 settembre 2007 - 23:11

2)accertati realmente che la fiamma e/o la caldaia sia ancora accesa quando appare sul display la fiammella, magari è veramente come dice l'idraulico.

Concordo, sul cronotermostato Riello hai la fiammella accesa probabilmente perchè c'è il consenso al funzionamento, ma in teoria la caldaia dovrebbe essere spenta in quanto i termostati ambienti hanno raggiunto la temperatura impostata.
Come dice comunque Omaccio la caldaia funziona anche con dei normalissimi cronotermostati.
Comunque un modo corretto per collegare i termostati alle valvole di zona è il seguente:
Con un cronotermostato ambiente comandi la relativa valvola di zona usando il contatto NA per portarle alimentazione quando la temperaura ambiente è più bassa di quella impostata, idem per l'altro termostato ambiente e la relativa valvola di zona.
Da ogni valvola di zona escono 2 fili, senza continuità quando la valvola è chiusa e con continuità quando la valvola è alimentata e apre, i fili di un elettrovalvola li colleghi in parallelo a quelli dell'altra e li porti alla caldaia dove solitamente trovi un ingresso ponticellato che in genere viene usato per un eventuale termostato.

Ivan Botta

Hai consultato la sezione Didattica? Troverai tantissimi utili informazioni e documenti tecnici.
Nella sezione Discussioni importanti importanti troverai le domande più frequenti che vengono inserite nel forum.
Nella sezione Video di PLC Forum troverai numerosi video-corsi gratuiti.

Regolamento - FAQ - Forum Utility (richieste e consigli sull'uso del forum)
Come si allega un immagine? Metodo 1 - Metodo 2

 


#4 lilix

lilix

    Nuovo utente

  • Utenti PLC Forum
  • Stelletta
  • 13 messaggi

Inviato 18 settembre 2007 - 10:18

Ok vi ringrazio moltissimo per le info.

Dunque vedo di rispondere a qualche domanda di OMACCIO:
2) Dunque la caldaia ha la camera stagna ed è tutta coibentata, quindi non riesco a vedere fisicamente la fiamma, però appoggiando l'orecchio si sente che la caldaia sta funzionando, quando l'impianto e fermo non si sente nulla...
3) I due termostati ci sono e funzionano correttamente, quando chiudono entrambi tutti i termosifoni si raffreddano...

Ora rispondo a IVAN:
Ho parlato con l'idraulico, è dopo un po' di discussione sono riuscito a convincerlo che l'impianto così cablato non funziona correttamente, gli ho parlato dei collegamenti NA, del collegamento in parallelo e dell'ingresso ponticellato.
La risposta è stata (se non ho capito male) che mi installerà un relè alla caldaia per far in modo che questa stacchi quando le due valvole di zona sono chiuse. Purtroppo non mi ha spiegato come farà il collegamento (spero che non sia un suo esperimento)...

Comunque dopo che mi avrà fatto il lavoro vi farò sapere se è tutto oK e come ha collegato questo relè.

Saluti e grazie ancora per i vostri preziosi consigli.

#5 FRAU79

FRAU79

    Utente con >150 post

  • Utenti PLC Forum +
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 350 messaggi

Inviato 19 settembre 2007 - 09:51

per prima cosa devi disinserire il termostato riello dalla funzione termostato ambiente ( per questo chiama l'assistenza ), praticamente il TA riello viene utilizzato solo per passare dalla funzione estete a quella inverno e per regolare la temp acs e riscaldamento ma non quella ambiente.

come seconda cosa devi far collegare i fine corsa delle valvole di zona in parallelo al contatto " TA TA " che trovi nella morsettiera della caldaia.
altrimenti se le tua valvole di zona non hanno il contatto di fine corsa puoi utilizzare un rele'. il comando gli viene dato dal termostato ambiente, un contetto viene utilizzato per alimentare la valvola di zona e un'altro ( pulito ) per accendere la caldaia.

#6 lilix

lilix

    Nuovo utente

  • Utenti PLC Forum
  • Stelletta
  • 13 messaggi

Inviato 19 novembre 2007 - 12:58

Salve a tutti finalmente grazie ai vostri utili e preziosi consigli, sono riuscito a far funzionare l'impianto come si deve.

Queste le modifiche apportate all'installazione originale:

1) E' stato eliminato un termostato Bpt.
2) Sono rimasti il Cronotermostato Riello per la zona giorno, e un termostato Bpt per la zona notte.
3) Mi è stata montata una schedina aggiuntiva nella caldaia per controllare la valvola di zona della zona giorno.
4 )Sono stati portati come da vostro suggerimento i due contatti NA delle valvole di zona messi in parallelo e collegati al morsetto TA in caldaia.

Praticamente adesso l'accensione della caldaia non è più comandata dal cronotermostato propietario che ora funziona semplicemente come un normale TA, ma bensì dai contatti NA delle valvole di zona, quando una qualsiasi delle due valvole apre, il relativo contatto si chiude e la caldaia parte.

Sono veramente contento di esserci riuscito, meno male che l'installatore che mi ha fatto l'impianto si spacciava per un esperto del settore, alla fine le dritte per sistemare il tutto non sono arrivate da lui ma bensì da voi.

Grazie a tutti.