Sign in to follow this  
Followers 0

Ricarica Clima Inverter

41 posts in this topic

Posted

ciao a tutti!

qualcuno mi sa dire come ricaricare un climatizatore inverter. per ipotesi devo aggiungere del gas perche' le tubazioni sono piu' lunghe ma non so di quanto perche' sono murate.

se metto il clima in freddo forzato, il motore gira al massimo cosi' mi baso sulle pressioni,... ma come fare?

buona giornata Nicola

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

Ciao, per misurare la tubazione murata dovevi farlo prima di montare la macchina con una molla da elettricista togliendo la parte metallica davanti.

ma se la macchina va bene percheè devi aggingere gas dato che la maggior parte delle macchine non bisogna aggiungere gas fino ai 6-7 mt. E qualcuna anche oltre

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

Questa della molla da elettricista è nuova.

Non puoi guardare la fattura dell'installatore? Sicuramente avrà scritto quanti metri di tubo ha posato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

si, con la sonda posso trovare i metri, ma era per capire se si puo' anche basandosi su delle pressioni.

nessuno sa'?

buona serata Nicola

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

Lo mandi al massimo in pompa di calore e dopo 10min controlli la pressione in relazione alla temperatura come faresti per qualsiasi altra macchina di cui ignori lo stato di carica. Se non arriva alla pressione giusta, inverti il ciclo in forzato e aggiungi gas... (o lo togli se è troppo :) ).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

innanzitutto devi sapere i metri totali tubazione.

devi verificare sul manuale di installazione fino a quanti metri và bene il solo gas presente nella macchina.

per integrare gas devi necessariamente farlo in modalità freddo.

con l'ausilio di una bilancia di precisione,termometro,manometro,amperometro ecc.ecc.

ma sopratutto DEVIsapere ciò che stai facendo. :)

(o lo togli se è troppo smile.gif ).

a parte il fatto che se monti un clima nuovo è impossibile che il gas sia troppo...ma "eventualmente" dove lo metteresti quello in eccesso??????

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

ma "eventualmente" dove lo metteresti quello in eccesso??????

nelle bottigliette di plastica dell'acqua minerale... :superlol: non facciamo domande assurde...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted (edited)

la sonda da elettricista (senza punta a molla e pulita) dovrei averne io la paternità

Il miglior sistema è sapere quanto sono lunghi questi tubi e aggiungere quindi il gas a peso come indicato sul manuale

Un altro sistema è indovinare il percorso dei tubi e aiutarsi semmai con un cerca metalli o uno di quegli arnesi che segnalano i fili e tubi prima di forare

Di solito anche la guaina per i cavi elettrici fra unità interna ed esterna è tipicamente messa nel 99% dei casi nella stessa traccia nel muro in cui sono anche i tubi per cui anche quì e ancora in modo + semplice con la sonda da elettricista si dovrebbe stimare la distanza fra UE e UI

La valutazione delle pressioni specie su macchine inverter non è agevole specie se non si ha una buona esperienza

La carica potrebbe essere suff a freddo ma non a pompa di calore ed è inutile tribolare..la via + semplice per operare sugli inverter specie multi è recuperare e caricare a peso come da manuale + i tubi se serve

Ci ha già pensato il costruttore a sbrogliare la matassa :thumb_yello:

Edited by Erikle

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

Erikle+-->
CITAZIONE(Erikle)

Ah, ecco, mi pareva :superlol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

scusate,

vi faccio queste domande perche' e' una procedura che non ho mai fatto:

supponiamo che il condizionatore sia on-off o inverter in funzionamento forzato, qual'e' la procedura passo passo ( pressioni comprese per 410) per aggiungere gas fino al funzionamento ottimale?

so' che e' una rottura ma se mi scrivete la procedura mi verrebbe mooolto utile!

buona giornata Nicola

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

non c'è nessun funzionamento forzato :thumb_yello:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

Cvv prometto che non ti dirò di cambiare l'olio della pompa da vuoto (!!): come risposta (sempre premettendo che non sono specializzato in clima) devo confessarti che quando sento parlare di lunghezze di tubi e di aggiunta di gas in base a queste lunghezze mi viene l'orticaria, nonostante effettivamente sia scritto in tutti i manuali.

Detto questo, e cioè che forse sto dicendo una cosa inesatta, per i miei gusti anche se è un inverter (che non è altro che un sistema per far andare più piano il compressore che altrimenti andrebbe sempre alla massima velocita anche se la temperatura richiederebbe meno potenza), io lo farei andare "a freddo", con tutti gli split in funzione alla minima velocità per simulare il carico termico più pesante, attaccherei il manometro di bassa e guarderei la temperatura di evaporazione, se sono tra i 5 e 10°C sei a posto, se sei oltre i 10°C aggiungerei gas, e basta.

Per il resto non credo nemmeno tu possa misurare nè il surriscaldamento nè il sottoraffreddamento, perchè per quello ci pensa l'elettronica.

Se ho scritto inesattezze me ne scuso in anticipo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

P.S. il "funzionamento ottimale" che dici tu è avere semplicemente una temperatura di evaporazione tra i 5 e (meglio, anche per evitare di deumidificare troppo e non rendere l'appartamento una cella frigorifera!) 10°C.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

tu hai la deformazione del frigorista :thumb_yello: nei climatizzatori che sono comunque macchine frigorifere la cosa + saggia è la pesatura

Pesatura invece che è l'ultima cosa che si fa in un impianto frigorifero anzi nessuno pesa e il contenuto di gas è praticamente ignoto e solo un frigorista alieno scrive la carica da qualche parte

Perchè la pesatura?? perche uno split è una macchina resversibile la carica che potrebbe essere suff a freddo potrebbe non esserlo a caldo

Es che ho già fatto un multi Daikin, 2 modelli uguali con la differenza che uno era solo freddo e l'altro anche pompa di calore

Il primo non richiedeva rabbocco mentre il secondo invece si

Ed avevano la stessa carica

Considera poi che una macchina inverter ha una elettronica di funzionamento e dei controlli che tipicamente parzializzano la velocità in carenza di refrigerante

Alla fine non credo che sia poi così complicato capire la strada che fanno 2 tubi di rame e misurare col metro a mio parere il nostro amico si sta solo complicando la vita..se la qeustione è solo integrare per i tubi

Se invece ci sono state perdite etc allora è altra storia

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

Erikle lo prendo veramente come un complimento, lo premetto sempre quando commento qualche intervento che riguarda i clima perchè non vorrei dare informazioni sbagliate, e quello che hai scritto mi ha fatto capire cose nuove.

Approfitto per chiederti però se quello che ho scritto è sbagliatissimo, sbagliato o si può fare!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

nelle bottigliette di plastica dell'acqua minerale... superlol.gif non facciamo domande assurde...

io la domanda te la ripeto: dove lo metti il gas in eccesso???sempre che riesci a trovare un cdz nuovo con gas in eccesso...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

quindi mi dite di aggiungere con la bilancia il gas che serve in base ai metri in piu', corretto?

se ho capito bene con i clima inverter non si riesce a caricare in base alle pressioni ( perche' non so' i giri del compressore).

sempre se ho capito bene la pressione da misurare sul tubo di ritorno ( gas-tubo grande ) e' relativa all'evaporazione tra 5 e 10 ° per il gas r410.

tutto ok? :thumb_yello:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted (edited)

Cvv un po' di chiarezza:

un compressore sposta una determinata quantità di vapore (di vapore!) in un determinato tempo che dipende dal numero di giri del motore elettrico.

A 220v e 50hz dovrebbe girare se non ricordo male a 2400giri/minuto, quindi applicando semplici formule matematiche che ti risparmio, sapendo la cilindrata, la velocità del motore elettrico e il peso del refrigerante, conosci quanto refrigerante al minuto il tuo compressore sposta, sia che la temperatura richieda la massima potenza, sia invece quando ti stai avvicinando alla temperatura desiderata e non servirebbe che l'evaporatore (lo split) sia alimentato a piena potenza, (ossia con il massimo fluido frigorigeno che viene spinto dal compressore).

Detto questo, la temperatura del fluido che evapora nello split (ossia quella che leggi col manometro di bassa!!), non c'entra nulla con l'inverter, non'ostante io abbia come giustamente ha detto Erikle la deformazione del frigorista, per fortuna questa temperatura di evaporazione è quella che fa andare il frigo di casa, la cella frigorifera, l'impianto megagalattico e lo splittino di casa.

10°C di evaporazione, o 5°C, o 0°C, o -30°C sono gli stessi in qualunque evaporatore li metti, l'inverter fa solo risparmiare la corrente elettrica perchè man mano che ti avvicini alla temperatura desiderata, lui rallenta i giri, e sposta meno refrigerante, ma la temperatura di evaporazione che desideri avere allo split alla fine LA DECIDI TU, NON IL CLIMA, tanto è vero che se c'è poco gas, hai voglia ad abbassare sul telecomando la temperatura se non c'è abbastanza refrigerante, in quel caso leggi al manometro invece di 10°C (per esempio), 20°C, e con 20°C col cavolo riesci a raffreddare come se avessi 10°C!

Quando poi va in pompa di calore, semplicemente una valvola scambia i due organi dove avviene il cambiamento di fase, ossia l'evaporatore e il condensatore, e quello che prima buttava fuori il caldo all'esterno adesso butta caldo all'interno, e viceversa,

Paradossalmente in pompa di calore il compressore dovrebbe avere una "scarsa resa", nel senso che dovrebbe "scaldare di più", perchè questo calore (indesiderato nel ciclo frigorifero!!) è desiderato nel ciclo in pompa di calore, che ricordiamolo ha un senso quando le temperature esterne non sono troppo basse.

Edited by Frigorista modena

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

io sospetto che si chieda una cosa..ma se ne vogliano sapere altre

Allora se uno adesso in gennaio con fuori qualche grado sottozero ha la necessità di installare una pompa di calore e deve aggiungere o perlomeno verificare se deve integrare il gas perchè i tubi sono predisposti credo che il metodo + semplice gli sia stato indicato

Spero non crediate che sia possibile sistemare la carica di un clima accendendolo ora a freddo con fuori temperatura invernali e magari anche dentro casa e lavorare come se fossimo in agosto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

Erikle io ho montato quest'estate come ti raccontavo il trial Samsung a pompa di calore anche perchè pensavo di scaldare una tavernetta di 20 metri quadrati con questo, ma ho toccato con mano l'assurdità di questa mia insana idea, quando la temperatura interna si avvicina a 0°C è più il tempo che la batteria esterna è spenta per sghiacciarsi, quindi ho acceso il mio impianto a pavimento, spendo uguale e c'è un caldino che non ti dico.

Continuo a pensare, ma forse sbaglio, che usare l'elettricità per scaldarsi sia una cosa senza senso.

Attendo fiducioso smentite.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

effettivamente vi faccio domande e le vostre risposte mi risultano molto utili!

non e' che vi chiedo una cosa per saperne altre come diti tu erikle, ma nel protrarsi della discussione puo' capitare diaggiungere domande e quesiti. poi mi sembrate molto piu' esperti di me , quindi ne approfitto!

settimana prossima monto un Daikin dual acasa di uno con tubi gia' murati.

ps. ma la pressione effettivamente non cambia al n. di giri del motore? coe dici tu, Frigirista diModena?

buona giornata Nicola

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

per Erikle,

innanzi tutto ti saluto,

vorrei sapere perchè esprimi il dissenso ad effettuare una carica o aggiunta invernale con funzionamento in climatizzatore,certo la macchina non partirebbe ma con l'ausilio di qualche accorgimento si può facilmente "ingannare" la sonda dello split e farlo partire in condizionamento in modo da fargli aspirare il feron della bombola(magari scaldata).

Io proprio ieri ho effettuato una procedura del genere, certo non c'erano 0 gradi ma sempre temperature in vernali. :thumb_yello:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted (edited)

Comunque ricaricare in inverno è sicuramente molto più scomodo

Edited by fabrizio77

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

ciao frigorista , ma hai una tavernetta o una cella frigirifera naturale ? buoni da morire i borlenghi a formigine.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

farlo partire per far imbarcare gas è una cosa

altra è regolarsi sulla quantità di gas da mettere guardando il funzionamento a freddo in questo periodo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now
Sign in to follow this  
Followers 0