Sign in to follow this  
Followers 0

Caldaia A Gas E Termocamino - installazione a vaso aperto

8 posts in this topic

Posted

Salve ragazzi,

ho un impianto termico funzionante con un termocamino a vaso aperto, adesso ho installato anche una caldaia murale ferroli domiproject 24. Adesso ho il problema che con la pressione del vaso aperto a 0,4 bar la caldaia non riesce a funzionare perchè il pressostato è tarato a 0,6 bar. Adesso chiedo che rischi si corrono se cambio il pressostato alla caldaia e la faccio lavorare a 0,4 bar? Si può rovinare lo scambiatore?

Grazie a tutti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

non devi manomettere la caldaia...

devi separare idraulicamente i due generatori, per precise ragioni tecniche e per non incorrere in complicanze burocratiche e normative.

caldaia= vaso chiuso

camino = vaso aperto

un elemento di "raccordo" potrebbe essere il consueto scambiatore a piastre

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

A livello informativo per cultura personale, puoi spiegarmi quali sono le ragioni tecniche?

Grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted (edited)

Ad esempio che la caldaia a 0,4 non va. :superlol: Oltretutto se la caldaia è progettata per lavorare a 1,5 bar bisogna dargli quella pressione.

Edited by innohit

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

anche io ho lo stesso tipo di impianto a casa puoi tranquillamente ponteggiare il pressostato della caldaia e far funzionare tutto con il vaso aperto la caldaia lavora comunque l.importante e' che abbia l'acqua non che c'e' l'abbia a una data pressione perche' il pressostato e' una sicurezza per garantire appunto la PRESENZA dell'acqua comunque separare i due circuiti tramite uno scambiatare a piastre e' sicuramente una buona cosa

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

comunque separare i due circuiti tramite uno scambiatare a piastre e' sicuramente una buona cosa

è obbligatorio a meno che non si vogliano sommare le potenze dei due generatori e avviare pratiche ISPESL.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

se avete un impianto per il quale la caldaia è in serie ad un camino a vaso aperto, beh non avete un impianto: AVETE UN ACCROCCHIO.

la caldaia lavora a vaso chiuso e dunque in pressione; continui reintegri di acqua corrente comporterebbero solo più calcare in giro. la caldaia ha limiti di ingombro, ha la possibilità di poter modulare la potenza, dispone di sicurezze anche ridondanti; non ha bisogno di accogliere ebollizioni in quanto non dovrebbero avvenire.

il termocamino non ha possibilità di modulare la potenza, tutto sta al manico di chi lo carica. il termocamino può andare in ebollizione e in quel caso nulla è meglio di un vaso aperto, che se volete, è uno sfogo in aria libera....che scongiura danni ingenti da ebollizioni ed aumenti di pressione.

due sorgenti termiche in serie partecipano entrambe al riscaldamento dell' acqua. per le ingenti potenze in gioco si deve prendere un insieme di provvedimenti atti ad evitare che si creino situazioni pericolose per le persone e le cose; dette regole sono conosciute nell' ambiente come pratiche I.S.P.S.E.L.

Ovviamente la legge si preoccupa di controllare a monte che certe situazioni non accadano, prescrivendo la progettazione di detti impianti da parte di professionisti abilitati. per gli impianti di taglia minore, <35kw, il progetto e la realizzazione a regola d' arte del sistema e cura e responsabilità dell' installatore, e del suo responsabile tecnico, quando le due figure non coincidono.

se io interpongo un sistema di separazione tra i fluidi dei due generatori, come ad esempio uno scambiatore, le due sorgenti lavorano comunque in summa, ma ciascuno per gli effetti dei propri fludi.

se io un ebollizione al termocamino non trasporto le conseguenze deleterie in caldaia e viceversa. confinando ognuno dei due generatori nelle proprie ristrette potenzialità dannose, si evita il danno somma delle due, senz' altro di entità maggiore.

ora io domando al caro utente che mi ha preceduto, e che suggerisce l' inutilità del pressostato di sicurezza in caldaia: cosa succede se la quota di installazione della caldaia è tale che il contributo del vaso aperto è insufficiente? e se lo scambiatore si intasa?

ed hai mai visto che fine fa dopo alcuni mesi alle intemperie il galleggiante di alimento dei vasi aperti? se un bel giorno ti risvegli con il vaso asciutto, lo scambiatore incrostato ed una necessità di acs (massima potenza caldaia) che fine pensi di fare???

le proprie opinioni si esprimono in maniera sacrosanta, ma se cozzano con le regole di buona tecnica rimangono tali e destituite di fondamento.

solo un' ultima cosa: forse il mio modo di scrivere mi fa apparire come unico custode della verità: in realtà mi attengo solo ai dettami delle discipline attinenti...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted

se avete un impianto per il quale la caldaia è in serie ad un camino a vaso aperto, beh non avete un impianto: AVETE UN ACCROCCHIO.

Grande Antonio :thumb_yello:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now
Sign in to follow this  
Followers 0