Vai al contenuto

stimplus

Requisiti Per Tecnico Elettrodomestici

Recommended Posts

stimplus

Salve a tutti,

inserisco questo post qui perché non so qual'è la sezione adatta per questo tipo di questi. Chiedo scusa ai moderatori se non è quella corretta. Volevo chiedere quali sono i requisiti per aprire una ditta individuale di riparatore di elettrodomestici. Basta la semplice iscrizione all'albo delle imprese artigiane o bisogna aggiungere di essere in possesso di requisiti particolari (come avviene per altre mansioni). Chiedo questo perché una veloce ricerca su internet non ha dissipato i miei dubbi: in alcuni casi ho letto che serve almeno un diploma tecnico, in altri che non occorre nessun requisito.

Grazie

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
superautomatico

<_< ... non saprei davvero cosa risponderti... ci provo dai ...

Per essere un Buon Tecnico, non serve solo una buona preparazione tecnica ma anche forti doti relazionali dal momento che hai a che fare quotidianamente oltre che con apparecchiature anche con i clienti.

Purtroppo non esiste una richiesta formale di requisiti specifici da parte di nessun ente, come invece avviene per impiantisti o altri professionisti; se sei capace a fare il tuo lavoro sarà poi il pubblico a deciderlo ovvero se inizi e fai bene si sparge la voce e i clienti aumentano; se invece ti fai cattiva fama... si fa presto a finire per chiudere!

Non fatemi aggiungere altro :whistling: ...


Messaggio editato da superautomatico

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
stimplus

Ti ringrazio per la risposta. Guarda, ti spiego. Non ho specifiche competenze, ho tutt`altra formazione, ma ho vissuto per anni tra gli elettrodomestici perché mio padre ha svolto questa attività per quasi quarant'anni e aveva una vasta clientela. E ho imparato i trucchi del mestiere, soprattutto sugli elettrodomestici di vecchia generazione. Conoscendo la materia, insomma, ho intenzione di avviare un`attività, ma ho appunto il dubbio che servano requisiti che non ho

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
superautomatico

Là ti volevo! Purtroppo è diffusa la convinzione comune, specialmente in Italia, che i CAT vadano tramandati di padre in figlio, specialmente per quelli coni il marchio e le aziende che lo affidano (specialmente le italiane!!) non si curano del fatto che il figlio possa non avere non volere avuto le competenze del padre, oltretutto i decenni cambiano e cambiano anche i clienti (non entri in casa della gente oggi come si faceva quarant'anni fa! e me ne accordo dall'età delle signore e dalla loro accoglienza!).

Questo non vuol dire poi che no ci sia chi ha apprezzato e apprezza un'azienda di famiglia (caso più unico che raro) e possa portare avanti un lavoro come il riparatore nello stesso modo e con lo stesso amore-per-il-lavoro che aveva il padre.

Devi aver girato con lui, esserti fatto conoscere dai "suoi" clienti, aver messo le mani sugli apparecchi insieme a lui, e che loro abbiano sentito dire da lui "ora c'è mio flglio, questo lavoro l'ha fatto lui,, è in gamba!". In questo paese funziona così. ^_^

Se vuoi fare questo mestiere in America... tutta un'altra storia! :thumb_yello: Lì ci sono scuole specifiche e credo anche "albi o registri"...

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
stimplus

Penso che non bisogna generalizzare. Non stiamo parlando di improvvisare. Che i mestieri possano venir tramandati da padre in figlio non penso sia per forza un fatto negativo. Anzi. Poi che i figli non saranno come i padri può essere anche vero, ma non mi sembra neanche che questo lavoro sia di questa enorme complessità e che richieda conoscenze finissime. Certo, ci vuole professionalita`, ma insomma, con l`impegno e l`esperienza (in parte già accumulata) non partirei da zero.

La mia domanda iniziale comunque era un`altra e siamo usciti un po' fuori tema.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
superautomatico

Sì, scusa... sono andato un po' oltre le righe (come al solito!! :D), comunque fatte le dovute adempienze amministrative (P.IVA, albo artigiani, ecc.) che oggi si fanno tramite "sportello unico", è sufficiente accreditarsi da uno o più grossisti del ricambio (CDR è uno dei più grandi a cui sono consorziati o clienti molti altri), e si parte in giro con furgone e cassetta...

Non c'è un ente o un istituto che certifica o verifica che tu abbia le capacità tecniche, pratiche o altri titolo o abilitazioni...per "riparare"...


Messaggio editato da superautomatico

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
stimplus

Ho letto solo ora... con ritardo, grazie per la risposta! :smile:

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso

×