Jump to content
PLC Forum


Sign in to follow this  
stefano_

Fusibili O Magnetotermici

Recommended Posts

stefano_

Salve a tutti,

ho una curiosità,

In tutti i qe delle macchine che ho in officina ci sono dei fusibili a protezione delle varie linee :

primari e secondari trafo, motori, pompe ecc ecc ma non ho mai trovato un magnetotermici.

È solo una questione di costo oppure c'è anche un motivo tecnico per NON utilizzarli ?

Grazie infinite

Share this post


Link to post
Share on other sites

bussy

I fusibili sono sempre la miglior protezione, hanno però la scomodità che vanno sostituiti quando guasti a differenza di un magnetotermico che devi solo riarmare.

Il costo è comunque inferiore.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

L'unico vantaggio dell'interruttore automatico, rispetta al fusibile, è la possibilità del ripristino automatico.

Il fusibile ha dalla sua il costo inferiore e, soprattutto, un maggior potere d'interruzione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
fraandco

probabilmente necessitano di interventi più repentini ed efficaci rispetto all'automatico (e normalmente sono anche in entrata sulle macchine stesse)

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefano_

Perfetto grazie a tutti.

Impeccabili come sempre

Share this post


Link to post
Share on other sites
Wolfy

probabilmente necessitano di interventi più repentini ed efficaci rispetto all'automatico

E' significativo anche il fatto che è praticamente impossibile che un fusibile si "addormenti", alla peggio la sua portata degrada col passare del tempo, il che lo rende anche più affidabile a lungo termine

Share this post


Link to post
Share on other sites
fraandco

già

una volta di sabato sera è saltato quello da 2A della caldaia mentre mio padre era in doccia e fuori faceva -5... i bestemmioni che non sono partiti sono ancora li...

per fortuna che ne avevo uno per miracolo (è ancora nel circuito)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Elettroplc

In certi impianti, per opporrtunità della tencnica di back-up e limitazione dei costi ..si adottano i fusilili, o prese con essi a bordo, sonio scelte, spesso detate dai rilievi dei costi di installazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pierluigi Borga

Sono molto più veloci nel tempo di intervento rispetto ai MT (quelli extrarapidi, rapidi etc) però hanno un comportamento inversamente proporzionale alla temperatura, più è alta la temperatura e minore sarà la corrente di fusione. Vedi i quadri stringa negli impianti fotovoltaici con scarsa disspazione termica e scarsa ventilazione... :whistling:

Share this post


Link to post
Share on other sites
luigi69

mi permetto di segnalare però che i fusibili hanno il difetto di essere sostituiti nel tempo con due soluzioni :

  1. il furbo di turno spela un filo da 1,5 mm2 e cita famosi calcoli matematici/astrofisici/ elettronici ( si metterebbero tutti le mani nei capelli , a partire da Tesla in su ) secondo il quale ogni filo elementare supporta 2 A , per cui si cimenta nella costruzione di un fusibile artigianale/ripristinato , con conseguenze in genere poco attese
  2. se il fusibile bruciato è relativo ad una macchina in officina, il meccanico in genere cerca se nello scaffale dei materiali ha del calibrato da 10 o da 14 , dopodiché si avvia alla segatrice con lo sguardo che ha un bambino quando entra in un negozio di caramelle , e provvede, con esiti in genere peggiori della prima soluzione

il magnetotermico è già un mondo a parte... per sostituirlo bisogna togliere corrente... serve un cacciavite.... più difficile :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Elettroplc

  1. il furbo di turno spela un filo da 1,5 mm2 e cita famosi calcoli matematici/astrofisici/ elettronici ( si metterebbero tutti le mani nei capelli , a partire da Tesla in su ) secondo il quale ogni filo elementare supporta 2 A , per cui si cimenta nella costruzione di un fusibile artigianale/ripristinato , con conseguenze in genere poco attese
  2. se il fusibile bruciato è relativo ad una macchina in officina, il meccanico in genere cerca se nello scaffale dei materiali ha del calibrato da 10 o da 14 , dopodiché si avvia alla segatrice con lo sguardo che ha un bambino quando entra in un negozio di caramelle , e provvede, con esiti in genere peggiori della prima soluzione

il magnetotermico è già un mondo a parte... per sostituirlo bisogna togliere corrente... serve un cacciavite.... più difficile :lol:

Vero.... terribile...e reale...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Del_user_217910

Un fusibile (rapido o ultrarapido), è più veloce anche di un magnetotermico in curva B?

Grazie,

R.

Share this post


Link to post
Share on other sites
elettricnello

i fusibili non assicurano in caso di intervento , interruzione contemporanea delle tre fase di un motore trifase, creando una situazione di bifase ,mancanza di fase ad un motore quindi dannegiandolo,,,anche se esiste poi rele differenziali termici che risolvono ik problema

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
i fusibili non assicurano in caso di intervento , interruzione contemporanea delle tre fase di un motore trifase,

Perchè non dovrebbero? e sono dimensionati in modo corretto questo non avviene.

Si sono usati per decenni, e si usano ancora, senza inconvenienti particolari.

Se hai dei dubbi confronta qualche testo come, ad esempio, il manuale della bassa tensione della Siemens

Edited by Livio Orsini

Share this post


Link to post
Share on other sites
Wolfy

i fusibili non assicurano in caso di intervento , interruzione contemporanea delle tre fase di un motore trifase,

I fusibili a protezione di un motore intervengono in casi di grosse sovracorrenti (avvolgimento in corto/rotore bloccato), se vuoi davvero proteggere il motore ti serve un salvamotore, non a caso già negli anni 30-40 i "relè termici" venivano usati assieme ai fusibili per fornire una protezione "a tutto tondo" :unsure:

Share this post


Link to post
Share on other sites
remo williams

Veramente Electricnello,è peculiare dei fusibili,aprirsi in cascata.

Share this post


Link to post
Share on other sites
eliop

Per ovviare agli inconvenienti derivanti dalla fusione di un fusibile sull'alimentazione di un motore trifase,si dovrebbero usare fusibili con percussori su basi munite di contatto ausiliario.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
I fusibili a protezione di un motore intervengono in casi di grosse sovracorrenti

Ma vahh. Devi usare i fusibili giusti così come vanno usate le termiche giuste. Il fatto è che molti apprendisti stregoni, non sapendo dimensionare il fusibile, lo mettono "grosso". :toobad:

Le curve d'intervento non le pubblicano solo per sprecare carta e inchiostro.

C'è proprio una discussione aperta sui tempi d'intervento delle protezioni termiche, anche se per uso domestico. Il buon Mirko Ceronti ha anche messo in prova 3 termiche per verificare i tempi d'intervento per I = 1.2*In e rispondono proprio alle curve, ovvero dopo ore di funzionamento non sono ancora intervenuti. :smile:

Le protezioni termiche elettromeccaniche sono come il fusibile: lavorano sull'immagine termica dell'apparecchio da proteggere. Ovvero si suppone che una certa corrente che scorra per un certo tempo, provochi una sovratemperatura oltre i limiti per cui si apre il circuito un poco prima.

La differenza fondamentale tra fusibile e interruttore è che il primo una volta intervenuto lo devi sostituire, mentre il secondo basta riarmarlo. Però il fusibile ha un potere d'interruzione decisamente maggiore del corrispondente dispositivo elettromeccanico, almeno per valori di correnti <= 150 A circa.

Poi le protozioni per motori frazionari praticamente non intervengono mai, sia che sian fusibili che interruttori termici, chi ha qualche anno di esperienza di manutenzione lo sa bene.

Edited by Livio Orsini

Share this post


Link to post
Share on other sites
Wolfy

Devi usare i fusibili giusti così come vanno usate le termiche giuste. Il fatto è che molti apprendisti stregoni, non sapendo dimensionare il fusibile, lo mettono "grosso[

La mia era più che altro un' osservazione relativa alle taglie disponibili in commercio, la mia esperienza non è limitata, è peggio, non sono ho mai visto altro oltre alle taglie canoniche dei fusibili, 2-4-6-10-16-20-25-35-63 ampere, escludendo i fusibili 5x20 e 6x32, quindi son partito dal presupposto di usare il fusibile più vicino alla corrente di targa del motore e di eseguire la protezione termica con apposito salvamotore, per le taglie che lo consentono ovviamente :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Ci sono fusibili specifici per protezione motori detti anche "accompagnamento motori", di cui esiste anche la serie per "partenze gravose". Anche le termiche hanno la versione "partenze gravose", per esempio quando il motore è soggetto a frequenti fermate e riavvii ravvicinati.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Wolfy

Ci sono fusibili specifici per protezione motori detti anche "accompagnamento motori"

Sapevo della loro esistenza, anche se non ho mai approfondito, hanno anche taglie diverse o vengono commercializzati con le "solite" correnti?

di cui esiste anche la serie per "partenze gravose". Anche le termiche hanno la versione "partenze gravose", per esempio quando il motore è soggetto a frequenti fermate e riavvii ravvicinati.

Questo proprio mi mancava, sapevo del "derating" dei contattori ma non delle protezioni :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
reka

hanno taglie e dimensioni come tutti gli altri, sono quelli marchiati aM.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
Questo proprio mi mancava, sapevo del "derating" dei contattori ma non delle protezioni

La corrente di spunto di un motore è notorio che è molto più elevata della corrente di targa.

Se il motore viene avviato e poi lavora per ore in continuo la corrente di spunto ha un'incidenza insignificante sulla corrente termica.

Se invece si lavora con riavvii frequenti e ravvicinati allora la corrente di spunto incide sulla corrente termica sia del protettore che del motore, quindi la curva di protezione "normale" non è più corretta.

Io, da sempre sono un sostenitore della protezione tramite fusibili e pastiglia termica, perchè la pastiglia termica è l'unico elemento che sente l'effettiva temperatura degli avvolgimenti del motore, qualsiasi sia la condizione d'impiego dello stesso.

Se, ad esempio, la ventilazione del motore risulta inferiore a quella prevista per motivi ambientali, un protettore termico per immagine termica non può prevedre il maggiore riscaldamento a parità di corrente, il notore si riscalderà in modo eccessivo, senza che la protezione possa intervenire.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...