Jump to content
PLC Forum


Disturbi su lettura torsiometro


drugo66
 Share

Recommended Posts

Salve a tutti,

so che un'argomento simile è stato già trattato, ma sono impazzito per un giorno intero, quindi volevo un vostro parere.

Tramite un motore passo-passo si aziona un attuatore, che è l'oggetto del collaudo; tra il motore ed il tastatore (il tastatore va ad azionare poi l'attatuatore) è calettato un torsiometro che rileva lo sforzo di pilotaggio dell'attuatore; il torsiometro è provvisto di amplificatore e, ovviamente, poi il tutto è collegato ad un ingresso analogico; il cavo del torsiometro è schermato; l'amplificatore si trova ad un paio di metri sotto la stazione e, subito vicino, si trova l'analogica; lo schermo è collegato a terra (ma ho anche provato a metterlo direttamente sulla massa dell'analogica), mentre dall'altra parte penso sia connesso alla carcassa del torsiometro stesso (il cavo esce direttamente dal torsiometro e, a meno di perdere la garanzia, non posso verificare - ho verificato con un ohmetro e direi che è proprio così), che, a sua volta, è a terra.

Ora, per qualche motivo che non riesco a capire, facendolo funzionare a vuoto (senza attuatore di collaudo) si nota la presenza di disturbi, anche rilevanti, nella lettura del torsiometro; aggiungo che è la terza applicazione del genere (per problemi di spazio, la prima volta abbiamo anche dovuto allungare il cavo del torsiometro), ma è la prima volta che ho questi problemi.

Ho tentato diverse strade, ma senza successo; stavo pensando di portare un cavo di terra e connetterlo più vicino possibile al torsiometro (per equilibrare i potenziali)  e addirittura di spostare l'amplificatore sempre il più vicino possibile al torsiometro stesso (dal torsiometro escono poche decine di mV, mentre l'amplificatore lavora da -10 a 10 V).

Qualche altro consiglio ? Oltre ad andare a tentativi e a ragionamenti deduttivi, esiste qualche modo più empirico di rilevare da dove arrivano questi disturbi ?

P.S.: lunedì parto per una trasferta di una settimana, quindi un po' di tempo ce l'ho ...

Edited by drugo66
Link to comment
Share on other sites


SandroCalligaro

Se in altre situazioni funzionava meglio, e apparentemente non c'è niente di diverso, io sospetterei di qualche guasto o nell'acquisizione o nello stadio di uscita del torsiometro.

Ho poca esperienza col torsiometro, ma quando facciamo prove con il freno ad isteresi l'uscita di misura della coppia è molto disturbata quando il motore sotto test è pilotato dall'inverter.

Non proverei ad aggiungere collegamenti di massa, piuttosto proverei con un choke di modo comune.

 

Sparo un paio di domande:

- Potresti indicare marca e modello del torsiometro? E magari anche dell'acquisitore?

- Elettricamente non c'è proprio niente di diverso rispetto alle altre situazioni? (domanda scontata, ma magari ripetuta una volta in più può giovare :smile:)

- L'amplificatore e l'acquisizione sono differenziali o single ended?

- Che tipo di disturbo si vede sulla misura? Rumore casuale, qualcosa di periodico, dei picchi, ...? il segnale è saturato? ...

- Il rumore di misura c'è indipendentemente dal fatto che il motore passo-passo sia pilotato? Se appare solo con il motore pilotato, potresti provare ad usare un giunto isolato tra motore e torsiometro.

Edited by SandroCalligaro
Link to comment
Share on other sites

Chiedo scusa per il ritardo nella risposta, ma ero in trasferta in Germania; il torsiometro è un AEP, ma non ho sottomano il modello; l'analogica è una PCI6220 della National Instruments; elettricamente è identica alle altre due, mentre è stata cambiata la meccanica (è cambiato l'attuatore in collaudo); l'amplificatore non so, ma l'analogica è differenziale; il rumore è presente solo con il movimento del motore; è presente il rumore classico del motore (pochi mV che dovrebbero essere fisiologici) e poi dei picchi alti completamente casuali, che sarebbero quelli fastidiosi da eliminare; quando hai scritto del giunto mi si è accesa una lampadina, perchè potrebbero averlo cambiato. Appena riesco verifico e poi vi faccio sapere.

Grazie

P.S.: attualmente ho un febbrone da cavallo e potrebbe volerci un po' ...

Link to comment
Share on other sites

SandroCalligaro

Se la frequenza di campionamento della scheda di acquisizione non è molto alta, i picchi "casuali" potrebbero essere il risultato del sottocampionamento di un disturbo anche periodico o quasi, come la PWM del pilotaggio del motore. Se gli si potesse dare un'occhiata con un oscilloscopio...

 

PS: Buona guarigione!:smile:

 

Link to comment
Share on other sites

Innanzitutto grazie ancora.

Appena mi ripiglio posso farlo: siamo provvisti di un buon oscilloscopio (almeno credo) ed io lo so usare; cosa mi stai dicendo, di trovare il pilotaggio dei finali dell'azionamento e di farne un confronto con i disturbi ?

Link to comment
Share on other sites

SandroCalligaro

Non arriverei a tanto, anche perchè senza uno schema e senza un oscilloscopio con terminali isolati potrebbe essere difficile e rischioso.

Intanto guarderei il segnale analogico di coppia, per vedere se c'è del rumore ad una frequenza fissa o quasi.

Link to comment
Share on other sites

Vi aggiorno: in mia assenza hanno spostato la scheda amplificatrice nei pressi del torsiometro, ma senza ottenere miglioramenti; a questo punto, hanno sostituito la scheda e si è messo tutto a funzionare senza quasi disturbi ...

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...