Jump to content
PLC Forum


Sign in to follow this  
PannunzioDaniel

Spd 2 in condominio: è fattibile?

Recommended Posts

PannunzioDaniel

In un palazzo di 8 appartamenti in 4 piani, sto ristrutturando uno all'ultimo piano.

Ho chiesto a un'elettricista per installare una prottezione e me ha detto che faccendo questo nel caso che attuasse l'spd andavo a mettere in tensione tutto l'impianto del'intero palazzo e che non "era giusto".

Dopo ore di letture in diversi siti e non avendo trovato riguardo l'argomento niente che lo vietasse, ho telefonato direttamente la Dehn e ho chiesto specificamente per un loro prodotto: spd+pop+mcb 230 900780. 

La risposta è che non ci sono problemi a installarlo in questo tipo d'impianto se fatto a regola, e che non scaricherebbe niente ai condomini anche se il PE e uno e condiviso.

Ho parlato con l'area manager del centro sud, molto disponibile.

Qual è il vostro parere?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Maurizio Colombi
Quote

anche se il PE e uno e condiviso.

A parte il fatto che il PE è SEMPRE uno e condiviso, a meno che colui che ha realizzato l'impianto avesse trovato il sistema di non pagare il rame, non vedo per quale motivo si debba 

Quote

mettere in tensione tutto l'impianto del'intero palazzo 

Se l'impianto di terra è realizzato con i minimi requisiti... non succederà mai!

Share this post


Link to post
Share on other sites
PannunzioDaniel

Ok. Grazie Maurizio.

Ora l'impresa è trovare in zona il pop. Meglio, trovare uno che abbia voglia di ordinarlo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adelino Rossi
Quote

Se l'impianto di terra è realizzato con i minimi requisiti... non succederà mai!

siccome c'è un -SE- di mezzo, spetta a te verificare eventualmente con l'amministratore che la situazione dell'impianto di terra sia a norma.

se lo colleghi a valle del tuo centralino ci penseranno i magnetotermici e i differenziali ad aprire nei tempi definiti all'atto dell'intervento del spd..

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ivano65

evidentemente l'elettricista e' un o pseudoelettricista.

ormai questi apparecchi dovrebbero essere ben chiari agli installatori

Share this post


Link to post
Share on other sites
Carlo Albinoni

Concordo: meglio cambiare elettricista.

Si presume, ovviamente, che l'impianto sia a norma.

Tuttavia se vi fossero dei dubbi, per coerenza, sarebbe meglio non collegare nulla a terra perché in caso di guasto si potrebbe mettere l'impianto in tensione....

Share this post


Link to post
Share on other sites
ilsolitario

Sempre meglio fare una verifica dell'impianto di terra.. spesso esiste solo su la carta, non sarebbe la prima volta trovare dispersori non più collegati perchè corrosi o conduttori di terra tagliati per lavori di ripavimentazione... ovviamente un tipo 2 sarebbe bene abbinarlo ad un tipo 3 per proteggere caldaia, climatizzatore, una presa per un costoso televisore di ultima generazione... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
PannunzioDaniel
Quote

Sempre meglio fare una verifica dell'impianto di terra..

Dunque..l'impianto di terra essiste ed è collegato.

In quanto ai valori RT, non gli conosco. Avevo chiamato l'elettricista pure per far misurarla, ma...

Ho solo verificato che funziona, con la spina OVA, che lo fa scattare al differenziale.

Poi tra fase e terra misuro 220V, e il v/g del condominio e il dispersore sono abbastanza nuovi, non so quando sia stato fatto perche sto da qualche mese, ma si vede a occhio che sono lavori recenti.

L'amministratore non c'è, e tra i condomini che ho conosciuto nessuno capisce piu di tanto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ivano65

con gli scaricatori di tipo 1+1  e' automaticamente scongiurato il pericolo di mandare in tensione l'impianto di terra, in quanto la fase non ha scaricatori collegati verso terra

Share this post


Link to post
Share on other sites
PannunzioDaniel

Cio è va in corto?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Elettroplc

E' bene adottare il Spd tipo II solo - in questo caso - se l'impianto di terra è reale e certificato.

Una sopvrtatensione nella zona, diretta o indiretta, potrebbe  danneggiare le aprti comuni ed i Gem, portando fuori uso l'erogazione del servizio, probabilmente anche della linea montante, si salverebbe ( ma è una ipotesi) l'impianto utente protetto. Meglio adottare anche limitaotri di sovratensione tipo III.

La Dehn, ha in catalogo un ottimo prodotto con associato un MT che può intervenire anche epr sovratensioni diverse da quella indotta da fulminazione, come il valore di 400 VAC, che protegge  anche quando si ha un guasto del Neutro in cabina di zona, molto utile, poco preso in considerazione.

 

Quote

con gli scaricatori di tipo 1+1  e' automaticamente scongiurato il pericolo di mandare in tensione l'impianto di terra, in quanto la fase non ha scaricatori collegati verso terra

 

Sì, in linea di amssima è corretto.

 

Quando avviene una sovratensione ...per scarica indiretta od indiretta, la sovratensione sulla rete PE/CT è l'ultimo dei problemi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
PannunzioDaniel

 

"La Dehn, ha in catalogo un ottimo prodotto con associato un MT che può intervenire anche epr sovratensioni diverse da quella indotta da fulminazione, come il valore di 400 VAC, che protegge  anche quando si ha un guasto del Neutro in cabina di zona, molto utile, poco preso in considerazione."

 

Mi sa che parliamo della stessa cosa, sbaglio?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Elettroplc

Si..ma non ho ripreso il catalogo x verificare..

Share this post


Link to post
Share on other sites
PannunzioDaniel

Ho trovato dove ordinare questo spd+pop+mcb della Dehn, ma ho incontrato un conoscente, che lavora per una grossa azienda americana di plc, e che ha lavorato in altri settori, comunque uno che "capisce".

La cosa è che gli ho parlato del limitatore questo e praticamente mi ha interrotto dicendomi di non mettere niente: in città non avrò problemi di scariche atmosferiche e che enel tiene "tutto sotto controllo" per le sovratensioni permanenti.

Cioè ch'è solo marketing. Boh!

Che fare???

Share this post


Link to post
Share on other sites
ilsolitario

Buonasera purtroppo non ho foto da mostrarvi ma in questi giorni siamo stati impegnati per ricostruire un impianto di una villetta che doveva essere affittata per colpa di una fulminazione diretta che ha colpito la linea area ... gruppo di misura bruciato.. elettrodomestici andati.. principio d'incendio, centralino fuso...  ovviamente non era dotata di spd... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
PannunzioDaniel

Ma pure io ho sofferto delle conseguenze per i temporali, in campagna. Non cosi forti.

La cosa che mi dicevano è che in città questo non accadrebbe...

Share this post


Link to post
Share on other sites
ilsolitario

Prevenire è meglio che curare.. il costruttore è affidabile se non costa un mutuo montalo e non ci pensare.. qui la scheda tecnica https://www.dehn.it/pdbRes/DE_IT_Web/1061/440777/Artikelnummer-pdf/440779/900780.pdf

Sinceramente non saprei dove reperire materiale su cosa potrebbe accadere ad un impianto protetto da spd di tipo 2 se coplito da fulminazione diretta... immagino ci sia poco da fare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Carlo Albinoni
Quote

La cosa è che gli ho parlato del limitatore questo e praticamente mi ha interrotto dicendomi di non mettere niente: in città non avrò problemi di scariche atmosferiche e che enel tiene "tutto sotto controllo" per le sovratensioni permanenti.

 

Chi diceva che in città non ci sono problemi di scariche atmosferiche?

 

http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/06/26/milano-fulmine-colpisce-il-palazzo-della-regione-lombardia-durante-il-temporale-foto/3688669/4/#foto

Share this post


Link to post
Share on other sites
ilsolitario

Cavoli foto da brivido.. presumo sia stato dotato di impianto Lps, e c'è chi nonostante tutto collega in modo indiscriminato l'antenna a l'impianto di terra creando un bel captatore di fulmini...  qui invece il fulmine ha colpito la linea aerea che alimentava la villetta...( aperta campagna) palo enel piegato, danni dentro l'abitazione descritti prima.. per fortuna nessuno si è fatto male

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adelino Rossi
Quote

enel tiene "tutto sotto controllo" per le sovratensioni permanenti.

una sovratensione, prima avviene con tutti i suoi effetti, poi viene rilevata e poi viene "processata" ed eliminata.

il sotto controllo significa che enel, come tutti gli altri, cerca di minimizzarne gli effetti dimensionali e geografici. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ivano65

il problema che le scariche temporalesche NULLA  hanno a che fare  con le sovratensioni permanenti.

l'unico sistema per  minimizzare i danni  sono gli SPD.

se in citta' generalmente bastano    i classe 2, nelle zone scarsamente popolate  e alimentate da linee BT aeree, sarebbero piu' indicati i combinati classe  1e2.

tuttavia hanno ancora costi piuttosto alti , anche se ultimamente  i prezzi tendono a diminuire

Share this post


Link to post
Share on other sites
ilsolitario

Ciao Ivano nel nostro caso purtroppo non era presente nessun spd, magari ci fosse stato un combinato, poi vabbè c'è chi li monta in modo errato rendendoli inefficaci ma questa è tutta un altra storia..  per esempio su impianti fotovoltaici forse alcuni non sanno ancora che esistono quelli specifici :toobad:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...