Jump to content
PLC Forum


Calcolo potenza nominale stufa idropellet


Riccardo Ottaviucci
 Share

Recommended Posts


Riccardo Ottaviucci
il 23/12/2018 at 23:12 , Ivan Botta scrisse:

Solitamente entrando nel menù tecnico della stufa puoi variare la temperatura, la mia parte a 40 gradi.

Che modello di stufa hai?

ieri ho smontato la parete laterale per accedere comodamente alla pompa di circolazione,ebbene ha una sola velocità. Il modello è idropellet 24KW e non so come entrare nel menu tecnico per farla partire prima.Comunque dovrebbe avere avere una prevalenza di almeno 8 m e non so se ce l'ha,devo cercare le curve in rete.

Link to comment
Share on other sites

con 24 kw penso proprio che dovrest iscadlarti anche perchè una 24 kw che vada sempre al massimo dovrebbe consumare sui 5 kg all'ora e in chessò 12 ore al giorno di accensione sarebbero 60 kg al giorno

 

se fosse piccola e non bastassero 24 kw basterebbe prolungare il periodo di accensione visto che bene o male comunque l'immobile accumula calore se dici che la caldaia con 30 kw ce la fa a scaldarti  non credo che la tieni accesa h24

 

per me il problema deve essere un altro

 

comunque credo che 24 kw sia la potenza totale ma all'acquia ne vanno meno però il loclae in cui è la stufa è già caldo

Link to comment
Share on other sites

Riccardo Ottaviucci
1 ora fa, Erikle scrisse:

per me il problema deve essere un altro

può essere,secondo me più di uno:

  • tipo il diametro della canna fumaria che è da 80 anzichè 100,
  • i parametri della stufa che al massimo  (a potenza 5 odora di pellet non bruciato, il vetro tende a sporcarsi di più) e comunque la temperatura dell'acqua non sale oltre 60-62.
  • Ho cambiato pellet (Austria)  ,come ho detto, acquistandone due sacchi in prova e questo ha reso molto di più (circa 2-3 gradi),ma fuori stagione mi costa un occhio.Devo prima terminare quello che ho (Cortona Pellet).

Avessi saputo che le stufe a pellet fossero così critiche,bisognose di cure,stressanti, avrei prima strozz...pardon , convinto mia moglie a restare col metano ,almeno lui una mano me la dava  :lol:

Link to comment
Share on other sites

Ciao Riccardo Ottaviucci

 

Sono già intervenuto 3 volte e mi sembrano anche troppe ...... 

 

Non sono un possessore di Caldaie a Pellet e dunque non posso parlare per reale esperienza sul Campo.

Ho comunque notizie pratiche da mio figlio che cura/controlla una installata dallo scorso Settembre (Gavi prov. di Alessandria).

 

Tuttavia alcune regole generali, e specialmente quelle della termodinamica/termomeccanica (quelle semplici e di base, senza andarsi a perdere nei virtuosismi da laboratorio) sono valide per tutti.

 

Richiudi la tua Caldaia, non cercare chissà quali parametri da cambiare o malfunzionamenti o insufficienze funzionali nei componenti.

Falla semplicemente funzionare con continuità come ti avevo consigliato (e come ti è stato anche detto implicitamente dai molti intervenuti nella discussione).

 

Naturalmente se le tue "condizioni ambientali familiari" non te lo consentono nessun consiglio tecnico di potrà  mai essere realmente utile !

 

Per quanto riguarda il diametro interno del camino sembrerebbe che il tuo 80 mm sia adeguato secondo il Costruttore.

Vedi a pag. 9 consultando il - Manuale Installazione, Uso, Manutenzione - all'indirizzo :

http://www.arcacaldaie.com/Apps/WebObjects/ArcaCaldaie.woa/wa/viewFile?wantContent=true&id=412&lang=ita

 

Per l'esperimento con un Pellet di migliore qualità, in base ai risultati che hai potuto notare, solo tu sei in grado di fare un bilancio ponderato del rapporto costi/benefici. Comunque hai già acquisita qualche idea in più almeno per il prossimo (eventuale) anno di esercizio .......

 

Ovviamente, secondo il mio punto di vista (che sembra essere anche il tuo) per chi ha la possibilità di utilizzare il gas Metano, e non ha voglia o tempo di fare i Servizi Caldaia, non vale la pena di "mettersi a Pellet".

 

Secondo altri punti di vista "vale la pena" dato che alcuni ritengono di loro utilità/passatempo utilizzare del tempo libero monetizzandolo attraverso il risparmio di spesa sul riscaldamento.

 

Dato che, secondo la mia tabella già pubblicata, i costi al kWh (reso sotto forma di acqua calda) sarebbero Metano 0,0943 €/kWh contro  Pellet 0,0783 €/kWh, allora per una spesa annua di 1000 € in Metano (attualmente circa 1200 mc/stagione = 1000 €) si avrebbe un risparmio di 1000 x ((943-783) / 943)) = 169,6 €/anno.

 

Questo naturalmente nella ipotesi di partire da zero in una casa senza nessuna caldaia pre-esistente e funzionante.

 

Avendo invece già una caldaia a gas funzionante e volendo/dovendo mantenere anche il Contratto del Metano anche per i soli usi cucina/acqua calda, si devono pagare i costi fissi di Utenza Metano che sono intorno ai 130 €/anno e allora tutto il supposto risparmio va........in fumo nel camino della stufa a Pellet !

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...