Jump to content
PLC Forum


pomodoraio

CALCOLO TEMPO DI PASTORIZZAZIONE

Recommended Posts

pomodoraio

sALVE BUONASERA A TUTTI , come poter calcolare il tempo di pastorizzazione , acquisendo l'impulso da un sensore posizionato sulla ruota dentata del trasporto , sul quale vi è istallato un motore con convertitore di frequenza , quindi sul touch devo viualizzare il tempo di percorrenza esempio 50 minuti , e naturalmente poter variare manualmente questo tempo , con un potenziometro sul convertitore di frequenza .....

Share this post


Link to post
Share on other sites

luigi69

pomodoraio , purtroppo babbo natale non ci ha portato la sfera nuova di cristallo, e non si riesce a capirne di piu.....

 

il trasporto è un nastro ? comandato da un motore ok con inverter ok

 

la percorrenza di cosa ?  vasetti sul nastro ?

variare manualmente perchè  ? hai un pannello touch....

il sensore che hai , riceve gli impulsi dalla ruota dentatta ?    è necessario tenere  il conto del rapporto di riduszione ?  ovvero...per sapere la velocità del nastro...

 

Sto ipotizzando....

Share this post


Link to post
Share on other sites
pomodoraio

 Mi scuso per l'incomprensione , Luigi allora tralasciando l'inverter , che posso comandare come voglio , anche dal touch come suggerisci tu , il sensore è sulla ruota dentata , no il rapporto di riduzione non occorre  tenerne conto poiche è gia stabilito  , il settaggio lo dovrei fare sul posto , esempio se il nastro per fare un giro intero impiega 60 minuti , a 60 HZ  devo poter visualizzare questo tempo ,  naturalmente se abbasso la frequenza a 50 HZ il tempo aumenta di conseguenza se poi mi spiego male è una altra cosa .

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Blackice

La cosa più semplice è fare riferimento alla velocità effettiva dell'inverter (tramite uscita analogica di questo o calcolata sul segnale analogico di comando) e rapportarlo alla distanza percorsa tramite una semplice operazione matematica.

Share this post


Link to post
Share on other sites
pomodoraio

è tutto giusto , Black , implemetando la funzione è esatto , ma qual'è l'operazione matematica che mi pemette di costruire questa logica di funzionamento matematico , in ogni caso non ho necessita di avere riferimento da inverter ben venga anche questo spunto , per una progettazione piu efficace , ma nel mio caso , devo sapere il tempo di percorrenza in minuti , poiche alla fine faranno un campionamento con una sonda , per essere sicuri che il dato letto sia esatto , nient'altro

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
luigi69

Vediamo se ho capito

 

Se invece del riferimento da inverter tu conti gli impulsi che hai dal nastro.   Se.  Faccio un esempio.   Il tamburo che supporta il nastro ha un diametro di 10 cm. Esempio. Avrà una circonferenza di 31,4 cm. Giusto ?   Se la ruota dentata mi restituisce tot impulsi , calcolo lo spazio percorso ogni impulso.  

 

Faccio partire un tempo di 60 secondi. Conto gli impulsi e li azzera dopo i 60 secondi.     Divido ed io la velocità media riferita ad un minuto

 

 

A seconda degli impulsi posso anche ogni secondo ma magari ottengo un dato poco preciso

 

Ho ragionato corretto fino ad adesso ?

 

Di che ordine di velocità parliamo di ptdptm nastro ? Che.so.   1 metro al minuto ?   Quanti impulsi ogni giro. ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
pomodoraio

Luigi qui 'unico che non ragiona sono io , l'inverter  togliamolo di mezzo,  l'ordine del.metro al.minuto potrebbe essere quella cioe un metro al minuto , ma potrei abbassare la velocità,  per aumentare il.tempo di pastoriźazione 

Share this post


Link to post
Share on other sites
pomodoraio

Diciamo che la.velocita non è sempre fissa dipende dal prodotto , quindi io.intendo una velocità del.nastro che possa variare,  a mio piacimento non devo avere vincoli , ma solo una lettura precisa , poi al.collaudo si setta per bene 

Share this post


Link to post
Share on other sites
pomodoraio

Quindi io debbo visualizzare questi impulsi e gli stessi elaborandoli mi diano il.calcolo del.tempo di.percorrenza espresso in minuti,  naturalmente tutto su touch , ma.questa è un altra cosa 

Share this post


Link to post
Share on other sites
luigi69

Io ti dicevo al minuto per questo discorso

 

Mettiamo per assurdo che tu leggi 2 denti della ruota al secondo . . . Troppa approssimazione nella lettura , non ha senso calcolare così

 

Se invece per esempio tu leggessi 50 impulsi al secondo il calcolo avrebbe senso

 

Quello di fare il calcolo al minuto ha come inconveniente che per avere un dato devi aspettare un minuto

 

Se il tuo ciclo durasse 2 minuti . . Non vale la pena

Idem se tu variassi im continuazione la velocità

 

 

Sto facendo supposizioni . . Possono essere utili ?  Non conoscendo il processo ne dettaglio . . I oppure ti io creato più confusione ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
max.bocca

Forse non ho capito, ma se tu usi un'uscita analogica e come output ha 10V che equivale a 60Hz pari ad un tempo di 60min se in uscita mandi 5V che equivale 30Hz il tempo diventa 120min. Può andare bene? Così hai da fare solo un calcolo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
pomodoraio

Ho un sensore di campo PNP no . Conto sununa ruota.dentata che è la.trasmissione principale del.nastro , da li devo sapere il.nastro a.che velocità.sta.andando tradotto in tempo . Per essere più chiaro se.metto una pentola all'ingresso  deve impiegare 53 , 60 , 65 , 72 , minuti per uscire tempo di percorrenza stadio pastoriźazione 

Share this post


Link to post
Share on other sites
pomodoraio

 Cosa.frega  a.noi del processo , voglio sapere , quali calcoli utilizzare .  Perdonatemi Forse sono io che non mi spiego bene . Allora ho un nastro trasportatore di un pastorizzatore , un sensore PNP NO , sulla.ruota dentata principale  togliamo l'inverter , mettiamoci un semplice.contattore ed un variatore sulla.trasmissione , per.correggere il.tempo di cottura nel.caso dovremmo aggiungere qualche minuto o toglierlo al.processo . Quale calcolo utilizzare ... Certo leggiamo degli.impulsi , questi impulsi hanno un ritmo , in funzione delle.velocita della.ruota.dentata , questi impulsi debbono essere tradotti in tempo . 

Share this post


Link to post
Share on other sites
acquaman

L'ideale è collegare l'ingresso del sensore ad un ingresso veloce se non sbaglio il 1200 dovrebbe avene, calcolare la velocità in impulsi al secondo e moltiplicare questa velocità per la lunghezza del nastro ad ogni impulso e ti ricavi la velocità in mm/s a questo punto se sai la lunghezza del nastro ti ricavi il tempo di pastorizzazione.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
31 minuti fa, pomodoraio scrisse:

Certo leggiamo degli.impulsi , questi impulsi hanno un ritmo , in funzione delle.velocita della.ruota.dentata , questi impulsi debbono essere tradotti in tempo

 

Scusa perchè non dai un po' di dati reali.

Quanti denti ha la ruota?

Una rotazione completa della ruota corrisponderà ad un determinato spsotamento del nastro: quanto è questo spostamento?

Qual'è la velocità minima e massima a cui può scorrere il nasstro?

 

In base a questi dati si può fare la migliore ipotesi di soluzione, se nza dati si discute del nulla.

Share this post


Link to post
Share on other sites
acquaman

Qui puoi trovare info su come configurare il contatore veloce.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
dnmeza

ha il contatto libero il sensore PNP NO, o è usato da un'altra apparecchiatura ? Se è libero inserisci un conta impulsi con ingresso digitale alimenti il contatto ed entri nel contaimpulsi o conta tempo, oppure prendi il conta impulsi con micro switch, ti andrebbe bene a parte la differenza di diametro della ruota un contatore per bicicletta che ti da tempo velocita e calorie 😀, a parte gli scherzi un conta tempo adattato al contatto di start e stop, sarebbe la soluzione

Share this post


Link to post
Share on other sites
acquaman

Non serve uno strumento esterno, il 1200 ha tutto il necessario con il conteggio veloce (sempre che pomodoraio usi un 1200, visto che non lo ha specificato)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
dnmeza

dipende, se è in grado di gestire gli ingressi del PLC o altro, una cosa elementare alle volte risolve senza manomettere, se non all'altezza,altre  apparecchiature

Share this post


Link to post
Share on other sites
acquaman

Non sono d'accordo, oggi ti capita un contatore veloce domani può capitare una analogica se ogni volta trovi degli escamotage per aggirare i problemi non imparerai mai a programmare e non ti farai mai una esperienza che ti permette di crescere professionalmente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
pomodoraio

Lo strumento estreno gia lo utilizzavamo ma era fine a se stesso , era un contaimpulsi e contapezzi a secondo dell'istallazione e della programmazione e non posso presentarmi con un contaimpulsi di amazon a casa mia lo potrei fare , ma non in un industria , concordo con Acquaman il 1200 ha tutto il necessario per fare cio che serve , bisogna solo implementarlo , Gentilissimo Signor Livio lei ha ragione quando dice di avere dati utili , ma l'applicazione ha volta non è sempre la stwssa e la meccanica puo variare , io non sono un esperto e sono allo stato embrionale , volevo capire quale applicazione poteva essere implementata affinche fosse adatta a tutte le applicazioni varicnado i dati necessari per avere la risposta , le dico di piu , oggi ho una ruota dentata , domani avrei un asse di un trasporto , credo che siamo sempre sullo stesso argomento , la velocita di lavoro è relativa a questo punto , quindi io pensavo di implementare una funzione un blocco o qualsiasi esso sia , dove poter variare i dati adatti alla tipologia di istallazione . Ottimo il suggerimento di Acquaman sull HSC_1...

 

comunque , Acquaman è un 1200 , credevo fosse palese , poiche sono entrato nel forum ed ho cliccato alla voce 1200 ... Devo imparare ancora come funziona il sito .... Intanto ringrazio tutti per la collaborazione .

Share this post


Link to post
Share on other sites
pomodoraio

DNmeza , in ogni caso oggi le funzioni sono tutte implementate nell'hardware del 1200 , bisogna conoscerle , ed elaborarle per farle lavorare in base alle esigenze .

Share this post


Link to post
Share on other sites
acquaman

Se ti vuoi complicare ancora di più la vita, una volta che hai calcolato la velocità del nastro invece di calcolare il tempo di pastorizzazione, il tempo di pastorizzazione desiderato lo fai impostare sull'hmi, da quel dato ti calcoli la velocità necessaria del nastro, e con la lettura della velocità e il setpoint della velocità vai a fare una regolazione un PID sul comando del motore.

Cosi l'impianto diventa più fruibile dal cliente perchè si adatta la velocità del nastro al tempo di pastorizzazione senza dover regolare a mano l'inverter, e per te se ancora non conosci l'argomento cogli l'occasione per impratichirti sulle regolazioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
dnmeza

con le poche spiegazioni che hai dato, l'interpretazione lasciava e lascia molti aspetti incomprensibili, acquaman aveva capito subito di cosa potessi aver bisogno e come risolverlo, devi solo far capire se sei in grado di usare il 1200 con tutte le sue implementazioni oppure hai bisogno di capire come fare, è molto generico dire che

35 minuti fa, pomodoraio scrisse:

l'applicazione ha volta non è sempre la stwssa e la meccanica puo variare , io non sono un esperto e sono allo stato embrionale , volevo capire quale applicazione poteva essere implementata affinche fosse adatta a tutte le applicazioni varicnado i dati necessari per avere la risposta , le dico di piu , oggi ho una ruota dentata , domani avrei un asse di un trasporto

ogni volta bisogna ragionare per la miglior soluzione possibile con l'hardware ed il software che si ha.

Share this post


Link to post
Share on other sites
batta
Quote

Diciamo che la.velocita non è sempre fissa dipende dal prodotto , quindi io.intendo una velocità del.nastro che possa variare,  a mio piacimento non devo avere vincoli , ma solo una lettura precisa , poi al.collaudo si setta per bene 

 

Dunque, come dati hai il tempo di pastorizzazione (che varia secondo il prodotto) e la lunghezza del tappeto (che è fissa).
Basta quindi calcolare la velocità del tappeto. Non capisco a cosa possano servire la ruota dentata ed il sensore.
Un inverter con controllo vettoriale, anche senza retroazione da encoder, mantiene la velocità impostata con errori che, per questo tipo di applicazione, sono più che trascurabili.
Piloti l'inverter con la velocità calcolata, ed hai già fatto tutto.

Perché dobbiamo sempre far diventare complicate le cose semplici?
 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...