Jump to content
PLC Forum


Sign in to follow this  
gianpy86

Kty Vs Ptc

Recommended Posts

gianpy86

Buongiorno a tutti!

Secondo voi un motore brushless non parametrizzato nel drive, data potenza, ha più lunga vita se questo (il motore) ha un controllo di temperatura basato su KTY o su PTC? Perchè?

Ringrazio tutti coloro che mi aiuteranno a capire la questione su esposta.

Edited by gianpy86

Share this post


Link to post
Share on other sites

Livio Orsini

L'unica conduzione che la temperatura del motore non superi la temperatura prevista dal costruttore.

Che si ottenga questo risultato con un clixon, con un sensore PT100 o con un termistore a coefficiente positivo o negativo, non ha importanza.

Secondo voi un motore brushless non parametrizzato nel drive,..

Spiega meglio cosa intendi. Un drive non può non essere parametrizzato per il motore che pilota.

Tra l'altro il forum è gratuito, non si spende un tanto a parola, per tanto è doveroso fare un piccolo sforzo e spiegare chiaramente il problema fornendo sempre tutti i dati necessari per una buona comprensione della sitauzione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
gianpy86

Buonasera e grazie per la risposta.

Con l'affermazione:

Secondo voi un motore brushless non parametrizzato nel drive,..

intendevo dire che: un drive, visto che sto pensando ad un motore brushless, allora parliamo di servodrive, "nasce" con circa 8000-9000 parametri al suo interno.

Alcuni di questi (forse una 50ina) sono legati al motore che essi dovreanno pilotare. Quindi il drive conosce:

-corrente nominale;

-corrente massima;

-frequenza;

-tensione nominale;

-giri nominali;

-coppia nominale;

-valore di resistenza statorica;

-numero di poli;

-... e così via.

Questi dati vengono inseriti nel drive, quando quest'ultimo, viene per la prima volta parametrizzato.

Quindi la mia domanda era: se un drive non è parametrizzato correttamente (quindi ha all'interno codici di "fabbrica", ed è ovvio che questi non corrispondono a quello che la macchina fisicamente è e sarà) e il servodrive viene abilitato (dando quindi potenza al drive, oltre che la 24V), la sola KTY riesce a proteggere il motore da un surriscaldamento dovuto a, probabile, sovracorrente?

O è meglio che oltre la KTY ci sia anche la PTC?

In altri termini la mia domanda/paura è che la KTY per disabilitare il drive deve misurare una temperatura e per misurarla, il motore deve arrivare, quindi magari se la corrente pompata dal servodrive fosse superiore (perchè il drive non è parametrizzato) alla corrente massima (e/o nominale) il motore brucerebbe ancor prima che la KTY indichi al servodrive la temperatura.

Mentre la PTC, che non misura la temperatura, ma fa riferimento solamente al valore ohmico, quanto detto per la KTY non valga; disabilitando il servodrive un attimo prima e salvaguardando la vita del motore.

E' un ragionamento che fila?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Per evitare fraintendimenti, per favore, evita gli acronimi.

Se esiste un sensore per misurare la temperatura effettiva del motore ed un dispositivo per fermare il motore al raggiungimento di una soglia di pericolo, questo è l'unico sistema in grado di proteggere efficacemente un motore in qualsiasi condizione di esercizio.

Lo ripeto da sempre; la protezione più efficace contro le sovratemperature del motore è la misura diretta della temperatura stessa. Tutti gli altri sistemi, basati sull'immagine termica derivata dalla corrente assorbita, sono meno efficaci e sicuri.

Con questo non significa che il motore sia perfettamente al sicuro anche in caso di errata paramentrizzazione. In casi estremi, specie se l'alimentatore è di taglia notevolmente superiore, o in caso di magneti permanenti, un'eccessiva corrente potrebbe causare danni irreversibili prima dell'intervento della protezione per limite di temperatura.

Nel caso di magneti permanenti si rischia la smagnetizzazione se si superano detarminati valori di corrente in funzione della velocità del motore.

Anche un valore di corrente di un ordine maggiore della massima ammissibile potrebbe causare danni irreversibili. Questo perchè il danno sarebbe causato prima che l'inerzia termica del motore permetta al sensore di rilevare la temperatura pericolosa.

Comunque la tua ipotesi dovrebbe essere solo teorica.

L'unico modo corretto per usare un azionamento composto da un alimentatore-regolatore ed un motore, prevede una taratura iniziale. Che la taratura sia manuale o automatica non ha importanza: il regolatore deve ricevere almeno i parametri fondamentali.

Edited by Livio Orsini

Share this post


Link to post
Share on other sites
gianpy86
Per evitare fraintendimenti, per favore, evita gli acronimi.

Chiedo venia.

Quindi, facendo un esempio: mettiamo che il mio servodrive ha di default un servomotore di taglia più grande rispetto a quello che è effettivamente collegato. Ipotizziamo che al servodrive, per sbaglio, venga data potenza prima che questo venga correttamente parametrizzato.

Il servomotore, collegato al nostro servodrive, che abbia qualsiasi una o l'altra protezione termica, vale quanto di seguito quotato:

Con questo non significa che il motore sia perfettamente al sicuro anche in caso di errata paramentrizzazione. In casi estremi, specie se l'alimentatore è di taglia notevolmente superiore, o in caso di magneti permanenti, un'eccessiva corrente potrebbe causare danni irreversibili prima dell'intervento della protezione per limite di temperatura.

Nel caso di magneti permanenti si rischia la smagnetizzazione se si superano detarminati valori di corrente in funzione della velocità del motore.

Anche un valore di corrente di un ordine maggiore della massima ammissibile potrebbe causare danni irreversibili. Questo perchè il danno sarebbe causato prima che l'inerzia termica del motore permetta al sensore di rilevare la temperatura pericolosa.

?

So che per il perfetto funzionamento della macchina il servodrive dev'essere correttamente parametrizzato, ma voglio solo capire se un dato motore, con diverse tipologie di controllo della temperatura, è più o meno esposto a rischio di danni irreversibili.

Le vostre spiegazioni sono molto chiare, ma mi manca ancora qualcosa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
Le vostre spiegazioni sono molto chiare, ma mi manca ancora qualcosa.

Non so cosa ti manchi.Tutto quello che può accadere e perchè accade l'ho scritto.

Dimenticavo.

Collegare un motore ad drive con il metodo "pene di molosso" quasi sempre fa scattare tutti gli allarmi del drive non appena si da alimentazione o prova a dare l'abilitazione alla marcia. Quindi le possiiblità di danni irreversibili al motore, per fortuna, son molto basse.

Rimane il fatto che le operazioni per mettere in funzione un azionamento, come qualsiasi altro dispositivo, sono:

  1. leggere il manuale di istruzioni all''installazione, uso e manutenzione.
  2. seguire pedissequamente le istruzioni del costruttore per collegamenti, parametrizzazione e attivazione.

ovviamente se si conosce già perfettamente il dispositivo in fase di avviamento si può fare riferimento alla propria memoria. ;)

Edited by Livio Orsini

Share this post


Link to post
Share on other sites
stoca
Il ‎27‎/‎04‎/‎2013 alle 19:27 , gianpy86 ha scritto:

 

Le tue domande erano molto interessanti. Mi dispiace solo essere arrivata alla fine della lettura e non aver capito se è meglio installare una KTY o una PTC (sono acronimi o nomi propri dello strumento? Io pensavo la seconda visto che anche SIEMENS li usa nei suoi software…). Sei rimasto anche tu con lo stesso dubbio? 

Edited by stoca

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Per prima cosa un nuovo utente dovrebbe leggere il regolamento, visto che deve accettarlo; credo che tu non lo abbia fatto, altrimenti sapresti che non ci sipuò accodare ad altre discussioni per non creare disguidi e confusione nelle risposte.

poi questa è una discussione ferma da circa 7 anni!!

 

Se vuoi apri una nuova discussione sull'argomento che ti interessa.

Comunque se fai caso alla mia risposta hai anche la risposta che ti interessa. PTC è un sensore di temperatura, ovvero una termo resistenza a coefficiente positivo, particolarmente adatta per gli allarmi, vista la sua curva carattersitica.

Il 27/4/2013 alle 07:49 , Livio Orsini ha scritto:

Se esiste un sensore per misurare la temperatura effettiva del motore ed un dispositivo per fermare il motore al raggiungimento di una soglia di pericolo, questo è l'unico sistema in grado di proteggere efficacemente un motore in qualsiasi condizione di esercizio.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...