Jump to content
PLC Forum


tempoperso

Scoppio per contatto fase e neutro

Recommended Posts

tempoperso

Buongiorno a tutti, non sono un professionista del settore ma ho alcuni attestati sulla sicurezza 626/94, 81/2008 etc. che forse in qualche modo mi hanno aiutato a restare incolume dopo lo scoppio che si è verificato alcuni giorni fa mentre smanettavo di domenica (è vero nei festivi bisogna andare a divertirsi) sulle linee del mio impianto. Indossavo dei guanti al nitrile con interno rivestito in nylon (ottimi) e delle scarpe per antinfortunitica, convinto che nel locale dove operavo non ci fosse corrente, in quanto avevo staccato il salvavita, avevo già collegato le linee, anche quella di terra (ammettendo che la messa a terra funzioni adeguatamente all'impianto) a dei cavi da 4 mm posti in una scatola di derivazione e quando stavo collegando la fase e il neutro (entrambi sfilati) alla presa di correntel'inavvertito contatto tra i due conduttori ha provocato lo scoppio che mi ha fatto *agare a dosso. Sul volto mi è arrivato la deflagrazione, i guanti si sono anneriti, e l'improvviso botto con lampo mi ha davvero spaventato (rintontito), non parlando della puzza di bruciato che mi è rimasta anche per alcune ore dopo. Il problema è stato che anni a dietro avevo spostato il salvavita in un altro luogo del locale, per cui i cavi adottati per il collegamento delle linee erano senza alcuna protezione. La mia discussione oltre a volere rimarcare quello che è scritto sui cartelli di sicurezza nei posti di lavoro: "il pericolo è sempre dietro l'angolo", vuole anche contraddire quelli che hanno scritto in altri post che se dopo il contatore dell'enel tutto è doverosamente isolato non c'è bisogno di un interrutore differenziale magnetotermico, mentre sono convinto che se a monte dell'impianto ci fosse stato un altro interrutore differenziale magnetotermico tutto questo "forse" sarebbe stato evitato. Per questo motivo mi appresto a installarne uno. Selettivo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

luigi69

Ciao e buon pomeriggio

 

Capisco benissimo cosa ti è successo , ma penso che tu abbia scritto queste frasi perché sei ancora un Po scosso da quanto accaduto . . Perché alcune tue frasi contraddicono quello che tu stesso scrivi . . Lo spavento è stato tanto. . Lo capisco . . 

 

52 minuti fa, tempoperso scrisse:

smanettavo di domenica (è vero nei festivi bisogna andare a

Ilproblema non è la domenica  , ma il termine smanettavo . . . 

 

54 minuti fa, tempoperso scrisse:

Il problema è stato che anni a dietro avevo spostato il salvavita in un altro luogo del locale, per cui i cavi adottati per il collegamento delle linee

 

Caspita . . Però avevi spostato tu le linee ? Non te ne ricordavi o eri sovrapensiero ?

 

55 minuti fa, tempoperso scrisse:

vuole anche contraddire quelli che hanno scritto in altri post che se dopo il contatore dell'enel tutto è doverosamente isolato non c'è bisogno di un interrutore differenziale magnetotermico, mentre sono convinto che se a monte dell'impianto ci fosse stato un altro interrutore differenziale magnetotermico tutto questo "forse" sarebbe stato evitato.

 

 

Non è corretto

 

Il doppio isolamento èriferito ci montanti , dove non sono collegati utilizzatori come le prese

 

Da come hai descritto, il corto e stato fatto tra fase e neutro    il differenziale non sarebbe servito , non si trattava di un guasto a terra

 

58 minuti fa, tempoperso scrisse:

, in quanto avevo staccato il salvavita, avevo

Ecco errore

 

Non richiama salvavita   proprio questo erroreti induce a pensare che il differenziale sarebbe scattato

 

Sto solo facendo una analisi di quanto successo   non mene volere , non voglio giudicare , èsolo che per caso si sono combinate assieme più cose fino al fattaccio . . 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Roberto Garoscio

Per questo motivo la legge vieta a chi non possiede i requisiti tecnici di mettere mano agli impianti elettrici, sicuramente un professionista prima di lavorare su un impianto che non conosce, si sarebbe accertato che non fosse sotto tensione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
desperado74
36 minutes ago, Roberto Garoscio said:

sicuramente un professionista prima di lavorare su un impianto che non conosce, si sarebbe accertato che non fosse sotto tensione.

Roberto pensa che in casa mia, nonostante l’impianto è di mia realizzazione pertanto conosco a memoria tutto , ogni volta che devo fare un intervento dopo aver staccato il generale verifico sempre con il voltmetro a puntali, riflesso incondizionato😀

Share this post


Link to post
Share on other sites
Roberto Garoscio

Si vede, che hai avuto modo di assaggiare la furia...😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
desperado74
45 minutes ago, Roberto Garoscio said:

Si vede, che hai avuto modo di assaggiare la furia...😉

🤣 ebbene sì, incidente sul lavoro 🤯 7 secondi di elettrocuzione 230  entrata/uscita braccio braccio ma fu per un guasto ”diciamo” improvviso e imprevedibile (combinazione minchiata grossa quanto una casa di un collega e differenziale inefficiente) fortunato per poterlo raccontare

Share this post


Link to post
Share on other sites
desperado74
12 minutes ago, albertagort said:

cosa hai sentito in quei 7 secondi?

Il cuore mi sembrava che uscisse da petto e le corde vocali mi vibravano tanto è che ho chiesto AAAAIIIIIIUUUUUUTTTOOOOOOO!!!. Ancora oggi il cardiologo che mi ha tenuto in osservazione 1 mese rivoltandomi come un calzino non si spiega come mai avevi piccoli segni di bruciatura ai polsi (entrata uscita) ma il muscolo cardiaco ne è uscito illeso. Ti posso assicurare 7 secondi che mi sono sembrati Un eternità !

Share this post


Link to post
Share on other sites
tempoperso

Purtroppo,l'età si fa sentire. Io, fino a questo spiacevole episodio, ho sempre operato sul mio impianto elettrico staccando il contatore e ammorsando (quasi sempre con i guanti) i cavi uno per volta. Sicuramente, quello che è successo mi servirà per le prossime volte. Putroppo, continuerò a fare lavori sul mio impianto anche se non sono un professionista. Comunque, se il differenziale non poteva ugualmente intervenire, cosa eventualmente si può fare per evitare che un contatto del genere non crei danni alla persona?

Share this post


Link to post
Share on other sites
desperado74
1 minute ago, tempoperso said:

Comunque, se il differenziale non poteva ugualmente intervenire, cosa eventualmente si può fare per evitare che un contatto del genere non crei danni alla persona?

Accertarti sempre con un multimetro o un rilevatore NCV che l’impianto sia realmente senza tensione, e che in casa a nessuno venga in mente di alzare il termico....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Maurizio Colombi
15 minuti fa, tempoperso scrisse:

un contatto del genere non crei danni alla persona?

Attenzione: non è il contatto tra fase e neutro che reca danni alla persona, sia ben chiaro!

Quello mette solo paura e basta!

Edited by Maurizio Colombi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Roberto Garoscio
7 ore fa, desperado74 scrisse:

🤣 ebbene sì, incidente sul lavoro 🤯 7 secondi di elettrocuzione 230  entrata/uscita braccio braccio ma fu per un guasto ”diciamo” improvviso e imprevedibile (combinazione minchiata grossa quanto una casa di un collega e differenziale inefficiente) fortunato per poterlo raccontare

Urca...ti è andata di lusso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...