Jump to content
PLC Forum


Robipari

Puntatrice per batterie autocostruita non salda

Recommended Posts

Robipari

Ciao a tutti, mi sono avventurato nella costruzione di una puntatrice per saldare le linguette sulle batterie ricaricabili. Ho utilizzato un trasformatore di una stampante che eroga 30 volt e 4 condensatori da 25 volt e 1000 mfarad cad. collegati in parallelo. La scarica però no è abbastanza potente per unire la linguetta alla batteria. Come posso fare per avere una scarica più potente? Grazie a chi mi vorrà dare un aiuto!

Share this post


Link to post
Share on other sites

patatino59

Ho visto un video nel quale si utilizzavano supercondensatori da 350 FARAD a 2,5 volt !

Ci vuole bassa tensione e molta corrente concentrata in un piccolo punto.

Il tizio ci puntava le lamelle di piccole batterie.

41kBNk50FtL._AC_US200_.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Darlington

esatto, 4000uF fanno l'effetto di una scoreggia nel vento (buongiorno Oxford).

 

oltre a questo aggiungo che non è una grande idea usare condensatori da 25V su un alimentatore che arriva a 30

Edited by Darlington

Share this post


Link to post
Share on other sites
Robipari

Darlington, se ero un esperto avevo già risolto da solo senza chiedere aiuto al forum. Tu che fai così tanto il fenomeno sei capace di darmi una mano o sai solo sfottere? 

19 ore fa, Darlington ha scritto:

esatto, 4000uF fanno l'effetto di una scoreggia nel vento (buongiorno Oxford).

 

oltre a questo aggiungo che non è una grande idea usare condensatori da 25V su un alimentatore che arriva a 30

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
DaddoDoc

Sarebbe piu opportuno e funzionale un trasformatore di un microonde opportunamente modificato, senza condensatori e similari, tralasciando tutto ció che riguarda la sicurezza logicamente

Edited by DaddoDoc

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
1 ora fa, Robipari ha scritto:

Darlington, se ero un esperto avevo già risolto da solo senza chiedere aiuto al forum. Tu che fai così tanto il fenomeno sei capace di darmi una mano o sai solo sfottere? 

 

Un po' meno di suscettibilità non guasterebbe; con questo tipo di atteggiamento non si induce certo alla collaborazione.

 

Quello che vorresti realizzare è una saldatrice a resistenza, detta volgramente puntatrice.

Il problema è uno solo: non esistono pasti gratis.

Anche per una saldatura puntiforme è necessario che il metallo delle 2 lamelle fonda almeno in quel punto, in modo da formare un corpo unico.

Per fondere il metallo è necessaria una certa quantità di energia, l'energia che riesce a sviluppare la batteria dei condensatori usata è insufficiente.

Hai 2 metodi per aumentarla: o aumenti la tensione di carica dei condensatori, o aumenti la capacità totale dei condensatori.

Con quella tensione, senza fare conti ma solo con un'idea spannometrica avresti necessità di avere almeno 3 Farad di capacità totale.

 

La soluzione migliore è quella di avere una tensione di circa 50V ed una batteria di condensatori di almeno 0.2 Farad.

 

Poi sarebbe interessante saper cosa usi come interruttore.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Robipari

Signor Livio, grazie per la sua  collaborazione ed esaustivita'. 

12 minuti fa, Livio Orsini ha scritto:

 

Un po' meno di suscettibilità non guasterebbe; con questo tipo di atteggiamento non si induce certo alla collaborazione.

 

Quello che vorresti realizzare è una saldatrice a resistenza, detta volgramente puntatrice.

Il problema è uno solo: non esistono pasti gratis.

Anche per una saldatura puntiforme è necessario che il metallo delle 2 lamelle fonda almeno in quel punto, in modo da formare un corpo unico.

Per fondere il metallo è necessaria una certa quantità di energia, l'energia che riesce a sviluppare la batteria dei condensatori usata è insufficiente.

Hai 2 metodi per aumentarla: o aumenti la tensione di carica dei condensatori, o aumenti la capacità totale dei condensatori.

Con quella tensione, senza fare conti ma solo con un'idea spannometrica avresti necessità di avere almeno 3 Farad di capacità totale.

 

La soluzione migliore è quella di avere una tensione di circa 50V ed una batteria di condensatori di almeno 0.2 Farad.

 

Poi sarebbe interessante saper cosa usi come interruttore.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Robipari
Il 11/11/2019 alle 12:35 , patatino59 ha scritto:

Ho visto un video nel quale si utilizzavano supercondensatori da 350 FARAD a 2,5 volt !

Ci vuole bassa tensione e molta corrente concentrata in un piccolo punto.

Il tizio ci puntava le lamelle di piccole batterie.

41kBNk50FtL._AC_US200_.jpg

Grazie

Widget blockquote

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rodolfo

Ciao molto probabilmente  a te serve un oggetto come questo ,certo massacrare cosi un trasformatore per eliminare il secondario non è professionale,Puoi togliere le saldature che uniscono il pacco con una moletta lo puo richiudere  o con lamelle e viti o risaldandolo,ti assicuro che è funzionale in uscita hai un paio di volt ma come ampere si aggira intorno a 500 il video ha tutti i piani costruttivi e semplice da fare.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
DaddoDoc
7 ore fa, Rodolfo ha scritto:

Ciao molto probabilmente  a te serve un oggetto come questo ,certo massacrare cosi un trasformatore per eliminare il secondario non è professionale,Puoi togliere le saldature che uniscono il pacco con una moletta lo puo richiudere  o con lamelle e viti o risaldandolo,ti assicuro che è funzionale in uscita hai un paio di volt ma come ampere si aggira intorno a 500 il video ha tutti i piani costruttivi e semplice da fare.

 

Esattamente quello che ho detto io piu sopra, in più, al variare della sezione del cavo al secondario avrai una variazione degli ampere totali erogati, 500 sono troppi per una lamella e una batteria.

 

stessa cosa, in base agli avvolgimenti che farai cambierà la tensione totale, che deve essere bassa in quanto la corrente è molto elevata

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Non copiare sempre il messaggio a cui vuoi rispondere. Limitati a quotare una frase, altrimenti la discussione diventa illeggibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rodolfo

Di solito questo tipo di macchina lo spot è temporizzato e sul primario può essere inserito un dimmer per variare la potenza ma anche cosi va bene basta un decimo di secondo per saldare le lamelle basta pilotarlo con un pulsante uno spot e salda.Ciao a tutti vi seguo da molto tempo ogni tanto intervengo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Robipari

Insomma, se ho capito bene debbo cambiare completamente il progetto! 😀😀 😀 secondo voi quindi un trasformatore modificato sarebbe più consono al tipo di lavoro da svolgere,  rispetto a uno o più condensatori? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
36 minuti fa, Robipari ha scritto:

secondo voi quindi un trasformatore modificato sarebbe più consono al tipo di lavoro da svolgere,  rispetto a uno o più condensatori? 

 

I condensatori ci vogliono sempre per dare l'impulso di corrente necessario a far fondere il materiale.

Solitamente si usa un tensione più alta, circa 48V e si raddrizza a ponte. Si usa un triac sul primario per regolare la tensione sul secondarioin modo da poter ridurre la carica dei condensatori.

L'impulso di corrente lo si da con un semplice contattore quando gli elettrodi sono chiusi. La scarica del condensatore attraverso gli elettrodi ed il materiale fa passare un'elevatissimo valore di corrente; essendo la resistenza del materiale da saldare molto maggiore di quella degli elettrodi di rame, causa un riscaldamento del materiale sino alla temperatura di fusione nella zona di contatto.

Un po' come scaricare un grosso condensatore tramite l'asta di un giravite, se osservi dove è avvenuto il contatto con i reofori del condensatorenoti delle tracce di fusione sull'asta del giravite.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Robipari

Alla fine ho riconvertito il mio progetto a quello indicatomi da daddodoc e rodolfo che ringrazio per la cortesia. Ho recuperato un forno microonde dal quale ho preso il trasformatore ed uno switch ho rifatto l'avvolgimento e messo due fili di rame da 2,5 come elettrodi. L'ho testato e debbo dire che funziona egregiamente! Un saluto e un ringraziamento a tutti!!! 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Robipari

Alla fine ho riconvertito il mio progetto a quello indicatomi da daddodoc e rodolfo che ringrazio per la cortesia. Ho recuperato un forno microonde dal quale ho preso il trasformatore ed uno switch ho rifatto l'avvolgimento e messo due fili di rame da 2,5 come elettrodi. L'ho testato e debbo dire che funziona egregiamente! Un saluto e un ringraziamento a tutti!!! Eccovi di seguito una foto della realizzazione. 😊 

DSC_0391.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...