Jump to content
PLC Forum


Funzionamento di una valvola


gtsolid
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti,

sto studiando una proporzionale riduttrice di pressione: https://dc-us.resource.bosch.com/media/us/products_13/product_groups_1/industrial_hydraulics_5/pdfs_4/re29195.pdf

A pagina 7 ci sono dei componenti che non conosco: la parte di logica, il quadrato con le lettere "U-S" in basso il PID e l'amplificatore differenziale.

Presi singolarmente so cosa significano, ma non capisco come funzionino tra di loro.

Io impongo una tensione tra i pin D-E, viene amplificata (perche'?) e poi viene maneggiata matematicamente in un'operazione. Penso arrivi un input dal pilotaggio.

A quel punto come viene regolata la forza da conferire al solenoide? c'e' un simbolo, quello a dx del PID che non conosco

Link to comment
Share on other sites


Vediamo se un moderatore ritiene piu consona la sezione oleodinamica

Ma logicamente in controllo e regolazione il discorso è centrato 

Ci vuole un po di tempo per spiegartelo , nel senso , non che io sia un professore, ma sarebbe davvero lungo , provo a darti un accenno , volentieri con piu calma riscriverò

 

Proportional pressure reducing valve, pilot operated, with on-board electronics (OBE) and position feedback

 

Valvola riduttrice di pressione proporzionale , con elettronica integrata e ritorno in feed back della posizione

 

Fornendo una pressioni in ingresso , che a seconda del modello varia fra massimo 75, 175 e 310 bar , lei si comporta come una riduttrice pilotata , cioè fornendo a lei un segnale in tensione  0-10 V  o  corrente 4-20 mA , lei pilota lo spillo  interno , facendolo oscillare velocemente , fino a ridurre la pressione in uscita , nel modo piu lineare possibile .

esempio  il modello 75 bar , se lo piloti a 10 Volt in uscita avrai poco meno di 75 bar  ( un minimo di delta P dovuto alle cadute di pressione interne  )

se lo piloti a 5 volt , otterrai metà pressione circa  ( un minimo di delta P e un po di correzione della linearità della curva di lavoro .

 il feedback serve a correggere internamente il pilotaggio, nel caso lo spillo andasse in deriva o non rispondesse secondo un parametro impostato , esempio olio freddo o variazioni di viscosità

Al fondo del data sheet vedi come la valvola, direi di buona qualità , in 50 ms reagisce ad un cambiamento repentino del comando  ( valvole di pessima qualità ti rispondono con almeno 10 volte tanto di tempo )

 

Il collegamento idraulico , come una classica valvola luce 6 , prevede l'ingresso in P , l'uscita della pressione che cambia in A, B tappato , e logicamente il foro T  Tank  come "scarico" e drenaggio al variare della pressione

 

un LVDT fa il riferimento interno e ti "risponde" con quello che è la posizione dello spillo , quindi di come sta lavorando

 

1 ora fa, gtsolid ha scritto:

Io impongo una tensione tra i pin D-E, viene amplificata (perche'?)

 

perchè lo 0-10 che imponi arriverà da un PLc o da un circuito elettronico di logica, mentre per pilotare la bobina , ti serve un 24 Vdc con circa 2 A  ( 40 VA )

La bobina è normale che scaldi , viene pilotata in frequenza

 

La bontà di quesrto tipo di valvole, sta nella linearità della loro regolazione, e nella partenza della curva, realmente da 0   in teoria....

 

una buona valvola   fa   0..010%   20%...30%

una pessima  magari tiparte dal 20...30...poi prosegue  40...45....50..poi salta a 70....  intendo linearità

Quella di cui hai messo il data sheet, a listino , potrebbe anche costar eintorni ai 500 euro

 

 

Edited by luigi69
Link to comment
Share on other sites

1 hour ago, gtsolid said:

"U-S"

U\S è un potenziometro di risposta. U = tensione 

 

1 hour ago, gtsolid said:

tensione tra i pin D-E, viene amplificata (perche'?)

Viene amplificata la diffrenza tra la tensione D-E (comando di posizione) e ka tensione di risposta. Questa dufferenza è l'errore di posizione.

Viene amplificata + o - fino a portare l valvola nella posizione che corrisponde al comando

1 hour ago, gtsolid said:

simbolo, quello a dx del PID

Secondo me uole rappresentare un comando a semiconduttore con uscita bipolare

Link to comment
Share on other sites

10 ore fa, luigi69 ha scritto:

Fornendo una pressioni in ingresso , che a seconda del modello varia fra massimo 75, 175 e 310 bar , lei si comporta come una riduttrice pilotata , cioè fornendo a lei un segnale in tensione  0-10 V  o  corrente 4-20 mA , lei pilota lo spillo  interno , facendolo oscillare velocemente,....

La bobina è normale che scaldi , viene pilotata in frequenza

Ciao! Vedo che usi termini relativi ad uno spillo oscillante. Io penso che partisse da una posizione, traslasse a quella dopo e si fermasse li'.

Invece va continuamente avanti e indietro?

Link to comment
Share on other sites

Si  la velocita con cui si sposta,  e l entità dello spostamento determinano il valore della pressione in uscita 

 

In più questa valvola è  servopilotata

Nella sezione vedi a sinistra il LVDT di posizione , nel centro sinistra la sezione della bobina elettrica , a destra il vero e proprio cassetto dove scorre lo spool  

 

Esistono le proporzionali ad anello aperto , con i difetti che ho elencato prima

 

Questa invece è un buon prodotto  , con una portata limite di 40 litri minuto

 

Per portare maggiori , valvole molto simili pilotando uno spillo molto più grande che asua volta pilota un cassetto più grande, che a sua volta....

Ci sono proporzionali che riescono a far passare flussi superiori a 1600 litri.minuto

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...