Jump to content
PLC Forum


Nik-nak

Macchina del caffè Lavazza a Modo Mio Minù Mod. LM500 - Non si accende/fatica ad accendersi, e comportamenti strani vari

Recommended Posts

Nik-nak

Le macchine (mi è capitato di ripararne più di una) del caffè a cialde in oggetto, di cui allego alcune foto:

Frontale.jpg

Laterale.jpg

Etichetta.jpg

 

Presentavano vari difetti, in particolare faticavano ad accendersi, oppure una volta accese il led lampeggiava e poi la macchina si spegneva,oppure non eseguivano le normali operazioni.

Tipici difetti riconducibili all'elettronica di controllo.

Una volta smontata, si accede alla scheda elettronica:

Vista-scheda.jpg

 

Scollegati tutti i cablaggi, abbiamo in mano la scheda elettronica:

Scheda-frontale.jpg

Scheda-retro.jpg

Dove si nota subito che la tensione continua per alimentare l'elettronica della scheda, è ricavata dalla tensione di rete sfruttando la reattanza capacitiva del condensatore poliestere grigio, in questo caso da 0.82uF/820nF, 250Vac:

Capacit.jpg

Una volta misurata la capacità dei suddetti condensatori:

Capacimetro2.jpg

Capacimetro1.jpg

Notiamo subito una notevole diminuzione della capacità.

Una volta sostituite, entrambe le capacità con una da 1uF 275Vac, di più facile reperibilità, le macchine sono tornate a funzionare regolarmente.

Link to comment
Share on other sites


Renato 631

Complimenti per l'indagine, non semplice in un assemblaggio così poco pratico all'ispezione e senza schemi, pur se la scheda sia di dimensioni contenute.

Riaprirò la macchina del caffè, credo per la 3a volta..., e sostituirò l'incriminato. Non ho ben chiara una cosa però, prima parli "del condensatore", che immaginerei quello grigio visibile sulla scheda, mentre poi ne citi due... Sono quindi due condensatori esterni alla scheda e quel parallelepipedo grigio sulla medesima non c'entra?

Poi, altra considerazione: se sono in serie, i due cond offrono una resistenza reattiva di circa 7,8k x 820nF  e 6,4K x 1000nF, fossero in parallelo di 3.9k e 3.2K. Il circuito che segue viene quindi leggermente sovraccaricato con 1uF al posto di 0.82uF. Può darsi la cosa sia ininfluente, ma, per scrupolo, visto che questi oggetti saranno progettati al limite del sottodimensionamento, nella speranza prima o poi si rompano.., trovando i valori capacitivi originali, magari sovradimensionati per tensione e corrente, non è escluso sia preferibile. 

Grazie per la pubblicazione della soluzione

Link to comment
Share on other sites

SilvioFerr

Buonasera. Mi confermate che è possibile sostituire il cond x2 0,82uF con uno più facilmente reperibile 1uF? Grazie

Link to comment
Share on other sites

Nik-nak
1 ora fa, SilvioFerr ha scritto:

Buonasera. Mi confermate che è possibile sostituire il cond x2 0,82uF con uno più facilmente reperibile 1uF? Grazie

Si

Link to comment
Share on other sites

Lulu56

Confermo, il problema dell'accensione difettosa della Minù Lavazza è il condensatore (è uno solo). L'ho acquistato su eBay, l'ho sostituito e ora la macchina funziona di nuovo perfettamente!

Link to comment
Share on other sites

SilvioFerr

Il difetto dell'acqua fredda o tiepida può dipendere sempre dal condensatore? Eppure è strano che il led diventi verde anche se la temperatura non è quella stabilita...

Link to comment
Share on other sites

Nik-nak

Io lo cambierei, visto il costo irrisorio.Poi farei una bella decalcificazione con soluzione al 50% acqua e 50% aceto bianco.

 

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.



×
×
  • Create New...