Jump to content
PLC Forum


Nicholas_Longo

Progetto serratura elettronica a 4 pulsanti

Recommended Posts

Nicholas_Longo

Salve, 

sono uno studente di 4 elettronica e devo fare un progetto che realizzi una chiave elettronica con 4 pulsanti che premuti nella corretta combinazione accendono un led che simula l'apertura della porta. Se invece si preme un pulsante sbagliato va nello stato di errore. Devo realizzarlo con gli automi a stati finiti ma sono bloccato. Qualcun può aiutarmi?

Link to comment
Share on other sites


Livio Orsini
2 ore fa, Nicholas_Longo ha scritto:

a stati finiti ma sono bloccato

 

Sei bloccato da cosa?

Comincia con il pubblicare quello che hai realizzato e spiega dove hai problemi così che si possa autarti a risolverli.

Link to comment
Share on other sites

Nino1001-b

cancellato

 

 

Edited by Nino1001-b
Link to comment
Share on other sites

maxmix69
7 ore fa, Nicholas_Longo ha scritto:

automi a stati finiti

Confesso la mia ignoranza, quando ho fatto la scuola superiore (30 anni fa circa) questo concetto non esisteva, oppure non ci è stato spiegato. Ho dato uno sguardo a volo su Internet, ma mi risulta di difficile comprensione, forse perchè dovrei metterci un poco di attenzione nella lettura.
Un circuito tutto sommato relativamente semplice, come il pricipio indicato da @Nino1001-b, funziona egregiamente e se non serve la pressione più volte dello stesso tasto si può ancora semplificare.
Però non so se le nostre soluzioni sono quello che serve a te. Si può fare ancora più semplicemente programmando un PIC o qualcosa del genere, cosa che io notoriamente non so fare, ma resta sempre da sapere cosa è il concetto degli "automi a stati finiti" per stabilire qual'è la soluzione corretta.

Link to comment
Share on other sites

Nino1001-b

Ho cancellato la discussione perchè...non ho capito la definizione di automi a stati finiti.

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

maxmix69

Scusa e perchè l'hai cancellata? Forse non rispettava la richiesta (o forse inconsapevolmente si), ma come principio funzionava senz' altro e sicuramente sarebbe stato uno spunto di riflessione.

Link to comment
Share on other sites

Nino1001-b

Forse si è inceppato lavorando su un altra idea.

 

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

ciccioilgrande

ho dato un'occhiata su wikipedia per capire cosa è un sistema con automi a stati finiti(ASF),non ci ho capito nulla allora provo a fare questo circuito con i componenti a   me più consoni,

i relè( un ripasso di questi circuito  è sempre utile e fa bene):

 

 

lucetta.png

Link to comment
Share on other sites

Nino1001-b

Va perfezionato con i pulsanti civetta che azzerano il tutto tenendo presente che la tastiera esterna può essere smontata.

 

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

ciccioilgrande
36 minuti fa, Nino1001-b ha scritto:

Va perfezionato con i pulsanti civetta che azzerano il tutto tenendo presente che la tastiera esterna può essere smontata.

 

 

 

 

 

ed ecco i pulsanti "civetta":

 

lucetta.png

Link to comment
Share on other sites

dott.cicala

Automi a stati finiti significa implementare i costrutti IF /THEN - CASE  a volte incapsulati fra loro.

Uno scherzo in logica programmata, un assurdo in logica cablata e sequenziale.

Bisognerebbe sapere innanzitutto con quale tecnica deve essere realizzato.

 

 

Link to comment
Share on other sites

ciccioilgrande

ma si può fare anche con scr (@gabri:la lucetta spenta dice tutto):

 

 

 

scrlucetta.png

Link to comment
Share on other sites

gabri-z
1 ora fa, ciccioilgrande ha scritto:

(@gabri:la lucetta spenta dice tutto):

 

Il 28/11/2020 alle 09:08 , Nicholas_Longo ha scritto:

Se invece si preme un pulsante sbagliato va nello stato di errore.

La lucetta spenta dice '' chiusura attiva '' e non '' inserimento codice errato ''

Comunque , anche io sono sulla lista degli ignoranti sugli '' automi di tutti i tipi '' .

Anche da me non venivano insegnati ( o magari con questo nome , come mi è successo con Thevenin , mai sentito fino a qualche anno fa , ma visto quel che trattava , ho capito che l'avevamo fatta , ma senza il nome )

 

E lui deve (se c'è ancora :lol: ) fare una simulazione con 'sti automi

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini

semaforo.jpg.070fbbe5f0b5da47c8d6be5e4547ed8b.jpgPer conto mio, anche se li ho studiati al corso universitario di macchine calcolatrici circa mezzo secolo fa, è un modo complicato per fare cose semplici.

Per conto mioè molto meglio un schema di flusso e/o una descrizione dettagliata.

 

Tanto per fare un'esempio riporto un classicotratto dalla rete

Questo è un ASF di un semaforo

 

Le frecce che riciclano sui cerchi indicano che ilprogramma è fermo in attesa di un comando, i segmenti con freccia indicano la transizione da uno stato all'altro.

Questo è un classico semaforo italiano,ma in altri paesi si usa interporre il giallo anche tra il rosso ed il verde.

Provate a realizzare questa variante.

 

Poi come controprova, scrivete i due differenti schemi di flusso, e vedrete come sono semplici.

 

L'autore della discussione si è eclissato, forse sperava che qualcuno gli servisse l'sercizio finito; anche volendo non è possiible perchè non ha specificato con quale tecnologia deve realizzare il tutto.

Edited by Livio Orsini
Link to comment
Share on other sites

ciccioilgrande

 

Gabri, è una questione di lana caprina,nel momento in cui la serratura non si apre ,è implicito che il codice è sbagliato ,non c'è bisogno di una scritta, e dato che io mi diverto molto nel progettare i circuito e poi migliorarli adesso lo posto modificato, in modo che se non si fa la seguenza esatta dei pulsanti, il tutto si azzera :

 

 

 

 

scrlucetta.png

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini

Hai letto il testo dell'esercizio?

Non puoi risolverlo come vuoi, ma come è richiesto!

Link to comment
Share on other sites

luigi69
2 ore fa, Livio Orsini ha scritto:

L'autore della discussione si è eclissato, forse sperava che qualcuno gli servisse l'sercizio finito

Strano.....non capita mai...🤔

Buona serata a tutti voi

Link to comment
Share on other sites

gabri-z
12 minuti fa, luigi69 ha scritto:

Strano.....non capita mai...🤔

Vero , deve essere successo qualcosa .....

 

Buona serata anche a te !

Link to comment
Share on other sites

ciccioilgrande
25 minuti fa, Livio Orsini ha scritto:

Hai letto il testo dell'esercizio?

Non puoi risolverlo come vuoi, ma come è richiesto!

Si è vero l'ho risolto a modo mio,ma solo l'unico che finora ha postato qualche schema

Link to comment
Share on other sites

maxmix69

Già che siamo OT....
In un altro post chiesi se danno fastidio solo a me quelli che fanno IN CONTEMPORANEA la stessa domanda in tutti i forum che trovano, spesso senza aspettare nemmeno le risposte.
Adesso chiedo se danno fastidio solo a me quelli che come primo post (me ne sono accorto solo adesso....) invece di presentarsi espongono il proprio problema, sperando come ha scritto @Livio Orsini
 

3 ore fa, Livio Orsini ha scritto:

forse sperava che qualcuno gli servisse l'sercizio finito

 

1 minuto fa, ciccioilgrande ha scritto:

ma solo l'unico che finora ha postato qualche schema

Non funzionante, sopratutto il secondo.
 

Link to comment
Share on other sites

Nino1001-b
Quote

Non funzionante, sopratutto il secondo

Se era funzionante la discussione sarebbe finita, non funzionante è motivo di discussione.

 

Considerato che in generale l'argomento elettronica langue possiamo porci noi il problema, il passatempo (per chi ha tempo!) è abbastanza economico.

In generale possiamo dire che :

1) La serratura si apre solo con la giusta sequenza di 4 tasti su 10.( 6-8-5-4), gli altri sono tasti civetta (ma essendo in parallelo fra loro è facile da individuare i tasti giusti... problema da risolvere)

1a) La serratura ha 5 tasti, la combinazione è composta dal premere un certo numero di volte ciascun tasto.( tasto1=2 volte; tasto 2= 3 volte; tasto 3 =4 volte tasto5= sei volte tasto 6= 1 volta ( chi è nato nei mesi a due cifre resta fregato!)

Non è necesssario risolvere il problema dei tasti civetta.

 

1b) Tutti e due i sistemi insieme, una tastiera a 10 cifre con n. tasti da pigiare in sequenza un certo numero di volte.

 

2) Ad essere precisi dovrebbe scattare l'allarme dopo 5 tentativi o in alternativa il sistema si blocca per 15 minuti

 

Farlo con Arduino che,credo rispetti il criterio dell'automa a stati finiti mi sembra fin troppo facile, ( io che sono digiuno di programmazione ci sono riuscito.)

 

Farlo con l'elettronica digitale mi sembra un buon esercizio, nma anche con i classici relè...e se uno fa l'ultimo anno di ITIS non vedo perchè non si debba imporgli tutti e tre i sistemi...o in alternativa ad Arduino i PIC..o una programmazione qualunque ...

 

Link to comment
Share on other sites

dott.cicala

Perché i tasti son diventati dieci? Non erano quattro?

Troppo facile cambiare le carte in tavola

 

 

Link to comment
Share on other sites

gabri-z
1 ora fa, dott.cicala ha scritto:

Perché i tasti son diventati dieci? Non erano quattro?

Tanto non devono risolvere loro !:roflmao:

Link to comment
Share on other sites

gabri-z
1 ora fa, Nino1001-b ha scritto:

e se uno fa l'ultimo anno di ITIS

Da quale parte del mondo , ? ( visto che non raggiunge più il forum....)

Poi se fossi io ad aver chiesto allo studente la soluzione '' in un certo modo '' , non vorrei che me la presentasse in un altro modo .Una ragione deve esserci .(spero )

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.



×
×
  • Create New...