Jump to content
PLC Forum


Sign in to follow this  
ggluca

Il Differenziale - comportamento anomalo

Recommended Posts

ggluca

Ecco quello che è successo:

Ho rifatto l'impianto luce nella mia cantina, montando un magnetotermico-differenziale da 6A/10 mA BiTicino dentro il locale.

Per verificare se l'impianto a terra fosse OK ho collegato momentaneamete il neutro con la massa sperando che mi saltasse il differenziale.

Non è saltato.

Cos'è successo invece?

E' andata via la luce delle scale/cantine/solaio di tutto il condominio.

Amareggiato dell'inutile spesa sono andato quindi a vedere i differenziali GENERALI da 30 mA ABB singolarmente della cantina, solaio, e scale.

Nulla, tutti attivi

Preoccupato sono andato (al buio) a beccare il differenziale (rotativo) nel quadro centrale del condominio a monte di tutti i tre: finalmente trovato, era saltato questo (non riconosco la marca).

Ora mi chiedo come mai non è saltato il mio (collegato a pochi metri e molto sensibile), come mai non è saltato quello sucessivo (a circa 10 metri) ma è saltato quello a monte di tutto l'impianto ad almeno 100-200 metri dal corto circuito....??

Non doveva mica intervenire quello più vicino che tra l'altro è il più sensibile?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Luca Bettinelli
dal corto circuito....??

Quello che tu hai fatto non è un corto circuito, il corto circuito è collegamento tra fase e neutro a bassa resistenza.

ho collegato momentaneamete il neutro con la massa sperando che mi saltasse il differenziale.

Certo che hai delle belle speranze !!, se colleghi il neutro a massa normalmente non succede nulla, in quanto in codizioni normali il neutro è a potenziale zero (terra), non per altro nella cabina di trasformazione di solito il neutro è a terra.

Il differenziale interviene se la corrente che circola sulla fase, viene dispersa e ritorna tramite il circuito di terra invece che tramite il conduttore di neutro.

differenziale (rotativo) nel quadro centrale del condominio

Cosa è un differenziale rotativo ???

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClA
Per verificare se l'impianto a terra fosse OK ho collegato momentaneamete il neutro con la massa sperando che mi saltasse il differenziale.

Non è saltato.

Perché avrebbe dovuto intervenire? la tensione del neutro può benissimo essere uguale alla tensione di terra, quindi il differenziale potrebbe intervenire oppure no. Questa prova (che pure molti considerano corretta) è del tutto prova di significato.

Cosa è un differenziale rotativo ???

E' un differenziale con comando a manopola rotativa (immagino), di solito hanno corrente nominale elevata (es 100A).

Non doveva mica intervenire quello più vicino che tra l'altro è il più sensibile?

Non è detto. La selettività amperometrica (cioè basata solo sulla corrente differenziale di intervento), è solo parziale. Bisogna vedere anche la rapidità con cui interviene il differenziale. Forse il differenziale a valle, anche se da 10mA, era più lento di quello a monte da 30mA.

Le Norme dei differenziali lasciano ampio margine per la costruzione della curva tempo-corrente di intervento e non è detto che un differenziale più è rapido e meglio è (v problema scatti intempestivi).

In ogni caso questa è solo un'ipotesi.

Può essere che sia guasto il differenziale da 10 mA, o quello da 30mA, o nessuno dei due o tutti e due. Andrebbero verificati singolarmente con apposita strumentazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
oiuytr

Comunque, la cosa piu' strana della vicenda e' che e' interventuo il differenziale delle parti comuni, e non, eventualmente, il differenziale a valle del contatore di ggluca :o

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClA

Sì, sarebbe molto strano ma mi sembra di capire che le cantine siano sotto il contatore condominiale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ggluca

Anche in casa mi scatta il differenziale se tocco neutro con terra (senza scintilla).

Comunque i quadri sono tutti in serie:

1 condominio(tutto)>>2

2 servizi (quello che è scattato)>>3

3 scale

3 solaio

3 cantine>>4

4 cantina personale

I differenziali 4 e 3 sono perfettamente funzionanti (ho provato con il tasto di test) .

L'unica spiegazione logica mi sembra sia la velocità di risposta.

Per quanto riguarda la differenza di potenziale sarà nulla all'inizio dell'impianto, ma a 200 metri con tutto l'impianto attivo (vedi luci cantine e luci scale), per effetto della legge di ohm dovrebbe generarsi una differenza di potenziale dato il carico resistivo del cavo di neutro e la corrente di ritorno che circola (cavi da 1.5mm2).

Tanto per intenderci se aziono in cantina un trapano da 600W si abbassa la luce.

O addirittura se parte l'ascensore (con quadro indipendente collegato a 1) le luci si abbassano anche se quasi in modo impercettibile.

Quindi anche se in teoria neutro e massa dovrebbero essere allo stesso potenziale in pratica con tutto l'impinato sotto carico questo non si verifica mai.

Ho ragione?

Share this post


Link to post
Share on other sites
wnc

Concordo. Negli impianti TT il neutro non viene mai garantito che sia a potenziale zero.

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClA
Concordo. Negli impianti TT il neutro non viene mai garantito che sia a potenziale zero.

Certo. Ma nemmeno puoi garantire che il potenziale di neutro sia così diverso da zero da fare scattare il differenziale!!!!

Edited by ClA

Share this post


Link to post
Share on other sites
Avalon

Comunque i quadri sono tutti in serie: 
1 condominio(tutto)>>2
2 servizi (quello che è scattato)>>3
3 scale
3 solaio
3 cantine>>4
4 cantina personale
O addirittura se parte l'ascensore (con quadro indipendente collegato a 1)

Che cosa vogliono dire tutti sti numeri? >>2, >>3, >>4.

E che vuol dire quadro indipendente collegato a 1? è un nuovo tipo di collegamento? tipo Stella/Triangolo? :blink::blink:

Share this post


Link to post
Share on other sites
ivano65

normalmente il potenziale del neutro si aggira tra 0.5 e2.5 volt (ho personalmente eseguito diverse misure in luoghi diversi, serviti da differenti cabine di trasformazione nb:per curiosita' personale perche' ai fini dell'impianto la cosa non ha nessuna importanza)) il che e' piu' che sufficiente a far intervenire qualsiasi differenziale ad uso civile.in questo caso evidentemente scatta il piu' veloce ad intervenire

basta ricordare i vecchi contatori enel con differenziale incorporato a bassa sensibilita' che imponeva il suo ripristino ad ogni guasto a massa , magari uscendo di casa quando era all'esterno.( eppure il differenziale a valle era di 30ma)

il fatto che il neutro sia in tensione e' dovuto al fatto che dalla cabina all'utilizzatore ci sono diversi metri di linea e quindi c'e caduta di tensione sul conduttore

la prova del differenziale fatta in questo modo e' comunque grossolana e dai risultati incerti, meglio sarebbe , in mancanza di appositi strumenti collegare un carico resisivo tra fase e terra che faccia circolare una corrente pari a quella di intervento del differenziale (con reistenza di circa 22000 hom per differenziale di 10ma

ivano65

Edited by ivano65

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClA
nb:per curiosita' personale perche' ai fini dell'impianto la cosa non ha nessuna importanza

Se la domanda era indirizzata a me, ecco la risposta.

Se colleghi il neutro a terra e il differenziale non scatta, cosa puoi concludere? che il differenziale è guasto? assolutamente no. Dici che il potenziale di neutro minimo che tu hai misurato è 0,5 volt. Ma chi ti assicura che non possa essere 0,05 volt, o 0,0005 ....? Io da parte mia ti dico che esistono differenziali ritenuti guasti dagli elettricisti perché hanno fatto su di essi questa bizzarra prova e poi in laboratorio risultavano perfettamente funzionanti.

Viceversa, se il differenziale scatta con questa prova, cosa puoi dedurre? solo che il differenziale non è morto. Come dici tu la differenza di potenziale fra neutro e terra spesso è più che sufficienete per far intervenire un 30 mA. Io dico che è.... fin troppo. La corrente differenziale che gli fai vedere probabilmente è di molto superiore ai 30 mA di targa. La prova, anche in questo caso, non è molto significativa (il differenziale potrebbe essere di molto starato verso l'alto). Lo stesso, per altro, potrebbe succedere con il famoso pulsante di prova. Ma, in questo caso, la corrente differenziale generata, non può essere superiore a 2,5 volte quella nominale (è un requisito normativo).

In conclusione: questa prova è meglio non farla (eventualmente fare quella che dici tu, con il resistore esterno).

Share this post


Link to post
Share on other sites
ivano65

forse sbadatamente nel mio messaggio appariva qualche parentesi di troppo per errore di battitura, quindi non era una domanda.

comunque vedo che io e cia la pensiamo alla stessa maniera , che penso sia la piu' corretta dal punto di vista tecnico.

ivano65

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...