Vai al contenuto

Marcos2000

Annosa Questione Sugli "anticalcare" e coadiuvanti - Soldi buttati o giusto mantenimento?

Recommended Posts

tinos600

Ti ringrazio tantissimo e mi lusinghi ad avermi pensato ma spero si sia capito che il commento che hai citato era di puro sarcasmo! ;)

Per gli studi che ho fatto e lavoro della mia famiglia (ma anche mia sorella) praticamente viviamo di cose tossiche ed inquinanti, quindi non crediamo per nulla all'eco-terrorismo (perché di quello si tratta) dopo esserci assolutamente disillusi. Aggiungo poi che è grazie anche a queste cose che oggi si vive 90 anni e non 40 come nel 1800! :smile:

Sarcasmo o meno, se tu sei contento di vivere in ambienti tossici e di inquinanti, perchè pensi ti possano allungare la vita....fai pure :smile: Se invece, quando dici "viviamo di cose tossiche" lo fai perchè hai un interesse e ritorno personale in questo settore, beh trovo alquanto scorretto disinformare la gente, per questo ti rispondo.

La conclusione dell'articolo che mi presenti poi è il top, mischiare aceto e bicarbonato insieme! Anche un ignorante sa che acidi e basi si neutralizzano,

in parte ti sei risposto da solo, "anche un ignorante" aggiungo, lo capirebbe che hanno sbagliato a scrivere "bicarbonato insieme ad aceto"...

poi non so dove sia il "bassissimo costo" di cui parlano! Una confezione di Vernel da 40 lavaggi costa 3,99 euro a prezzo pieno, ossia 10 cent a lavaggio. Un litro dell'aceto più scarso costa 99 cent ed una fiala di essenza di lavanda ne costa circa 5. Considerando che una tazza è da 200-250 ml significa che ogni bottiglia di aceto dura appena 4 o 5 lavaggi, senza considerare il costo del profumo vado a spendere il DOPPIO rispetto all'ammorbidente vero che fa un lavoro migliore.

200-250 ml di aceto al posto dell'ammorbidente, io lo metterei nelle lavatrici industriali da 30 kg di bucato. Per quel che ne so, in lavatrici casalinghe da 5-6 kg di bucato, 30ml di aceto sono anche troppe. Senza contare che, se al posto dell'aceto, andiamo ad usare l' acido citrico un prodotto del tutto ecologico, il risparmio c'è eccome!

Ecco dov'è il basso costo l'ecologia:

1 kg di acido citrico costa dai 2,80€ su internet (prezzo medio)

con 1kg di a.c. ci faccio circa 6 litri di liquido da usare come ammorbidente:

30/50 ml a lavaggio, circa 120 dosi di ammorbidente al costo di 0,02 centesimi, contro i 10 cent del vernel (dove lo hai visto a quel prezzo il vernel?...quà costa 3,50 per 25 dosi).

Ma l'a.c. si può usare come anticalcare e in 1000 altri modi...ah, dimenticavo che a te non farebbe comodo, tu vuoi le cose inquinanti e tossiche :clap:.

Fermo restando che far bollire un litro d'aceto nella lavatrice la disincrosta per bene, è un prodotto che non consiglierei di certo per la morbidezza!

Acido citrico, non puzza costa meno e la biancheria è morbida al punto giusto, neanche a me piace l'aceto.

Piuttosto è bene lavare con un detersivo in polvere (meno inquinante) correttamente alla giusta temperatura.

Detto così sembri voler dire che il detersivo sia meno inquinante dell'aceto :blink:. Sei sicuro?

;) Proprio oggi ho fatto un carico di asciugamani e sono così morbidi che sembra di toccare piume e l'assorbenza non ne risente affatto!

Mah guarda, a me personalmente gli ammorbidenti non sono mai piaciuti, perchè ho sempre pensato che ci fosse qualche sostanza nociva all'interno.

L'idea ormai consolidata, di dover risciascquare per bene il bucato che poi metti sulla pelle, per poi ficcargli su un'altra schifezza industriale con chissà quale veleno da mettere sulla pelle, l'ho sempre trovata poco intelligente, e l'articolo che ho citato mi ha dato ragione:

Tra i componenti degli ammorbidenti e non solo, tanto per fare un esempio, troviamo il limonene che non è un olio o un estratto di agrumi, ma un terpene: un estratto, ma dal cracking dei copertoni usati delle auto, ed è aggiunto a detersivi ed ammorbidenti per la sua azione solvente su grasso ed olio, oltre che per l’ingannevole somiglianza del suo odore con l’aroma di limone. Un falso agrume derivato dalla distillazione industriale di vecchi copertoni, che utilizziamo per lavare stoviglie, biancheria, sanitari e pavimenti.
http://www.bio-logic...rsivi-ambiente/

Se poi pensi che mettersi addosso dei vecchi copertoni, che chissà quanti kilometri avranno percorso e su quali strade, (mi vengono in mente i camion dell'AMIAT) ti facciano sentire meglio o vivere di più a lungo, fai pure... ma non cercare di convincere me del contrario!

Mi spiace tu non abbia colto, o voluto cogliere, il senso dell'articolo, concentrandoti solo su un'errore che non c'entra nulla con il senso dello stesso, insistendo sull'uso di detersivi e ammorbidenti industriali, altamente inquinanti e nocivi, per la salute e dell'ambiente, ma ora capisco perchè.

Buon lavaggio :smile: !

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
DJ_Gabriele
Se invece, quando dici "viviamo di cose tossiche" lo fai perchè hai un interesse e ritorno personale in questo settore

Quella si chiama ironia! Ma evidentemente è un'arte persa... (e comunque sono un ing. specializzato nel nucleare, i miei hanno una lavanderia commerciale e mia sorella è chimica ecco perché quelle citazioni) ovvio che non mi vado a mettere in bocca la trielina (sarei così scemo!?) ma sono più che sicuro che gli ammorbidenti siano il male minore che mi possa capitare in casa! Inoltre sa avessi letto per bene quello che ho scritto avresti notato che uso prodotti industriali non profumati, quindi senza quelle robe che citi

l limonene che non è un olio o un estratto di agrumi, ma un terpene

che mettersi addosso dei vecchi copertoni

Inoltre aggiungo che "prodotto industriale" in questo caso sta per prodotto destinato ad una lavanderia professionale, non il Deox che userebbe la casalinga di Voghera (che peraltro lava molto bene!)

Inoltre leggi un articolo della rispettabile "altroconsumo" e scoprirai che i detersivi cosiddetti "ecologici" lavano peggio e fanno lo stesso danno dei prodotti tradizionali, costano solo di più e ti pigliano per i fondelli.

PS: il limonene esiste anche nei limoni veri, non solo nei copertoni...

Poi chi sono io a decidere se tu vuoi lavare tutto con l'aceto e un filo di detersivo? Non mi permetto di certo a fermarti ma semplicemente mi limito a dissentire con veemenza!

Detto così sembri voler dire che il detersivo sia meno inquinante dell'aceto . Sei sicuro?

Certo che no, il "meno inquinante" è riferito al detersivo liquido vs. detersivo in polvere: il secondo è meno peggio per l'ambiente.

Acido citrico, non puzza costa meno e la biancheria è morbida al punto giusto, neanche a me piace l'aceto.

Però mi hai citato un articolo che parla in modo ignorante ed allarmista che parla di aceto e bicarbonato e non di acido citrico.

Mi spiace tu non abbia colto, o voluto cogliere, il senso dell'articolo

Ahimè lo ho letto fin troppo bene ed il senso è chiaro! Inoltre aggiungo che i fosfati non si usano più da anni nei detersivi per il bucato!

1 kg di acido citrico costa dai 2,80€ su internet (prezzo medio)

Senza contare che la spedizione costa solo 9,99 euri...

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
tinos600
Quella si chiama ironia! Ma evidentemente è un'arte persa...

scusami, ma anche rileggendo la tua risposta non c'ho trovato nulla di ironico :senzasperanza: ...magari se ci mettevi una faccina...

Inoltre aggiungo che "prodotto industriale" in questo caso sta per prodotto destinato ad una lavanderia professionale, non il Deox che userebbe la casalinga di Voghera (che peraltro lava molto bene!)

a ridaje con i prodotti commerciali, sei proprio innamorato di questi prodotti chimici :D .

Inoltre leggi un articolo della rispettabile "altroconsumo" e scoprirai che i detersivi cosiddetti "ecologici" lavano peggio e fanno lo stesso danno dei prodotti tradizionali, costano solo di più e ti pigliano per i fondelli.

l'ho letto, ma stiamo sempre parlando di prodotti ai quali hanno soltanto cambiato "etichetta" da blu, rosso, bianco a verde. Ora è tutto magicamente diventato biologico. Su questo non posso far altro che esser d'accordo, a parte solo qualche prodotto di una grossa catena commerciale, gli altri sono solo diventati "verdi" e più cari e non perchè lo dice Altroconsumo, personalmente ne sono venuto a conoscenza tramite un'altro forum dove si discute di prodotti ecologici per la casa e altro. E se devo dirla tutta, io gli articoli di Altroconsumo li piglierei con le pinze, hai presente la classifica delle lavatrici, dei pneumatici, stampanti? Ma questo è un'altro discorso...

Certo che no, il "meno inquinante" è riferito al detersivo liquido vs. detersivo in polvere: il secondo è meno peggio per l'ambiente.

anche quì, non avendolo scritto io (da ignorante) non l'ho capito, buono a sapersi :thumb_yello:

Però mi hai citato un articolo che parla in modo ignorante ed allarmista che parla di aceto e bicarbonato e non di acido citrico.

veramente non l'avevo notato neppure io, ma poi per caso, ieri, rileggendolo ho visto che invece l'hanno scritto, (verso il fondo):

E’ possibile affrancarsi dalla ‘dipendenza da ammorbidente’ ? Esistono soluzioni alternative, naturali, sicure ed efficaci?

Certo che si, sono già in commercio ammorbidenti naturali ed ecologici, a base di acido citrico, che puoi acquistare in vendita anche sfusi nei supermercati biologici, nelle botteghe del commercio equo e solidale, oltre che essere ormai reperibili sugli scaffali delle grandi catene di distribuzione.

io non ci vedo nulla di allarmista, ma invece ci ho trovato una cosa molto utile...si chiama informazione

pensa che U.E li ha vietati ma li potrai ancora usare fino al 2016

pare che tanto bene non facciano

proprio no.

Ahimè lo ho letto fin troppo bene ed il senso è chiaro! Inoltre aggiungo che i fosfati non si usano più da anni nei detersivi per il bucato!

a quanto pare le cose non stanno affatto così, entro il 2014 forse ci sarà una riduzione

adnkronos

La proposta presentata a novembre si applicherà a partire dal 1º gennaio 2013 e prevede la necessità di rivalutare la situazione per quanto riguarda i detergenti per lavastoviglie automatiche entro il 31 dicembre 2014. Gli eurodeputati hanno chiesto alla Commissione di pronunciarsi entro il 2016 anche sull'utilizzo dei fosfati per uso industriale.

Il miglior consiglio per scegliere e utilizzare al meglio i detersivi per lavatrici e lavastoviglie è: leggere bene l'etichetta. Sulla confezione, infatti, si trovano tutte le indicazioni, obbligatorie e volontarie, utili per fare una scelta consapevole.

Senza contare che la spedizione costa solo 9,99 euri...

Certo, ma chi comprerebbe un quantitativo misero di 1 kg rimettendoci tutte le spese di trasporto? Oltretutto su un prodotto che sfrutterei in 1000 modi diversi in tutta la casa... alcuni esempi:

anticalcare per il bagno e per le parti cromate

ammorbidente per lavatrice

disincrostante per lavatrice

brillantante per lavastoviglie

elimina macchie di ruggine

fissatore dei colori scuri

districante e balsamo brillantante per capelli

Ti spiego come ho fatto io, ne ho parlato con qualcuno e ho notato molto interesse, certo non tutti ci arrivano perchè bisogna aver sviluppato una coscienza ecologica, ma forse sono stato fortunato a trovare subito chi c'è l'aveva, così ci siamo messi d'accordo per comprarne 25 kg e dividercelo, inoltre ho intenzione di regalarne qualche kg a mia madre, i miei fratelli e a qualche amico/conoscente, in fondo cosa sono pochi euro per un regalo utilissimo?

Nonostante i 10 euro di trasporto, +

61€ per 25 kg di prodotto,

per un totale di 71€

suddiviso in 25 kg, fa esattamente 2,84€ al kg, per me e moltissime altre persone in rete è conveniente, e se poi è anche ecologico è veramente il top, se non ci credi guarda tu stesso:

link

link video

Comunque a parte l'Acido Citrico, ho anche ordinato il:

Carbonato di sodio a 1,50 al kg e il

Percarbonato di sodio a 2,43 al kg

mentre il bicarbonato di sodio lo compro direttamente quì nei discount a basso costo, e con questi 4 semplici prodotti ho intenzione di rimpiazzare tutti i prodotti detergenti chimici per casa e per l'igiene personale. Mi sono stupito della semplicità con cui si possono preparare, tantè che ho fatto io stesso una guida per l'uso di questi prodotti.

A parte la crisi (e c'è veramente da risparmiare alla grande), si chiude veramente il cerchio perchè sono anche tutti prodotti a bassissimo impatto ambientale, si parla del 98%.

Ciao e come sempre buon lavaggio :thumb_yello:

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
DJ_Gabriele
a ridaje con i prodotti commerciali, sei proprio innamorato di questi prodotti chimici .

Si lo sono, sono anche dell'idea che se facessi analizzare un tuo asciugamano dopo averlo usato un paio di giorni ed uno dei miei la differenza sarebbe notevole ;)

Buon divertimento a mischiare prodotti e affini! Continuerò imperterrito ad usare i prodotti già fatti per avere il massimo della soddisfazione e pulizia, andrò incontro all'ambiente in modi che ritengo più sani per il mio comfort!

io non ci vedo nulla di allarmista, ma invece ci ho trovato una cosa molto utile...si chiama informazione

pensa che U.E li ha vietati ma li potrai ancora usare fino al 2016

In quell'articolo non dice neppure che genere di sostanze siano, te lo dico io! Sono tre tipi di ftalati plasticizzanti e si sa da tempo che siano dannosi per la salute, un prodotto che serve per la produzione di schiume di poliuretano ed un ritardante di fiamma, il profumo di finto muschio, l'ultimo citato invece, seppur non bandito non è più utilizzato dagli anni 80 in Europa per via della sua accertata tossicità. Sono prodotti che non hanno nulla a che fare con i detersivi e così dimostri di non saper scegliere bene le tue fonti o ahimè essere ignorante in materia e quindi facilmente suggestionabile ed influenzabile! E questo è un peccato perché quello che ti è accaduto non è una scelta consapevole ma un vero e proprio atto di eco-plagio eco-terrorismo!

Comunque proprio non mi capisci, certo che non voglio usare prodotti che facciano male alla salute ma ritengo, che allo stato attuale delle cose il detersivo di sintesi sia il mio ultimo nemico, molto peggiori inveece i pazzi che guidano macchine da 600 cavalli oppure ai 20 fumatori che mi circondano alla fermata dell'autobus o al prendere un treno piuttosto che altro altro mezzo dove non si rischi la scabbia a sedersi.

Inoltre non so chi abbia scritto quell'articolo ma i detersivi da bucato non contengono fosfati da almeno 10 anni... restano solo in quelli da lavastoviglie per la loro azione di addolcimento dell'acqua. Infatti se prendi una scatola a caso di detersivo vero scoprirai che il contenuto in fosforo è bassissimo e dovuto solo alla presenza di composti "fostonati" del tutto differenti da quelli precedenti in cui il contenuto di fosforo totale si aggirava intorno al 7-12% del prodotto.

Infine, a suffragare quello che dico avrai i fatti, ti basta aprire il mio collegamento alla foto di una quantità di detersivi in commercio oggi

detersivo.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
carla_m

Ora..scusate l'intrusione, ho cercato di leggere la vostra discussione perchè stando in Umbria dove l'acqua è "abbastanza" dura e dovendo fra un po' comprare una nuova lavatrice, un nuovo addolcitore (visto che cambierò casa) ero interessata a capire come sfruttare al meglio gli elettrodomestici; tra formule e discussioni però mi sono veramente persa!!

Ve la sentireste di fare un piccolo riassunto un po succinto alla portata di chi ignora formule e quant'altro... per consigliare cosa usare come anticalcare ed in che quantità, quale addolcitore è meglio comprare, quali detersivi sarebbe meglio usare o non usare?

Inoltre... avete scritto in questo forum, anche di alcune lavatrici come samsung ed altre...io ho fatto portare i tubi dell'acqua calda e fredda dove avrò la lavatrice così da poter scegliere fra tutte le possibilità...ma, vista l'importanza dei lavaggi e dei risciaqui per far sì che che i capi sia privi poi di residui di detersivi, quali lavatrici mi consigliereste?

Grazie!

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Diomede Corso

Ciao Carla, benvenuta.

Istallando un'addolcitore con resine a scambio ionico (tipo quella della lavastoviglie) a monte della linea dell'acqua che entra in casa, non hai alcun bisogno di altro per usare al meglio i tuoi apparecchi in casa. Imposti il decal della lavastoviglie sul minimo e nella lavatrice stai su dosi basse di detersivo, e anche la caldaia ti ringrazierà.

Per i lavaggi in lavatrice: più riassuntivo che dirti di usare tutte le temperature (TUTTE!! Anche a 90°C quando lavi biancheria resistente senza l'idea di fare il solito stupido lavaggio a vuoto che tanto potrebbe così anche non serivre) e preferire i detersivi in polvere (quelli di marca paradossalmente si sciolgono peggio di quelli del Lidl) ai detersivi liquidi da usare invece per temperature da 40°C in giù ed in particolare per le fibre sintetiche, ammorbidente con il contagoccie oppure aceto bianco... :senzasperanza:

Sull'acquisto della lavatrice nuova non mi pronuncio... :mellow:


Messaggio editato da Diomede Corso

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
carla_m

Innanzitutto grazie per la risposta, ma se posso chiedere... perchè sulla lavatrice non ti pronunci?

Sono molto indecisa, mi ispirava la rex sunny, un po' perchè di solito rex produce macchine buone (o almeno lo penso) ed inoltre ha il doppio attacco dell'acqua.

Però leggendo il forum c'è chi dice che in ealtà il risparmio è supefluo.

Dopo la recensione di altro consumo pensavo alla candy grand evo ma, sempre leggendo, il sistema da loro "progettato" non funziona poi così bene; pensavo alla samsung ma l'avete bocciata perchè la resistenza in ceramica, così qualcuno ha scritto, ce l'hanno praticamente tutte e poi con l'addolcitore non sarebbe così necessaria.

Pensavo ad una carica frontale perchè mi hanno sempre detto che nelle lavatrici a carica dall'alto si potrebbero rompere il cestello, invece da quello che mi sembra dici tu, sono in realtà migliori.

Insomma leggendo il forum mi sono sorti un sacco di dubbi... quindi un consiglio o dei consigli spassionati non mi dispiacerebbero!! :worthy:

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
Pensavo ad una carica frontale perchè mi hanno sempre detto che nelle lavatrici a carica dall'alto si potrebbero rompere il cestello, invece da quello che mi sembra dici tu, sono in realtà migliori.

Le rotture dei cestelli, nei modelli a carica dall'alto, dipendono esclusivamente da una chiusura imperfetta dello sportello, dovuta a distrazione dell'operatore; questo, nei modelli attuali, è quasi del tutto impossibile.

In compenso questo tipo di lavatrice offre innegabili vantaggi pratici e meccanici.

Il maggior vantaggio pratico consiste nel richiedere minor spazio e maggior comodità durante la carica dei panni.

Il vantaggi meccanici sono paracchi; principalmente: assenza di guarnizioni sottoposte a stress per le oscillazioni, minor carico sui cuscinetti. Questo si traduce in una maggior durata dei cuscinetti e nell'assenza di manutenzione della guarnizione oblò che non esiste.

Nella mia famiglia la prima lavatrice che entrò in casa fu una IGNIS super automatica, la prima lavatrice con carica dall'alto. Sono passati più di 50 anni ed abbiamo usato sempre e soltanto questo tipo di alvatrice. Anzi quella lavatrice è ancora funzionante anche se sono 2 anni che non viene usata, ma è sempre li in lavanderia pronta per un'eventuale emergenza. :smile:

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
DADOLADO

Scusate se mi allaccio ad un discussione di tanto tempo fa, ma so che siete sempre attivi.....ritornando agli anticalcare elettronici o magnetici (quelli che trasformano calcio e magensio in aragonite e quindi lo tengono sospeso nell'acqua), secondo voi, con una lavastoviglie con regolazione addolcitore elettronica come bisogna regolarsi? Con la "taratura" alta l'interno della lavastoviglie rimane pieno di residui e striature, potrebbe essere che l'acqua viene addolcita troppo e quindi non riesce a risciacquare bene? Ho provato anche dimezzando la dose del detersivo ma cambia poco.....

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Non puoi accodarti, specie dopo sei anni. (leggi il regolamento)

Devi aprire una nuova discussione.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Visitatore
Questa discussione è chiusa.

×