News

Energia senza interruzioni ovunque: Intergen rinnova la sua linea di gruppi di continuità rotanti

L'azienda, con 66 impianti UPS realizzati in Italia, rilancia la sua offerta con la linea No Break KS® ad elevata efficienza e basso impatto ambientale grazie all'adozione della tecnologia dell'accumulo cinetico dell'energia. Un mercato importante ed esigente fatto da ospedali, aeroporti, impianti industriali, telecomunicazioni, infrastrutture di trasporto

Lomagna, 28 maggio 2019. Intergen, la energy generation company italiana, rinnova la sua linea di gruppi di continuità con i sistemi rotanti  della serie No Break KS® ad elevata efficienza e ridotto impatto ambientale. Intergen, nota per essere leader negli impianti di cogenerazione industriale, è protagonista anche nel difficile mercato della fornitura di generatori d'energia senza interruzioni, con 66 installazioni solo nel nostro Paese.

 

Poter disporre di energia elettrica senza interruzioni è una esigenza fondamentale per un gran numero di operatori istituzionali ed economici. Gli esempi più noti sono gli ospedali e gli aeroporti, dove un'interruzione elettrica anche di breve durata comporta rischi elevatissimi per vite umane e beni materiali, ma l'elenco degli utilizzatori dei gruppi di continuità va dagli impianti industriali a quelli di telecomunicazioni, dalle infrastrutture come i tunnel stradali e ferroviari alle istituzioni finanziarie e la pubblica amministrazione, dai data center agli enti di ricerca.

I gruppi di continuità installati da Intergen sono del tipo rotante e sono la soluzione ideale per tutte quelle situazioni in cui l'erogazione di energia elettrica non deve subire degrado di qualità (sbalzi in tensione e frequenza) né interruzioni; quindi vengono utilizzati nelle situazioni più esigenti. 

 

Nei sistemi tradizionali, detti statici, il gruppo di continuità è dotato di batterie al piombo che mantengono l'alimentazione alle utenze quando la rete elettrica diventa instabile o si interrompe per un certo periodo di tempo, dando modo al motore diesel di mettersi in moto e di raggiungere la velocità di rotazione ideale per azionare il generatore. Viste le grandi potenze in gioco e i tempi molto ristretti di avvio, questo tipo di soluzione richiede installazioni particolari, per esempio per il raffreddamento delle batterie. Inoltre, a fine vita le batterie devono essere smaltite.

Nei gruppi rotanti come i No Break KS® installati da Intergen , invece, l'accumulo di energia avviene facendo ruotare tramite un motore elettrico collegato alla rete un volano a due rotori concentrici, accoppiati tra di loro elettromagneticamente. In questo modo, mentre il rotore esterno (che ruota a 3000 giri al minuto per le reti a 50 Hz come quella italiana)  accumula energia, quello interno, che gira a velocità più bassa (1500 rpm) funziona da stabilizzatore di tensione e frequenza. 

 

Quando la rete diventa instabile e supera la gamma di oscillazioni gestibile dal gruppo, o si interrompe del tutto, l'energia cinetica accumulata dal volano esterno viene trasferita tramite accoppiamento elettromagnetico a quello interno, che a sua volta aziona il generatore, garantendo che l'alimentazione alle utenze venga mantenuta senza interruzioni e sbalzi di tensione e frequenza.  Contemporaneamente, viene comandato l'avviamento del motore diesel, che si porta nell'arco di qualche decina di secondi alla velocità di rotazione richiesta e solo a quel punto tramite una frizione magnetica inizia a far ruotare il generatore e ad alimentare le utenze, mentre il volano ritorna ad accumulare energia. I diesel utilizzati sono conformi ai recenti standard di emissione EPA e TA LUFT.

Il tutto avviene senza soluzione di continuità, senza perdita anche momentanea di funzionalità per le apparecchiature collegate. Il gruppo di continuità, una volta avviato il motore, può fornire energia per un tempo limitato solo dalla disponibilità di carburante. L'accoppiamento elettromagnetico tra albero motore e asse del generatore e tra i due elementi del volano garantisce infatti attriti limitatissimi. Inoltre, la struttura a due elementi concentrici del volano consente di ridurre gli sforzi sui cuscinetti a sfere, che non superano mai il regime di rotazione di 1500 rpm.

 

La linea di gruppi di continuità rotanti installata da Intergen comprende sistemi  con potenze comprese tra  200 kVA a 2750 kVA per le unità a 50 Hz e fino a 3000 kVA per le unità a 60 Hz, in entrambi i casi con incrementi ad alta granularità. Inoltre, i gruppi possono essere installati in parallelo, permettendo di raggiungere qualunque livello di potenza di alimentazione necessaria. I gruppi No Break KS dispongono di un'unità di gestione e controllo con interfaccia utente grafica intuitiva, e grazie alla completa digitalizzazione si integrano senza soluzione di continuità in ambienti 4.0 tramite le principali connessioni standard di mercato. Tutti i gruppi di continuità della Linea No Break KS sono monoblocco e possono essere installati in edificio/locale tecnico oppure in container ingegnerizzati da Intergen.

 

Come tutti i sistemi di generazione e cogenerazione di energia di Intergen, anche i gruppi di continuità possono essere gestiti e controllati in remoto dalla Control<

Redazione - Intergen - http://www.intergen.it
Redazionali o presentazioni di prodotto/di azienda
Intergen
Pubblicato da Updating
Pubblicato il 30 settembre 2019
News

Diagnostica Precoce e la "Misura" per la manutenzione predittiva e l'efficienza energetica

AIR Company sarà presente a MCM Veronafiere il 23 e 24 ottobre dove terrà ben due workshop

Stalab: nuova compagine sociale

S.T.A. (Servizi e Tecnologie Avanzate) dal 1995 affianca costruttori e progettisti di macchine e apparecchiature elettriche ed elettroniche...

Il sistema APROVIS Controlling System (ACS) in mostra a mcTER Verona

SCR è l'acronimo di Selective Catalytic Reduction (riduzione catalitica selettiva), una tecnologia che consente di rimuovere gli ossidi di azoto...

ARI Armaturen Italia a SAVE Veronafiere

Dal 1950 La casa madre tedesca dedica le proprie risorse per diventare partner affidabile e competente per qualsiasi necessità relativa a valvole di...

Analog Devices presenta le soluzioni per la connettività industriale

Forte di un'esperienza pluriennale nella tecnologia dei semiconduttori analogici, mixed-signal e digitali, Analog Devices (ADI) lancerà a SPS 2019 il...

AZETA SOLUTIONS presenta l'esoscheletro passivo a SAVE Veronafiere

Nata nel 2011 per rispondere alle esigenze di un mercato in continua evoluzione, AZETA SOLUTIONS è in grado di offrire ai suoi clienti un'ampia gamma...

BERSY presenta l'innovativo sistema di abbattimento degli ossidi di azoto ByNOx a mcTER Verona

Progettato e sviluppato per il trattamento delle emissioni gassose prodotte dagli impianti di cogenerazione e trigenerazione. ByNOx è in grado di...

Sistemi di tubazioni per l'impiantistica industriale da Boldarini ad Acquaria Veronafiere

La Boldarino S.p.A. nasce nel 1981, con la sua prima ed unica sede nell' hinterland bresciano da un' idea del Rag Piermarco Boldarino, per dare...

CARL Software presenta le sue nuove proposte a MCM Veronafiere

CARL Source, il software web modulare per la gestione degli asset industriali e del processo manutentivo che li coinvolge. CARL Touch ,...

Carlo Gavazzi presenta le proprie soluzioni per la Building Automation ad Home & Building Veronafiere

Nell'ambito della Building Automation, proponiamo soluzioni e componenti per il monitoraggio dei consumi, volto all'efficientamento energetico...

Mammoet ha vinto il primo premio "Trasporto Eccezionale dell'anno SPMT " dell'edizione 2019 degli ILTA.

Doppia soddisfazione per Mammoet Italy all'Edizione 2019 degli Italian Lifting & Transportation Awards, lo speciale evento dedicato ...