News

Una soluzione completa per proteggere i sistemi di accumulo di energia a batterie agli ioni di litio

Le batterie agli ioni di litio garantiscono un'elevata densità energetica in spazi davvero ridotti. Questa caratteristica le rende particolarmente adatte per i sistemi di accumulo di energia elettrica stazionari che, nel pieno della transizione energetica, sono installati in sempre più edifici e infrastrutture. Tuttavia, questi dispositivi presentano peculiari rischi di incendio. Questa criticità si può affrontare con efficacia attraverso una specifica applicazione sviluppata da Siemens, progettata appositamente per questo tipo di sistemi e provata attraverso una rigorosa fase di test. La soluzione è la prima nel suo genere a ricevere l'approvazione VdS.
Ogni cella che compone la batteria agli ioni di litio è costituita da due elettrodi: un anodo negativo e un catodo positivo. Questi sono tenuti disgiunti per mezzo di un separatore. Componente essenziale è l'elettrolita a conduzione ionica. Questo principio funzionale, sebbene sia efficiente e generalmente sicuro, presenta dei rischi relativi alla progettazione. Le celle della batteria sono caratterizzate dalla presenza di una grande quantità di energia chimica inserita in un piccolo spazio e a una distanza davvero ridotta tra gli elettrodi (lo strato separatore in genere è di ? 30 µm). Allo stesso tempo, gli elettrodi utilizzati sono tipicamente combustibili o materiali altamente infiammabili. Per questa ragione, un sistema di gestione della batteria (BMS) non solo controlla e monitora lo stato del caricamento a livello di sistema e della cella ma gestisce anche la temperatura rilevata in fase di caricamento e scaricamento. Questo assicura che le celle rimangano all'interno dell'intervallo operativo definito come sicuro. Fuga termica: lo scenario pericoloso Uscire dall'intervallo di sicurezza della temperatura può generare la cosiddetta "fuga termica". Quando accade, l'energia accumulata nella batteria è immediatamente rilasciata, e in pochi millisecondi la temperatura può raggiungere oltre i cento gradi. A questo punto, l'elettrolita s'infiamma oppure il gas elettrolitico esplode. Nel corso di una fuga termica, l'elettrolita evapora al crescere della temperatura. Questo causa un innalzamento della pressione all'interno della cella fino a quando i vapori dell'elettrolita non iniziano a fuoriuscire da una valvola di sfiato o da una parete della cella danneggiata da una possibile esplosione. Senza contromisure efficaci, questa situazione genera una miscela esplosiva di gas e aria. A questo punto, basta una fonte di accensione per causare una combustione esplosiva. Inoltre, la fuga termica in un sistema a batterie si può propagare di cella in cella causando un incendio di più grandi dimensioni. Le potenziali cause di una fuga termica possono essere esterne o interne alla cella della batteria. Nel primo caso, fattori estremi esterni, quali per esempio un principio d' incendio , possono causare l'innalzamento della temperatura della batteria oltre il livello di tolleranza. Nel secondo caso, un corto circuito interno può generare un innalzamento pericoloso della temperatura. Quest'ultimo potrebbe essere causato da un danneggiamento meccanico esterno o da un guasto del separatore dovuto all'età o causato dalla formazione di dendrite. Una protezione completa per prevenire la fuga termica I test condotti nello Smart Infrastructure Fire Lab di Siemens ad Altenrhein, in Svizzera, su batterie agli ioni di litio costituite da diverse tipologie di celle (basate su ossido di litio cobalto, ossido di litio manganese, ossido di nichel litio manganese cobalto e fosfato di litio ferro) hanno dimostrato la presenza di segnali indicatori prima che la fuga termica si manifesti concretamente. Un indicatore affidabile è il degasaggio elettrolitico. Quando il gas elettrolitico inizia a svilupparsi significa che la fuga termica è imminente. Tuttavia, c'è ancora abbastanza tempo per azionare automaticamente misure di spegnimento. Questo comporta un duplice approccio: primo, l'introduzione di un agente estinguente in sufficiente concentrazione all'interno del locale che ospita la batteria prima che il separatore all'interno della cella si guasti. Secondo, procedere con lo spegnimento attraverso il sistema di gestione della batteria così da fermare l'estensione della fuga causata dal sovraccarico. Inondare rapidamente la batteria con l'agente estinguente previene la formazione di una grande quantità di miscela elettrolita-ossigeno altamente esplosiva, riducendo così la possibilità di sviluppo di una iniziale fuga termica e inibendo la diffusione del guasto alle celle adiacenti. Questo elimina la possibilità di incendi secondari e, attraverso l'inertizzazione prolungata, il potenziale rischio di un nuovo innesco.
Redazionali o presentazioni di prodotto/di azienda
Pubblicato il 16 aprile 2020
News

Il freddo a noleggio e non solo

In oltre 15 anni di attività, BRENTA RENT ha saputo guadagnarsi un posto di rilievo nel settore della climatizzazione e refrigerazione industriale...

La rivoluzionaria tubazione di BRUGG Pipe Systems con un valore Lambda da record

La tubazione CALPEX PK ancora una volta protagonista dei lavori di costruzione degli impianti idraulici all'interno di un nuovo capannone, nella zona...

CIB UNIGAS: DA BRUCIATORE A SMART-BURNER FACILE

CIB Unigas storica azienda del Nordest è riuscita ad affermarsi, nel corso degli ultimi 50 Anni di attività, come azienda fra le più attive nel...

KSB GUARD: PIÙ MONITORAGGIO. MENO INTERVENTI.

Dal 1925 la società KSB Italia S.p.A. di Concorezzo (MB) opera sul mercato e rappresenta in Italia gli interessi del Gruppo KSB, nato nel 1871 e...

Efficienza energetica ed obbligo normativo: ECOMB, l'innovativo sistema di monitoraggio della combustione

Ascon Tecnologic presenta ECOMB, il sistema estrattivo per centrali termiche che grazie alla sua estrema semplicità ed affidabilità richiede minima...

ECOMB sistema di controllo combustione

Hai appena ricevuto una diffida e devi installare un sistema di monitoraggio della combustione? Il sistema che hai attualmente ti costa un sacco in...

Azienda Alimentare: consigli per ridurre i costi energetici

Chi gestisce un'azienda alimentare si trova spesso a dover fare i conti con impianti energivori e poco efficienti. La paura di compromettere le...

Come rendere efficiente l'industria alimentare

Nell'industria alimentare le principali voci di spesa sono rappresentate dai consumi di energia termica ed elettrica, risorse fondamentali per...

Efficientamento energetico per lo stabilimento produttivo caseario nel cuore della pianura mantovana

L'industria casearia Bustaffa Emilio & Figli S.p.A. nasce nel 1920 nel cuore della pianura mantovana, a Bagnolo San Vito, vicino al parco del Mincio e...

L'automazione dell'automazione - Lo sviluppo automatizzato di applicazioni PLC, HMI e SCADA

- Le problematiche dello sviluppo di soluzioni di automazione industriale basate su PLC, SCADA e DCS - La piattaforma web di ingegneria per lo...

Photobook Barriera FASB Tools

Una raccolta di foto per mostrare l'utilizzo della Barriera FASB Tools per delimitare e segnalare le aree di lavoro temporanee.