Jump to content
PLC Forum


Sign in to follow this  
stefano_

Tensione Circuiti Ausiliari.

Recommended Posts

stefano_

Salve a tutti.

Premetto che non sono del settore e quindi abbastanza ignorante in materia,

ho visto diversi quadri con circuiti ausiliari a 24 v 48 110 !!!

Mai a 12 v

Quali sono se ci sono i vantaggi / svantaggi di una tensione rispetto ad un altra ? E perché mai un quadro con ausiliari a 12 v !! Coincidenza o anche qui un motivo!!

Io quando faccio qualche quadretto per uso personale ho sempre preferito utilizzare 24 v per il semplice motivo che ai pulsanti ho una bassa tensione !!

Grazie infinite a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Livio Orsini

Maggiore è la tensione di comando minore è la corrente necessaria per azionare le bobine dei relè e dei contattori.

Inoltre, nel caso di collegamenti lunghi, l'influenza della cdt è inferiore se la tensione di comando è più elevata.

In molte applicazioni industriali si usa anche la tensione di 230 V per i circuiti ausiliari; il 24 V è abbastanza usato ma è il valore minimo di tensione. La stragrande maggioranza degli ausiliari lavora a 110 Vac

Share this post


Link to post
Share on other sites
luigi69

Stefano , si aprirebbe un mondo...che cercherò di condensarti in poche righe

due i principali motivi , la corrente a parità di potenza e gli usi e costumi dei carichi utilizzatori nell'italia e nel mondo

una bobina di tot potenza a 24 volt assorbe la metà rispetto ad una di eguale potenza a 12 , quindi metà sezione del filo

in un circuito inevitabilmente ci sono le cadute di tensione , derivate dalla lunghezza dei cavi , dal fatto che rispetto a certi carichi l'alimentazione si "siede" ( vedi soprattutto i vecchi alimentatori costituiti da trafo pone e condensatore )

Se si siede un 24...puoi trovare 23...22..... se si sedesse un dodici sotto i 10 Volt combineresti ben poco

Esistono ausiliari a 12 volt..... usati molto poco, più che altro in casi dove c'era una batteria tampone.... ho visto in giro rimasugli di elettrovalvole oleo mi pare vikers o atos.... a 12..praticamente assorbivano corrente e basta..non commutavano

Certe tensioni poi derivano da usi e costumi..... fino a pochi anni fa,nel campo dei bruciatori industriali a Gas , un classico erano le elettrovalvole e i controlli fiamma a 110 Vca , mai a 24 DC

Nel campo dei paranchi e dei carriponti "vige" il 48 volt...mentre negli ascensori e montacarichi...negli anni si sono sbizzarriti fino a 61 Volt ( !! ) e 80 Volt in AC

nell'oleodinamica di oltre confine ( vickers o danfoss ) era molto in uso il 110 AC , ma oramai si usa molto il 24 DC , sia per elettrovalvole nude e crude ( le classiche "luce 6 o luce 10 " ) sia per l'elettronica di regolazione ( proporzionali e servo )

anni fa poi si era diffuso anche il 48 DC ed il 110 DC nelle centrali idroelettriche , dove anche "fuori parallelo" era necessario avere ausiliari a disposizione ( tramite enormi pacchi batterie ) e per il 110 DC le pompe di lubrificazione bronzine delle macchine ( motori in DC a carboncini ) , che per la loro inerzia richiedevano lunghi tempi di fermata

ti puoi fare un'idea di queste "stranezze" anche cercando su un catalogo di teleruttori di qualche grande marchio che lavora in tutto il mondo , esempio siemens

le tensioni sono legate anche al paese dove è distribuita la tensione di rete , da noi in genere 230/400 in altri paesi 440..500....

Quindi trovi bobine a 110 V...127.....

in genere nei quadri elettrici di automazione, se si usa il 110 AC non si è molto schizzinosi e alle volte ottieni il 115...il 120 a vuoto....

Bobine dei teleruttori , bobine per elettrovalvole..... puoi "osare" anche a tirare l'alimentazione verso i 26 Vdc ( alimentatore regolabile o nei vecchi sistemi trafo/pone e condensatore utilizzando un secondario a 19 anziché 18 Vac )

PLC ed elettronica invece preferiscono un 24 ben filtrato e stabile

Buona giornata

mi sono accorto adesso che ho sovrapposto la risposta con Livio , poco male diciamo le stesse cosa

Edited by luigi69

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefano_

Grazie infinite !!

Ps: per la cronica io di solito utilizzo il 24 Ac nudo e crudo classico trafo e basta !!

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
luigi69

come tutte le cose pro e contro , da valutare in base alle esigenze

il 24 Ac può essere ideale per semplici bobine marcia/arresto , un po meno se aggiungi temporizzatori o altri ausiliari , anche se oramai trovi tutto sia in AC che in DC

possibile ronzio delle bobine dei tele , e se associato ad elettronica necessita di spegniarco con condensatore e resistenza ( il gruppo RC )

bobine per EV pneumatiche le trovi oramai sia in 24 AC che DC

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
e se associato ad elettronica necessita di spegniarco con condensatore e resistenza ( il gruppo RC )

Se fosse 24 Vcc abbisognerebbe, come minimo, dei diodi di ricircolo.

Sarebbe cosa buona e giusta montare sempre gli appositi filtri RC su tutte le bobine dei contattori, sia che funzionino a 24 Vca o 110 Vca o 230 Vca, però per rispiarmiare non le montano mai. :(

Share this post


Link to post
Share on other sites
luigi69

Livio.... chi è causa del suo male pianga se stesso...... quadro fatto alla veloce circa 6 anni fa ..all'ultimo devo sostituire un tele a 24 Vdc.... mi manca il diodo..lo monto con la classica frase..poi mi arriva....

mi dimentico che era ancora da montare

avvio l'impianto ( centrale idro ).....poi ogni tanto usciva da sola dal parallelo......dopo 2 settimane di pene e patimenti con il cliente al telefono sempre più nero... me lo fa con me davanti al pc...... lo sgancio del tele provocava un tale disturbo sul comune a 0V da "annebbiare " una analogica" dell' S7 300 peccato che era l'analogica di lettura della tachimetrica della velocità alternatore....... :(

quando si dice.. un semplice 1N4007 può salvarti la vita...

Share this post


Link to post
Share on other sites
gattomom

24 V dc forever.

Un no forte e deciso al 110 V ac.

Ormai le taglie degli alimentatori switching arrivano a potenze stratosferiche, possono erogare il 150 % della loro potenza per far fronte ai picchi dei carichi induttivi (tipicamente i teleruttori). Quindi niente trasformatori che scaldano e ronzano, circuiti ausiliari più semplici e puliti e unificazione della tensione di alimentazione degli ausiliari verso un valore universalmente usato da tantissimi quadristi. Ultimo fattore ma non per importanza, in caso di perdita d'isolamento di un comando a 24 V dc, l'operatore non sarebbe sottoposto a un potenziale pericoloso.

L'ultimo quadro che sto realizzando in ditta (forno di trattamento termico da 70 kW) prevede 24 V dc come unica e sola tensione di alimentazione degli ausiliari. Le uscite statiche del plc alimentano direttamente le bobine, a basso assorbimento, dei teleruttori. La stessa tensione alimenta i gruppi statici a tiristore della Gefran.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...