Jump to content
PLC Forum


ivy_tl

Dimmerare una striscia led

Recommended Posts

ivy_tl

Ciao,

Abbiamo avuto la malsana idea di installare una striscia led dimmerabile con il dimmer a rotellina della bticino. Chiesto all'elettricista se il sistema poteva funzionare con qualsiasi striscia led, la risposta è stata "i dimmer vanno bene per qualsiasi striscia led dimmerabile (non cerchi informazioni in rete, chieda a me)”. Abbiamo preso una striscia led dimmerabile che ora però non viene regolata dal dimmer (si accende, ma la luce non varia girando la rotellina, rimane costante, tra l'altro più flebile rispetto a quello che ci aspettavamo date le caratteristiche della striscia).

Ora l'elettricista dà la colpa a chi ci ha fornito il materiale (striscia ed alimentatore) e dice, tra l'altro, che rischiamo di bruciare la striscia led se la utilizziamo con il dimmer e con quell'alimentatore.

Cosa ci consigliereste di fare? Dobbiamo togliere il dimmer a muro mettendo un normalissimo interruttore, pena il rischio di bruciare il materiale? Teniamo il dimmer e cerchiamo un alimentatore diverso (quale)? Secondo voi, ha ragione l'elettricista quando dice che le sue istruzioni erano esaustive, oppure abbiamo ragione noi dicendo che noi abbiamo seguito le sue istruzioni e quindi vogliamo che il problema venga risolto da lui (si rifiuta, crediamo non sappia come fare)?

Se serve posso fornire maggiori dettagli sul materiale acquistato.

Grazie mille in anticipo!

Link to comment
Share on other sites


patatino59

Per dare una risposta occorre conoscere le caratteristiche dell'alimentatore e la tensione della stripled.

Non esistono problemi tra strisce di led dimmerabili o non dimmerabili !

Dipende da come vengono alimentate !

Se un alimentatore o un driver riporta un range di funzionamento, per esempio 90-260 Volt AC vuol dire che è stabilizzato, quindi nessun tipo di dimmer farà variare la sua tensione di uscita !

Una striscia di Led nuda (non parlo di apparecchi completi) ha dei led e delle resistenze in serie ed è perfettamente dimmerabile sia variando la tensione, sia col metodo ad impulsi (Pwm), ma sempre in bassa tensione !

Se voglio dimmerare una striscia di Led completa di alimentatore, dal lato 220V devo per forza usare un semplice trasformatore (non elettronico e comunque non stabilizzato) e un ponte di diodi.

In alternativa si possono usare le nuove stripled a 220 Volt, che hanno pochissima elettronica, in genere solo un ponte di diodi.

Unico inconveniente il taglio possibile solo ogni metro di lunghezza.

La stessa tecnologia è usata nelle lampadine a filamenti di Led, che sono sempre dimmerabili, anche se non indicato espressamente.

 

Link to comment
Share on other sites

ivy_tl

Purtroppo non ho potuto collegarmi al forum prima, chiedo scusa se rispondo solo ora.

Grazie mille per questa spiegazione esaustiva!

L'alimentatore in effetti riporta il range (AC 85/265V): quindi non è dimmerabile lato 220V, corretto? 

La striscia led l'ho già acquistata, è a 24V.

Posso provare a ritornare al negozio che mi ha venduto il materiale chiedendo se è possibile sostituire l'alimentatore che ho con "semplice trasformatore ed un ponte di diodi", ma dato che il venditore non è un elettricista potrebbe capirne tanto quanto me (cioè poco).

Esiste un modo semplice per spiegargli di che materiale ho bisogno? Magari qualche esempio di prodotti in commercio (sempre se è possibile citarli sul forum)?

Grazie ancora!

 

P.S. Non c'entra nulla, ma è normale che una lampadina led dimmerata a muro emetta un leggero ma fastidioso ronzio? Da cosa può dipendere: dalla lampadina, dal dimmer, da qualche malfunzionamento dell'impianto?

Link to comment
Share on other sites

patatino59

Hai due soluzioni: 

Tenere l'alimentatore che hai e non usare il dimmer, visto che la quantità di luce non è tale da giustificarlo.

Installare un dimmer a pulsante a 24 volt, tra il trasformatore e la striscia, e portare i fili del pulsante sulla scatola da dove vuoi comandarlo.

omc1248-1cv-btn.jpg

 

Per il ronzio, vista la tipologia di dimmer impiegati negli impianti elettrici, c'è poco da fare.

La dimmerazione lato 220V dovrebbe essere fatta solo per lampadine a filamento.

"Lampadina Dimmerabile" è un bel termine che però nasconde un mondo di insidie e di problematiche tecniche.

Link to comment
Share on other sites

ivy_tl

Grazie!

Non riesco a conciliare la risposta precedente e questa.

 

Nella prima scrivi: " Se voglio dimmerare una striscia di Led completa di alimentatore, dal lato 220V devo per forza usare un semplice trasformatore (non elettronico e comunque non stabilizzato) e un ponte di diodi".

 

Nella seconda scrivi: "La dimmerazione lato 220V dovrebbe essere fatta solo per lampadine a filamento".

 

Probabilmente c'è qualcosa che capisco male perché le due affermazioni mi sembrano in contrasto.

 

Invece quando dici " Tenere l'alimentatore che hai e non usare il dimmer" significa togliere il dimmer o lo posso lasciare senza rovinare l'alimentatore, semplicemente non regolerà l'intensità della luce? Te lo chiedo perché l'elettricista mi ha detto che lasciarlo, appunto, potrebbe danneggiare l'alimentatore.

 

Scusa la mia ignoranza e grazie per la pazienza.

 

 

Link to comment
Share on other sites

dnmeza

patatino666  è un professionista su queste cose, peccato che con il gergo tecnico tu non riesca a capire, vediamo, a cosa ti serve questa striscia di led, ad illuminare una zona, pertanto vuoi che la luminosità sia variabile tanto da andare dal max ad un minimo spente, le striscie di led che vendono già "cablate" complete di alimentatore a 12 o 24 V, normalmente come ha scritto patatino666 hanno un range di alimentazione che va da un minimo ad un max, quindi non possono essere regolale in quel range perchè si compensano, da quello che si capisce tu hai già un dimmer (variatore di tensione valore efficace) che sarà a triac, non adatto per questi tipi di alimentatori che non ne risentono, anzi tendono ad essere guastati da un'alimentazione di quel tipo, ti conviene

Quote

ritornare al negozio che mi ha venduto il materiale chiedendo se è possibile sostituire l'alimentatore che ho con "semplice trasformatore ed un ponte di diodi",

e procedere in questo modo visto che fino a qui sembra tu riesca a comprendere, acquistare uno con dimmer incorporato

Link to comment
Share on other sites

ivy_tl

L'alimentatore che ho acquistato è già dimmerabile con il telecomando (da prendere a parte).

Noi volevamo il dimmer a muro perché ci sembrava più comodo e, come ho scritto nel primo post, secondo l'elettricista che ce lo ha installato doveva funzionare con le strisce a led.

Quindi, riassumendo, l'unica soluzione sarebbe quella di togliere i dimmer a muro sostituendoli con semplici interruttori ed acquistare il telecomando per dimmerare l'alimentatore? Non ci sono soluzioni che ci permettano di utilizzare il dimmer a muro, giusto?

 

 

Link to comment
Share on other sites

dnmeza

da quello che si è capito e hai provato "no", acquista il telecomando o cambia alimentatore o tutto

Link to comment
Share on other sites

ivy_tl

Se cambio l'alimentatore, non potrò comunque utilizzare il dimmer a muro? O sì, con "semplice trasformatore ed un ponte di diodi"?

 

Quote

a quello che si è capito

 

Di quali altre informazioni avete bisogno? Posso provare a recuperarle.

Link to comment
Share on other sites

dnmeza
Quote

"semplice trasformatore ed un ponte di diodi"?

se fai così puoi mettere il dimmer a muro

Link to comment
Share on other sites

patatino59

Devi decidere quali componenti utilizzare e con cosa vuoi dimmerare 'sta benedetta striscia !

La striscia va alimentata, per poter accendersi, e su questo non ci piove,ma per dimmerarla ci sono due modi.

1- Se usi un alimentatore stabilizzato, ottimo per evitare sbalzi di tensione e di luminosità, devi dimmerare la striscia dal lato a 24 Volt.

 Non puoi usare il dimmer a rotellina lato 220 Volt, non funzionerebbe mai !

 Dal lato 24 Volt hai la possibilità di installare un dimmer dotato di telecomando, fornito come accessorio, che verrà collegato in serie tra  l'alimentatore stabilizzato e la striscia

Oppure un dimmer a tasto, come quello della foto di esempio, collegato allo stesso modo, tra l'alimentatore e la striscia.

2 - Se usi un alimentatore non stabilizzato, e il trasformatore col ponte di diodi ne è un esempio, puoi variare la tensione in ingresso ed essere sicuro che varierà anche quella in uscita.

 

Tornando alle affermazioni che reputi in contrasto, si tratta di due situazioni indipendenti e di informazioni generiche.

Le lampadine a fili di Led si possono sempre dimmerare, quelle elettroniche quasi mai.

Un trasformatore AC a 24 volt ed un ponte di diodi si trovano facilmente in commercio nei negozi di elettronica e piu raramente nelle forniture per elettricisti.

Con tale sorgente di alimentazione posso inserire un dimmer a rotellina lato 220 V e dimmerare la striscia. 

Al massimo il dimmer a rotellina farà ronzare il trasformatore in certe posizioni della regolazione e questo succede anche alla tua lampadina a muro citata nel terzo post.

Il ronzio dipende dal dimmer a 220 Volt e dal modo in cui diminuisce la tensione "tagliando" la forma d'onda in ingresso, 

Link to comment
Share on other sites

ivy_tl

Grazie mille, ora mi sembra tutto un po' più chiaro.

Ancora qualche domanda se posso.

 

L'alimentatore stabilizzato protegge quindi le strisce dagli sbalzi di tensione, per cui la soluzione 1 sarebbe più sicura? Ci sono altre motivazioni tecniche a favore o contro una delle soluzioni?

 

Se scelgo la soluzione 1, posso lasciare comunque i dimmer a muro, anche se inutili, dato che sono già stati purtroppo installati? Oppure devo sostituirli per forza con interruttori comuni perché possono danneggiare l'alimentatore e/o la striscia?

 

Se scelgo la soluzione 2, posso in un secondo momento mettere un dimmer a telecomando tra l'alimentatore e la striscia, oppure si può fare solo con alimentatori stabilizzati?

 

Il fatto di percepire le strisce meno luminose rispetto a quanto visto in negozio può dipendere dalla presenza del dimmer a muro oppure è solo una sensazione soggettiva?

 

Le strisce led vanno collegate all'alimentatore in serie o in parallelo (qui mi uccidete)?

Link to comment
Share on other sites

patatino59

La soluzione 1 è la più sicura e standard, nel senso che una manutenzione successiva la può fare qualunque elettricista.

La soluzione 2 nel tuo caso la metterei da parte. Usa il dimmer col telecomando fornito come accessorio, se proprio devi abbassare la luminosità.

La luminosità della striscia dipende dalla tensione di alimentazione. Il dimmer a rotellina potrebbe peggiorare le cose e va eliminato.

Piu strisce Led alimentate a 24 Volt vanno collegate parallelo, altrimenti se le metti in serie servirebbero 48, 72 o 96 Volt, non credi ?

Il numero massimo di strisce collegabili allo stesso alimentatore dipende dalla potenza della striscia e dalla potenza dell'alimentatore.

Per esempio, se devi collegare allo stesso alimentatore due strisce da 2 metri, e da 20 Watt al metro, avrai bisogno di un alimentatore da 80 Watt.

Link to comment
Share on other sites

ivy_tl

Grazie, molto gentile ed esaustivo.

Domani viene l'elettricista a togliere i dimmer a muro, soldi buttati ahimè (mi domando come abbia potuto un professionista non averci detto le stesse cose che ora mi stai dicendo tu, per di più dato che abbiamo fatto la domanda diretta ed espresso la preoccupazione che potesse non funzionare).

La potenza dell'alimentatore fortunatamente è corretta, il calcolo è stato fatto esattamente nel modo che dici tu.

Ho pensato che il collegamento dovesse essere in parallelo, dato che per le strisce viene specificata la tensione, ma il dubbio era: i led sulla striscia non sono collegati in serie? Se taglio in due una striscia da 2 metri, perché dovrebbe essere sbagliato "ricomporre" la striscia intera collegando in serie i due pezzi? Domanda più di cultura generale che di utilità pratica, ho capito che la risposta giusta è "collega in parallelo".

Link to comment
Share on other sites

patatino59

Se tagli una striscia a 24 Volt da due metri nei punti indicati otterrai spezzoni di striscia a 24 Volt.

Ogni spezzone posto tra due punti di taglio è una striscia a 24 volt e tutti gli spezzoni sono in parallelo, anche se essendo in fila sembrerebbero in serie, ma non lo sono, in quanto ci vogliono due fili per poterli ricollegare.

Invece, in un singolo spezzone, ci sono 6 Led e 2 resistenze in serie. Se si brucia uno di questi componenti noterai che si spegne uno spezzone tra due linee di taglio, mentre tutti gli altri, prima e dopo, restano accesi, essendo in parallelo.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.



×
×
  • Create New...