Jump to content
PLC Forum


Termico

Collegamento sensori ad una FLEX5

Recommended Posts

Termico

Buongiorno, volevo chiedere gentilmente a qualcuno del forum, se il collegamento in figura è fattibile. Sto progettando su carta, l’allarme per un appartamento che ha parecchie stanze con la doppia finestra (finestra+portafinestra), quindi bisogna installare un sensore doppio per tapparelle, inerziali e contatti magnetici. Questi ultimi li collegherei con bilanciamento zona doppia con EOL, quindi avevo pensato di utilizzare un’espansione Flex5 per ogni stanza, facendo il collegamento in figura. La centrale che utilizzerei è una smartleague 1050L.

Grazie in anticipo.

 

Collegemento sensori-flex5.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Panter

Sì, è fattibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Termico

Buongiorno Panter, ti ringrazio per la risposta, il mio dubbio era che la scheda Flex5 non potesse gestire contemporaneamente i quattro ingressi per tapparelle o inerziale, quindi proseguo con la stesura del progetto filare, che poi sottoporrò al giudizio del forum e poiché seguo sempre i tuoi post, molto interessanti ed istruttivi, gradirei anche un tuo commento.

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panter
29 minuti fa, Termico scrisse:

il mio dubbio era che la scheda Flex5 non potesse gestire contemporaneamente i quattro ingressi per tapparelle o inerziale

 

Nelle Flex solo i terminali da 1 a 4 possono essere impostati come tapparella e inerziali, ecco perché ho detto che è fattibile, e di conseguenza il terminale 5 lo puoi impostare come zona doppia con eol come hai previsto. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Termico

Buongiorno Panter, volevo chiederti se non ti disturbo, come scheda di espansione da posizionare all'interno di una scatola di derivazione, posso usare la Flex5/U ? Ho paura che utilizzando la Flex5/P, non vi sia sufficiente ricambio d’aria e si surriscaldi. Per le scatole di derivazione non ho problemi, perché devo ancora murarle. Inoltre, il tubo corrugato che parte dalla scatola di derivazione, è preferibile mandarlo direttamente nel cassonetto, oppure in un’altra scatola più piccola murata al lato di quest’ultimo, nella quale fare i vari allacciamenti ai sensori. È sufficiente un corrugato del diametro 20, oppure è meglio abbondare con un 25, per eventuali inserimenti. A proposito, per comandare i sensori di ogni finestra, va bene un cavo schermato 6 x 0.22.

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panter

Se nella scatola di derivazione c'è spazio (parliamo di scatole interne all'appartamento), è preferibile usare la flex/P dato che ha la segnalazione di sabotaggio per l'apertura del contenitore. Nessun problema di surriscaldamento, dato che nella U solo le morsettiere sono scoperte.

 

il 25/6/2019 at 16:01 , Termico scrisse:

il tubo corrugato che parte dalla scatola di derivazione, è preferibile mandarlo direttamente nel cassonetto, oppure in un’altra scatola più piccola murata al lato di quest’ultimo, nella quale fare i vari allacciamenti ai sensori

 

è solo una questione di comodità e di estetica dato che le scatole di derivazione in alto non sono ben viste dai clienti e architetti. Normalmente si preferisce fare le giunzioni sulle flex nel cassonetto, ma nulla vieta di farlo in scatole supplementari fuori o dentro al cassonetto (dipende anche dal tipo di cassonetto, dato che in alcuni tipi lo spazio, a tapparella aperta, è esiguo.

Per quanto riguarda la sezione del corrugato dipende da quanti cavi devono passare, e dipende anche quante sono le curve lungo il tragitto. La sezione del 20 è la minima usabile e va impiegata per le tratte con singolo cavo, mentre nel 25 se ne possono passare anche 3 e normalmente si usa per le colonne con più di un cavo che poi si ripartiscono nelle scatole in linee singole. Tieni presente la norma che prevede uno spazio libero nelle tubazioni del 20%, comumque è sempre... melius abundare quam deficere.

 

il 25/6/2019 at 16:01 , Termico scrisse:

per comandare i sensori di ogni finestra, va bene un cavo schermato 6 x 0.22.

se non prevedi sensori a tenda attivi, che hanno bisogno di alimentazione, e se ti riferisci al collegamento tra Flex e sensori passivi. va bene,

Share this post


Link to post
Share on other sites
Termico

Grazie Panter, sempre gentile e disponibile, quindi ricapitolando, scatola di derivazione da incasso 150 x 100 per contenere una Flex5/P, che collegherò al cassonetto tramite un corrugato del 20, dato che all'interno passerà un solo cavo di circa 5 mm che comanderà tutti i sensori, però se il massetto me lo permette passerò il 25. Riguardo ai sensori a tenda, quando pubblicherò il progetto su un nuovo post, chiederò consiglio.

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Termico
il 27/6/2019 at 12:24 , Panter scrisse:

è solo una questione di comodità e di estetica dato che le scatole di derivazione in alto non sono ben viste dai clienti e architetti.

La Vimar fa dei coperchi per scatole: tonde, a tre moduli, quattro moduli e otto moduli, che hanno uno spessore ridotto di appena 2 mm, e vanno applicati ad incastro, quindi senza vedere quelle orribili viti di tenuta, e una volta verniciate si camuffano facilmente sulla parete.

883550013_Fotoinstallazione.thumb.jpg.651010dad13b67187f26d08c902d310e.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panter

Quelle sono scatole da frutto e per avere il coperchio a incastro hanno bisogno del portafrutto, ...comunque se trovi la misura adatta allo scopo nessun problema se piacciono a te.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Termico

Si quelle sono scatole da frutto, e il coperchio va fissato ad incastro tramite apposito supporto, però io avendo l’avvolgibile all'interno del muro, con un’apertura a baionetta sull'imbotto della finestra, trovo più comodo e pulito fare i collegamenti nella scatola, scegliendo al limite, proprio per stare comodi, una 8 moduli che misura 130x130 circa, e che andrà comunque coperta dalla tenda scorrevole, ovviamente resta una scelta personale. Invece il problema che mi pongo, è come montare i contatti a filo per tapparelle su questo genere di cassonetti, visto che la base sulla quale andrebbe posizionato l’involucro del contatto è estraibile, e quindi ogni volta che debbo aprire il cassonetto, per una semplice ispezione o altro, mi porto dietro tutto il contatto. Cosa mi consigli al riguardo, grazie.

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panter

Non ho idea di come sia fatto il tuo cassonetto e come si apra. Comunque dovrebbe esserci il controtelaio che rimane fisso e potrebbe essere fissato lì il dispositivo. Purtroppo senza almeno una foto del cassonetto aperto con visibile l'interno non saprei darti un consiglio.

Io preferisco non usare i contatti a fune perché non rilevano la tapparella aperta e preferisco usare sensori a tenda esterni, specie nei balconi e un contatto ad asta per le altre (anche se forse sarebbe difficile fissarlo da quello che dici). Comunque ci sono altri sistemi come l'uso di un contatto magnetico fissato ad arte.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Termico

Buongiorno Panter, ti allego alcune foto di come sono fatti i cassonetti di casa mia. Come puoi vedere, non sono un monoblocco murato con tanto di intelaiatura, ma il rullo dell’avvolgibile è fissato

dell’intercapedine del muro perimetrale, con un’apertura in basso per l’accesso, e chiudibile con un pannello che si inserisce a baionetta. Nei cassonetti a monoblocco, con apertura sul frontale, il dispositivo andrebbe alloggiato dove nei miei c’è il pannello amovibile e quindi penso proprio che non si possano installare. Forse ci sarebbe la possibilità di installare quelli ad asta, fissando con un fisher il dispositivo sul muro interno, e poggiando l’asta sul rullo. 1.thumb.JPG.63f2002ac4c0a34a247e6012ff9e8025.JPG2.thumb.JPG.6b29ec57698017d2b7d9d5be9ef0a277.JPG3.thumb.JPG.0e7bc0e1849205390c40310adcf06781.JPG

 

 

18 ore fa, Panter scrisse:

preferisco usare sensori a tenda esterni, specie nei balconi

 

infatti, è proprio quello che vorrei fare, liberare gli ingressi T2 e T4 (sensore tapparelle) della Flex 5, ed utilizzarli per i sensore a tenda, dal momento che quasi tutte le finestre si affacciano sui balconi. Avevo aperto una nuova discussione “Nuovo impianto di allarme consigli e suggerimenti” nella quale chiedevo appunto, consigli su quali sensori a tenda usare e dove posizionarli, poiché ho tre balconi di diversa misura. Se hai tempo, puoi rispondermi li su questo punto. Sarebbe anche interessante sapere, per me e presumo per tutti i frequentatori del Forum, come fissare un contatto magnetico a protezione degli avvolgibili. Grazie

 

Saluti

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panter

Le foto così servono a poco, …la tapparella deve essere tutta giù e, su una scala, inquadrare l'imboccatura fino a vedere la tapparella. Tra il telaio della finestra dovrebbe esserci un piano in legno (anche se corto) dove poter fissare il contatto a fune che deve affacciarsi davanti la tapparella che scorre verticale.

 

Inutile spiegare nel forum come si monta un contatto magnetico su una tapparella. Tra i "fai da te", o lo capiscono da soli riflettendo, o non gli interessa perdere tempo e scelgono dispositivi che si montano facilmente. Tra gli installatori, nessuno perde più tempo per applicazioni personalizzate che impegnano troppo tempo. Poi non tutte le tapparelle sono uguali e sono di materiali e conformazione differente, così da rendere ogni installazione differente..

Edited by Panter

Share this post


Link to post
Share on other sites
Termico

Buonasera, oggi ho ispezionato di nuovo il cassonetto, e l’unico punto dove poter ancorare il contatto magnetico per tapparelle è il telaio della finestra, la traversa orizzontale. In questo modo la fune del dispositivo cade parallelamente alla tapparella. Di contro però, quando vado ad inserire il pannello di chiusura del cassonetto, poiché questo scorre rasente al telaio della finestra, andrebbe ad urtare il dispositivo e quindi dovrei effettuare un’asola al pannello per passarci intorno. Soluzione che non mi è gradita, dal momento che andrei a tagliare e modificare un accessorio delle finestre. Mentre la soluzione che vorrei adottare, è quella di liberare gli ingressi T2 e T4 delle flex5 e di collegarci dei rilevatori a tenda, da posizionare esternamente alle finestre, poiché si affacciano quasi tutte sui balconi. Rilevatori a tenda per esterno della Italiana Sensori, ossia l’articolo 8003-ISR002. Dalle specifiche tecniche dell’articolo, si evince che la copertura massima del rilevatore in larghezza, dipende dall’altezza di installazione, e poiché il soffitto di casa è di 3m, considerando la staffa andrei a 2.9m, misura alla quale corrisponde, sempre leggendo le specifiche tecniche, una copertura di circa 4m, sufficiente per le finestre dei due balconi più grandi. Il problema si presenta per il balcone piccolo, per il quale presumo, ci voglia un altro tipo di rilevatore. Allego il disegno:

551063547_Solosensoriesterni.thumb.jpg.fac1bcc8ad5d2ed6c538070a8e7d8abc.jpg 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...