Jump to content
PLC Forum


Lupone883

Controllo perdite climatizzatore

Recommended Posts

Lupone883

Ciao a tutti.

Il circuito frigo è un circuito chiuso quindi se installato bene non deve perdere refrigerante.

Vorrei capire meglio la ricarica e le cose giuste da controllare.

 

Finora,anche se mi fanno fare poco perchè han fretta,ho capito che bisogna controllare e rifare subito le cartelle,poi provare il tutto con azoto sui 35 bar se R410 e poi con la schiuma sule batterie interna ed esterna per vedere se ci sono micro perdite.

 

Non ho capito o meglio non me lo spiegano bene per quante ore minimo bisogna attendere per l'azoto.

 

Poi se la pressione resta stabile,scarico l'azoto e faccio il vuoto.

Anche qui un buon vuoto minimo?

 

Poi veniamo alla ricarica.Come capire se carico liquido o gas?decido in base al gas?Bombola capovolta o no?

 

Quanto caricare?seguo i dati tecnici sulla targhetta se c'è e poi per capire se la carica è giusta guardo il manometro di bassa e il termometro a contatto.

Qua iniziano i dubbi,per me che ne so poco.Con queste temperature esterne,anche di 40 gradi,come ne tengo conto?

 

Se non mi sbaglio misuro il sottoraffreddamento in funzionamento estivo.

Ma i valori che trovo devo valutarli in base anche alla temperatura esterna e alla temperatura di uscita dal ventilatore tangenziale.

 

Scusate le domande ma sono curioso e vorrei capire con i vostri consigli.

 

grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lupone883

Scusate subito,in funzionamento estivo sull'unica presa di pressione che ho,misuro il surriscaldamento per essere sicuro che nel compressore non arrivi liquido

Share this post


Link to post
Share on other sites
Alessio Menditto

Se fai la carica a peso non ti serve a niente misurare surriscaldamento o altro, nel senso che il calcolo di surriscaldamento GIUSTO l’ha già fatto il costruttore del clima, poi con i clima a inverter misurarlo diventa molto difficile.

Se non hai il peso lo cerchi su internet o chiami l’assistenza del clima e cortesemente chiedi se ti aiutano.

Caricare sempre in fase liquida.

 

La prova con azoto ognuno ha i suoi metodi, per quello si legge tanto e non si capisce bene alla fine, in teoria la prova da fare è quella “della schiuma”, che ovviamente prevede ci sia pressione.

Quindi si mette in pressione e si provano le cartelle con la schiuma se fa bolle.

Se si comincia a tenere in pressione per ore, c’è la complicazione che la pressione varia con la temperatura, quindi se cala puoi non capire se è calata perché si è abbassata la pressione o la temperatura.

 

Le prove ufficiali riconosciute per legge solo la schiuma e il cercafughe elettronico, non c'è la “prova di azoto”.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lupone883

Grazie per la risposta.

 

Per caricare in fase liquida vale la regola della bombola rovesciata o dipende dal pescante?

 

Per controllare se poi si è fatto un buon lavoro,manometricamente a c0osa devo stare attento?

 

Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
Alessio Menditto

Beh dipende dal pescante, se c’è già se la capovolgi non va bene, le bombolette però è difficile abbiano il pescante, quindi basta capovolgere.

La spia del manometro comunque ti fa capire se è liquido o gas.

 

Per la lettura del manometro ripeto è difficile, gli inverter variano continuamente i giri del compressore e le pressioni variano, quindi se hai fatto la carica A PESO non devi fare nessun controllo, va bene così e basta.

Altrimenti la faccenda si complica parecchio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lupone883

ok e grazie.

cpntrollo sulla spia del gruppo manometrico se vedo la classica scia di bollicine e liquido per essere sicuro

 

grazie ancora

 

 

per complicare il tutto,se uno fa il pump off e cioè recuper il refrigerante nel compressore,non potra' mai esser sicuro di sapere la quantità giusta da caricare  giusto?

perchè manometricamente e col termometro si fa fatica

Share this post


Link to post
Share on other sites
opazzo
1 ora fa, Lupone883 scrisse:

se uno fa il pump off

pump down

 

1 ora fa, Lupone883 scrisse:

perchè manometricamente e col termometro si fa fatica

no, perchè la certezza di quanto gas è presente si ha solo pesandolo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lupone883

grazie per la precisazione.per il 410 a che temperatura esterna massima può dargli filo da torcere?43 gradi centigradi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Erikle

non dipende dal gas ma dagli scambiatori della amcchina

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lupone883

quindi erikle intendi se son dimensionati bene o se son intasati?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Erikle

certo..se fuori ho 43 gradi e ho 10 gradi di salto termico al condensatore condenserò a 53 gradi..se invece il condensatore è più tirato e ho 15 gradi di salto termico condeserò a 58

il punto critico dell'r410a è comunque lontano

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lupone883

Per salto di 10 gradi intendi il delta T che ho sul condensatore esterno tenendo conto anche dell'unitò interna e che funzioni tutto bene.

Per intendersi una temperatura di ingresso sui 28 gradi e un'uscita dalle ventole sui 12-15 gradi.

 

In ingresso al condensatore potrei avere una temperatura tra entrata e uscita con un delta T di 10 gradi?

 

grazie erikle

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...