Jump to content
PLC Forum


marmel46

Costruirsi attrezzatura per testare batterie e alimentatori

Recommended Posts

marmel46

Buonasera a tutti,faccio diversi impianti antiintrusione e  tvcc e giustamente ho molto a che fare con alimentatori 12V DC e batterie al piombo 12V.

Vorrei costruirmi 2 diversi circuiti artigianali:

- uno per testare le batterie che sostituisco periodicamente in centrali e sirene esterne.

- un altro invece per testare la potenza degli alimentatori, se erogano determitati ampere come dichiarato in maniera stabile.

 

Avete idee e suggerimenti. Grazie anticipatamente

Share this post


Link to post
Share on other sites

elettromega

Ciao a che scopo provare le batterie sostituite? Le centrali serie fanno già questa prova. Per gli alimentatori poi ne trovi di tutte le potenze e basta comperare marche affidabili che sei a posto. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
marmel46

Alcune volte causa sostituzioni recupero batterie con tipo 6 mesi di vita e quindi le vorrei testare per vedere quanto riescono ad accumulare. Per gli alimentatori mi capita che alcuni non erogano gli ampere riportati in targhetta e quindi voglio vedere quella effettiva. 

A parte questo se mi voglio costruire qualcosa del genere perchè mi devi far cambiare idea ??

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Per testare le batterie hai 2 necessità: caricarla completamente e poi scaricarla a corrente costante conteggiando il tempo di scarica.

Il prodotto proposto da Rofolfok, andrebbe bene per misurare la scarica; ha il solo difetto che deve arrivare dalla Cina.

Un buon carica batteria con limite di corrente variabile, lo puoi ricavare da un alimentatore da laboratorio che permetta di impostare il limite di corrente.

Imposti la tensione tra 14.7 e 15V, imposti il limite di corrente ad 1/20 - 1/10 della capacità nominale della batteria ed attendi che la corrente di carica scenda a circa 1/100 della capacitànominale della batteria.

per esempio se hai una batteria da 20 Ah imposti 14.9V di tensione, imposti il limite di corrente a 1A ed attendi sinio a quando la corrente di carica è <=200mA; con questa corrente la carica può continuare a tempo indeterminato perchè corrisponde alla corrente di mantenimento della batteria.

 

Per controllare gli alimentatori iol metodo più semplice è dotarsi di alcuni resistori di potenza da usare come carico, per ottenere la corrente nominale massima che l'alimentatore può erogare con continuità.

Controlli la tensione a vuoto, che dovrebbe essere aggiustata a circa 13.8V - 14V, che sono i valori di carica di una batteria in tampone. Poi inserisci i resitori in parallelo sino a raggiungere la corrente nominale, controllando che la tensione rimanga nei limiti di specifica dell'alimentatore.

 

Se poi vuoi fare le cose bene dovresti dotarti anche di un variac per controllare che l'alimentatore si mantenga entro le specifiche con tensione di ingresso ai limiti di tolleranza +/-.

Share this post


Link to post
Share on other sites
marmel46

Ciao,grazie al consiglio di rodolfok ho trovato un apparecchio molto più completo ,vi posto il link perchè credo vada bene per fare entrambe le cose

 

https://www.ebay.it/itm/254234238694

 

Per quanto riguarda i consigli di Livio per il momento prendo nota,e nel caso non dovessi risolvere in questo modo li metto in atto visto che è una procedura un po più complessa.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
rodolfok

Anche il primo apparecchio realizza entrambe le funzioni che ti servono; il secondo ha un campo di utilizzo più ampio in tensione e corrente e può quindi (almeno sulla carta) dissipare una maggior potenza e ha altre funzioni. Inoltre ho visto che è dotato anche dell'alimentatore, che manca nel primo.
Un articolo su Radiokit Elettronica di gennaio 2019 illustra un esempio di utilizzo del primo apparecchio per la scarica delle batterie. Se ti interessa riceverlo in tempi più rapidi, lo si trova anche su Amazon.

Share this post


Link to post
Share on other sites
marmel46

Per non perdere tempo ,visto che di questi tempi non me lo posso permettere ho presi questi 2 aggeggini:

 

https://it.aliexpress.com/item/32848001849.html?spm=a2g0s.9042311.0.0.18a54c4dF3moE6

 

https://it.aliexpress.com/item/33010628400.html?spm=a2g0s.9042311.0.0.18a54c4dF3moE6

 

Il primo per testare gli alimentatori e il secondo per le batterie,anche se le batterie si possono testare anche con il primo ho preferito averne uno dedicato e inoltre idoneo anche per le batterie auto

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Il secondo è per testare le batterie d'avviamento auto che sono con caratteristiche differenti dalle batterie da tamponamento, ovvero degli alimentatori con batteria in tampone.

Le batterie d'auto devono avere la capacità di fornire correnti elevatissime, oltre i 50A ed oltre i 100 per i motori dieselsono valori spannometrici), per un periodo molto limitato.

Mentre il lavoro tipico di una batteria da tamponamento è fornire una corrente non elevata anche per un periodo lungo

Share this post


Link to post
Share on other sites
marmel46

Si conosco la differenza tra le due tipologie di batterie,infatti immaginavo che il secondo serve proprio a questo,però l'ho voluto prendere ugualmente,sia per testare quelle delle mie auto sia per provarlo sulle altre batterie per vedere che tipo di analisi viene fuori. Grazie sempre per tutti i consigli

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...