Jump to content
PLC Forum


Sdrakon

Stazione saldante ad aria calda

Recommended Posts

Sdrakon

Buon giorno a tutti, ho preso da poco una stazione saldante ad aria calda per componenti SMD. Marca Ksger, quando la collego alla corrente funziona per pochi minuti poi all'improvviso fa saltare il salvavita. Ho verificato e in teroria necessita di un collegamento preciso fase e neutro; questo avendo la fase interrotta dal transistor di controllo credo possa essere uno dei problemi. Devo ancora verificare la questione. Il dubbio che mi viene e che misurando la resistenza ceramica di riscaldamento (alimentata direttamente dalla 220v) trovo una resistenza di 74 Ohm. Vi chiedo se avete esperienza della cosa e se è un valore plausibile.Vi ringrazio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fulvio Persano

Ciao e benvenuto.

 

Ho spostato qui la tua discussione in quanto sottoforum dedicato.

Presta maggior attenzione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Darlington
38 minuti fa, Sdrakon ha scritto:

il salvavita

 

il magnetotermico o il differenziale? 

 

38 minuti fa, Sdrakon ha scritto:

necessita di un collegamento preciso fase e neutro

 

no

 

38 minuti fa, Sdrakon ha scritto:

una resistenza di 74 Ohm

 

equivale ad una potenza di 700W, la mia baku mi sembra sia da 500, quindi niente di strano 

 

piuttosto, hai provato a misurare se c'è continuità verso la carcassa metallica? non ce ne deve essere 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sdrakon

Grazie Fulvio non avevo cercato bene.

Darlington, più tardi farò dei controlli, la cosa strana è che per un paio di minuti funziona poi provoca lo stacco della corrente.

Ho notato che ha la connessione di terra collegata a circuito stampato e non alla carcassa, come spesso capita.

Farò delle misurazioni e posterò i risultati appena posso.

Vi ringrazio

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
6 ore fa, Sdrakon ha scritto:

la cosa strana è che per un paio di minuti funziona poi provoca lo stacco della corrente.

 

Se interviene il differenziale sembra un classico dei resistori da riscaldamento quando perdono isolamento riscaldandosi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sdrakon

Ciao Livio, avevo pensato a quello che succede con le.resistenze dei forni elettrici, qui la cosa sembra funzionare al contrario. Come posso verificare la cosa? Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
Riccardo Ottaviucci
11 ore fa, Sdrakon ha scritto:

ho preso da poco una stazione saldante ad aria calda

non ti conviene sfruttare la garanzia?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
3 ore fa, Sdrakon ha scritto:

qui la cosa sembra funzionare al contrario

 

perchè alcontrario? Qundo accendi la stazione è tutto freddo, poi dopo pochi minuti è in temperatura e, causa le normali dialtazioni, il resistore va in perdita di islolamento, esattamente come avviene con i resistori di riscaldo dei forni.

 

Comunque condivido il consiglio di Riccardo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sdrakon

Nuovamente grazie ragazzi, vado in ordine. Credo sia un po complicato per la garanzia l'ho preso in Polonia nel caso vedrò cosa fare.

I dubbi che proponevo li ho perchè ho trovato questa discussione in un forum straniero che non sono riuscito a decifrare bene. la sottopongo anche a voi che di sicuro ne capirete il senso... se ha un senso. Non vorrei disturbarvi ancora però. sotto è tradotta ho lasciato l'originale magari la traduzione non è corretta.

 

""I bought one of these a few weeks ago, but unfortunately the controller box gave up with a bang and smoke after only 10minutes of operation.
Further analysis showed several construction errors:
1. The heater is operated at mains voltage with only very thin wires running through the handpiece cable. As only one input terminal is fused, there is a 50-50 chance that unfused live ends up on wires not suitable to carry short circuit current (at least in countries using a reversible mains plug).
2. There was a wiring error (unsure, whether in the handpiece or the control unit), resulting into the PE from the heater shell running back and forth through the heater thermocouple before actually reaching ground in the control box.
3. To make things even worse, the ground connection further runs through a very thin PCB track on the power board before finally reaching the PE input terminal.
4. There is no thermal runaway protection.
My unit seems to have failed from some kind of short circuit in the heater, leading to a burned up ground PCB track (3), leading to mains voltage reaching the control circuit, and finally blowing up almost everything on the control board. 😞
So be careful with these! You should at least check the wiring and add a proper PE/ground connection. A second fuse to limit the current flow in case of a heater failure may also be a good idea.""

Da traduttore automatico

""

Ho comprato uno di questi qualche settimana fa, ma purtroppo la scatola del controller ha smesso con un botto e fumo dopo soli 10 minuti di funzionamento.

Ulteriori analisi hanno mostrato diversi errori di costruzione:

1. Il riscaldatore funziona a tensione di rete con solo fili molto sottili che passano attraverso il cavo del manipolo. Dato che solo un morsetto d'ingresso è dotato di fusibile, c'è una probabilità del 50-50 che la tensione di rete non fusibile finisca su fili non adatti a trasportare corrente di cortocircuito (almeno nei paesi che utilizzano una spina di rete reversibile).

2. 2. Si è verificato un errore di cablaggio (incerto, sia nella manopola che nell'unità di controllo), che ha fatto sì che il PE del guscio del riscaldatore corresse avanti e indietro attraverso la termocoppia del riscaldatore prima di raggiungere effettivamente la terra nella scatola di controllo.

3. A peggiorare ulteriormente le cose, il collegamento a terra passa ulteriormente attraverso una traccia molto sottile di PCB sulla scheda di alimentazione prima di raggiungere finalmente il terminale di ingresso PE.

4. 4. Non c'è alcuna protezione termica di fuga.

La mia unità sembra essersi guastata a causa di un qualche tipo di corto circuito nel riscaldatore, che ha portato ad una traccia di PCB a terra bruciata (3), che ha portato la tensione di rete a raggiungere il circuito di controllo, e che alla fine ha fatto saltare quasi tutto sulla scheda di controllo. 😞

Quindi fate attenzione con questi! Dovreste almeno controllare il cablaggio e aggiungere un adeguato collegamento PE/terra. Un secondo fusibile per limitare il flusso di corrente in caso di guasto del riscaldatore può anche essere una buona idea.""

 

A voi sembra avere un senso quello che è indicato li  e nel caso io non ho capito cosa cercare.... Ancora grazie Ciao Gigi

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
2 ore fa, Sdrakon ha scritto:

Dato che solo un morsetto d'ingresso è dotato di fusibile, c'è una probabilità del 50-50

 

Questo non è (quasi) vero. In caso di corto o sovracorrente il fusibile fonde comunque. L'unico caso in cui il fusibille non interverrebbe capita quando la fase è connessa al filo non fusibilato e va in corto con la carcassa metallica messa a terra. Se la costruzione dell'apparato è fatta in modo da escludere questa possibilità  la protezione è valida.

 

2 ore fa, Sdrakon ha scritto:

unsure, whether in the handpiece or the control unit

 

"C'è un errore di cablaggio (non sono sicuro se nel manipolo o nella centralina). Questo errore farebbe transitare il percorso del PE (collegamento di terra) attraverso il guscio del riscaldatore facendolo ritornare attraverso la termocoppia, prima di raggiungere effettivamente la massa dell'unità di controllo."

 

Non sono molto sicuro della correttezza della spiegazione originale, sarei curioso di vedere l'effettivo cablaggio.

 

2 ore fa, Sdrakon ha scritto:

There is no thermal runaway protection.

 

In caso di sovratemperatura (temperatura fuori controllo) non esiste alcuna protezione.

 

2 ore fa, Sdrakon ha scritto:

A voi sembra avere un senso quello che è indicato li  e nel caso io non ho capito cosa cercare.

 

Se la tua stazione saldante è come quella descritta sopra significa che hai acquistato un'immonda ciofeca, che è anche pericolosa.

 

Dovresti verificare l'isolamento del resistore di riscaldo e, se possibile, sostituirlo; purtroppo dubito molto che tu riesca a reperire il ricambio.

 

Domanda.

Dici che l'hai acquista in Polonia; come l'hai acquistata? tramite internet?

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sdrakon

Si Livio tramite internet. E' una KSGER smd rework station; mi piace perchè ha dimensioni contenute e vorrei tentare di recuperarla. Perchè, se non ti metti a ridere, quando funzione lo fa bene! La costruzione interna "sembra" accurata, con tanto di vernice protettiva sul pcb. ho dei dubbi sul parte in metallo al cui interno è alloggiata la resistenza ceramica. Questa parte in metallo ha un filo saldato di cui non ho compreso la funzionalità..... domanda stupida ma se io rimuovessi la terra?

Controllerò meglio l'interno se riesco cerco di postare delle foto. Domani dovrei riuscire, ancora grazie per i consigli.

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
gabri-z
1 ora fa, Sdrakon ha scritto:

domanda stupida ma se io rimuovessi la terra?

Domanda a Vicus, è un utente che ha aperto una discussione sul tema opposto, come rimetterla. Non più di due anni indietro. 

Spero di non aver sbagliato utente, nel caso, mi scuso in anticipo. 

Edited by gabri-z

Share this post


Link to post
Share on other sites
Darlington
7 ore fa, Sdrakon ha scritto:

che di sicuro ne capirete il senso... se ha un senso

 

gente che si lagna perché un oggetto hobbistico da 30€ vale 30€. Si comprassero una weller da 1000€ allora

 

la storia dei cavi sottili, non hanno considerato che il riscaldatore non funziona quasi mai alla piena potenza, viene modulato, e poi per 3A di corrente assorbita che cavi volevano, da 6mmq?

 

l'assemblaggio a volte è discreto a volte pessimo, capita spesso nei prodotti cinesi di primo prezzo, ma ripeto, piacerebbe sapere cosa effettivamente vogliono

 

io ho una baku che probabilmente è simile se non uguale alla tua, non pretendo la luna ma mi permette di lavorare su componentistica smd senza spendere cifre esorbitanti per attrezzatura professionale, che non ha senso se poi non la usi... in maniera professionale, quindi tutti i giorni o quasi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
13 ore fa, Sdrakon ha scritto:

..... domanda stupida ma se io rimuovessi la terra?

 

E un'idea proprio ... stupida.

Rischi di prenderti 230v sulle dita o, nel migliore dei casi, di danneggiare i componenti che stai saldando.

Se interviene il differenziale significa che c'è una dispersione di corrente >=30mA.

Se hai la febbre devi curare la causa della febbre, non gettare il termometro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sdrakon

Rapido aggiornamento, stamattina ho potuto testare per bene la cosa e più volte. Il problema è da attribuire al collegamento errato fase-neutro.

Purtroppo, anche se non capisco il motivo, collegando in modo errato scatta in pochi minuti il salvavita. Collegando invece correttamente la fase con il "line" indicato internamente ha funzionato per più di mezz'ora. Testata fino a 550°C, con e senza ugello piccolo e a qualsiasi velocita della ventola.

Ho atteso e rifatto la prova, invertendo la presa salta anche a basse temperature.

Spero solo che la mia esperienza possa aiutare altri...... Buona giornata a tutti e ancora grazie per il vostro aiuto.

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Darlington
16 minuti fa, Sdrakon ha scritto:

Il problema è da attribuire al collegamento errato fase-neutro

 

no, è da attribuire ad una dispersione, e girando la spina non risolvi bensì sposti avanti il problema, perché man mano che si danneggia l'elemento riscaldante aumenta la corrente dispersa e poi il giochino di girare la spina non funzionerà più. 

 

Se avesse avuto bisogno di un collegamento obbligato della fase non avrebbero usato un presa spina.

 

Fai come ti pare, problemi tuoi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Concordo con la diagnosi di Darlington.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sdrakon

Cercherò meglio questa dispersione, anche se non ho idea di come cercarla o di che valori dovrei ottenere in misurazione.

Complimenti per la competenza, appene avrò delle novità aggiungerò ai commenti.

Grazie Darlington e Livio

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
42 minuti fa, Sdrakon ha scritto:

Cercherò meglio questa dispersione

 

Al 99% è l'elemento riscaldante

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sdrakon

Livio approfitto della vostra gentilezza e compentenza. Come posso misurare questa dispersione, sopratutto se avviane quando la resistenza è calda?

Ancora grazie.

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Bisognerebbe vedere come è fatto l'elemento riscaldante e come è alloggiato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sdrakon

Allego la foto della resistenza funzionante a 220v. Ad essa vanno 4 cavi rosso e nero che presentano una resistenza di 0.56 Ohm non sono i contatti della resistenza e restano dentro la guaina termostringente nera. Probabile fusibile termico? gli altri due cavi verde e blu vanno a finire alla resistenza e provengono dallo scatolotto dell'unità di controllo misurandoli con i connettori staccati mi danno 74 Ohm. La resistenza è isalata da 4 strati di mica isolante dopo di essa un cilindro in metallo esterno a cui è collegato un cavo blu che è saldata insieme al meno (filo nero) della ventola "24 Volt". non riesco a capire a cosa possa servire questo cavo.

Se servono maggiori dettagli avrò bisogno di più tempo chiedetemi pure.

 

 

IMG_4378.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sdrakon

Non ci avevo pensato il filo blu nel cilindro di metallo è collegato direttamente alla terra. Scusate appena misurato

Share this post


Link to post
Share on other sites
Darlington
4 ore fa, Sdrakon ha scritto:

Probabile fusibile termico?

 

quasi certa termocoppia, direi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

A mio parere quei 4 strati di mica hanno delle cricche o non comprono competamente la resistenza che scaldandosi si dilata e tocca la guaina metallica

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...