Jump to content
PLC Forum


Riparazione scheda alimentazione insegna a led Coca Cola


Ciurli
 Share

Recommended Posts

Buongiorno a tutti,

so molto poco di elettronica, ma già in un'altra occasione ho trovato qui l'aiuto per farcela da solo, e quindi ci riprovo.

Stavolta voglio riparare la scheda in oggetto, fa parte di una insegna a led, comprata non funzionante, che vorrei riparare.

La scheda è questa:

 

103680_Scheda1.thumb.jpg.c6c8f95dd304ffb89ed6b4f47b34ddf1.jpg

 

Mi sembra evidente che il problema sia nell'ingresso dell'alimentazione.

518259293_Scheda2.thumb.jpg.34f04391639859a45fe38c477e014937.jpg

 

Il retro della scheda si presenta così:

 

1064307915_retroscheda.thumb.jpg.edc9cb3e8c54b7b93f3c0b98c7939cc7.jpg

 

i componenti coinvolti credo siano:

 

ceramico.thumb.jpg.203ef8833fcb32cd561e0f95ee67ace5.jpgelettrolitico.thumb.jpg.bcb6664c0960297d3de2e9420306ea30.jpgtransistor.thumb.jpg.0a6c5e64c9b788587290b0c7cdfca1fa.jpg

 

 

E vengo alle domande:

 

 

1) traccia sulla scheda interrotta (vicino al transistor), come la riparo?

2) ceramico: è un 104?

3) elettrolitico: leggo 25V 47uF , giusto?

4) transistor leggo CS 78L05 : va bene qualunque 78L05? il "CS" c'entra qualcosa?

5) alimentazione 12 volt?

6) vedete altro che io non ho visto?

 

Grazie in anticipo per l'aiuto

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites


Il 78L05 è un regolatore a tre piedini.

L'ingresso è a 12 volt DC o AC ?

La tensione in ingresso è presente ? 

Il condensatore 104 esploso (100000 pF) non è indispensabile

L'elettrolitico sembra ancora buono.

Dalle piste bruciate sembra che abbia fatto un bel botto, e potrebbe essere saltato altro.

Per saperlo dovresti alimentare a 5 volt l'uscita del regolatore (negativo al centro, sull'ingresso in basso, dopo la bruciatura, e positivo in alto, dove hai scritto "transistor"

Se ancora non funziona ti conviene svuotare la basetta e incollarci delle stripled nuove, anche colorate, alimentate a parte.

 

Link to comment
Share on other sites

Ciao Patatino,

 

Il 78L05 è un regolatore a tre piedini. ok, ho trovato questi (5 78L05 L78L05 5V 100mA 0.1A Voltage Regulator TO-92 regolatore tensione cs) su ebay

L'ingresso è a 12 volt DC o AC ? non te lo so dire, so solo i fili mozzati, l'alimentatore non c'era. Mi sarei orientato verso un 12 DC....

La tensione in ingresso è presente ? ho provato la scheda solo con una batteria 12v, poi ho aperto l'insegna.

Il condensatore 104 esploso (100000 pF) non è indispensabile ok

L'elettrolitico sembra ancora buono. ho rotto io un piedino dissaldandolo

Dalle piste bruciate sembra che abbia fatto un bel botto, e potrebbe essere saltato altro.

Per saperlo dovresti alimentare a 5 volt l'uscita del regolatore (negativo al centro, sull'ingresso in basso, dopo la bruciatura, e positivo in alto, dove hai scritto "transistor"  scusa, non ho capito dove puntare il negativo (pin centrale del regolatore ma spostandomi oltre la bruciatura?)

Se ancora non funziona ti conviene svuotare la basetta e incollarci delle stripled nuove, anche colorate, alimentate a parte. ottimo suggerimento, ma provo prima a conservare l'originalità

 

Per ora grazie, ti faccio sapere

Link to comment
Share on other sites

per riparare la pista prendi un pezzo di filo telefonico da tubazione o un componente nuovo che gli accorci la gamba, gratti un po' le estremità pista, ci saldi il pezzetto. Per alimentare la scheda usa meglio un trasformatore 9-12vac non alimentatore, infatti c'è il diodo apposta che dovrai controllare se in corto. 

Link to comment
Share on other sites

iniziare vedendo cosa alimenta il regolatore? i 100mA che può fornire mi sembrano pochi per alimentare l'intera insegna, a meno che non sia molto piccola, io sospetto che il regolatore sia al solo servizio dell'integrato a sinistra che fa il gioco di luci con i led, che potrebbero essere alimentati a 12V, comunque basta vedere come sono collegati e quali resistenze di limitazione hanno in serie.

 

Il punto del corto con la pista che ha fatto da fusibile mi fa pensare che il corto fosse a monte del regolatore (forse un condensatore, forse il regolatore stesso) e che l'alimentatore a monte avesse disponibilità di una corrente piuttosto alta, altrimenti non avrebbe avuto la potenza per vaporizzare la pista.

 

Quanto grande è l'insegna e quanti led ci sono?

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Eccomi, scusate la latitanza, il tempo per "giocare" è sempre meno.

 

l'insegna è molto piccola sarà 50cm x 15cm, in tutto ci sono 36 led dall'integrato partono 6 zone che, tramite altri regolatori, alimentano ognuno 2 file da 3 led collegati tra loro in serie.

 

Per ora ho riparato la pista e sostituito regolatore, elettrolitico e diodo (che in effetti era in corto), niente 104

 

provo ad alimentare? con cosa?

 

20211016_114851.thumb.jpg.7fe73a58fdcd5cfadf9b7f5eac3d1f3f.jpg

Link to comment
Share on other sites

te l'ho già detto con cosa, se hai altri regolatori in parallelo al primo bruciato è probabile che lo siano anche loro..

Edited by Badciaps
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Ciurli ha scritto:

tramite altri regolatori

 

credo siano transistor

 

3 led in serie dovrebbe richiamare una alimentazione a 12V 

 

l'integrato cosa è? se è un pic e per disgrazia si è bruciato quello non sistemi più nulla, a meno di non scriverti un programma da zero

 

controlla anche i led, tutti

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Badciaps ha scritto:

te l'ho già detto con cosa, se hai altri regolatori in parallelo al primo bruciato è probabile che lo siano anche loro..

 

ho alimentato e tutto tace.

Link to comment
Share on other sites

Grazie a tutti ma credo di aver già raggiunto il mio (ahimè troppo basso) limite.

credo accetterò il consiglio di bypassare tutto e andare verso una illuminazione "statica"

poi in futuro chissà, magari mio figlio.....

 

Ciao e grazie comunque per il vostro nobile tentativo

Link to comment
Share on other sites

Dumah Brazorf

Non staccare nulla eh, basta che colleghi collettore ed emettitore dei transistor. Sfiga vuole che la base sia in mezzo ma trovandosi i transistor dalla parte della massa un blob di stagno ad unire tutti i pin non dovrebbe causare comunque problemi a quel che resta del micro.

Edited by Dumah Brazorf
Link to comment
Share on other sites

Il 16/10/2021 alle 13:55 , Dumah Brazorf ha scritto:

Vabbè, al limite si elimina un po' di roba e si fa l'illuminazione statica.

 

o al limite si monta il sequencer... di cui non ricordo il nome, forse il 4017?

 

come gioco di luci è limitato alla sola accensione alternata con frequenza fissa, ma piuttosto che niente...

 

Mezzo circuito è già fatto, basta un pezzo di millefori e qualche filo volante. Ammesso che transistor e led funzionino, cosa che ancora non sappiamo

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Darlington ha scritto:

Mezzo circuito è già fatto, basta un pezzo di millefori e qualche filo volante. A...

 

Purtroppo l'autore ha scritto.

 

Il 14/9/2021 alle 08:28 , Ciurli ha scritto:

so molto poco di elettronica,

 

Link to comment
Share on other sites

io so molto poco di medicina quindi se voglio fare una appendicectomia ho due alternative: o la studio, o la lascio fare ai chirurghi

 

se si vogliono fare riparazioni il discorso è identico: o si studia l'elettronica o si fa a meno di farla, puntare sul fattore C e cambiare i componenti visivamente rotti non porta a niente nel 98% dei casi, come dimostra questo thread

 

ancora meno si riesce a risolvere se viene data una lista precisa di controlli da fare e si ottiene come risposta "ho alimentato e tutto tace"

 

come dire... "che ore sono?" "a pranzo ho mangiato i broccoli"

Link to comment
Share on other sites

Il 16/10/2021 alle 16:33 , Dumah Brazorf ha scritto:

Non staccare nulla eh, basta che colleghi collettore ed emettitore dei transistor. Sfiga vuole che la base sia in mezzo ma trovandosi i transistor dalla parte della massa un blob di stagno ad unire tutti i pin non dovrebbe causare comunque problemi a quel che resta del micro.

 

No no non stacco nulla, accetto il suggerimento di patatino59, applico uno stipled sulla scheda, alimento a parte e chissà che in futuro...

 

20 ore fa, Livio Orsini ha scritto:

 

Purtroppo l'autore ha scritto.

 

 

 

Grazie Livio, hai compreso il problema

52 minuti fa, Darlington ha scritto:

io so molto poco di medicina quindi se voglio fare una appendicectomia ho due alternative: o la studio, o la lascio fare ai chirurghi

 

se si vogliono fare riparazioni il discorso è identico: o si studia l'elettronica o si fa a meno di farla, puntare sul fattore C e cambiare i componenti visivamente rotti non porta a niente nel 98% dei casi, come dimostra questo thread

 

ancora meno si riesce a risolvere se viene data una lista precisa di controlli da fare e si ottiene come risposta "ho alimentato e tutto tace"

 

come dire... "che ore sono?" "a pranzo ho mangiato i broccoli"

 

Ciao Darlington, ti ringrazio per il tuo tempo e per le tue indicazioni. Non ho seguito la lista dei tuoi controlli non per pigrizia, ma perchè ho capito che non capivo. Sono d'accordo con te che le cose prima si imparano e poi si applicano, ma da qualche parte bisogna pur cominciare, non credi? Magari non comincerò da una appendicectomia, ma dici che non posso provare nemmeno a mettermi un cerotto?

 

Come sempre grazie a tutti

 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Ciurli ha scritto:

ma da qualche parte bisogna pur cominciare, non credi?

 

come credi abbia cominciato io? tra l'altro quando ho iniziato non c'era Internet, quindi le basi me le sono dovute fare alla vecchia maniera: con le poche pubblicazioni cartacee che erano disponibili per i novizi.

 

Intendevo dire che prima di cimentarsi in qualsiasi riparazione bisogna almeno farsi un minimo di base sui componenti elettronici, per distinguere una resistenza da un condensatore o un regolatore di tensione da un transistor, ad esempio. Altrimenti non si va molto lontano.. per esperienza ti posso dire che molto raramente il guasto si limita ai componenti visivamente danneggiati, anzi di solito quelli sono la punta dell'iceberg di un guasto più grosso.

 

Se poi uno dei componenti danneggiati è un regolatore di tensione, è quasi certo che abbia portato con se nella tomba anche i componenti più a valle che si sono ritrovati alimentati con una tensione molto più alta di quella nominale.

 

Il più delle volte i componenti guasti non si identificano a occhio ma solo con gli strumenti, anni fa mi ritrovai con un mini hi-fi che non produceva più alcun suono, ed era quello che usavo quotidianamente per sentire la radio. Alla fine identificai il problema in un fetentissimo condensatore in corto sull'alimentazione del processore audio, solo grazie al service manual, ad un signal tracer ed al tester. Ad occhio quel condensatore era perfetto.

 

Un altro caso fu quello di un home theater Sony con un canale muto e con la saldatura fredda più bella che abbia mai visto nella mia vita: non era opaca, non presentava crepe, aveva la quantità giusta di stagno e tutto il resto, ma non conduceva

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...