Jump to content
PLC Forum


Volteius

Inverter 4kw e macchine per legno

Recommended Posts

Volteius

Buonasera a tutti, vi spiego brevemente il mio problema, ho due contatori a casa, uno monofase per l'abitazione e un trifase per una falegnameria dismessa. Dato che uso poco la falegnameria , avevo l'intenzione di disdire l'abbonamento del trifase e trasformare l'impianto in monofase (utilizzando quello dell'abitazione). Di alcune macchine posso trasformare i motori in monofase ma due motori sono solo trifase. Pensavo di acquistare due inverter, un amico mi ha consigliato i toshiba perché molto affidabili, l'unico problema è che tra i vari modelli non riesco a trovare un inverter monofase da 4kw. Qualcuno mi riesce a consigliare una buona marca? il motore che più mi interessa è un EMC da 50Hz, 3 hp 2890 giri e 7.81 Ampere. Una domanda poi da completo ignorante è la seguente, si può installare un singolo inverter a monte dell'impianto e far funzionare (ovviamente uno alla volta) i vari motori o devo per forza acquistare un inverter per ogni motore?

Grazie! 

Link to comment
Share on other sites


ilsolitario

Esistono inverter con ingresso 230V monofase ed uscita 400V trifase ma sono di produzione asiatica molto scadente....  puoi però trovare inverter con ingresso 230 monofase ed uscita 230 trifase ma bisogna vedere la morsettiera dei 2 motori trifase se è possibile alimentarli così, magari se ci mandi una foto della targhetta e della morsettiera ci togliamo ogni dubbio.

Link to comment
Share on other sites

Volteius

Domani faccio una foto alla morsettiera, per ora posso inviarvi le etichette.

Combinata_resize.JPG

Pulitore_motore_resize.JPG

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini
9 ore fa, Volteius ha scritto:

l'unico problema è che tra i vari modelli non riesco a trovare un inverter monofase da 4kw.

 

Non è questione di marca, sopra i 2,5kW praticamente nessun costruttore di inverter "storico" ha in catalogo inverter mono-trifasi. Forse si trova qualche cosa ricercandoli tra i produttori cinesi.

 

Comunque il tuo motore è 2.2kW quindi dovresti trovare inveter mono-trifase. Guarda, ad esempio, tra i prodotti Mitsubishi (che sono tra i migliori in assoluto).

Non dovresti avere alcun problema con quel motore, visto che può essere alimentato in colelgamento "D" a 230V.

Devi solo far attenzione all'anno di produzione del motore. Infatti per i motori prodotti sino alla prima metà degli anni 90, potrebbero esserci problemi di isolamento.

 

9 ore fa, Volteius ha scritto:

si può installare un singolo inverter a monte dell'impianto e far funzionare (ovviamente uno alla volta) i vari motori o devo per forza acquistare un inverter per ogni motore?

 

E possibile, con le dovute cautele ma è possibile.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Volteius

Grazie per l'aiuto. Il primo, quello dell'EMC non è più vecchio di 15-20 anni perché l'ho preso io. Quello dell'elettromeccanica lecchese è probabilmente degli anni 60 perché è l'originale. Ma considerando che il trifase che ho è comunque a 230v (o sbaglio?) in teoria anche il secondo dovrei riuscire a farlo funzionare con un inverter di quella potenza, giusto? Non c'è scritto l'assorbimento, ma non penso sai più di 2 kw, c'è un modo per calcolarlo nel caso?

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini
7 minuti fa, Volteius ha scritto:

Ma considerando che il trifase che ho è comunque a 230v (o sbaglio?)

 

la distribuzione delle reti trifasi, in tutta Europa, a partire dallo 01-01-2000 è normalizzata a 400V.

Comunque neivecchi motori, solitamente era previsto un collegamento a "Y" (stella) per alimentazione a 380V ed un collegamento a "D" (triangolo) per alimentazione a 220V.

Se il motore risale agli anni 60 del secolo scorso è meno probabile che abbia problemi di isolamento, perchè a quei tempi non usavano risparmiare all'eccesso.

Link to comment
Share on other sites

84paolo

Ma non ti conviene tenerti la trifase come domestica? A casa dei miei eravamo nella tua stessa situazione con 2 contatori. Uno Domestico 230 e uno altri usi 400 Trifase. Abbiamo chiuso quello altri usi e poi abbiamo passato quello domestico alla trifase alla potenza necessaria. Il trifase uso domestico lo paghi uguale al monofase ed è molto più semplice gestire carichi trifase senza installare altri dispositivi

Link to comment
Share on other sites

Volteius
7 ore fa, 84paolo ha scritto:

Ma non ti conviene tenerti la trifase come domestica? A casa dei miei eravamo nella tua stessa situazione con 2 contatori. Uno Domestico 230 e uno altri usi 400 Trifase. Abbiamo chiuso quello altri usi e poi abbiamo passato quello domestico alla trifase alla potenza necessaria. Il trifase uso domestico lo paghi uguale al monofase ed è molto più semplice gestire carichi trifase senza installare altri dispositivi

Avevo pensato anche a questo, però nel trifase per ora avrei 1kw per fase (ho un contratto strano, fa 3kw in trifase). Dovrei quindi passare almeno ai 6kw penso. Quanto si spende di differenza? 

9 ore fa, Livio Orsini ha scritto:

 

la distribuzione delle reti trifasi, in tutta Europa, a partire dallo 01-01-2000 è normalizzata a 400V.

Comunque neivecchi motori, solitamente era previsto un collegamento a "Y" (stella) per alimentazione a 380V ed un collegamento a "D" (triangolo) per alimentazione a 220V.

Se il motore risale agli anni 60 del secolo scorso è meno probabile che abbia problemi di isolamento, perchè a quei tempi non usavano risparmiare all'eccesso.

Io però ho provato con il multimetro e me le segna tutte a 230v. Ho sbagliato?

Link to comment
Share on other sites

max.bocca

Se hai il contatore elettronico sul trifase teoricamente puoi attingere tutta la potenza anche su una sola fase, il misuratore fa la somma delle potenze assorbite sulle fasi a diversità dei vecchi limitatori elettromeccanici che erano dei magneti termici calibrati sulla corrente.

Teoricamente il distributore dovrebbe controllare il massimo sbilanciamento tra fasi e tollerare fino a 6KW  ma fino poco tempo fa sono sicuro che su un 10KW sono stati assorbiti tutti su una fase (carico resistivo)  per un oretta proprio per verificare se scattava e non è intervenuto.

 

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini
9 ore fa, Volteius ha scritto:

Ho sbagliato?

 

Probabilmente si; probabilmente hai misurato tra fase e neutro e non trafase e fase.

Però so che ci sono ancora piccole enclaves geografiche, dove da sempre hanno operato distributori locali, che non si sono mai adeguati alla direttiva europea per cui potresti anche avere tensioni differenti.

Se il tuo distrubutere è il propietario della rete nazionale, ex ENEL, allora hai sicuramente 400V per il trifase e 230V per il monofase.

Link to comment
Share on other sites

luigi69

Buona serata

 

io vorrei darti un parere in controcorrente . Parere derivato da tanti lavori fatti per amici e parenti....un anno fa, non ultimo , avevo aperto una discussione proprio perchè non mi tornavano i conti in un lavoro .

 

Il 11/10/2021 alle 21:51 , Volteius ha scritto:

Di alcune macchine posso trasformare i motori in monofase ma due motori sono solo trifase

Perchè ?   riguarda la foto del motore in doppia velocità ?

 

o sono esecuzioni con albero speciale e pulegge multiple ?

 

ripeto , secondo il mio parere, se rimane per uso hobbistico , "declassa" un po la potenza delle macchine mettendo motori monofase, che ti daranno problemi si con lo spunto , ma se risolvi questo ( inerzia meccanica e condensatori aggiuntivi a tempo ) , non sai quanti problemi ti togli rispetto ad un inverter... non te lo immagini neanche....

 

oppure come suggerito , passi al trifase...comunque

Link to comment
Share on other sites

Volteius
1 ora fa, luigi69 ha scritto:

Buona serata

 

io vorrei darti un parere in controcorrente . Parere derivato da tanti lavori fatti per amici e parenti....un anno fa, non ultimo , avevo aperto una discussione proprio perchè non mi tornavano i conti in un lavoro .

 

Perchè ?   riguarda la foto del motore in doppia velocità ?

 

o sono esecuzioni con albero speciale e pulegge multiple ?

 

ripeto , secondo il mio parere, se rimane per uso hobbistico , "declassa" un po la potenza delle macchine mettendo motori monofase, che ti daranno problemi si con lo spunto , ma se risolvi questo ( inerzia meccanica e condensatori aggiuntivi a tempo ) , non sai quanti problemi ti togli rispetto ad un inverter... non te lo immagini neanche....

 

oppure come suggerito , passi al trifase...comunque

No, ho circa 8 macchine per la lavorazione del legno, alcune più piccole e anche passando in monofase non credo che avrei molta perdita di potenza, ma le due di cui ho postato la foto del motore sono due macchine che fanno già fatica con i 3kw trifase (di una ho già cambiato il motore perché era superiore a 4kw), quindi penso che passandole in monofase farebbero molta fatica a fare il lavoro. Perciò pensavo di tenerle in trifase se possibile con un inverter.

Link to comment
Share on other sites

luigi69
10 ore fa, Volteius ha scritto:

Perciò pensavo di tenerle in trifase se possibile con un inverter.

Bisognerebbe sfatare il mito dell'inverter, cosi come quello del differenziale che si chiama "salvavita" , ecc, ecc

 

se il motore assorbe 3  KW , 3 KW sono , ma in monofase con una corrente maggiore, tenendo anche conto delle perdite dell'inverter

 

Il 12/10/2021 alle 07:50 , Livio Orsini ha scritto:

Non è questione di marca, sopra i 2,5kW praticamente nessun costruttore di inverter "storico" ha in catalogo inverter mono-trifasi. Forse si trova qualche cosa ricercandoli tra i produttori cinesi.

 

Livio aveva gia sollevato questo problema

 

Era solo un mio parere , nulla

 

Buon proseguimento

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini
3 ore fa, luigi69 ha scritto:

Se il motore assorbe 3  KW , 3 KW sono , ma in monofase con una corrente maggiore, tenendo anche conto delle perdite dell'inverter

 

 

 

Luigi è verissimo, solo che Volteius, probabilmente confonde la potenza contrattuale con la potenza del motore. Dalle targhe dei due motori si deduce che il più vecchi assorbe una potenza di circa 500W (3/4 HP), mentre quello più recente di targa assorbe 2.2kW, quindi quando scerive:

 

14 ore fa, Volteius ha scritto:

sono due macchine che fanno già fatica con i 3kw trifase (di una ho già cambiato il motore perché era superiore a 4kw), quindi penso che passandole in monofase farebbero molta fatica a fare il lavoro.

 

Si riferisca alla potenza installata.

Link to comment
Share on other sites

piergius

Consiglio il contatore Trifase perché

6 ore fa, luigi69 ha scritto:

se il motore assorbe 3  KW , 3 KW sono , ma in monofase con una corrente maggiore(*)

, tenendo anche conto delle perdite dell'inverter

(*) e conseguente maggiore calo di tensione, sull' unica Fase che si sobbarca tutta la potenza

assorbita, + l' ulteriore caduta di tensione sul Neutro, che invece motori alimentati da contatore 

trifase non causano.! Influirebbero anche sull' impianto in casa. 

(Le perdite di Potenza conseguenti sulla linea monofase possono dunque quadruplicare rispetto

alla trifase !) 

 Questi ed altri fattori contribuiscono all' aumento dei KWh da pagare ad ogni bolletta successiva,

oltre il prezzo di acquisto dell' inverter stesso. 

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.



×
×
  • Create New...