Jump to content
PLC Forum


Batterie e alimentazione in contemporanea


trittico6969
 Share

Recommended Posts

Salve, ho una centralina per annaffiamento orto, che si alimenta con due batterie da 1,5.
Ho creato un alimentatore a 3 volt per farlo funzionare senza batteria , perché si scaricano velocemente.
Però poi mi sono chiesto, se va via la corrente la centralina si resetta, non avendo una batteria tampone.
È possibile mettere due batterie da 1,2 volt , ricaricabili in parallelo, o con qualche componente elettronico, per far sì che quando va via la corrente , le batterie lascino in memoria quando programmato.
 
Link to comment
Share on other sites


9 ore fa, trittico6969 ha scritto:
È possibile mettere due batterie da 1,2 volt , ricaricabili in parallelo, o con qualche componente elettronico, per far sì che quando va via la corrente , le batterie lascino in memoria quando programmato.
 

 

Si è possibile, metti le batterie in modalità "tampone".

Link to comment
Share on other sites

Prima devi decidere il tipo di cella che andrai ad impiegare, poi si decide se è adatta ed in caso affermativo si procede.

Link to comment
Share on other sites

Una soluzione che si usava molti anni fa era di mettere una resistenza dinlimitazione per la carica con un diodo in parallelo per alimentare il carico.

Con le ni-cd si calcolava la i max di carica pari ad un ventesimo e funziona.

Ora ci sono batterie più performanti e kit già pronti  magari da 3,7V poi abbassi con cella si caduta o regolatore SW o lineare a 3V

Link to comment
Share on other sites

Sono andato a prendere le batterie da 1,2 volt e ho visto che sono esaurite, fammi una al li-ion dopo 3,7 che funziona egregiamente sul prodotto. Quindi cosa mi consigliate?

Link to comment
Share on other sites

Con la 3,7V quando è carica arrivi a 4,2V . Se il tuo dispositivo non accetta tensioni maggiori di 3V devi mettere un regole step down tra cella e dispositivo.

Link to comment
Share on other sites

39 minuti fa, trittico6969 ha scritto:

Ma posso anche abbassare con qualche diodo in serie alla batteria?

 

tra scarica e piena caricahai quasi 1V di variazione. Significa che, mettendo un diodo in serie, passi da circa 3.5V a piena carica a meno di 2.9V con batteria completamente scarica.

Inoltre è comunque necessario un circuito BMS per controllare la carica-scarica della batteria.

Link to comment
Share on other sites

Allora ricapitoliamo, ho un alimentatore 12 volt alla cui uscita ho collegato un riduttore che mi tira fuori 3,3 volte continua allego le foto di entrambi e poi allego le foto di quello che tu hai chiesto dimmi se è tutto corretto.

IMG_20231202_163822.jpg

IMG_20231202_163845.jpg

Screenshot_2023-12-02-16-45-01-857_com.google.android.googlequicksearchbox.jpg

Screenshot_2023-12-02-16-45-23-967_com.alibaba.aliexpresshd.jpg

Link to comment
Share on other sites

Siccome,Non mi risponde più nessuno ho aperto il quesito su un altro forum , spero di non offendere nessuno ma è anche per avere più pareri.mi hanno risposto così

Con una sola cella non serve BMS, e non credo che 1 V in più possa essere pericoloso per la centralina.
Non metterei neanche un regolatore tra cella e centralina, semmai effettivamente puoi modificare l'alimentatore per fargli dare 3,8-3,9V, che corrispondono ad una carica quasi totale ma meno stressante per cella e centralina

Link to comment
Share on other sites

4 minuti fa, trittico6969 ha scritto:

Con una sola cella non serve BMS, e non credo che 1 V in più possa essere pericoloso per la centralina.

 

Questo devi saperlo tu che hai sottomano la centralina e le sue specifiche.

 

Questo è il mio ultimo intervento, come utente, in questa discussione.

Edited by Livio Orsini
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...