Jump to content
PLC Forum


Consiglio Addolcitore per impianto domestico. Acqua dura 40°F!


eletricanto
 Share

Recommended Posts

eletricanto

Buonasera,

vorrei una vostra opinione sull'installazione di un addolcitore per un impianto domestico. Tengo a precisare che la casa è dotata di pompa di calore con sistema aria acqua, per cui gestirà il riscaldamento e raffreddamento (oltre l'acqua calda sanitaria) appunto con acqua.

Nella mia zona la durezza è mediamente di poco superiore ai 40 °F. Oltre alla PDC ovviamente avremo in casa lavatrice e lavastoviglie. Si tratta di nuovi impianti e volevo montare un addolcitore che mi permettesse di evitare problemi agli elettrodomestici e alla PDC, considerando che non beviamo l'acqua del rubinetto e che la useremmo solo per cucinare.

 

Mi hanno proposto un Culligan 20 HE 1" (con un preventivo sui 3000 euro), mi è sembrato un pò esagerato per una famiglia di 3 persone in un'abitazione di 140 mq. Mi sapreste dare una vostra opinione? E magari un competitor al prodotto che mi hanno consigliato?

 

Grazie!

Link to comment
Share on other sites


Alessio Menditto

Vedo non ti risponde nessuno ti dico la mia opinione, lavastoviglie ha il suo anti calcare a sali e resine, la lavatrice puoi mettere anticalcare a ogni lavaggio, alla fine da quello

che ho capito rimane il boiler.

Ora mettere un sistema complesso di trattamento acque mi sembra inutile, io periodicamente farei lavaggio con acido quando serve.

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto
In questo momento, Alessio Menditto ha scritto:

inutile

Ho sbagliato termine, non proprio inutile perché sicuramente funziona ma non pensare che il calcare scompaia, questa è un po’ una leggenda popolare, sicuramente calano i gradi francesi ma non si possono assolutamente mettere a zero, per cui il calcare si forma comunque, anche se ci vuole forse più tempo.

Link to comment
Share on other sites

mrgianfranco
14 ore fa, eletricanto ha scritto:

mi è sembrato un pò esagerato

Be...su internet e vari brico trovi addolcitori a 600 euro che magari hanno pure gli stessi volumi/ora di acqua trattata...quello che ti hanno proposto costa moolto di più, ma è un altro mondo, sia come dispositivo che come assistenza e manutenzione...assolutamente non voglio spingerti verso quel marchio (non sono un venditore!), però conosco un pò cosa vendono e i loro centri assistenza, tecnici compresi...noi a lavoro abbiamo grossi impianti per trattare acqua e a distanza di quasi 30 anni dalla loro installazione ancora si trovano i ricambi le guarnizioni e valvole per manutenerli, si paga tanto ma a lungo andare son ottimi prodotti!

50 minuti fa, Alessio Menditto ha scritto:

ma non si possono assolutamente mettere a zero

volendo si..ma è controproducente!

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto

Sì certo intendevo non dal punto di vista tecnico, ma che proprio non va bene siano a zero.

Link to comment
Share on other sites

eletricanto

Innanzitutto grazie per le dritte!!

 

7 ore fa, Alessio Menditto ha scritto:

Il boiler.

Rimarrebbero: la Pompa di Calore che mi gestisce sia acqua calda sanitaria sia il riscaldamento/raffreddamento... e poi, in effetti, anche i Ventilconvettori dove passerebbe l'acqua addolcita (e i termoarredi nei bagni) oltre le tubazioni ovviamente.

Secondo il vostro parere quindi, meglio evitare di metterlo?

Onestamente i vicini di casa hanno dei problemi di otturazione di calcare, sia delle cassette (Pucci) che dei beccucci/aeratori dei rubinetti in maniera importante. 

 

6 ore fa, mrgianfranco ha scritto:

trovi addolcitori a 600 euro

sapresti indicarmi un competitor che possa "giocarsela" con il marchio che mi hanno proposto?

 

Son un pò indeciso perchè il mio installatore lo trova assolutamente necessario.

Link to comment
Share on other sites

mrgianfranco
6 minuti fa, eletricanto ha scritto:

meglio evitare di metterlo

Secondo me se ci son problemi di depositi e otturazioni è da mettere un addolcitore ....poi devi decidere tu (anche con i consigli del tuo installatore) se andare su una cosa economica magari che ti dura due o tre anni oppure su qualcosa di più professionale, io non mi occupo di queste cose quindi non so neanche che marchi consigliarti che siano professionali, noi abbiamo a che fare con culligan e chillit altro non sò che dire! In che regione abiti? In Sardegna ? magari ti sarebbe utile parlare con un tecnico in modo da capire meglio alcune cose..

Link to comment
Share on other sites

eletricanto
7 ore fa, mrgianfranco ha scritto:

In che regione abiti? In Sardegna ?

Sicilia, in provincia di Messina

Link to comment
Share on other sites

chi ti ha proposto il culligan? idraulico o commerciale?

 

io mi ero informato per casa ed ero andato in una grossa catena di termoidraulica e mi avevano preventivato un marchio tipo chillit e un marchio "imitazione" (credo di loro proprietà) quasi a metà prezzo. Io poi non ho fatto nulla ma avrei scelto il secondo perchè garantivano direttamente anche l'assistenza.

 

puoi anche cominciare a mettere i filtri e predisporre il bypass per inserirlo in un secondo momento l'addolcitore

Link to comment
Share on other sites

mrgianfranco

Qui da noi questi impianti li compri direttamente da loro e loro si occupano di progettare, dimensionare e installare ..

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...
Chiarella88

Noi abbiamo cambiato caldaie, accumuli, miscelatori, parti di impianti ecc perché hanno sottovalutato il calcare e la qualità dell’acqua..

Siccome dici che hai installata una pompa di calore presta attenzione, sulle istruzioni sono specificate le caratteristiche dell’acqua pena la decadenza della garanzia.

 

Comunque anche noi abbiamo utilizzato Cillit, ma non so di quanto risparmi (che è un marchio di prodotti per l’idraulica a tutti gli effetti)

Prova a chiedere al tuo tecnico se può offriti qualcosa di più economico..

Link to comment
Share on other sites

  • 4 weeks later...

Io ho rifatto casa e come ho scritto in un'altra discussione mi sono studiato i prodotti delle aziende più importanti, poiché, avendo tutto con pompa di calore e avendo almeno 40*f di durezza, dovevo preservare gli apparecchi.

Non è vero che tutte gli addolcitori funzionano allo stesso modo.

Dopo un anno e mezzo di utlizzo, posso dire di aver scelto il migliore e ne sono pienamente soddisfatto.

Avevo contattato anche la Culligan, che ormai hanno degli apparecchi che definire obsoleti è dire poco, infatti il mio amico ha preso il Culligan e ogni mese consuma circa 25kg di sale oltre al filtro da cambiare.

Io ho preso il BWT Perla Seta e ti assicuro che è un altro pianeta, anzi un altro universo!

L'unica azienda che ha un apparecchio simile è la Grünbeck, ma l'assistenza non è presente in tutta Italia.

Ho scoperto che la durezza non è costante, ma varia almeno 3 volte al mese.

Il range nella zona dove abito a Napoli è fra 30° e 44° questo aspetto, quasi nascosto dal rivenditore della Culligan, è fondamentale, poiché con i loro apparecchi devi continuamente effettuare i test per controllare in ingresso il valore della durezza, mentre col BWT imposti l'uscita che desideri, nel mio caso ho lasciato il valore di default che l'azienda chiama acqua  perlata (valore 7°) e poi il Perla si collega periodicamente al DB e aggiorna i valori della durezza, adattando l'uscita.

La rigenerazione, mentre nel Culligan impiega quasi due ore (durante la notte e non è per niente silenzioso!), nel Perla dura circa 20 minuti, perché rigenera solo la resina consumata, inoltre avendo il sistema duplex non smette mai di funzionare, anche durante la rigenerazione, mentre il Culligan no. Effettuando una rigenerazione ottimizzata, il consumo di sale è pari a circa 6kg al mese. Chiaramente puoi controllare tutto da app.

Ovviamente devi realizzare un sistema completo con un filtro con regolatore di pressione prima dell'addolcitore (Filtro autolavable BWT R1) e dopo l'addolcitore un dosatore di polifosfati naturali Quantomat.

L'acqua distribuita dall'ABC è potabile e noi beviamo tranquillamente l'acqua addolcita.

Probabilmente spendi un poco di più, ma risparmi moltissimo in corrente elettrica, sale e manutenzione, quindi nel tempo ci vai a guadagnare.

 

 

Link to comment
Share on other sites

mrgianfranco
1 ora fa, CapVi ha scritto:

dopo l'addolcitore un dosatore di polifosfati

Questo non ha senso!...se usi un addolcitore perché ci spari anche i polifosfati?

1 ora fa, CapVi ha scritto:

perché rigenera solo la resina consumata

La resina non si consuma, si satura...vorrei sapere come riesce il sistema a discriminare il chicco saturo da quello non saturo per rigenerarlo..

Link to comment
Share on other sites

20 minuti fa, mrgianfranco ha scritto:

Questo non ha senso!...se usi un addolcitore perché ci spari anche i polifosfati?

La resina non si consuma, si satura...vorrei sapere come riesce il sistema a discriminare il chicco saturo da quello non saturo per rigenerarlo..

I polifosfati naturali servono ad evitare che il calcare si attacchi alle tubature o al boiler della PDC. Una confezione da 350gr mi dura più di 70 giorni.

Ho usato un termine impreciso poiché la resina non si consuma, ma il concetto è quello.

Ora non so cosa fa il BWT, ma la rigenerazione avviene in breve tempo ed è molto silenziosa a differenza del Culligan.

Ogni sei mesi mi chiede una pasticca di pulizia ( BWT IOCLEAN) da inserire nell'apposita fessura.

L'acqua al tatto ha effettivamente un effetto perlato.

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto
12 ore fa, CapVi ha scritto:

L'acqua al tatto ha effettivamente un effetto perlato.

A me inquieterebbe un po’…

Link to comment
Share on other sites

Sarebbe interessante far fare una analisi dell'acqua da un laboratorio per capire cosa ci rimane dentro...

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, drn5 ha scritto:

Sarebbe interessante far fare una analisi dell'acqua da un laboratorio per capire cosa ci rimane dentro...

 

Se mi dite le analisi da fare, posso portare un campione di acqua in un laboratorio.

E' una verifica a cui avevo già pensato.

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto

No ma era solo una considerazione, io l’acqua la conosco solo in un modo, se comincia a essere diversa mi agito, tutto qui.

Link to comment
Share on other sites

mrgianfranco

Quando ci si lava le mani con acqua addolcita (in maniera pesante..)la sensazione è che il sapone non si riesca a lavare ...non so se è questo l effetto perlato che dici!comunque io quell acqua non la berrei anche perché esce ricca di cloruri

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, mrgianfranco ha scritto:

esce ricca di cloruri

cloruri?!

sodio...

addolcimento riduce il calcio/magnesio e aumenta il sodio

Edited by click0
Link to comment
Share on other sites

Il 26/4/2024 alle 09:09 , drn5 ha scritto:

Sarebbe interessante far fare una analisi dell'acqua da un laboratorio per capire cosa ci rimane dentro...

 

Ripeto, se mi dite le analisi da fare, posso portare un campione di acqua in un laboratorio.

L'acqua addolcita la bevono tutti.

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto
12 minuti fa, CapVi ha scritto:

L'acqua addolcita la bevono tutti.

Beh tutti no, la bevono quelli che hanno gli addolcitori o stanno in condominio con addolcitori, e come mi sembra di aver detto all inizio, in realtà è solo la caldaia che può aver problemi, il calcare precipita solo dove c’è calore, nella lavatrice metti anti calcare, la lavastoviglie ha il suo addolcitore incorporato, cosa rimane? La caldaia, ma si può benissimo chiamare il tecnico che faccia lavaggio con acido, e tenere una temperatura non altissima.

 

Link to comment
Share on other sites

35 minuti fa, Alessio Menditto ha scritto:

La caldaia, ma si può benissimo chiamare il tecnico che faccia lavaggio con acido,

diciamo, dipende da quanta acqua uno usa

più il consumo di acqua è alto e più la durezza dell'acqua è elevata, più un addolcitore serve

in base alla durezza e al consumo, si può determinare quanto spessore di calcare, si forma sulle superfici...

a 40°f è buona cosa averlo, ma poi, è una di quelle cose che va controllata, se no, è come non averla (una volta al mese, il test di durezza con il reagente e almeno una volta ogni due anni, il "servizio" tecnico)

su una macchina che si "autoregola" immagino, tutte quelle componenti in più che possono guastarsi

Edited by click0
Link to comment
Share on other sites

Ogni primo del mese effettuo il test con le gocce per verificare l'acqua in uscita e il risultato mi da sempre 7°.

Ogni sei mesi l'addolcitore mi dice di effettuare i controlli di manutenzione ordinaria e di inserire una pastiglia di BWT IOCLEAN nell'apposita fessura, poi effettua un lavaggio della durata di circa 30 minuti.

 

Vi assicuro che cambia la qualità dell'acqua e migliora nettamente la pulizia della casa, oltre a preservare gli elettrodomestici e diminuire i consumi.

Edited by CapVi
Link to comment
Share on other sites

il "rischio" principale con l'addolcitore resta quello legato all'aumento del sodio

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...