Jump to content
PLC Forum


Sign in to follow this  
click0

Risparmi Con Lampade Fluorescenti Dimerabili 1-10V

Recommended Posts

click0

Inanzitutto ciao a tutti e buon anno

Come lavoretto abbiamo sotituito presso un'azienda un po di interruttori con sensori di movimento e qualche lampada a rattore ferromagnetico con nuovi elettronici per coscienza ecologica :lol: o magari per far risparmiare qualche soldino al committente e parlando con il responsabile facevo notare che nella zona magazzino hanno consumi che sicuramente si potrebbero ridurre visto che accendono quando entrano la mattina e spengono la sera quando se ne vanno visto anche che il mio capo era scettico su come poter migliorare la situazione e visto che mi è stato detto "pensa a qualcosa"...

In origine pensavo di proporre anche in quello zona l'installazione di una serie di sensori di movimento che accendessero lampade a blocchi ma visto che l'utilizzo che se ne fa sarebbe tutto un accendi spegni mi è balenata un idea un po bizzarra nel senso che andando a sostiture le plafoniere con delle nuove con rattore elettronico dimerabile e montando poi dei sensori di presenza che facciano anche la dimerazione potrei ridurre l'illuminazione a poco quando la zona non è impiegata

Ora sorge il dubbio, ma quanto consuma una lampada con reattore elettronico quando è in dimmerazione?

Avete suggerimenti da darmi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mirko Ceronti
e qualche lampada a reattore ferromagnetico con nuovi elettronici per coscienza ecologica :lol: o magari per far risparmiare qualche soldino al committente

"Soldino" che prenderà presto il volo causa alla pessima affidabilità di questi archibugi malfatti !!!!

Il ferromagnetico è sì energivoro (una plafoniera con tubo da 36 Watt, in realtà ne consuma 46, poichè 10 se ne vanno in calore sul reattore) però.....una volta installato te lo dimentichi.

Al massimo sostituisci il tubo e lo starter per termine fisiologico della loro vita (cosa più che normale)...STOP...!

Saluti

Mirko

Edited by Mirko Ceronti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Maurizio Colombi
pessima affidabilità di questi archibugi malfatti

Parole sante!!!!!! :thumb_yello:

Share this post


Link to post
Share on other sites
click0

son con te anche se però dipende sembre dal quantitativo...

quelle che sono state sostituite finora è più per un fatto di rapidità di accensione della lampada che per altri motivi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Microchip1967

quoto sul discorso inaffidabilità dei reattori elettronici.

Per velocizzare l'accensione, basta usare degli starter DEOS

Un primo grosso risparmio è quello di usare reattori ferromagnetici a bassissime perdite.

Un'altra soluzione (che ho impiegato in alcuni stabilimenti) è stata la posa di un logo con 2 sonde di luminosità.

Se la luce esterna è sufficiente ad ottenere i valori di illuminazione richiesti dalla norma senza l'ausilio delle lampade fluorescenti, queste vengono spente in automatico

sono stati installati anche dei contaore per "conteggiare" le ore di risparmio.

Alla fine il tutto ha diminuito i consumi di circa il 37%

Edited by Microchip1967

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mirko Ceronti
Alla fine il tutto ha diminuito i consumi di circa il 37%

:thumb_yello: Notevole !!!!

Per velocizzare l'accensione, basta usare degli starter DEOS

E' vero, ma non so come vai Tu, io ho notato (mia esperienza personale ovviamente) che nel complesso i tubi (con quegli starter) durano un po' meno che con gli starter classici, e comunque molto meglio sostituire un tubo in più che un reattore.

Ad ogni modo, quando in un'industria hai centinaia e centinaia di quei reattori elettronici, un vantaggio c'è.

Quale ?

Che con buona probabilità Ti risparmi il rifasamento in cabina.

Nella nuova azienda dove presto servizio, la potenza impiegata è sì minore di quella dove lavoravo precedentemente ( 500 Kw installati contro i 4000 di prima), però......il rifasamento a gradini se ne sta spento tutto il giorno, nonostante i circa 800 Ampere di assorbimento letti allo strumento generale.

(e non sono composte da resistenze le macchine che fanno la produzione)

Saluti

Mirko

Share this post


Link to post
Share on other sites
click0
diminuito i consumi di circa il 37%

:thumb_yello: complimenti gran bel risparmio

Se la luce esterna è sufficiente ad ottenere i valori di illuminazione richiesti dalla norma senza l'ausilio delle lampade fluorescenti, queste vengono spente in automatico

ottimo metodo ma nel mio caso sfruttare al meglio la luce naturale e una cosa che difficilmente riuscirei ad attuare anche perchè il magazziono è situato in un seminterrato e l'illuminazione naturale è scarsa

Ad ogni modo, quando in un'industria hai centinaia e centinaia di quei reattori elettronici... 500 Kw installati contro i 4000 di prima...

La mai situazione è un tantino piu piccola --> 120 lampade da 58w

Ma forse quando si sta sul piccolo si notano di più le differenze...

Comunque la base sta nel fatto che sapevo che le lampade fluorescenti con ferromagnetico non sono adatte a continui cicli di accensione e spegnimento. Mi confermate cio?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mirko Ceronti

Ancor meno lo sono quelli elettronici

Saluti

Mirko

Share this post


Link to post
Share on other sites
click0

e se invece di accendere e spegnere dimero?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mirko Ceronti

Cioè dimeri fino a portare a "0" la luminosità senza intervenire sul pulsante d'accensione ?

In quel caso di certo lo stadio d'ingresso del reattore non si prende il pugno nello stomaco come invece accadrebbe con l' "accendi spegni" quindi presumo sarebbe senz'altro meglio in termini di longevità da stress da accensioni ripetute.

Però io vedo che quelli con cui ho (purtroppo) avuto a che fare, li accendavamo al mattino alle 5:00 e li spegnavamo alla sera alle 21:00, ma.....soffrivano comunque di mortalità infantile.

Saluti

Mirko

Share this post


Link to post
Share on other sites
click0

sostanzialmente non mi servierebbe neanche portare a zero l'illuminazione mi accontententerei di ridurla, cosa che con ferromagnetico che io sappia non non si puo fare (giusto).

Tutto sto marchingegno per ridurre i consumi ma spulciando quà e là non sono riscito a capire se i consumi calano restano uguali aumentano...

A intuizione si riducono ma...

che ne pensate...

Edited by click0

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mirko Ceronti
cosa che con ferromagnetico che io sappia non non si puo fare (giusto).

No si potrebbe fare, ma anche qui il dolore supera il piacere...!

Tutto sto marchingegno per ridurre i consumi ma spulciando quà e là non sono riscito a capire se i consumi calano restano uguali aumentano.

A rigor di logica diminuiscono (anche se non saprei esprimere in che percentuale) poi il disporre di uno di questi giocattoli e fargli qualche test verificativo non guasterebbe.

Saluti

Mirko

Share this post


Link to post
Share on other sites
click0
qualche test verificativo non guasterebbe

di durata...

:smile: avrei a disposizione dei reattori elettroici dimerabili di recupero solo che sono 2*36 compatte magari comparandoli ottengo un qualcosa di approsimativo

Share this post


Link to post
Share on other sites
click0
basta usare degli starter DEOS

:smile: Mi sfuggiva che starter sono... Dopo una googlata ho soperto che impieghiamo gia quelli grazie comunque

Share this post


Link to post
Share on other sites
Maurizio Colombi

Una soluzione che sto provando nella cucina di un ristorante, è quella di applicare dei tubi a led al posto dei tradizionali tubi al neon!

Bisogna eliminare starter e reattore ed alimentare direttamente i portaneon con fase da un lato e neutro dall'altro.........staremo a vedere!!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Microchip1967

Occhio che con tale modifica perdi la certificazione della lampada (sia come certificazione del costruttore sia come curva fotometrica)

inoltre un'altro consiglio: applica una etichetta ben visibile indicando che su tale lampada non devono essere usati tubi fluorescenti (visto che gli attacchi rimangono uguali)

Share this post


Link to post
Share on other sites
click0

Ho fatto quattro misure a un reattore dimerabile marca huco con 2 lampade 2x26w

Corrente nominale di targa 240mA cosf > 0.95

vuoto con lampade staccate 1mA

57 mA -- 0.5 Vcc

59 mA -- 1.07 Vcc

64 mA -- 1.93 Vcc

78 mA -- 3 Vcc

98 mA -- 4Vcc

135 mA --5 Vcc

175 mA -- 6vcc

-----

Cambio scala

-----

180 mA -- 6 Vcc

230 mA -- 7 Vcc

270 mA -- 8 Vcc

290 mA -- 9 Vcc

300 mA -- 10 Vcc

Quindi in teoria dimmerando a 1V dovrebbe consumare 13W mentre a 10 Vcc dovrebbe consumare 65w

Share this post


Link to post
Share on other sites
click0

up

dopo quasi un anno di funzionamento di un impianto di prova,(ho fatto dimmerare un corridoio costituito da n° 6 lampade 2x18w e non il magazzino) posso affermare che l'impianto in funzione ha buone capacita nel senso che il consumo misurato è stato di 87 kw contro lo stimato di 168kw non male anche se il commitente si aspettava miglioramenti pù significativi

Al momento comunque nessuna rottura da segnalare

Share this post


Link to post
Share on other sites
Elvezio Franco

Grazie per aver condiviso con noi la tua esperienza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...