News

I leader dell'UE siglano un accordo provvisorio sul pionieristico quadro di certificazione per la rimozione del carbonio

in collaborazione con mcTER News

Bruxelles - Le istituzioni dell'UE hanno raggiunto oggi un accordo politico provvisorio su un regolamento che istituisce un quadro di certificazione dell'Unione per la rimozione del carbonio e la riduzione delle emissioni nel suolo, uno degli elementi finali dell'agenda del Green Deal europeo di questa legislatura. Questa iniziativa volontaria a livello europeo è progettata per convalidare le attività di rimozione del carbonio, agricoltura del carbonio e riduzione delle emissioni del suolo nell'UE, garantendo che siano di alta qualità, misurabili e in linea con gli obiettivi climatici dell'UE. Come delineato nell'obiettivo del 2040 , entro il 2040 saranno necessari 300 milioni di tonnellate di rimozione del carbonio.

Alejandra Muñoz Castañer, responsabile per gli affari governativi europei presso CATF, ha dichiarato: "Questo accordo è il primo passo verso la creazione di un sistema affidabile e trasparente per la certificazione della rimozione del carbonio . Tuttavia, poiché i casi d'uso delle unità dovranno essere determinati dalla prossima legislazione, esiste ancora il rischio tangibile che contribuiscano alla mitigazione della deterrenza".

L'accordo ha introdotto diversi miglioramenti chiave in seguito ai negoziati del trilogo:

Definizioni. La definizione di rimozione del carbonio ora si allinea con quella del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) escludendo la riduzione delle emissioni.
Scopo. L'introduzione di quattro unità distinte per quattro categorie di attività (rimozione permanente del carbonio, stoccaggio temporaneo del carbonio in prodotti di lunga durata, stoccaggio temporaneo del carbonio derivante dall'agricoltura del carbonio e riduzioni delle emissioni nel suolo) consentirà di monitorarle in modo più efficace e di valutare adeguatamente i casi d'uso. assegnato.

Responsabilità. L'accordo invita la Commissione a includere chiari meccanismi di responsabilità nello sviluppo delle metodologie di certificazione. Questo elemento è fondamentale, poiché garantisce che gli operatori saranno responsabili e responsabili nel caso in cui del carbonio venga rilasciato nuovamente nell'atmosfera (un'inversione). Durante il periodo di monitoraggio le attività di carbon farming e di rimozione permanente del carbonio devono attenersi alle disposizioni della Direttiva sullo stoccaggio geologico dell'anidride carbonica.
Registro UE. Quattro anni dopo l'entrata in vigore del regolamento, la Commissione istituirà un registro pubblico a livello dell'UE che includa metadati chiave sulle attività certificate, migliorando l'accessibilità, la trasparenza e la responsabilità. Questo deve essere finanziato dalle tariffe annuali per gli utenti.

Casi d'uso. L'accordo prevede un collegamento sull'uso delle unità alle norme della proposta di direttiva Green Claims e della direttiva sulla rendicontazione della sostenibilità aziendale. Anche lo scopo d'uso delle unità deve essere dichiarato nel registro dell'UE, ad esempio se vengono ritirate per presentare una dichiarazione sul clima. Inoltre, le unità possono essere utilizzate solo per promuovere gli obiettivi climatici dell'UE e il contributo determinato a livello nazionale (NDC) e non devono essere conteggiate per quelli di paesi terzi o per i programmi di conformità internazionali.
Requisiti di sostenibilità. I requisiti minimi di sostenibilità sono stati rafforzati in modo che tutte le attività di carbon farming debbano ora fornire prova di avere almeno un co-beneficio in termini di biodiversità.
"Come prossimo passo, sarà fondamentale per il gruppo di esperti dell'UE garantire che le metodologie di certificazione rispettino gli standard di qualità e che la legislazione futura, come la proposta sulle Green Claims, definisca i casi d'uso ammissibili per le unità certificate", ha affermato Kathy Fallon , Direttore dei sistemi terrestri presso CATF.

Codie Rossi, Policy Associate, Carbon Capture presso CATF ha aggiunto che "La rimozione del carbonio è essenziale per la neutralità climatica e le emissioni negative. Sebbene non sia perfetto, questo quadro dovrebbe portare la tanto necessaria standardizzazione e responsabilità in un settore in gran parte non regolamentato".

L'accordo di trilogo dovrà ora ricevere il via libera definitivo dagli Stati membri e dalla commissione ENVI del Parlamento europeo, prima delle elezioni europee. In qualità di membro del gruppo di esperti sulla rimozione del carbonio della Commissione europea, CATF continuerà a fornire input per informare i futuri atti delegati che renderanno operative le metodologie di certificazione per le attività di rimozione del carbonio.
Redazionali o presentazioni di prodotto/di azienda
Pubblicato il 22 febbraio 2024
News

IOThing - Software di archiviazione, gestione e analisi automatica dei dati

IOThing è una piattaforma IoT e IIoT pensata innanzitutto per applicazioni civili ed industriali dove le dimensioni del sistema, l'affidabilità e la...

Il Coordinamento FREE riferisce nelle commissioni della Camera sul PNIEC

"È fondamentale creare le condizioni per arrivare almeno agli obbiettivi del PNIEC, ma contemporaneamente mettere a punto ulteriori azioni per...

L'UE promuove la mobilità a emissioni zero con oltre 424 milioni di euro di finanziamenti per 42 progetti

La Commissione europea annuncia oggi la selezione di 42 nuovi progetti per la realizzazione di infrastrutture per i combustibili alternativi che...

Profili a prova di futuro: le novità di REHAU Window Solutions a Fensterbau Frontale 2024

A Fensterbau Frontale 2024, REHAU Window Solutions ha presentato le sue più recenti innovazioni nello sviluppo di sistemi per finestre e...

Norme armonizzate: un ciclo di seminari organizzati da CEN e CENELEC

Il 22 e 23 maggio gli esperti coinvolti nelle attività tecniche avranno l'occasione di approfondire il tema delle norme armonizzate e delle loro...

Energia rinnovabile: la tecnologia Siemens per la transizione energetica della Puglia

Il parco fotovoltaico più grande d'Italia, in provincia di Foggia, è stato realizzato con dispositivi di alta, media e bassa tensione, inverter...

La corsa per la transizione energetica

Nel corso del 2024, il Campionato mondiale ABB FIA di Formula E visiterà 10 Paesi e metterà in mostra i progressi tecnologici che contribuiscono ad...

Plenitude avvia la costruzione del parco fotovoltaico di Renopool in Spagna da 330 MW, il più grande mai realizzato dalla Società

Il parco solare, costituito da sette impianti fotovoltaici, sorgerà in Extremadura nella provincia di Badajoz.

Enel X e Blu Plast insieme per il miglioramento della produttività

L'azienda Blu Plast, nello stabilimento di Pagani (SA) sceglie Enel X per l'efficientamento energetico del ciclo di produzione. Grazie alla...

Gewiss partner tecnologico del nuovo ospedale Galeazzi-Sant'Ambrogio di Milano

ChoruSmart, JOINON, componenti per la distribuzione e la connessione dell'energia e apparecchi a Led per l'illuminazione di varie aree: queste le...

Segnalazione Multicolore, Versatile e Personalizzabile Via LAN

WE-LAN, nuova soluzione che combina la segnalazione luminosa multicolore con la comunicazione Ethernet. È facile e sicura da usare, infatti, supporta...