Video - Sostenibilità ambientale

Video Webinar Il percorso delle aziende energivore verso la sostenibilità ambientale: il caso Guala

L'impianto di trigenerazione contrattualizzato da E.ON consente una riduzione delle emissioni di circa 328 tonnellate di CO2 ogni anno azzerando i rischi derivanti dalla proprietà e dalla gestione dell'impianto quali minori prestazioni, minor produzione e minori rendimenti.

Video Webinar Le nuove frontiere di Industry Service 4.0 tra Manutenzione industriale ed Innovazione

L'economia circolare è un paradigma economico che integra la sostenibilità ambientale all'interno dei processi aziendali, e che si basa su due principi basilari, la valorizzare e l'allungamento della vita dei componenti installati sull'impianto e la riduzione della creazione del rifiuti. La MANUTENZIONE PREVENTIVA racchiude un insieme di servizi specifici per ogni tipologia di prodotto, in grado di mantenere le prestazioni operative del componente: - EASY WASHING: Lavaggio tecnologico e Tropicalizzazione delle schede; - EASY BACK-UP: Back-up delle impostazioni di settaggio delle schede elettroniche; - EASY REPLACEMENT: Sostituzione delle parti usurate del prodotti. INDUSTRY ADVICE 4.0 è un servizio innovativo di consulenza personalizzata, che in un'ottica di circular economy combina una serie di servizi.

Video Webinar Efficienza energetica, sviluppo sostenibile e innovazione: The Bridge, azienda settore beverage

The Bridge è una azienda familiare che produce bevande al 100% biologiche, dessert e creme per cucinare. The bridge si pone come obiettivi l'efficientamento energetico di un nuovo stabilimento. Le emissioni co2 vengono perciò diminuite. I costi della produzione di energia elettrica da parte di uno stabilimento possono essere ridotti e le risorse impiegate altrove. L'intero progetto verrà poi esternalizzato ad un unico soggetto partner. In questo intervento parleremo di efficienza energetica, sostenibilità ambientale e innovazione, come un impianto di cogenerazione possa soddisfare i fabbisogni di energia elettrica e termici pur restando sostenibile.

Video Webinar Cresce l'utilizzo di materiali polimerici nell'industria Alimentare, risparmio energetico e sostenibilit

Nel corso della presentazione saranno affrontati alcuni punti: - impiego dei polimeri nell'industria alimentare; - plastica e riduzione dei consumi energetici; - tutto è connesso. La sostenibilità ambientale dalla produzione al decomissioning; - riduzione della CO2 footprint.

Video Webinar La diagnosi energetica: uno strumento per un percorso di sostenibilità. Verso la carbon neutrality

Si parte da una definizione, quella della diagnosi energetica: la diagnosi energetica è una procedura strutturata di analisi energetica e di identificazione di interventi di miglioramento. Universalmente conosciuta in seguito all'obbligo derivante dall'applicazione delle direttive 2012/27/UE e 2018/2002/UE ed i D.Lgs. 102/2014 e 37/2020 per le grandi imprese e le imprese energivore. La diagnosi energetica è il primo indispensabile passo per qualsiasi percorso di carbon neutrality. L'azienda nel suo intervento spiega perché fare le diagnosi energetiche. La diminuzione dell'incidenza della spesa energetica annuale, delle emissioni di gas, l'aumento della propria efficienza energetica, l'individuazione delle tecnologie di risparmio di energia, migliorare la sostenibilità ambientale, la riqualificazione del sistema energetico, rientrano tra le motivazioni. Prosegue mostrando come fare le diagnosi energetiche: per valutare un risparmio l'azienda ci dice che occorre partire dall'analisi dei consumi energetici, dei macchinari, dei processi, fare ipotesi di efficientamento (sostituzione macchinari). L'ambito di indagine delle diagnosi energetiche è l'illuminazione, la cogenerazione, la dispersione termica, le energie rinnovabili, la climatizzazione, l'inverter, motori elettrici... Ci viene mostrato un case study. La produzione del prosciutto crudo parte dall'allevamento dell'animale, arriva allo stabilimento dove viene macellato. Le carni vengono lavorate, stagionate, confezionate e spedite. Il case study prosegue facendo una diagnosi energetica e analizzando i fabbisogni. Viene quindi proposto un modello energetico. Gli interventi proposti riguardano l'ottimizzazione compressori aria e ricerca fughe, l'installazione interna e esterna di una illuminazione a led, la sostituzione della uta, del chiller e l'installazione dei pannelli fotovoltaici. La stima della produzione oraria di un impianto fotovoltaico viene presentata come approfondimento. Ma cosa si intende con percorso di Carbon Neutralità? Un percorso che include standard ISO in materia di Carbon footprint, EPD ed un inventario di GHG, il percorso è stato definito da una parte terza, con dei target fissati e certificabili, le aziende sono state accompagnate in progetti di riduzione delle emissioni, il cliente deve essere stato messo al riparo dal rischio di << greenwashing >> (ecologismo di facciata o ambientalismo di facciata). Un percorso di Carbon Neutrality prevede l'ottimizzazione dei consumi e della spesa energetica, un miglioramento delle condizioni ambientali e dei luoghi di lavoro, un impatto positivo sull'ambiente, un miglioramento dell'immagine verso l'esterno. Gli step per l'avvio del percorso alla Carbon Neutrality presume l'analisi delle esigenze del cliente, una diagnosi energetica dettagliata, l'individuazione degli interventi di efficienza energetica, azioni sull'upstream e downstream, Energy & Environmental Management e verifica dei target raggiunti, elaborazione di un Bilancio di sostenibilità.

Video Webinar Biometano e sostenibilità

- Obiettivi di sviluppo sostenibile - Sostenibilità ambientale secondo le RED I e II - Contesto legislativo - Il primo operatore - L'RT 31 di Accredia Rev 3:2018 - Dichiarazione di Sostenibilità - Il Fossil Fuel Comparator

Video Webinar Biometano nei trasporti: un'opzione sostenibile

- Il metano per auto - Il metano nei trasporti per ridurre l'impatto ambientale - Quadro evolutivo settore - Distributori - GNL sviluppo rapido - CNG trasporto su strada - Idrometano - Biometano

Autoprodurre il 70% del fabbisogno energetico aziendale con la trigenerazione AB: il caso Dätwyler.

Integrare sostenibilità economica con sostenibilità ambientale è un obiettivo importante e questo Dätwyler Pharma Packaging Italy lo sa, per questo ha scelto la cogenerazione optando per un impianto di 1.200 kW in assetto trigenerativo.

Riqualificazione energetica secondo l’approccio energeticamente sostenibile

Tre edifici progettati dall’architetto Luciano Pia e dallo Studio EQ Ingegneria, tre casi studio di riqualificazioni energetiche che hanno avuto come obiettivo la realizzazione di edifici residenziali con bassissimi consumi energetici per riscaldamento, raffrescamento e produzione di acqua calda sanitaria, elevato comfort termico e visivo negli ambienti interni e basso impatto ambientale della costruzione.

La tecnologia HYST al convegno ITER: una nuova risorsa economica per l'Italia

La HYST è il primo sistema di separazione puramente meccanica della biomassa. Ha impatto ambientale nullo e vastissime potenzialità applicative in numerosi settori industriali, in particolare quelli dell'alimentazione umana, dell'alimentazione animale e della produzione di bioenergie. La sua efficacia quale strumento nella lotta alla carenza alimentare, ha spinto l'associazione a promuovere il progetto umanitario Bits of Future: food for all, mirato allo sviluppo sostenibile in Africa attraverso la diffusione e l'utilizzo in loco degli impianti HYST.

Sostenibilità ambientale attraverso l'uso di fonti rinnovabili

È possibile realizzare un sistema industriale ed energetico efficiente e sostenibile grazie al sole e alla microgenerazione. Da consumatori passivi dobbiamo diventare produttori dell'energia necessaria per i nostri fabbisogni domestici. Esemplificazione legislativa e burocratica per gli impianti ad energia rinnovabile architettonicamente integrati e bonus per chi costruisce seguendo le regole della bio-architettura sono le richieste conclusive.

Innovazione tecnologica nella depurazione delle acque: best practices europee

Contenimento dell 'impatto ambientale attraverso la rimozione dei nutrienti.

Il trattamento dei rifiuti urbani

l convegno rappresenta una fase del progetto HIA21, cofinanziato dalla UE, finalizzato a consentire una valutazione degli effetti su salute, ambiente, società ed economia locale delle principali tipologie di impianto di smaltimento rifiuti oggi utilizzate. Il progetto consiste in valutazioni integrate dell'impatto ambientale, sanitario e socioeconomico (VIS o HIA, Health Impact Assessment) di due differenti sistemi di gestione dei rifiuti: un impianto di incenerimento (San Zeno in provincia di Arezzo) e di una discarica (Lanciano); si utilizzano in questo percorso la partecipazione dei cittadini delle due aree interessate, supportando allo stesso tempo chi deve prendere decisioni in proposito ad effettuare la scelta migliore tra le alternative possibili per future iniziative e per individuare miglioramenti nelle modalità gestionali in essere.

La sostenibilità ambientale nella filiera degli imballaggi: il modello CONAI

ll Sistema Consortile costituisce in Italia un modello di gestione da parte dei privati di un interesse di natura pubblica: la tutela dell'ambiente. Questo modello basa la sua forza sul principio della "responsabilità condivisa": nella gestione del problema dei rifiuti, ed in particolare dei rifiuti di imballaggio, tutti devono essere coinvolti: imprese, Pubblica Amministrazione e cittadini. CONAI, che opera con i Comuni in base a specifiche convenzioni, rappresenta per i cittadini la garanzia che i materiali di acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro, provenienti dalla raccolta differenziata trovino pieno utilizzo attraverso corretti processi di recupero e riciclo. Il Sistema Consortile è riuscito a ridurre del 61% il volume dei rifiuti di imballaggio destinati alla discarica, recuperando il 75,3% di rifiuti di imballaggio.