Jump to content
PLC Forum


Avvio-Arresto Macchina Tramite Fotocellula


Stef U.
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti, sono nuovo del forum, o meglio, è il mio primo intervento anche se vi seguo da parecchio.

Spero di non sbagliare sezione, ma ho una problematica da sottoporvi e spero che abbiate pazienza con un inesperto del settore come me.

Lo scenario è questo: dove lavoro, dobbiamo "unire" due macchinari, cioè automatizzare il processo di trasferimento dei prodotti da una macchina all'altra, dove la prima è un'etichettatrice e la seconda una macchina per il confezionamento. Sfruttando forza di gravità, il peso stesso dei prodotti e uno scivolo progettato su misura che sfrutta l'aria compressa ci siamo riusciti, senza particolari problemi. Ora però volevamo inserire una sorta di controllo, che dovrebbe avere il compito di arrestare la prima macchina, l'etichettatrice, quando lo scivolo è pieno. Informazione importante: l'etichettatrice lavora con pezzi singoli, li butta sullo scivolo uno alla volta, mentre la macchina per il confezionamento ne prende 3 alla volta. Questo serve a farvi capire che la parte iniziale dello scivolo (lato etichettatrice) dovrebbe rimanere sempre più o meno vuoto (in base alla velocità di rotazione dei macchinari).

Per far questo pensavo all'utilizzo di una coppia di fotocellule, poste all'inizio dello scivolo (qualche cm dopo la fine dell'etichettatrice). Queste però saranno "interrotte" dal passaggio dei pezzi, anche nel momento in cui lo scivolo è vuoto. Per questo pensavo all'utilizzo di un relè con ritardo all'eccitazione, che se rimane eccitato per 3-4 secondi (situazione che si verifica solo quando lo scivolo è realmente pieno e non dal seplice passaggio di un prodotto che non dura più di un secondo) va a simulare la pressione del pulsante di arresto sull'etichettatrice, che è un banale contatto NC. Già qua non sono certo di quello che ho detto, potrei aver sparato un sacco di cavolate, aspetto consigli.

Inoltre l'etichettatrice poi va fatta ripartire, nel momento in cui (dopo l'arresto, ovviamente) dopo tot secondi le fotocellule non rilevano niente! Per riavviarla credevo sempre di andare a far credere alla macchina che qualcuno sia premendo il tasto di avvio, che è un contatto NA.

Spero di essere stato il più chiaro possibile, in caso contrario chiedete.

Grazie mille

Link to comment
Share on other sites


Inoltre l'etichettatrice poi va fatta ripartire, nel momento in cui (dopo l'arresto, ovviamente) dopo tot secondi le fotocellule non rilevano niente! Per riavviarla credevo sempre di andare a far credere alla macchina che qualcuno sia premendo il tasto di avvio, che è un contatto NA

Credo che non vada bene, perchè ti avvierebbe sempre la macchina (anche quando non vuoi) se lo scivolo è vuoto.

L'etichettatrice ha un nastro comandato da un contattore? se interrompi il filo dalla bobina di questo contattore quando lo scivolo è pieno potrebbe bastare oppure creerebbe problemi nella ciclica dell'etichettatrice?

Link to comment
Share on other sites

Ciao e benvenuto sul forum.

Prova a verificare che la macchina (etichettatrice) Già disponga di un "Consenso macchina a valle" perchè magari già disponi di un ingresso disponibile e magari già Timerato al suo ingresso.

Se non fosse Timerato, dovrai farlo tu.

I prodotti sono Opachi quindi ti consiglio una coppia di sensori a Barriera Tx e Rx, evita quelli a riflessione del prodotto oppure puoi usare quelli a riflessione con Catarifrangente che ti semplificano la vita.

L'uscita della fotocellula/e andranno a Pilotare un Timer che, dopo che l'ingresso avrà raggiunto il tempo impostato, eseguirà lo scambio del suo contatto (No o Nc).

Quando le fotocellule si saranno liberate, il Timer si resetta e sarà pronto per il sucessivo conteggio.

Io NON andrei però ad agire sui comanti start e stop della macchina, magari, ma non vedo l'etichettatrice, preferirei agire sull'ingresso del carico prodotto, simulando l'assenza dello stesso, così la macchina si fermerebbe, convinta di NON avere prodotto per poi ripartire quando lo scivolo si libera.

Ciao,

Virginio

IZ2WUO

P.S.: Io aggiungerei però un Avvisatore acustico che avvisa che, l'etichettatrice è ferma per lo scivolo Troppo Pieno.

Link to comment
Share on other sites

P.S.: Io aggiungerei però un Avvisatore acustico che avvisa che, l'etichettatrice è ferma per lo scivolo Troppo Pieno.

... o magari un lampeggiante, altrimenti lo prendono a martellate ;)

dimenticavo: ciao e benvenuto nel forum ! :thumb_yello:

Link to comment
Share on other sites

Innanzitutto grazie mille per le risposte!

Credo che non vada bene, perchè ti avvierebbe sempre la macchina (anche quando non vuoi) se lo scivolo è vuoto.

Interessante problema! Però considera che la macchina viene accesa solo quando serve, e quindi, anche se sia avvia ogni volta che non rilevano niente le fotocellule non mi sembra un grosso problema. Forse non è il massimo, ma almeno funziona. Altrimenti altre idee?

L'etichettatrice ha un nastro comandato da un contattore? se interrompi il filo dalla bobina di questo contattore quando lo scivolo è pieno potrebbe bastare oppure creerebbe problemi nella ciclica dell'etichettatrice?

No questa soluzione è da scartare perchè creerebbe dei problemi al già instabile software della macchina, sull'aspetto di conteggio pezzi e conteggio etichette, credo.

Prova a verificare che la macchina (etichettatrice) Già disponga di un "Consenso macchina a valle" perchè magari già disponi di un ingresso disponibile e magari già Timerato al suo ingresso.

E' una macchina molto semplice e non credo disponga di questo ingresso ma adesso controllo!

I prodotti sono Opachi quindi ti consiglio una coppia di sensori a Barriera Tx e Rx, evita quelli a riflessione del prodotto oppure puoi usare quelli a riflessione con Catarifrangente che ti semplificano la vita.

Perfetto, già monta sensori con catarifrangente!

Io NON andrei però ad agire sui comanti start e stop della macchina, magari, ma non vedo l'etichettatrice, preferirei agire sull'ingresso del carico prodotto, simulando l'assenza dello stesso, così la macchina si fermerebbe, convinta di NON avere prodotto per poi ripartire quando lo scivolo si libera.

Questa soluzione non è percorribile perchè anche in assenza di pezzi all'origine il nastro dell'etichettatrice continua a girare (mentre il meccanismo che etichetta si ferma), perchè ha proprio la funzione di caricatore di pezzi. Rimarrei della mia idea a questo punto, di agire su tasti start e stop.

Ma oltre al timer come da te proposto, non avrei bisogno anche di un relè o qualcosa che simuli la pressione del tasto Stop?

Grazie mille per la pazienza

Link to comment
Share on other sites

se c'è un finecorsa di etichettatore alto, e lo sposti momentaneamente in modo che non legga, cosa fa? un timbro e poi aspetta?

Poi quando lo rimetti in posizione prosegue?

Link to comment
Share on other sites

sto cercando di tirare a indovinare... non hai spiegato come funziona l'etichettatrice...

Intendo dire che se la macchina ha dei finecorsa, qualcuno di questi sicuramente abilita uno step successivo nel programma (a meno che non sia Cinese e i cinesi si sa fanno anche macchine senza finecorsa e lavorano coi tempi :blink: visto coi miei occhi), se interrompi quello giusto con un relè potresti ottenere la tua funzione anche senza ingresso dedicato.

La soluzione dell'agire sul pulsante di start oltre a non essermi simpatica è anche fuori norma (devi scongiurare gli avviamenti intempestivi).

Ora io non so se quella etichettatice è pericolosa, ma un avviamento non voluto non è certo simpatico.

Edited by JumpMan
Link to comment
Share on other sites

Ciao a Tutti.

Ma oltre al timer come da te proposto, non avrei bisogno anche di un relè o qualcosa che simuli la pressione del tasto Stop?

Certo, ma ti basta Solo che fermi la macchina ???

Credo che tu voglia farla anche ripartire, ammesso però che la Macchina abbia le dovute Protezioni.

E' possibile che le macchine Ripartino Automaticamente a patto che abbiano le dovute Protezioni Intrinseche, non cè nessun problema sotto questo aspetto.

Per fermare automaticamente la macchina basta semplicemente utilizzare un Contatto Normalmente Chiuso di un relè, da interporre in Serie all'attuale pulsante che hai nella tua macchina.

Le fotocellule attiveranno ad ogni passaggio il Timer che comincia a contare, SE il prodotto si Sofferma Oltre il tempo stabilito, che ovviamente sarà superiore al tempo di Passaggio, il Timer azionerà il Tuo relè che aprirà il contatto NC che è in serie al tuo Pulsante di stop della macchina.

Ciao,

Virginio

IZ2WUO

Link to comment
Share on other sites

sto cercando di tirare a indovinare... non hai spiegato come funziona l'etichettatrice...

Intendo dire che se la macchina ha dei finecorsa, qualcuno di questi sicuramente abilita uno step successivo nel programma (a meno che non sia Cinese e i cinesi si sa fanno anche macchine senza finecorsa e lavorano coi tempi :blink: visto coi miei occhi), se interrompi quello giusto con un relè potresti ottenere la tua funzione anche senza ingresso dedicato.

aaaah ora capisco! Comunque il nastro non ha sensori che lo gestiscono, quando premi start lui parte, sia che ci siano pezzi, sia che non ci siano. Esistono sensori per rilevare la presenza del pezzo nel punto in cui è presente l'organo che "appiccica" le etichette, ma nel caso in cui non rilevi niente il nastro prosegue indisturbato, non comunicano in alcun modo (ma non per una mancanza nella progettazione, è proprio così che si deve comportare). Per questo motivo mi sembra difficile utilizzare una soluzione del genere, perchè bisognerebbe mettere mano al programma che gira adesso sul plc e vorremmo evitare.

La soluzione dell'agire sul pulsante di start oltre a non essermi simpatica è anche fuori norma (devi scongiurare gli avviamenti intempestivi).

Ora io non so se quella etichettatice è pericolosa, ma un avviamento non voluto non è certo simpatico.

Un avviamento non voluto non è simpatico anche se la pericolosità è praticamente pari a 0: è una piccola etichettatrice, neanche volendo ci si può fare male, però capisco il discorso che agire sui pulsanti sia fuori norma. Non so, non vedo altre soluzioni.

Certo, ma ti basta Solo che fermi la macchina ???

Credo che tu voglia farla anche ripartire, ammesso però che la Macchina abbia le dovute Protezioni.

E' possibile che le macchine Ripartino Automaticamente a patto che abbiano le dovute Protezioni Intrinseche, non cè nessun problema sotto questo aspetto.

Si certo, vorrei che dopo tot secondi che la fotocellula non rileva più niente la macchina riparta!

Per le protezioni siamo a posto, è davvero impossibile che qualcuno si faccia male!

Per fermare automaticamente la macchina basta semplicemente utilizzare un Contatto Normalmente Chiuso di un relè, da interporre in Serie all'attuale pulsante che hai nella tua macchina.

Le fotocellule attiveranno ad ogni passaggio il Timer che comincia a contare, SE il prodotto si Sofferma Oltre il tempo stabilito, che ovviamente sarà superiore al tempo di Passaggio, il Timer azionerà il Tuo relè che aprirà il contatto NC che è in serie al tuo Pulsante di stop della macchina.

Ok, fino a qui ci sono, grazie mille!

Link to comment
Share on other sites

"Parallelarsi" al pulsante di start potrebbe comportare un ulteriore problema, in alcuni casi potresti non riuscire ad avviare l'etichettatrice, in altri casi potresti non riuscire a fermarla.

Mi spiego:

- se nel software dell'etichettatrice hanno usato un fronte sull'ingresso di start e lo scivolo è vuoto, tu premi stop e la macchina si ferma, ma poi non riesci più a farla partire con l'apposito pulsante (perchè l'ingresso di start è sempre rimasto a 1)

- se nel software dell'etichettatrice NON hanno usato un fronte sull'ingresso di start e lo scivolo è vuoto, tu premi stop e la macchina si ferma (forse), ma quando rilasci il pulsante di stop la macchina riparte (perchè l'ingresso di start è sempre a 1)

Tutto questo lo puoi risolvere aggiungendo un timer impulsivo (che ti dà un impulso ogni volta che lo scivolo si svuota), per evitare false partenze (intendo quelle dovute a piccoli impulsi della fotocellula, magari tra un pacco e l'altro) potresti aggiungere un terzo timer per aggiungere un ritardo alla ripartenza. Siamo a 3 timer e 2 relè, quasi quasi ti salta fuori un Logo! (o similare).

p.s. alcune fotocellule hanno integrato un timer (programmabile on-delay o off-delay) per cui risparmieresti un timer nel caso tu decida per la soluzione elettromeccanica

Edited by JumpMan
Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti.

Correzione: pulsante di start e pulsante di stop sono entrambi normalmente aperti

Allora la macchina in questione NON è sicuramente a norma, indipendentemente da chi e/o da dove arrivi.

Allora dal relè che Ti dicevo devi usare il contatto NO (normalmente Aperto), questo tra l'altro se il programma del PLC è ben fatto NON dovrebbe comunque, nel caso che si prema il Pulsante di partenza di permettere la partenza della macchina se si preme il pulsante di Start.

Fai una verifica, tenendo premuto lo Stop e poi prova a premere lo Start.

Ora usa il SECONDO contatto del Relè NC che piloterà un Secondo Timer che, dopo X secondi che la fotocellula si sarà liberata, porterà il relè a off e il 2° timer sarà programmato a dare un Semplice impulso che piloterà il pulsante di start.

cioa,

Virginio

IZ2WUO

Link to comment
Share on other sites

Mi spiego:

- se nel software dell'etichettatrice hanno usato un fronte sull'ingresso di start e lo scivolo è vuoto, tu premi stop e la macchina si ferma, ma poi non riesci più a farla partire con l'apposito pulsante (perchè l'ingresso di start è sempre rimasto a 1)

- se nel software dell'etichettatrice NON hanno usato un fronte sull'ingresso di start e lo scivolo è vuoto, tu premi stop e la macchina si ferma (forse), ma quando rilasci il pulsante di stop la macchina riparte (perchè l'ingresso di start è sempre a 1)

Ammetto di non aver capito molto, ma per la mia ignoranza in materia

Siamo a 3 timer e 2 relè, quasi quasi ti salta fuori un Logo! (o similare).

Soluzione che adesso sto prendendo in considerazione! Grazie mille della dritta ;) Hai qualche modello in particolare su cui dovrei orientarmi?

Allora la macchina in questione NON è sicuramente a norma, indipendentemente da chi e/o da dove arrivi.

Ma come?! Non mi rassicura molto questa cosa, arrivando la macchina da un'azienda "qualificata"

Allora dal relè che Ti dicevo devi usare il contatto NO (normalmente Aperto), questo tra l'altro se il programma del PLC è ben fatto NON dovrebbe comunque, nel caso che si prema il Pulsante di partenza di permettere la partenza della macchina se si preme il pulsante di Start.

Fai una verifica, tenendo premuto lo Stop e poi prova a premere lo Start.

Ora usa il SECONDO contatto del Relè NC che piloterà un Secondo Timer che, dopo X secondi che la fotocellula si sarà liberata, porterà il relè a off e il 2° timer saràprogrammato a dare un Semplice impulso che piloterà il pulsante di start.

Ok, grazie mille, credo di aver capito!

Oggi valuteremo bene cosa fare, vi tengo aggiornati, grazie a tutti dell'aiuto!

Link to comment
Share on other sites

Alla fine stiamo procedendo all'acquisto di un Logo per gestire tutto questo processo e in un futuro implementare altri controlli.

Ora tramite Logo!Soft in versione Demo sto cercando di farmi un'idea del codice necessario a far funzionare il marchingegno.

Grazie ancora a tutti ;)

Link to comment
Share on other sites

Ho scritto il programma e ho quasi ultimato i cablaggi ma ho un problema. abbiamo aggiunto un sensore di prossimita npn, che però credo di aver collegato sbagliato al plc, perchè provando con il tester mi "da sempre il contatto".

L'ho collegato come le fotocellule che però sono pnp, cioè marrone al positivo, blu al negativo, e il nero all'ingresso del plc. E' qui che sbaglio?

Link to comment
Share on other sites

Ciao,

i PLC puoi decidere, se vuoi gli ingressi PnP o NpN ma NON puoi avere ingressi Misti.

Non conosco il modello che tu stai utilizzando ma.....................

riCiao,

Virginio

IZ2WUO

Link to comment
Share on other sites

Lo standard delle connessioni (colori dei fili) è il medesimo sia per sensori NPN che PNP.

Ma....va posta molta attenzione al tipo di uscita del sensore.

In uno schema dove sono tutti PNP, l'utilizzo di un NPN non si contempla, a meno di previo capovolgimento del segnale.

Saluti

Mirko

Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti,

Ma capovolgendo il segnale, ad esempio negato, visto che vogliamo usare un NPN su ingressi PNP, non va Pullappato l'ingresso ??? (se possibile e fattibile)

Grazie,

Virginio

IZ2WUO

Link to comment
Share on other sites

Intanto se non serve un segnale veloce (tipo sensore induttivo che legge i denti di un ingranaggio a mo' di contagiri) basta un semplicissimo relè

Saluti

Mirko

Link to comment
Share on other sites

ciao,

Ok grazie, inverto utilizzando un relè.

Una soluzione (relè) che usavo tempo fa, quando dovendo Rilevare la presenza di un DVD, l'unico sensore Molto sensibile esisteva solo in versione NPN

Se però posso evitarlo............ scelgo come sempre tutto PNP

Ciao,

Virginio

IZ2WUO

Link to comment
Share on other sites

Aaaaaaah! Ops! Il sensore npn era di recupero, l'abbiamo trovato e credevamo di poter risolvere il problema utilizzando quello!

purtroppo è proprio un sensore che va a leggere la rotazione di un ingranaggio!

Cercherò un altro sensore, grazie di nuovo a tutti ;)

Link to comment
Share on other sites

La notte ha portato consiglio! Ho penato che per motivi di tempo (dovrei iniziare oggi la produzione) potrei andare ad agire sul l'altra fotocellula pnp utilizzando un relè per "convertirla" a npn.

Sareste così gentili da spiegarmi come collegare il relè e anche come va collegata l'altra fotocellula npn?

Inviato dall'app. Mobile di PLC Forum da iPhone5,2

Link to comment
Share on other sites

Ma tu gli ingressi li hai tutti PNP, non puoi collegare tutti i sensori NPN.

Visto che devi provare oggi, se non puoi procurarti un sensore NPN (p.es. XS608B1PAM12, l'ho usato su una cremagliera e va bene, frequenza da verificare però), potresti provare a mettere una resistenza da 470 ohm tra l'ingresso e il + dove collegi il sensore NPN (nel sensore scorrerebbe una corrente di 51mA quando è in conduzione, non dovrebbe danneggiarlo, eventualmente controlla il datasheet).

Edited by JumpMan
Link to comment
Share on other sites

Ok, non avevo capito un bel niente :wacko:

Non avendo nemmeno la resistenza, mi spiegheresti come fare una prova con il relè sul sensore npn, come dicevate ieri?

Credo di non aver capito la logica dei sensori npn.

Le fotocellule pnp (con il marrone a + e il blu a -), quando interrompo il fascio sul cavo nero ho tensione, mentre quando non si interrompe è a 0.

La npn non riesco a capire!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...