Jump to content
PLC Forum


Bobinatore Spira-spira


pinnacher
 Share

Recommended Posts

:(

Innanzitutto ciao a tutti,io ho una trafila con un bobinatore.Questo bobinatore per fare le spire utilizza un tendi filo mosso da un motovario manuale,quindi perchè le spire siano perfette devo variare manualmente.Io vorrei trovare un sistema per automatizzare il tutto ed avere sempre delle spire contro spire con qualsiasi misura di filo e velocità della trafila.Sia il bobinatore che il tendi filo utilizzano degli inverter mentre la macchina non monta un plc,ma se servisse lo monterò.Spero d'esser stato il più completo possibile.

Grazie a chi mi aiuterà...

Link to comment
Share on other sites


il modo piu' semplice e' quello di dotare i motori di encoder, e usare un inverter per il tendifilo che ti permetta di fare l'asse elettrico, in cui dovrai portare entrambi gli encoder, ed impostare poi il rapporto dell'asse elettrico in base al diametro del filo da avvolgere.

sicuramente avrai 2 finecorsa per l'inversione di marcia del tendifilo, che puoi cablare sull'inverter con logica a rele' senza usare un PLC, oppure usando uno piccolo tipo Logo Siemens.

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini

Devi cambiare rapporto. Se realizzi l'asse elettrico tramite PLC (ne basta uno piccolo tipo S7_224 o di altra marca di eguale classe), puoi far fare i calcoli del rapporto al PLC.

Link to comment
Share on other sites

in effetti l'aggiunta di un PLC gli consentirebbe di mantenere l'inverter attuale (nella mia proposta precedente quello del tendifilo va cambiato).

oppure se realizza tutto nell'inverter che controlla il motore del tendifilo, cambia i paramentri associati all'asse elettrico direttamente sull'inverter.

se vuole spendere ancora qualcosa, puo' aggiungere un visualizzatore (tipo quelli della ESA) che permette di interfacciarsi direttamente con il modello di inverter scelto.

Se non dico una fesseria, l'ultimo nato in casa Control Techniques, l'inverter "Commander SK", ha tutto quello che serve: ingreso supplementare per asse elettrico, nano PLC, tastiera remotabile programmabile. Ha solo un grosso difetto: costa caro.

Link to comment
Share on other sites

forse mi sono spiegato male,io volevo qualcosa che facesse tutto da se perchè ho gli operai che non sono preparati e in grado di fare tarature ne variare parametri.

tipo mettere sensori che sentano il filo se sale o scende.... :blink:

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini

Guarda che di guidafilo spira a spira gestiti da manovali ne trovi in tutto il mondo. L'opeaio non deve gestire niente, deve solo selezionare il diametro del filo cha sta avvolgendo in quel momento. In funzione del filo selezionato ci pensa il controllore a selezionare i parametri.

Link to comment
Share on other sites

Se hai il contenimento laterale allora basta un inverter + encoder come hanno già detto sopra, aggiungi un lettore di diametro del filo e hai quello che cerchi.

Senza contenimento laterale hai bisogno di un profilo a camme e se non vuoi introdurre dati manuali ti serve sempre un trasduttore che legga il diametro del filo

Edited by ken
Link to comment
Share on other sites

per come la vedo io la soluzione migliore e' quella gia' detta, cioe' impostare il diametro del filo sul un pannello operatore e asse elettrico gestito da inverter e/o PLC.

una pura utopia sarebbe quella di montare sul guidafilo un sensore laser con uscita analogica che pilota l'inverter del guidafilo.

il sensore andrebbe puntanto verso la spira precedente (l'ultima avvolta).

riuscendo a calibrare bene il tutto (pura utopia) il guida filo si sposterebbe a velocita' variabile in modo da garantire sempre la stessa distanza tra guidafilo e spira precedente (cioe' il diametro del filo)

resta da risolvere l'inversione di movimento del guida filo.

Link to comment
Share on other sites

Se non vuoi impostare il diametro del filo devi montare un calibro laser che ti permetta di conoscere il diametro in uscita dalla trafila.

Se vuoi un avvolgimento spira spira preciso devi montare un braccetto oscillante sul guidafilo con un sensore che ne rilevi la posizione attuale. Tramite questo valore devi andare a correggere la velocita' del guidafilo, tenendo comunque in considerazione la velocità della bobina.

Se invece vuoi una disposizione ordinata delle spire senza la precisione di uno avvolgitore spira spira, il braccetto oscillante non e' necessario, ma tutto il resto si'.

Se utilizzi un PLC e' tutto piu' semplice e facilmente modificabile, il tutto si puo' comunque fare con un drive che ti permetta una programmazione al suo interno.

Ciao

Link to comment
Share on other sites

vi spiego meglio:io avevo già considerato ottima la soluzione da voi proposta ma il mio capo insiste nel volerla fare ponendo sul tendi filo un prossimiti che senta il filo ,cioè quando sente il filo fa scendere il guida filo e si ferma quando non lo sente per poi ripartire quando lo risente...

Personalmente mi sembra una cosa mal pensata... però... il capo è il capo

:P:angry:

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini
Personalmente mi sembra una cosa mal pensata... però... il capo è il capo

Se le cose stanno così basta lasciarlo fare....poi si vedranno i risultati.

Comunque in oltre 30 anni di lavoro in questo campo ho visto, e progettato, guidafilo da diametri <0.5mm fino a diametri >200mm. Fino a qualche mm di diametro l'unica soluzione veramente affidabile è quella che ad ogni rivoluzione dell'aspo trasla il guidafilo di una lunghezza pari al diametro del filo. Che il diametro venga rilevato automaticamente con un calibro (il cui costo = alcuni k€), o impostato manualmente, è indifferente l'importante che il valore sia corretto.

Sistemi con sensori, proxi, ed altro funzionano si e no.

Diversamente, quando il diametro > 10mm all'incirca, allora funzionano anche bene i sistem basati su sensori.

Link to comment
Share on other sites

Pure io quoto, ho fatto lo stesso sistema per un avvolgitore per reggia.

L'ho testato con dei drive con profilo a camme giusto per fare quello che diceva Livio Orsini, ogni giro di avvolgitore spostamento laterale pari alla larghezza della reggetta + delta.

Ho usato un profilo a camme perchè la reggia doveva stare sul bordo per un certo spazio e poi ricominciare a matassare.

Mettere sensori che leggono e fanno partire e fermare è pericoloso e basta.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...