Jump to content
PLC Forum


Sign in to follow this  
ligabue

Easy Economy Hi-Tech Risparmio Intelligente Dell'energia

Recommended Posts

ligabue

Gentili colleghi, ho visto in un supermercato questo prodotto, installato vicino il quadro generale.

http://www.youtube.com/watch?v=tHvFw17N8L0

Mi sapreste dire in cosa consiste e a cosa serve tale apparecchio (sembra un rifasatore con batteria di condensatori o ups integrato) e se veramente è così utile come dicono? Va bene solo per impianti oltre i 15 kW di potenza impegnata (dove si paga la reattiva) o è utile per tutti gli impianti? Oppure è una farsa?

P.S. lungi da me l'idea di fare pubblicità...

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Elettroplc

Questa non l'avevo mai vista....trattasi di rifasamento automatico...nulla di nuovo, salvo le dimensioni minimali...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Altro consumo lo ha provato; il gudizio? completamente inutile!

Share this post


Link to post
Share on other sites
ligabue

Grazie Livio, lo sospettavo... Hai un link o un riferimento a quanto da te affermato?

saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites
DJ_Gabriele

è a pagina sette della rivista di gennaio 2014 ma non è possibile consultarla neppure online senza l'abbonamento

Share this post


Link to post
Share on other sites
Elettroplc

Altro consumo lo ha provato; il gudizio? completamente inutile!

Quoto Livio, ma devo dire che la nota rivista - in ordine alle prove tecniche - spesso lascia a desiderare...probabilmente per limitare le spese vive si "arrabatta" in test a dir poco casalinghi..

Fatto salvo l'ipotesi della bufala commerciale come il "Trust" per il gas ed i carpuranti, io ho fatto una mano di conti, e prendendo il considerazione un cosfì medio e ipotetico pari a 0,9 PF. Con questo valore ho preso in esame un carico medio giornaliero di 2kW relazionato nelle 24h, e per 30gg, poi dettato epr l'intero anno, alla fine ..se va bene alla fine dell'anno solare - se questo aggeggio funziona, il risparmio inteso come recupero della energia reattiva, si assolve in poche decine di Euro. Sempre che questo affare sia un rifasatore automatico, in altro caso promuoverebbe energia reattiva in rete.

Un conoscente aveva promosso l'adozione di un rifasatore automatico della Italfarad in un condominio a favore di un gruppo ascensore ed il suo motore trifase, con un costo in lire di 500 milalire - che ha promosso innumerevolei polemiche in sede condominiale - il costo è stato assorbito in un solo anno; salvo questi casi, nelle atre fattispecie è irrilevante.

Semmai, se in una utenza domestica con carico di almeno 6kW o 10kW, in condizioni particolari come ascensore esterno - macchine bio-medicali - pompe sommerse di grossa talgia, si può anche valutare in via eccezionale un rifasatore automatico, ma è sempre possibile promuovere il rifasamento locale delle singole utenze.

Io a casa mia ho un Contrel EMM3 micro a quadro, ed attraverso questo strumento ho valutato il PF reale ...con un uso normale degli utilizzatori, alla fine non vale la pena inserire centrlaine del genere.

Sulla nota rivista, ho letto dei test, come sugli LCD/Plasma...lasciamo perdere....

Edited by Elettroplc

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Rifasare un'utenza domestica è un lavoro inutile e, se mal fatto, anche dannoso.

I cartichi maggiori sono di tipo resistivo (forni e riscaldo acqua lavatrice e lavastoviglie, macchina del caffè, etc.).

Le lampade a risparmio energetico hanno l'alimentatore elettronico incorporato che tende a presentare un carico leggermente capacitivo, cos' come gli alimentatori per PC.

Le lavatrici attuali hanno i motori controllati elettronicamente, quindi presentano carico leggermente capacitivo.

L'unico carico domestico veramente induttivo è il frigorifero e, quando usato, l'aspirapolvere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
DJ_Gabriele

Ma da quando si paga l'energia reattiva anche per le utenze domestiche... anzi... anche per utenze commerciali fino a 15 kW non si paga mica!

Quindi anche se funzionasse bene come un vero banco rifasatore, vorrei ben vedere quali vantaggi per l'utente finale ci sarebbero: nessuno! Visto che il costo non cambia

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
nessuno! Visto che il costo non cambia

L'eventuale rifasamento su di un'utenza domestica consentirebbe solo di sfruttare al 100 % tutta la disponibilità di potenza del contratto, ma anche in questo caso l'eventuale differenza è insignificante.

Purtroppo il mercato offre sempre di queste bufale inutili, pubblicizzate in modo ingannevole.

Quello che più mi fa adirare è la colpevole inerzia degli enti pubblici. Con le tasse pagate i prodotti messi in commercio andrebbero verificati e, nell'eventualità di una ingannevole descrizione die benefici, i produttori e coloro che li commercializzano andrebbero perseguiti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Elettroplc

Ma da quando si paga l'energia reattiva anche per le utenze domestiche... anzi... anche per utenze commerciali fino a 15 kW non si paga mica!

Quindi anche se funzionasse bene come un vero banco rifasatore, vorrei ben vedere quali vantaggi per l'utente finale ci sarebbero: nessuno! Visto che il costo non cambia

Leggi bene il mio intervento, l'energia reattiva è energia persa che non si trasforma in "lavoro" o "potenza utile", con il rifasamento, sia esso locale per utilizzatore o centralizzato, si recupera il PF; dovresti saperlo; recuperare l'energia reattiva persa migliore l'efficienza dell'impianto e consente di risparmiare qualcosa.

La questione della potenza reattiva (PF) negli impianti inerenti il terziario superiori come potenza impaiegata ai 15kW, prevede una penale per la potenza reattiva eccedente al di sotto del valore di 0,7 - che viene penalizzata con un tabellario prefissato per legge, l'utente è invitato a prevenire con appostio rifasamento.

Sulla utilità di questi apparati, mi sono epresso in modo pragmatico: "solo quando serve e con apparati di marche note - solo o anche come nel caso che ho citato dell'ascensore".

Il "barattolo" che pubblicizzano è certamente indifferente alle note pubblicitarie di cui si fregia, l'energia reattiva si paga comunque, con il rifasamento si compensa.

A parte il caso pratico che ho citato, nel residenziale non ha valore adottare tale espediente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...