Jump to content
PLC Forum


Collegamento Di Terra Di Un Generatore E Di Un Trasformatore


Recommended Posts

Buonasera

devo collegare un generatore sincrono trifase a 400v della potenza di 1000kw ad un trasformatore innalzatore che provvederà a portare tale tensione a 15kv per essere collegato in parallelo alla rete elettrica.

il generatore è condotto da una turbina a vapore con tutti i suoi accessori, di cui io non mi occupo.

il fornitore del generatore mi dice che devo collegare il centrostella del generatore a terra.

il costruttore del trasformatore mi dice che l'avvolgimento primario (il mio in bassa tensione a 400v) è a stella con il neutro tirato fuori ed il secondario (in media tensione) a 15kv è invece collegato a triangolo.

la domanda è

è corretto mettere a terra sia il centrostella del generatore, sia il centrostella del trasformatore.

inoltre

siccome tra generatore e trasformatore c'è una connessione rigida in barra di rame, senza sezionamento e protezioni, vorrei invece inserire un relais con TA che mi faccia almeno la protezione 50 e 51.

ma nel caso di guasto sul trasformatore verso terra, così collegato, le protezioni 50 e/o 51 intervengono?

non posso mettere un TA omopolare perchè il sistema di sbarra ha dimensioni notevoli quindi non posso realizzare la protezione 50n e 51n.

potete darmi un consiglio se questa cosa può andare?

Link to comment
Share on other sites


il fornitore del generatore mi dice che devo collegare il centrostella del generatore a terra

il costruttore del trasformatore mi dice che l'avvolgimento primario (il mio in bassa tensione a 400v) è a stella con il neutro tirato fuori

vorrei invece inserire un relais con TA che mi faccia almeno la protezione 50 e 51.

Il progettista cosa dice ? O sei tu ..??

Porti il centro stella del generatore al centro stella del trafo .Poi metti a terra da entrambe le parti.

la protezione 50 e 51

Per forza !

nel caso di guasto sul trasformatore verso terra, così collegato, le protezioni 50 e/o 51 intervengono?

Ma fai tu il progetto .??

Per guasti a terra ti serve il 51N ,

il 50 immediato e 51 a tempo inverso possono anche intervenire per guasto a "terra" , ma non è questo il loro scopo .

Edited by bypass
Link to comment
Share on other sites

ciao bypass,

grazie intanto che ti sei interessato

no, non c'è progettista

il fornitore del generatore si ferma lì ..

il fornitore del trasformatore si ferma lì ..

e nel mezzo ci sono io che devo collegarli .... e quindi devo fare anche il progettista, anche se non sarebbe proprio il mio ruolo

ora per essere più chiari riguardo alla situazione,

c'è una situazione esistente con un vecchio gruppo turbina - generatore - trasformatore, funzionante, ma che deve essere sostituito per raggiunti limiti di eta..

dovrà essere sostituito quindi il gruppo turbina - generatore che avrà un fornitore che si occuperà dell'automazione della turbina e della gestione del parallelo con la rete con le misure ecc. ecc.

dovrà anche essere sostituito anche il vecchio trasformatore in olio con un nuovo in resina e che ha un altro fornitore

ora i collegamenti tra generatore e turbina sono rigidi, in barra di rame, contenuta in una specie di cassone che siccome adesso sta girando, non ho il cuore di aprire per vedere come sono i collegamenti, ma a prescindere dalla situazione attuale, mi interessava capire per la nuova situazione.

ecco questa è la situazione

ma puoi dirmi qualcosa riguardo il neutro e le protezioni?

Link to comment
Share on other sites

un generatore sincrono trifase a 400v della potenza di 1000kw ad un trasformatore innalzatore che provvederà a portare tale tensione a 15kv per essere collegato in parallelo alla rete elettrica

non entro in merito

Link to comment
Share on other sites

e nel mezzo ci sono io che devo collegarli

Non scherzare con 1MW senza progetto .

Servono schemi di collegamenti , calcoli , ecc..

Trafo in resina e automazione e taratura centralina termometrica. Senza entrare in MT , poi da li altre cose ......

Curve di intervento del 51 e tarature .51 N e tarature , eventuale riarmi automatici , 1000 ALTRE COSE IMPORTANTI da verificare .

Io non lo avrei il coraggio per farlo ,,,,,,,,,

Link to comment
Share on other sites

ciao bypass

veramente a me non sembra così complicato,

e comunque, dopo tutti i discorsi e le situazioni, volevo solo sapere se era corretto mettere a terra sia il centrostella del generatore sia il centrostella del trafo e se le protezioni 50 e 51 mi intervenivano anche per guasto a terra del trafo.

poi riarmi e automatismi non mi competono, c'è chi li gestisce (anche se non sarebbe un problema gestirli).


scusa bypass

non ci avevo fatto caso ma nel tuo post delle 22:43 (scusa non ho la padronanza del mezzo) mi dici che non entri nel merito.....

come mai ? cos'è che non ti convince?

Link to comment
Share on other sites

per quanto riguarda il collegamento by pass e' stato fin troppo chiaro.

forse a te invece non e' chiaro il rischio che corri se non fai eseguire un progetto a persona abilitata.

anche perche' al primo controllo ti fermano l'impianto.

quindi medita sul da farsi .

forse collegare un generatore in BT ad un trasformatore elevatore in MT non e' complicato.

COMPLICATO e' in caso di incidente giustificare la cosa davanti al magistrato.

poi ovviamente sei libero di fare come meglio credi

Link to comment
Share on other sites

vedo ora quello che tu hai aggiunto..

ok per il collegamento dei centrostella tra loro ed a terra...

per quanto riguarda la 50n e 51n purtroppo il toroide omopolare non riesco a metterlo sul sistema di sbarre che è imponente, mi servirebbe un toroide di almeno 80cm di diametro, è per quello che chiedevo se la 50 51 poteva intervenire ugualmente..

comunque ti ringrazio di cuore, trovare un persona che a quest'ora a ancora voglia di star a baccagliare non è facile

grazie bypass

buonanotte

Link to comment
Share on other sites

A prescindere da tutte le considerazioni sulla mancanza di un progetto,credo si possa usare la 51g con toroide posizionato sul collegamento del centro stella a terra

Link to comment
Share on other sites

buonasera a voi che vi siete interessati e vi ringrazio

la cosa si sta chiarendo mano a mano che si va avanti .....

al momento pensiamo di mettere a terra solo il centrostella del generatore,

e per quanto riguarda le protezioni sarà installato un relais elettronico della thytronic che avrà misure amperometriche con TA sulle tre fasi e sulla connessione a terra del centrostella del generatore.... come suggerisce Eliop, e che gestirà tutti gli allarmi configurabili per l'uso .... e ce ne è un po'..

per remo williams....

no, Enel al momento non c'entra nulla, tieni presente che questo è un impianto esistente, del quale non si aumenta nemmeno la potenza in gioco, si toglie il vecchio e si mette il nuovo, quindi per Enel non cambia nulla..... perchè le protezioni verso la rete sono esistenti, efficienti e certificate.

buonanotte

Link to comment
Share on other sites

  • Forum Card Member
  • Forum_card.gif
  • 1452 messaggi

Inviato 07 luglio 2014 - 22:49

Quote

Non scherzare con 1MW senza progetto .

Servono schemi di collegamenti , calcoli , ecc..

Trafo in resina e automazione e taratura centralina termometrica. Senza entrare in MT , poi da li altre cose ......

Curve di intervento del 51 e tarature .51 N e tarature , eventuale riarmi automatici , 1000 ALTRE COSE IMPORTANTI da verificare .

Io non lo avrei il coraggio per farlo ,,,,,,,,,

Se per un Mw serve un consiglio....quando serve il progetto..?

E' forse il caso di un grosso cantiere o cava, con impianto temporaneo ed elettrodotto in MT per alimentazione di grosse macchine operatrici..?

Giusto per capire di cosa si stiamo parlando..?

L'impianato dovrebbe essere inteso in questo modo: --

IL GE a vapore un TN-S fino al primario del trafo, mentre il secondario del trafo un IT.

Edited by Elettroplc
Link to comment
Share on other sites

IL GE a vapore un TN-S fino al primario del trafo, mentre il secondario del trafo un IT.

Ho ipotizzato le fattispecie impiantistiche, altrimenti è inutile fare previsioni progettuali sulla condizione della messa a terra...prima bisogna capire con quale sistema si lavora...

Link to comment
Share on other sites

Adelino Rossi

perchè le protezioni verso la rete sono esistenti, efficienti e certificate.

se le protezioni sono esistenti si tratta solo di sostituire la macchina meccanicamente e fare le messe a punto del caso.

in genere il centro stella è messo a terra passando per un TA di corrente.

Le protezioni sono tipicamente standard per tipologia di macchina.

Massima corrente statorica, corto circuito statorico, differenziale statore, corrente di terra, terra statore 0-80%,

terra statore 100%, e ritorno energia attiva. (se ricordo bene).

poi ci sono le protezioni rotore che fanno parte del gruppo di eccitazione e il sistema di parallelo.

anche il sistema di eccitazione dovrà essere verificato con la nuova macchina, limiti rotorici e terra rotore.

e altro.

Link to comment
Share on other sites

buonasera a voi tutti che vi siete interessati

in linea di massima Adelino Rossi, che ringrazio, ha centrato la questione.

a lavoro ultimato, per chi di interesse farò un piccolo report di cosa è stato fatto

grazie a tutti

Link to comment
Share on other sites

a me continua a sfuggire una cosa relativa ai primi post.... generatore sincrono sempre collegato al trafo.... scusate..ma vi sembra normale ?

sto seguendo i vari post per capire...

se era fatto cosi già una volta , frase tipica, e funzionava , non vuole dire che fosse fatto correttamente.....

cioè era in parallelo gia prima il vecchio gruppo più o meno uguale ?

Poi si è partiti male comunque, come aimè spesso capita, dove uno fa la cosa per cui è interessato e non guarda nemmeno gli altri , vedi il post 3....

Gli allarmi di un trafo ad olio sono ben diversi di uno in resina...

Ma poi parliamo di un sincrono da 1 mega....

Volentieri se ti è possibile un report o alcune foto giusto per capire

Grazie e buona giornata

Link to comment
Share on other sites

Adelino Rossi

generatore sincrono sempre collegato al trafo

al di la dei contenuti del post, quando ci sono generatori che hanno un proprio trasformatore di macchina, elevatore o riduttore è abbastanza normale collegarli (generatore-trafo) in modo rigido, ci si risparmia i costi di un quadro interruttore intermedio di potenza che non serve, l'interruttore di accoppiamento o di parallelo viene posta a valle del trafo di macchina.

ma tutto dipende anche dallo schema unifilare e dalla filosofia del progetto.

Link to comment
Share on other sites

E' corretto Adelino , dipende anche da come si è collegati all'Enel....un interruttore può essere utilizzato di rincalzo... nel caso si debba avere un 400 cosi facendo , tagliando il parallelo in media, non hai a disposizione una tensione ausiliaria...ma bisognerebbe vedere lo schema dell'impianto

Link to comment
Share on other sites

buongiorno

Adelino sembra che abbia già visto il "mio" impianto.....

per luigi invece,

abbiamo un 110vdc da batterie, come tensione ausiliaria per tenere su tutto il sistema di alimentazione dei relais di protezione, sganci ecc.

abbiamo poi un trasformatore mt/bt sempre connesso alla rete per tutti i carichi che stanno fuori dal sistema di cogenerazione

quindi in ogni caso non si resta mai "al buio"

comunque poi e ormai a settembre quando l'impianto sarà avviato, metterò in rete un report e qualche foto come mi chiedi

saluti a tutti

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...