Jump to content
PLC Forum


Sign in to follow this  
rr7788

Cablaggio Magnetotermico Teleruttore

Recommended Posts

rr7788

Ciao a tutti,

capita a tutti di dover sostituire un teleruttore di un motore,

in linea di massima il magnetotermico si trova a monte,

cosi facendo si puo pensare che disattivando il magnetotermico

sul teleruttore non vi sia tensione ( chiaramente sulla potenza,)

capita pero che ci imbattiamo in cablaggi dove il teleruttore sia a monte del magnetotermico,

questo potrebbe trarre in inganno personale non esperto,

è sottinteso che solo personale esperto ecc. ecc. e che si debba togliere tensione e provare ecc.ecc.

pero io vorrei solo chiedere se vi siano delle norme che regolamentino questi modi di installazione.

Nella en 60204 non trovo riferimenti utili.

cordiali saluti

rr

Share this post


Link to post
Share on other sites

reka

mica è per forza sotto magnetotermico! spesso e volentieri le linee son protette dai fusibili..

la sicurezza deriva di solito dal generale del quadro con bloccoporta ad esempio

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Non ci sono prescrizionisulla precedenza dei vari organi della catena di comando.

Ci possono essere delle consuetudini aziendali o prescrizioni particolari interne dell'azienda costruttrice o del cliente finale.

Come fa osservare Reka non obbligatorio avere un magnetotermico, l'unico obbligo è la protezione della linea da sovracorreti termiche e cortocircuiti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
rr7788

grazie,

immaginavo che non ci siano norme a tal proposito ma solo consuetudine,

ad ogni modo ,un occhio di riguardo ad usare una pratica comune non sarebbe male,

forse evitiamo qualche infortunio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
eliop

Può anche essere che non ci siano prescrizioni specifiche al riguardo,ma da che è mondo l'organo di protezione dai cortocircuiti va sempre messo prima dell'organo di manovra(contattore),anche perchè nei vari tipi di coordinamento devono essere salvaguardati pure i contatti di potenza del contattore da fusione e saldatura,poi se c'è un arco

e corto sul contattore e i fusibili o l'interruttore si trovano a valle di esso,sai che bello!

Share this post


Link to post
Share on other sites
reka

io sinceramente non immagino che tipo di macchinari frequenti rr7788 :huh:

MT tra il teleruttore e motore non ne ho mai trovati, prima sì ma non molto spesso.. quasi sempre fusibili (macchinari attempati) oppure i gruppi integrati salvamotore/contattore/termica.

che non capisco è come si ponga il problema, quadretti senza generale o linea dedicata al macchinario con MT o MTD non ne ho mai mai trovati (e da noi ci son macchinari anni 70!)

a meno di non parlare di linne accrocchiate alla buona da qualche elettricista..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Messo o prima o messo dopo, l'organo di protezione, le cose non cambiano.

Le protezioni termiche la vorano sulla corrente che non muta sia che l'otgano di protezione sia prima o dopo il contattore.

Così come il contattare è protetto dalle sovracorrenti sia che la protezione termica sia a monte o a valle dello stesso.

Un corto tra i contatti del contattore è un'eventualità che è possibile quasi esclusivamente per atto volontario.

Che poi la prassi preveda la topologia protezione==>contattore==> carico o, come esemplifica Reka, un unico dispositivo che integra le funzioni di protezione e manovra, è anche vero.

Però le norme non pongono nessun obbligo al riguardo, anche perchè al di sotto di una lunghezza minima di linea si considerano le protezioni non necessarie.

E' unvece obbligo avere una protezione ed un organo di interruzione all'ingresso del quadro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
rr7788

grazie per l'intervento,

comunque le macchine in questione sono macchine tedesche,

di circa 10 anni ,quindi non molto vecchie con tanto di marcatura ce.

Sono sicuramente a norma,pero' si parla tanto di sicurezza e poi ci si

imbatte in problemi di quotidiana manutenzione con personale

piu o meno esperto e questi quesiti sono poco esposti e

come è capitato a me, magari un ragazzo per eccesso di sicurezza

o comunque semplicemente per inesperienza potrebbe farsi male,

per fortuna qualche vecchietto in questi casi puo dare un buon aiuto.

rr

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
con personale piu o meno esperto e...

Questo si che è contrario alla legge.

L'accesso alle apparecchiature è consentito solo a personale esperto ed istruito, non a chiunque tenga in mano un giravite!

Persino in Svezia, dove sono quasi paranoici per la sicurezza ed i quadri sono realizzati "a prova di imbecille", può accedere all'interno del quadro solo personale istrito ed esperto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
rr7788

si sono super d'accordo ,

si sottovaluta sempre il pericolo,

che è dietro l'angolo.

Quante volte negli anni si è fatto presente tutto cio'...........................

Ma mai smettere di far presente e di lavorare in sicurezza

rr

Share this post


Link to post
Share on other sites
JumpMan

Le norme (CEI 11-27 "Lavori su impianti elettrici" ) parlano chiaro, se lavori sotto tensione devi avere il patentino PES, ai corsi spiegano quali sono le misure di sicurezza da adottare:

Prima di prendere il tester in mano ci sono tutta una serie di cose da fare e di DPI da indossare, bisogna transennare, mettere cartelli, mettere un tappeto isolante, avere le scarpe isolate, tuta ignifuga, guanti isolanti, elmetto, visiera anti UV.... (non ho mai visto nessuno adottarle tutte queste misure).

In caso di incidente se il danno subito dipende dalla mancata adozione di una delle procedure o DPI prescritti la colpa ti sarà attribuita e non solo non otterrai alcun rimborso, ma dovrai addirittura mettere mano al portafoglio per pagare le spese processuali !

Share this post


Link to post
Share on other sites
rr7788

si si il generale c'è, il problema pero' è piu' semplice

di quello che si pensa,

chi magari ha lavorato per qualche anno vedendo solo

apparecchiature dove a monte trovi il magnetico e a valle il tele,

poi all'improvviso ti trovi in un'altra realtà e magari devi girare 2 fili sul tele

e metti a zero il magnetotermico per non spegnere tutto ,

perchè io avendo lavorato in molte aziende non ho dubbi che molti non adottano le

precauzioni prima elencate ,ma in molti posti è consuetudine fare queste manovre

per non fermare la linea ecc..chiaramente io non sono d'accordo ,ma non mi si dica che non si fa.

Quindi sarebbe bene mettere prima il magnetico e poi il tele .

grazie a tutti per gli interventi

rr

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pierluigi Borga

Girare due fili intendi invertire il senso ciclico di un motore e quindi invertire due fasi ? Puoi farlo a valle del MT, a valle della termica, in morsettiera....

Magari fraintendo...non ho riletto tutto.

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...