Jump to content
PLC Forum


Tutorial Per Realizzazione Circuiti Stampati Doppia Faccia (Tecnica Press And Peel)


stefano830_1
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti amici del forum, torno con un semplice tutorial su come procedere nella realizzazione di un circuito stampato doppia faccia, il procedimento è lo stesso che ho descritto in questa stessa sezione con la tecnica del press and peel, può essere usato anche con il bromografo in quanto l’ho già testato ma è necessario prima forare un lucido del master e la basetta negli stessi punti per avere dei riferimenti prima di ogni operazione di stampa e prima di fotoincidere il secondo lato, inutile dire che i fori dei lucidi del master devono corrispondere a quelli dello stampato praticati prima, vado ad elencare il modo che uso io per farli con il press and peel, si stampano con la laser i due master dei due lati dello stampato (sopra e sotto) chiaramente tra di loro sono speculari, su fogli press and peel, ora si stampa uno dei due master sulla basetta, è uguale prima il sopra o prima il sotto, con il master stampato si fanno dei fori sulla basetta in corrispondenza di alcuni componenti, in genere io faccio un foro ad ogni angolo e uno circa al centro, per il diametro scelgo per comodità dei fori da 1mm,

ScrGrS.jpg

a questo punto uso un ago da 1mm e replico le forature sul master del foglio press and peel in corrispondenza degli stessi fori dei componenti realizzati sulla basetta, infilo l’ago nella basetta, attenti a non grattare via le piste, passo l’ago nel foro del foglio press and peel del componente associato e replico per gli altri fori, non vi preoccupate se il foglio risulta un po’ ondulato, quando andrete a scaldare tirerà e risulterà allineato, ora scaldate con il ferro da stiro come una basetta normale

MDX2Kj.jpg

abbiate cura di interporre degli spessori ai lati della basetta, visibili in foto, per tenerla sollevata quando “stirate” il secondo lato e di tagliare la basetta 1cm più larga lungo uno dei lati per fare in modo di non rovinare il disegno sullo stampato con gli spessori appoggiati sotto

ora avete la vostra basetta con i due negativi trasferiti e siete pronti per passarla in acido, per questo passaggio mi sono costruito dei semplici porta basetta per quando la immergo, sono molto semplici da realizzare e a costo zero e praticamente eterni, ho usato un contenitore rotondo in plastica per le pastiglie, tipo le vivin c o quelle delle vitamine che vendono in farmacia ed un elastico, ho tagliato il contenitore in due metà ed eliminato il fondo con un taglierino, ho fatto dei tagli in modo che la basetta si infili circa 5mm per lato nel contenitore, poi delle tacche dove si inserisce l’elastico per evitare che scivoli, le foto sono più comprensive di mille parole,

EjWAKk.jpg

ftRuFx.jpg

aYoUAQ.jpg

ora la basetta o le basette sono chiuse tra i contenitori e l’elastico e potete immergerle con tranquillità senza correre il rischiio di rovinare il disegno, grazie a tutti per l’attenzione ed alla prossima :thumb_yello:

Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...

Ottime spiegazioni.

Però, se si usa la fotoincisione capita purtroppo di avere problemi.

Mi spiego meglio, se io faccio dei fori sulla piastra ci saranno delle sbavature sia da un lato che dall'altro che non posso carteggiare (rovinerei il fotoresist) queste sbavature fanno si che il lucido rimanga sollevato quel tanto che basti da far passare luce UV orizzontalmente e rovinare le piste vicino, purtroppo. Mi è successo ben 3 volte di vedermi sparire le piste nei pressi dei fori.

L'alternativa è di fare lucidi molto più grandi, piastre molto più grandi, allineare luci e piastre mediante i fori e poi mettere vetrino sopra e sotto più piccolo dei fori e stringerlo con le pinzette e poi passare tutto dentro un bromografo con luci sopra e sotto a libro con spazio sufficiente interno in altezza per le pinze.

Contro: grande spreco i lucidi e di basette.

Pro: semplice per ovviare al problema dei fori e delle loro sbavature.

Io invece sto facendo così (foto incisione, la tecnica illustrata nel tutorial non la conosco):

nei master credo una maschera (funzione eagle) con numeri e lettere, in quella maschera ci metto due vias quadrati per angolo da 2mm con foro 0,3mm il tutto che sbordi oltre la basetta di almeno 3-5mm.

Blocco con biadesivo i master su due vetrini (uno su uno e l'altro sull'altro ovviamente) a questo punto mi ritrovo i master "in vetro" e li posso movimentare comodo.

Metto la piastra in mezzo ai vetrini e all'interno della maschera in modo che i vias e le lettere/numeri della maschera siano fuori dalla basetta, mi allineo sui vias con il foro 0,3 quando controluce vedo il puntino bianco passare da un lato all'altro sono perfettamente allineate, blocco i vetri con 4 pinzette ai lati e metto nel bromografo a libro.

Vengono PERFETTE, mi ha fregato eagle per i vias microscopici sarannno di diametro un 0,70 al massimo con foro da 0,50, li ho forati ed ho preso il centro da parte a parte senza far saltare la piazzola: quindi allineamento perfetto.

Link to comment
Share on other sites

poi anche disegnare due piazzole su una linea o piano di massa o su due angoli estremi del master, non penso che 3mm di foglio lucido e 3mm di rame in più siano uno spreco così grande, sempre meglio che buttare una piastra non allineata... poi se vuoi poi tagliare via l'eccedenza con un seghetto da ferro o un dremel o una fresa cnc... :thumb_yello:

Link to comment
Share on other sites

non è lo spreco è che devi uscire un X e significa che poi con le pinzette non arrivi al vetro, quindi ti serve tutto più grande ma di un po' 2cm per lato almeno....

Il mio amico mi diceva:

ti faccio un bromografo con due piani con movimento in tutte le direzioni con due manopole, in pratica due vetri su due telaietti che con due manopole per vetro lo sposti in tutte le direzioni, ci metti la piastra in mezzo, spingi dentro il carrellino e poi sposti i due vetri con i master appiccicati fino a quando da sopra vedi la luce passare dai bordini.

secondo me diventa troppo complicato e soprattutto i due telai se hanno aria tra basetta e master passa la luce.

Ci si sta ingegnando per fare qualcosa vediamo cosa tira fuori

Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...
Pancetti Alberto

con eagle non riesco a farlo , ma con kicad io faccio cosi a 2/3 centimetri dal pcb disegno delle crocette o cerchi . poi stampo sul foglio .

una volta stampati i due strati faccio concidere le crocette e spillo 3 lati  stando attento a far coincidere tutte le crocette.

inserisco la basetta , e ficisco di spillare anche il 4 lato , prima di spillare spingi bene dentro la basetta .

dopo di che stiro il tutto .

con eagle pero non riesco a fare questo procedimento perche se disegno le crocetta una volta che inverto il lato inferiore , mi si invertono anche le crocette ,

cè la possibilita di farlo anche con eagle?

grazie

p.s, ho provato a disegnare le X impostando il lato di lavorazione su dimensioni ( tendina in alto a sinistra) ma niente da fare .

grazie per le risposte

p.s. so che per regolamento non ci si puo accodare , ma credo che sia una spiegazione aggiuntiva e coerente all argomento , 

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini

Accodarsi a discussioni si crea confusione, quindi il regolamento lo vieta. Se poi la discussione è ferma da oltre un anno....

Link to comment
Share on other sites

  • Livio Orsini locked this topic
Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...