Jump to content
PLC Forum


etto1

Ariston Nuos problemi vari

Recommended Posts

etto1

Possiedo un Ariston nuos 200 per la produzione di ACS che va in blocco con codice H2 (errore ventilatore), chiamo l'assistenza e mi cambiano la sonda evaporatore. La macchina riprende a funzionare e torna in blocco dopo ca. 2 mesi con errore H2 (errore ventilatore). Richiamo l'assistenza i quali all'inizio notano che la sonda evaporatore rileva una temperatura strana ovvero mentre la sonda della temperatura aria rileva correttamente 9° la sonda dell'evaporatore rileva -9° (18°C di differenza). Il tecnico cambia di nuovo la sonda che però rileva le stesse identiche temperature. Continuano i controlli e mi viene detto che c'è una perdita di gas nella vite di regolazione della valvola d'espansione, smontando un dado nella parte inferiore della valvola mi viene fatto notare che c'è una perdita perchè ci sono delle bollicine d'aria. Mi viene quindi detto che bisogna sostituire la valvola d'espansione che però è un pezzo unico e quindi sarà necessario svuotare il circuito dissaldare il pezzo, risaldare quello nuovo e ricaricare il circuito. 
Nel frattempo mi viene caricato con del gas il circuito per compensare la perdita e per far funzionare la macchina per un pò. 
Dopo due giorni la macchina torna a non funzionare con errore H1 (pressione eccessiva del circuito frigo) e la temperatura rilevata all'evaporatore è sempre 18° in meno di quella dell'aria (14° e -4°). 
Ora io mi chiedo è normale dover affrontare un intervento così importante su una macchina praticamente nuova? 
E' normale che la sonda evaporatore rilevi 18°C in meno di quella dell'aria (dopo un periodo in cui la macchina lavorava solo con resistenza elettrica)? 
Qualche aiuto?

Grazie. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Erikle

probabilmente il guasto è uno solo ma visto che non viene riparato anzi pari maldestramente affrontato sorgono altri problemi

Ho trovato in rete un manualetto della macchina e mi risulta avere una comune valvola di espansione termsotatica che qualunque frigorista ben conosce e cambia comunemente nel suo lavoro

Si vede anche una foto e pare essere una comunissima danfoss

 

Se sonde evaporatore (sono 2) mi risultano essere delle NTC e si possono verificare con un comune tester

 

Non conosco nello specifico quel genere di apparati ma la sonda evaporatore a macchina in funziona correttamente deve segnare una temperatura inferiore a quella dell'aria che aspira perchè per l'appunto nell'evaporatore l'aria che lo attraverso cede calore all'evaporatore e quindi esce a temperatura più bassa di come è entrata

 

bolle di aria dove le hanno viste? c'è una spia di liquido?

 

la sonda evaporatore comunque è messa per mandare in blocco la macchina se circola poca aria..il tuo nous come è installato? hai tubazioni lunghe? aspirazione dell'aria da dove ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
etto1

E' corretto che la sonda evaporatore segni una temperatura inferiore anche quando ola macchina funziona solo con resistenza?

Le bolle d'aria si vedono nella parte bassa della valvola dove c'è la vite di regolazione.

Il nuos è installato in uno scantinato senza tubazione prende e cede aria nello stesso locale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ledda.antonello

Tempo fa' mi scontrai con questa macchina, praticamente era una sfornatrice di errori e problemi. anche io ho avuto 1 problema di sonda, 1 problema di compressore , 1 problema di ventola, poi l'ho smontata buttata via e il problemi si sono risolti.  

Il mio giudizio è stato negativo, se è in garanzia sostituire subito.

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
etto1

Tutto ciò è molto confortante........... Stiamo parlando di una macchina per fare ACS pagata 3000€ con installazione. Purtroppo non è in garanzia perchè è coperta per due anni e i problemi sono iniziati a due anni e quattro mesi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ledda.antonello

Figurati che anche l'installazione era praticamente identica alla tua,  la bolla che dici tu è la perdita del gas refrigerante credo, (ovviamente è un giudizio via web) quindi senza vedere la macchina da prendere con le pinze. In poche parole il nuos che ho visto io alla fine funzionava solo come un normale boiler elettrico. Il cliente si era arreso, poi ha messo uno scaldino classico.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Erikle

se non funziona il compressore l'evaporatore nel tuo caso va a temperatura dello scantinato in pratica e quindi questa dovrebbe segnare la sonda grado più grado meno legato alla precisione delle rilevazione

 

Comunque è una macchina frigorifera abbastanza semplice

Share this post


Link to post
Share on other sites
etto1

Se altri hanno avuto questi problemi non capisco come possano ancora vendere queste macchine ........ comunque spero ancora di risolvere il tutto. Per la sonda vedrò di farla sistemare e per la sostituzione della valvola aspetterò il preventivo anche se temo perchè mi hanno detto di dover dissaldare e risaldare parti del circuito.

Grazie per l'aiuto vi aggiornerò sugli eventi.......

Certo che scegliere una pompa di calore di questo tipo per motivi economici e per non inquinare e poi trovarsi con questi problemi è un bello scherzo!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
ledda.antonello

Aggiorniamoci allora! Ti saluto, buona notte.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Erikle

se devi fare interventi sul circuito frigo forse è meglio che chiami un frigorista hanno maggiore dimestichezza rispetto a chi ha sempre aggiustato caldaie e ora si ritrova a mettere mano su condizionatori e su queste pompe di calore

 

di dadi c'è solo quello che copre la regolazione se perde da li un po di sigillante tipo la leak lock potrebbe risolverti il problema senza cambiare la valvola

Share this post


Link to post
Share on other sites
Frigorista modena

Beh se perde (chi ha detto che perde?) è uscito il gas e probabilmente era semplicemente scarica (le bolle "d'aria" non sono di aria ma vapore del gas) forse hanno ricaricato a casaccio e non al grammo, e al 90% ne avranno messo molto più del necessario come solito (errore di alta pressione) quindi non ci si raccapezza più.

Il problema è che se si mandano tecnici non preparati nella parte frigorifera di solito intervengono nell unica cosa dove un po' ci capiscono, ossia nella elettronica e cominciano a cambiare pezzi a casaccio tipo sonde ecc, non saltandoci ancora fuori si lanciano in improbabili cambi di valvole e compressore quando basterebbe quasi certamente un bel vuoto è una ricarica a peso di targa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Darlington
Quote

Certo che scegliere una pompa di calore di questo tipo per motivi economici

 

Economicamente direi che si finisce puntualmente in perdita, già è uno schifosissimo frigorifero da 300€ venduto a dieci volte il suo reale valore, se poi in più è realizzato con tanta cura da scassarsi appena finita la garanzia direi che conviene lasciarlo dove sta, ora che arrivi a spendere 3000€ di corrente con un boiler tradizionale sai quanto tempo dovrebbe passare?

 

Comunque credo anche io che ti convenga lasciar perdere l'assistenza ufficiale e chiedere il parere di un frigorista, sicuramente ti costa di meno, visto che oramai la ciofega l'hai presa...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Erikle

non sai perchè ha quella pompa di calore..probabilmente ha autoproduzione di energia elettrica..poi che l'abbia pagato troppo ok ma è altro discorso rispetto alla bontà del principio..se hai il fv quando c'è produzione accumuli acqua calda

 

la pompa di calore sarà una macchina che avrà una notevole diffusione direi che il mercato inzia ad aprirsi

 

fra le tante cose che ci sono in giro questa pompa di calore non è affatto complicata ha una circuitazione e componenti abbastanza standard

Share this post


Link to post
Share on other sites
etto1

La pompa di calore ce l'ho come produzione di ACS. Non ho nè fv ne solare termico e per questo ho messo una pompa di calore per rispettare il 50% di energia rinnovabile da ACS in lombardia. L'impianto di riscaldamento ha invece una caldaia a condensazione. La cosa più stupida che non ho fatto però è stata lasciare i due impianti separati senza mettere un'eventuale integrazione nel bollitore della pompa di calore con la caldaia. A quest'ora avrei usato la caldaia al posto della resistenza elettrica.

comunque la cosa + assurda credo che sia la normativa sulle energie rinnovabili che ti costringe a fare impianti complicatissimi per rispettare i limiti senza considerare che poi si hanno molti più prodotti che si possono rompere e che comunque per essere costruiti hanno causato inquinamento. Insomma povero me che con una semplicissima caldaia a condensazione avrei fatto riscaldamento + ACS istantanea e invece per delle norme ora mi trovo in questo marasma (senza considerare tutti i soldi spesi inizialmente).

Share this post


Link to post
Share on other sites
etto1
Quote

Beh se perde (chi ha detto che perde?) è uscito il gas e probabilmente era semplicemente scarica (le bolle "d'aria" non sono di aria ma vapore del gas) forse hanno ricaricato a casaccio e non al grammo, e al 90% ne avranno messo molto più del necessario come solito (errore di alta pressione) quindi non ci si raccapezza più.

Le bolle si vedevano prima che ricaricassero il circuito

Share this post


Link to post
Share on other sites
Frigorista modena

Il fatto è che come solito si dicono solo i vantaggi e si nascondono i difetti, e questo è molto scorretto.

C'è da dire che pure una caldaia al giorno d'oggi ha tanta elettronica che si può rompere, non come una volta che erano dei muli e bastava una termocoppia, ma la cosa subdola delle Pompe di calore sono le tante, troppe cose che si possono rompere in più e con il problema dello sbrinamento che purtroppo deve fare specie in inverno.

Personalmente ritengo lo scaldarsi SOLO con una Pompa di calore lo sbaglio più grosso che si possa fare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Frigorista modena

Scusa Etto ho visto adesso, confermo quello che ho detto, sicuramente hanno aggiunto gas a manometro e ci scommetto il cane che non hanno vuotato e ricaricato a peso, per cui tutte le chiacchere vanno a zero.

Ricarica a peso POI vedi se le sonde leggono giusto, il contrario non ha senso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Frigorista modena

Darly quando tu attacchi le pompe di calore non puoi che trovarmi d'accordo, Erikle si ricorda ancora delle infinite discussioni che abbiamo fatto qui a proposito, ma obiettività m'impone di ricordare che al contrario di una normale resistenza, quando la pompa lavora sopra i 7 gradi ambiente la sua resa è superiore di circa 3 volte alla semplice resistenza, e non è poco.

Questo va detto perché altrimenti non si capirebbe tutta la pubblicità che gli fanno.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Erikle

prima però deve eliminare la perdita perchè se mancava gas sarà scappato da qualche parte

Share this post


Link to post
Share on other sites
Frigorista modena

Ah sicuramente!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Frigorista Carpi

Personalmente ho avuto a che fare con alcune pdc ariston, l'elettronica che montano è un vero disastro....

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
nickyts1

Ho gli stessi identici problemi , a me l'errore H2 lo avevano risolto sostituendo un condensatore sull unità esterna, ha funzionato per un paio di mesi e poi punto a capo!!

la mia ormai ha quasi 10 anni e vado avanti a spegnerla e riaccenderla ogni 2 3 giorni cosi funziona per 2 3 giorni appunto, mai piu' ariston in vita mia!!!!

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Alessio Menditto

Bene allora ci siamo detti tutto, possiamo chiuderla qui.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...