Vai al contenuto

gabriele123

Termografie

Recommended Posts

gabriele123

Buongiorno,

Ho eseguito un'analisi termografica all'interno di un quadro di alimentazione pompe aventi le seguenti caratteristiche :(90KW , 400V  ,  160 A  , 1450 RPM).

La pinza amperometrica riporta i seguenti valori : R = 145 A , S = 150 A    T = 142 A

Le rispettive temperature sono     T(FASE R) = 41 °     T(FASE S) = 50.4 °   T(FASE T) = 39.3 °

 

Anche nelle altre pompe ottengo sempre che, la fase centrale assorbe più corrente  e la temperatura della fase centrale, risulta sempre maggiore di 10 °.

 

Avete qualche idea?

 

Grazie

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Maurizio Colombi

Dove noti il maggior riscaldamento? Sui morsetti degli apparecchi di comando e/o protezione?

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
gabriele123

Il maggior riscaldamento si trova sul cavo e sul morsetto di contatto, Tutto sulla fase centrale.

Allego foto.

 

Termografia.png

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Microchip1967

Non è il mio campo, ma tutto cio' non puo' essere causato dal fatto che la fase centrale si trova "circondata" da 2 altre fonti di calore e che pertanto abbia piu' difficoltà a dissipare il calore prodotto?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
gabriele123

Avevo già fatto questo ragionamento, ma  10 ° di differenza mi sembrano molti......

Considerate che la stessa cosa, la noto anche su altri circuiti, a volte si arriva ad una differenza maggiore di 10 °.

E' vero che la fase centrale si trova circondata, oltre ad avere la peggio sulla dissipazione risente anche del calore indotto dalle altre due fasi......ma 10 ° sono tanti da giustificare con questa teoria.

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
reka

beh, se consideri effetto joule maggiore (è quella con l'assorbimento più alto) e raffreddamento minore le cose si sommano ... poi passa molto vicino a quello che, guarda caso, nonostante sia esterno è più caldo dell'esterno opposto...

 

prova aa allantonare l'sp3 per vedere se magari un graduccio scende..

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Elettroplc

Molto interessante, non sono un esperto di termografia, ma:" non trovo criticità degne di nota.

La temeperatura  di quel cavo centrale, che è quello ove scorre  maggiore corrente di linea, è superiore di 10°, ma la temperatura rilevata è direttamente riferibile al tempo in cui il conduttore si trova attraversato da quella corrente, e dla ceficente di smaltimento. A parità di sezione, la sua sovratemperatura è logaritmica e non  progressiva all'aumentare della sua corrente Iz. Vi sono dei modelli matematici di simulazione con affidabilità maggiore e di molto al 90%, l'ho appreso da un articolo di un ingegnere progettista che è anche docente.

La termografia, serve anche per verificare preventivamente se vi snono difetti di connessione o serraggio, forse si potrebbe verificare proprio il serraggio di questo rispetto agli altri. Infatti, si nota una scemanza della temepratura con la lontananza dal punto di connessione, senza scontare il problema  del surriscaldamento prodotto dalle armoniche.

 

Prima dei 70° di temperatura media del cavo, credo non si possa parlare di allarmismo, semmai - la temperatura aumenta il decadimento dell'isolante nel tempo.

 

Ho ancora una dispensa della Fluke sulla termografia, ora trovo l'occasione per ripassarla con attenzione.

 

Il  mio è un parere...lascio agli esperti una analisi più attendibile.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
mc1988

Con i limiti di una valutazione a distanza, fermo restando che mi sembra qualcosa meritevole di follow-up nel tempo ma non tale da suscitare preoccupazioni immediate, propenderei per un problema al morsetto della corda S (ossidazione? serraggio lento?) perchè mi sembra che l'anomalia termica vada scemando lungo il conduttore man mano che ci si allontana dall'estremità.
Ciao

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Elettroplc

Anche io non  vedo problemi di sorta, l'analisi termografica aiuta a prevenire...

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Adelino Rossi
Quote

la temperatura aumenta il decadimento dell'isolante nel tempo.

di tutti i materiali isolanti.

Quante utenze pompe ci sono all'interno del quadro?

Nelle informazioni ci sono i dati delle pompe e i dati di assorbimento ma mancano i dati dimensionali dei componenti il montante.

Vedi sbarre, contattori, termico, morsetti e cavi.

Se puoi posta una foto normale.

Anche se a 50° non ci sono allarmismi, necessita capire la temperatura generale dell'ambiente quadro.

In base al tipo geografico e ambientale di installazione, c'è il rischio poi che nel mese di agosto con un aumento della temperatura ambiente

si abbia un peggioramento della situazione. 

Non è che per risparmiare, i componenti dei montanti pompe sono stati sottodimensionati?

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso

×