Jump to content
PLC Forum


lampada di emergenza STILE IN LED BEGHELLI quanto e sicura?


sergio1289
 Share

Recommended Posts

salve a tutti. ho acquistato da AMAZON  una lampada di emergenza STILE IN LED BEGHELLI pagandola sulle 22,00 euro . ho deciso di acquistare questa marca blasonata ,  per questioni di sicurezza , e per non cadere in quelle pericolose  ciofeche made in  china.

 ho provveduto  ad aprire il coperchio per fare i collegamenti e metterla in prova e  funziona, fin qui tutto bene. non contento per mia curiosita ho provato  a togliere la scheda pensando di trovare un fusibile all'interno del circuito , ma aime' in mezzo a quei pochi componenti , non ho trovato nessun tipo di fusibile che fungesse  da protezione al circuito.  molto strano !!! forse non sono piu' di moda!!! .ho forse anche l'oro si stanno adeguando ai prodotti cinesi !? oppure  essendo una lampada di ultima generazione e adatta solo per impianti moderni a norma di sicurezza !?

mi ricordo che alcuni anni fa ho avuto delle lampade di emergenza  a neon , queste nella scheda  erano provviste sia di fusibili in  vetro , che plastici  come si spiega !? forse essendo nell'era del  risparmio e del consumismo preferiscono adottare questa soluzione mah......

posto le foto della scheda e della lampada piu' tardi . grazie 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites


Secondo me il fusibile c'è, è che tu magari hai cercato un fusibile tradizionale in vetro invece sullo stampato è stato montato un fusibile più moderno :-)

Prova a postare una foto del circuito che vediamo.

Link to comment
Share on other sites

Dalle foto, parziali e orientate diversamente tra sopra e sotto, sembrerebbe che R101 sia il componente piu soggetto a bruciarsi nel caso che il condensatore grigio alla sua sinistra vada in cortocircuito.

L'alimentatore è a caduta capacitiva e non necessita di fusibile nel senso classico del termine.

La resistenza deve solo essere antiinfiammabile e lo è.

Lato batteria mi sembra di vedere in basso una pista sottile a forma di onda quadra, che farebbe da fusibile in caso di guasto.

Link to comment
Share on other sites

scusate il ritardo :worthy:quindi per come sostieni tu patatino59 il circuito di questa lampada  dovrebbe essere  abbastanza protetto e cosi?

Quote

L'alimentatore è a caduta capacitiva e non necessita di fusibile nel senso classico del termine.

quindi  se non necessita di fusibile in caso di corto  circuito cosa succede ,si interrompe l'alimentazione  senza creare nessun danno o cosa?

 

 

Quote

La resistenza deve solo essere antiinfiammabile e lo è

 

la resistenza essendo antinfiammabile  dovrebbe bloccare il pericolo di incendio ?

 

 

Quote

Lato batteria mi sembra di vedere in basso una pista sottile a forma di onda quadra, che farebbe da fusibile in caso di guasto

 

ai visto bene. in effetti  osservando  bene quella pista sottile a forma di onda quadra, questa  fungerebbe da fusibile in protezione solo alla batteria , infatti nella serigrafia a fianco al connettore  in alto a destra  e scritto F 401.

 

scusate se faccio tutte queste domande , ma prima di piazzare questa lampada  di emergenza  sempre in tensione  vorrei essere sicuro che non succedano danni o incendi  all'impianto elettrico , avendo un impianto  abbastanza datato .

Link to comment
Share on other sites

In pratica l'alimentazione è ricavata dalla rete elettrica tramite resistenza di caduta e condensatore.

Se succede qualcosa al condensatore o altro, brucia la resistenza.

Se non ti senti sicuro puoi aggiungere tu un fusibile internamente utilizzando un portafusibile volante per fusibili 5x20mm sulla fase di alimentazione.

Per la parte DC invece rimettiti al F401. ;)

 

Ciao 

Link to comment
Share on other sites

Io quel che non capisco è perché avete esperienza 0 ma pretendete di giudicare il lavoro dell'ingegnere che ha progettato l'apparecchio, il quale è stato sottoposto a prove da altri ingegneri, ritenuto da loro sicuro, e poi messo in commercio.

 

Io non entro in una sala operatoria per dire al chirurgo come deve impugnare il bisturi, perché non so niente di anatomia.

Link to comment
Share on other sites

Anche un ingegnere controllati da altri ingegneri possono sbagliare... ed e' sempre possibile migliorare un prodotto. Spesso nei prodotti a basso costo viene eliminato l'eliminabile ed a volte anche di piu'...

Troverebbe che i design dei bisturi sono migliaia e sono fatti per adattarsi alla tecnica e la scuola di pensiero del chirurgo...

Link to comment
Share on other sites

Maurizio Colombi

Di risposte ne sono state date, la soluzione al dubbio dell'amico (pare) essere stata trovata... prima che la discussione diventi una cozzaglia di stupidaggini, preferisco fermarla qui.

 

DISCUSSIONE CHIUSA

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...