Vai al contenuto

capogiu

Macchina bambini 6V

Recommended Posts

capogiu

Buonasera,

vorrei un consiglio in merito ad una macchinina per bambini.

La macchina era equipaggiata con un motore da 6v collegato ad una centralina.

Quest'ultima gestisce sia il radiocomando sia l'azionamento diretto del bambino tramite pedale è leva per invertire la marcia. 

Per adeguare la forza della macchina al peso di mio figlio, ho acquistato 2 motori sempre a 6V e li ho montati.

Dopo questo intervento ho il seguente problema:

tutto funziona bene fino a quando la macchina non va in leggero sforzo ossia piccole salite.

Sotto sforzo la macchina si ferma e non risponde ad alcun comando sia manuale che tramite telecomando.

Dopo qualche secondo si sente un tic (credo di uno dei relè) e tutto ritorna a funzionare per poi rimbloccarsi al successivo sforzo.

Quale potrebbe essere il problema è soprattutto come potrei risolverlo? 

Grazie per la collaborazione.

Per completezza allego le foto della centralina.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Aumentando lo "sforzo" c'è una richiesta di maggior coppia, quindi di maggior corrente.

la centrale di controllo riconosce che è stato superato il limite di corrente imposto e stacca tutto, attende un tempo prefissato, quindi riprova; se c'è sempre una richiesta di corrente superiore al limite ricomincia daccapo.

 

Questi giocattoli, se sono fatti bene, rispettano i limiti di sicurezza, da qui le tarature della centralina.

Il giocatto lo così è stato progettato e così deve rimanere, a meno di rifare tutto il controllo.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
capogiu

Grazie per la risposta sempre precisa. Concordo su tutto ma non volevo buttar via tutta la macchina solo per avere un po' più di forza considerando la crescita di un bambino.

Pensavo si potesse intervenire magari su qualche componente... non amo lo spreco e buttare tutta la macchina mi dispiace sinceramente. Se possibile gradirei un suggerimento. Ancora grazie.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Senza lo schema della centralina di controllo è praticamente impossibile darti un suggerimento.

In teoria la via da percorrere è quella di aumentare la soglia di corrente a cui interviene la protezione, però bisognerebbe conoscere come è realizzata la misura e come funziona il circuito di controllo, se è modificabile e come.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
gabri-z

C'è la possibilità , non tanto remota , che la centralina si blocchi per via dell'abbassamento della tensione , dato il carico maggiorato (due motori al posto di uno ) e non per una soglia di corrente .

In questo caso basterebbe aggiungere una batteria in parallelo all'altra .

 

P.S. Mi è venuto un dubbio : non avrai mica collegato in serie i motori ?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
capogiu

I motori sono in parallelo e se il problema fosse il calo di tensione avrei il problema all'avvio credo. Invece ho il problema quando vanno in sforzo. Ad ogni modo ho sostituito la batteria con una nuova sempre a 6V ma con più amperaggio.

Purtroppo non ho lo schema posso solo allegare le foto del circuito che mi sembra piuttosto semplice a parte la parte relativa al telecomando che comunque è presente sulla stessa centralina.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Le foto non ci sono proprio.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
capogiu

Mi scuso ecco le foto.

Grazie

IMG-20171107-WA0003.jpg

IMG-20171107-WA0002.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Leggi la sigla dell'integrato a16 pins in alto a dx, dovrebbe essere un micro. Se è un micro fa tutto secondo il firmware inserito. Così se non hai il sorgente non puoi modificare nulla anche avedno gli attrezzi adatti; tra l'altro non vedo ingressi di programmazione.

Mi sa che dovrai rassegnarti o dovrai pendare a sostituire tutto il controllo.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
capogiu

Ok proverò a leggere la sigla.

La sostituzione di tutto il controllo la farei volentieri ma non so proprio dove trovare o co.e realizzare il nuovo controllo.

Ma eventualmente si potrebbe affiancare un altro controllo solo per i motori prelevando l'impulso dagli attuali relè? In questo modo sposterei il carico dei motori su nuovi relè.

Che ne dice?

Grazie

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
2 ore fa, capogiu scrisse:

Che ne dice?

 

Che non sa da fare:)

La centrale di comando e controllo continuerebbe a leggere il valore di corrente ed a controllare gli attuatori (relè).

Ripeto, questi dispositivi così nascono e così devono morire.

Un tempo dove tutto era fatto con componenti discreti era abbastanza agevole intervenire per modificare, oggi molto meno, anzi spesso è impossibile.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
capogiu

Si mi rendo conto delle difficoltà e ancora una volta concordo con il suo punto di vista. E' chiaro che dispiace dover buttare "tanta ferraglia" solo per una centralina e su questo credo che lei concordi con me. 

L'idea di affiancare un'altra centralina e far sentire a quella originale solo il carico dei relè (della nuova centralina) pensavo fosse fattibile ma forse mi sbaglio.

Mi sa che dovrò rassegnarmi a dare una delusione a mio figlio.

Comunque ringrazio per la disponibilità.

In ultimo chiedo una info se, per esperienza, sa se esistono centraline acquistabili da sostituire all'originale.

Grazie

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
8 minuti fa, capogiu scrisse:

In ultimo chiedo una info se, per esperienza, sa se esistono centraline acquistabili da sostituire all'originale.

 

Questo non lo so.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
luca1981

Per caso i motori nuovi che hai acquistato dichiarano molti piu rpm dell originale? Li hai acquistato sul noto sito di aste

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
luca1981

questa automobili elettriche hanno un fusibile termico sulla linea dell'alimentazione per questo sotto sforzo stacca e quando si raffredda la macchina tenta di ripartire.(non pensare di eliminarlo che la scheda si brucia)

 

Se provi a far girare la macchina con il telecomando senza peso del bambino vedrai che non si ferma mai, quei motori che hai comprato non ce la fanno a girare con il peso del bimbo, neanche se li attacchi direttamente alla batteria bypassando la centralina.

 

la teoria per questi motori è meno giri più' coppia ,molti giri  poca coppia. Potresti pensare di cambiare i motori acquistati.

 

Per bypassare le funzioni della centralina ti basta un deviatore doppio e relè

 

 

rimettere su il motore originale e puoi smontare il motore che muove lo sterzo elettrico e metterlo alla ruota di solito è uguale cosi' da avere i due motori 

 

 

 

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
1 ora fa, luca1981 scrisse:

La teoria per questi motori è meno giri più' coppia ,molti giri  poca coppia. Potresti pensare di cambiare i motori acquistati.

 

Come teoria è perlomeno....mal espressa.

Tutti i motori in cc con campo magnetico derivato da magneti permanenti permettono una coppia a bassa velocità. Si può avere una coppia a bassa velocità che è pari anche ad oltre 8 volte la coppia nominale. Oltre una certa velocità il valore di coppia ammissibile decresce con legge simil iperbolica sino al valore nominale, oltre a questa velocità il valore ammissibile rimane costante.

Ho scritto "valore ammissibile" prchè se questo valore non viene limitato dal controllo il motore ne erogherà di più, ma subirà danni irreversibili.  Entro una prima fascia ci si limita ad un abnorme consumo di spazzole e collettore, oltre c'è la smagnetizzazione dei magneti di campo.

Come tutti i motori cc, la coppia motrice erogata è quella richiesta dal carico meccanico. Inoltre c'è una corrispondenza diretta e biuniuvoca tra corrente assorbita e coppia erogata. Per vitare danneggiamenti al collettore e, soprattutto, ai magneti nei controlli più semplici si limita il valore di corrente al livello corrispondente al valore di coppia nominale. Nei controlli più sofisticati, tipo i controlli dei servi, si limita la coppia tramite un apposito profilo di corrente.

 

Con i controlli dei giocattoli, in genere, il limite di corrente del controllo, ovvero la massima corrente erogabile, è sempre di gran lunga a quella sopportabile dal motore a qualsiasi regime.

1 ora fa, luca1981 scrisse:

Per bypassare le funzioni della centralina ti basta un deviatore doppio e relè

 

Certo però poi perdi le funzioni di telecomando.

 

Da ultimo, ma non ultimo, c'è il problema sicurezza.

Se il giocattolo è certificato per una certa fascia di età è costruito in modo tale che le prestazioni ottenibili siano in linea con le normative di sicurezza previste per questa fascia di età.

Ogni tanto dalla comunità Europea arrivano anche normative serie giuste, non smpre legiferano sulle dimensioni delle banane e sul profumo delle rose.

Modificare le prestazioni di u  giocattolo potrebbe anche essere causa di incidenti.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
capogiu

Livio facendo qualche altra prova ho notato che all'avvio dei motori c'è un forte assorbimento e le luci si abbassano per poi tornare normali quando i motori sono in rotazione. Domando se per caso il problema potrebbe derivare dal troppo assorbimento in fase di avvio o sotto sforzo. 

La batteria è stata sostituita con una nuova da 6V 12 Ah.

Grazie ancora.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
gabri-z
il 6/11/2017 at 10:56 , gabri-z scrisse:

C'è la possibilità , non tanto remota , che la centralina si blocchi per via dell'abbassamento della tensione , dato il carico maggiorato (due motori al posto di uno ) e non per una soglia di corrente

:whistling:

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Se la batteria è carica, ed ha una capacità sufficiente, la tensione dovrebbe rimanere entro 11.5V - 12V.

L'assorbimento maggiore all'avvio è normale, perchè il motore deve erogare la coppia per com pensare l'inerzia, l'attrito di primo distacco, l'attrito volvente delle ruote. Una volta che il veicolo è in movimento rimane solo la coppia per vincere l'attrito volvente, che è la coppia di minor entità. A queste velocità l'attrito dovuto all'aria è trascurabile, praticamen te nullo.

 

E' inutile giraraci attorno con tutte queste prove empiriche. Bisogna conoscere i dati del motore con tutte le caratteristiche coppia corrente, velocità-tensione etc.. Poi mosogna fare delle misure, anche semplici, avviando il motore e frenandolo, misurando la corrente assorbita.

Questo lo puoi fare anche da fermo, ti basta premere con un pezzo di legno sulla ruota ed osservare l'assorbimento di corrente.

 

Poi io non riesco a comprendere la voglia di "truccare" un giocattolo, ma questo è un problema mio.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
capogiu

Livio comprendo il tuo disappunto sul "truccare un giocattolo" ma ti assicuro che sono abbastanza responsabile da poter affermare che non si tratta di truccare un giocattolo ma semplicemente rendere utilizzabile un giocattolo che strutturalmente ha tutte le carte in regola per ospitare 2 motori e sostenere il peso di un bambino di 4-5 anni.

Del resto buttare via la macchina per ricomprarne una identica ma con 2 motori mi sembra un vero spreco e su questo, consentimi di dire, rimango convinto come convinto sono che mi darai ragione.

Purtroppo questi motori arrivano senza documentazione altrimenti ti avrei fornito sicuramente maggiori dettagli. Quando li ho acquistati c'era solo scritto che erano a 6V e da 20000 giri. Dati che ovviamente, a parte il voltaggio, non sono in grado di verificare.

So che una soluzione si può trovare per questo stento a rassegnarmi. Sono un'informatico e non è facile per me arrendermi senza averle provate tutte.

Purtroppo in questo campo mi mancano competenze specifiche per questo ho chiesto aiuto.

Mi piacerebbe avere suggerimenti per individuare se si tratta di un blocco per il calo di tensione o per qualcosa che termicamente toglie corrente.

Grazie

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
gabri-z

Livio ti ha già suggerito di misurare l'assorbimento mettendo sotto sforzo un motore, puoi misurare anche la tensione d'alimentazione della centralina mentre si fa lo sforzo e poi , c'è anche la possibilità che la centralina legga il valore della corrente e bloccare tutto al di sopra di una soglia non tanto per proteggere i motori quanto per proteggere un eventuale driver del motore ( se presente ) .

Noi non conosciamo la centralina....

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
gabri-z
il 8/11/2017 at 08:27 , Livio Orsini scrisse:

Leggi la sigla dell'integrato a16 pins in alto a dx

 

il 8/11/2017 at 09:16 , capogiu scrisse:

Ok proverò a leggere la sigla.

 

 

???

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
capogiu

Misurazione:

Spunto 5A a regime 3A

Sotto sforzo fino al blocco della ruota: 8A - 9A circa

 

Batteria 6V 12A

Motori 6V 20000 giri (info impresse sul corpo del motore)

 

Purtroppo la scritta sull'integrato é poco legibile ma dovrebbe essere:

PT 8A9788LWE  V1314YW

 

Spero di aver fornito informazioni utili.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Concordo in tutto con quanto ha scritto Gabri.

 

2 ore fa, capogiu scrisse:

Del resto buttare via la macchina per ricomprarne una identica ma con 2 motori mi sembra un vero spreco e su questo, consentimi di dire, rimango convinto come convinto sono che mi darai ragione.

 

Non avendo sott'occhio il giocattolo non mi esprimo. Può essere che questo giocattolo possa anche sopportare una potenza maggiore.

Osservando i 4 relè, però ho dei dubbi, visto che son caratterizzati per 12A in alternata in AC1 (carico resistivo). Qui siamo in continua su carico rinduttivo e il declassamento di corrente è notevole.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
gabri-z

ric.PNG

ric1.PNG

ric2.PNG

 

Lo schema in blu non è certamente identico a quello della tua scheda , ma è una applicazione del integrato ricevitore identico .

Misura il potenziale sul pin 3 ( SI ) in funzionamento e sotto sforzo , dovrebbe cambiare qualcosa .

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso


×