Vai al contenuto

nicolino77

Pannello di controllo a 380 V , 2 motori e due inverter

Recommended Posts

nicolino77

Buonasera a tutti,

 

Ho bisogno del vostro aiuto.

 

ho letto i vari post utilissimi su inverter per motori che girano a 380 tre fasi e sono riuscito a far funzionare il mio tornio.

Fino a qui ci riesco.

Ora ho un problema analogo che non riesco a superare come neanche un impiantista da me contattato.

 

Ho acquistato un tornio da orologiaio che ha due motori che rispetto a quello precedente sono gestiti da un pannello elettronico.

Ho la classica spina a 5 poli - il cavo entra nell'armadio elettronico e alimenta:  nr. 2 inverter ( uno per motore ), il pannello elettronico e la pedaliera/reostato.

I motori sono rispettivamente da 0.5 hp e 1,5 hp -

A casa ho la 230 V monofase.

 

Nel mio caso il problema è che non devo alimentare direttamente il motore ma il display che a sua volta gestisce il tutto.

 

Una persona che conosco ha risolto il problema mettendo un inverter da 2,4  Kw a monte - Quindi da monofase 230 a trifase 230 e tutto sembra funzionare. L'inverter che ha montato questo collega non è più commercializzato. Sul forum ho letto però che va valutata anche la frequenza di uscita e onestamente non vorrei bruciare nulla. 

 

Ho considerato anche i prodotti inglesi che trasformano la 220 V mono in 380 V tri ma prima di un eventuale acquisto vorrei essere sicuro al 100 %

 

Confido nel vostro aiuto.

 

Grazie

 

 

 

 

20171001_200313.jpg

20170929_100535.jpg

20170928_122455.jpg

20170928_122520.jpg

20170928_122418.jpg

20170928_115532.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Blackice

Ciao e benvenuto,riguardo al problema da te sollevato hai due soluzioni;prendi la trifase oppure metti un quadro 230>400 tipo questo(chiedi info al produttore se compatibile prima di acquistarlo) https://www.google.it/url?sa=i&rct=j&q=&esrc=s&source=images&cd=&ved=0ahUKEwjpoPHflu3XAhVFnRQKHe6UCZUQjhwIBQ&url=http%3A%2F%2Fwww.ebay.it%2Fitm%2FQuadro-Inverter-trasforma-la-220-230-Volt-Monofase-in-Trifase-380-400V-2-2-kW-%2F261511703689&psig=AOvVaw1kFOw5tC1LV0TwShVyP0lK&ust=1512367649631514.

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Alla faccia, 1021€!!

 

Quando basterebbe un inverter mono-trifase seguito da un filtro sinusoidale e settato a frequenza fissa di 50Hz

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
nicolino77

Grazie Blackice e Grazie Livio,

 

tra le due opzioni mi piace la seconda se posso risparmiare un po' di euro.

 

Dato che non sono un mago dei fili elettrici e dato che non ho mai visto dal vivo un filtro sinusoidale ma ne ho letto in altri post, vorrei sapere se è un'impresa semplice o difficile. Un conto è leggere una discussione un conto è trovarsi a realizzare un piccolo impianto.

 

Livio, se possibile, riesci a spiegarmi come collegare l'inverter ed il filtro ?  Pensa di avere davanti a te un bambino che ci capisce poco di impiantistica.

 

Per evitare errori penso che si parta da cavo da collegare a rete - Inverter -  filtro - centralina tornio.   Mi piacerebbe però sapere come collegare i fili elettrici.  Il cavo di alimentazione della centralina elettrica del tornio ha cinque fili mentre, suppongo, quello in uscita dal filtro ne abbia solo tre.

 

Accetto molto volentieri consigli su modello da inverter e filtro da acquistare.

 

Nuovamente grazie

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
1 ora fa, nicolino77 scrisse:

Livio, se possibile, riesci a spiegarmi come collegare l'inverter ed il filtro ?  Pensa di avere davanti a te un bambino che ci capisce poco di impiantistica.

 

Semplice: il filtro avrà 7 morsetti.

Uno, chiaramente indicato con il simbolo di terra e/o con la scritta GND, va connsso ad una buona terra.

Poi ci saranno 3 morsetti di ingresso e 3 di uscita. Solitamente ci sono le scritte IN e OUT oltre all letter RST e/o VUW sui morsetti.

Basta colegare i 3 morsetti di uscita dell'inverter ai 3 morsetti di ingresso del filtro ed i 3 morsetti di uscita del filtro all'apparecchiatura.

 

1 ora fa, nicolino77 scrisse:

Mi piacerebbe però sapere come collegare i fili elettrici.  Il cavo di alimentazione della centralina elettrica del tornio ha cinque fili

 

Bisognerebbe avere lo schema di collegamento. 4 fili potrei anche ipotizzare che siano le 3 fasi più la terra. Potrebbe anche essere che voglia 3 fasi, neutro e terra. Però siamo sempre nel campo delle ipotesi. Solo la documentazione del costruttore può dare indicazioni univoche.

Allegato alla centralina ci deve essere il manuale di uso, manutenzione e istallazione; non è opzionale ma è un obbligo di legge a livello europeo.

 

COme inverter ti consiglierei un giapponese come Yaskawua, Mitsubishi, Toshiba, Hitachi.

Per il filtro sinusoidale dovresti sentire cosa consiglia il produttore dell'inverter o il suo rappresentante; altrimenti scegli nel catalogo Shaffner, non sono i più economici, na sono sicuramente di ottima qualità.

 

Prima di acquistare comunque fatti un preventivo di spesa per tutto quello che andrai a comprare; poi raffronta con il prezzo di acquisto dell'apparato pronto e valuta anche le difficoltà riferite anche alle tue conoscenze.

Nel caso dell'apparato finito devi solo collegarlo ed hai un prodotto che deve funzioare così come è e che gode di una garanzia globale.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
nicolino77

Buongiorno Livio,

 

non so come ringraziarti.  Voglio provare a fare l'impianto. La voglia di cimentarmi in una nuova impresa è tanta.

Il tornio è svizzero e non ha la documentazione, provo a contattare il produttore per vedere se mi gira lo schema della centralina.

Tra poco mi metto alla ricerca dei vari componenti.  Sulla baia ho visto vari inverter da 2.2 Kw delle marche che mi hai consigliato  in una fascia di prezzo tra i 200 e 300 euro. Mi devo informare presso gli stessi rivenditori per i filtri.

 

Nuovamente grazie.

 

Nicola

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
nicolino77

Buongiorno Livio,

 

Ho un aggiornamento.

 

Sono voluto passare da un rivenditore di materiale elettrico di zona per tastare i prezzi.

Dopo aver fatto la mia richiesta per un inverter ed un filtro ad hoc per lo stesso l'addetto mi ha chiesto "che ci devi fare ?"  In casa avevano un inverter meno potente che mi voleva dare sostenendo che comprandolo non avrei avuto bisogno del filtro perché ( non ricordo il termine tecnico ) non ci sarebbe stato un ritorno sul salvavita a meno che non ne avessi uno di ultimissima generazione "U" .

 

 

Gli ho spiegato il tutto e mi ha detto che secondo lui rischio di bruciare centralina ed inverter del tornio perché questi girano in 3 Ph a 380 V mentre con l'inverter che voglio mettere io ottengo una 230 V 3 fasi.  Per avere una 380 da una 230v ci vuole un miracolo.

 

Aiuto !

 

 

 

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
nicolino77

Ho dimenticato un particolare:

 

il venditore mi ha detto che dovrei cambiare i due inverter originali e metterne due a 3 fasi a 230 V -

 

Per un totale di ben tre inverter.

 

Capisco che devono vendere ma ......  

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
2 ore fa, nicolino77 scrisse:

Per avere una 380 da una 230v ci vuole un miracolo

 

No basta un auto trasformatore elevatore 230V - 400V, poi devi avere un inverter mono trifase che acetta 400V monofasi.

 

Se fai bene i conti dei costi e dei problemi che devi risolvere var la penda di fare un lavoro pulito chiedendo una linea trifase 400V.

Se fai i conti per bene ti rendi conto che spendi molto meno.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
nicolino77

Buongiorno Livio,

 

ho chieso all'Enel informazioni per l'allaccio alla trifase.  Mi faranno avere un preventivo.  Di sicuro avrò un aumento bimestrale in bolletta intorno ai 15 euro oltre all'allaccio che deve essere quantificato. Appena ho il preventivo sia dell'Enel che dell'impiantista a cui mi sono rivolto vista la difficoltà dell'impianto valuterò. 

 

Ancora grazie.

 

Nicola

 

 

 

 

 

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Se pensi che con il trifase ti togli un mare di problemi ed hai un sistema decisasmente più affidabile e sicuro i 15€ in più al mese non sono niente.

L'allaccio dovrebbe comunque costarti meno di tutto l'ambaradan che devi mettere in piedi.:)

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso


×