Vai al contenuto

roberto8303

Regolatore velocità motore dc 180v

Recommended Posts

roberto8303

Come da titolo, avrei la necessita di regolare gli rpm di un motore in dc 180vdc 15 ampere con magneti permanenti quindi solo due fili di uscita negativo positivo in un solo senso di marcia.

C è qualche circuito molto semplice per fare ciò con un potenziometro?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
tesla88

Variac - > Trasformatore -> Ponte raddrizzatore - > Condensatore elettrolitico "generoso"

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
roberto8303

purtroppo non ho spazio per un variac, e poi mi occorre pilotare con un potenziometro

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
fisica

sembra un motore Litton di altri tempi! ti conviene muoverti nella direzione di un chopper a fet, che parzializzi. Però devi sapere che quel tipo di motore ai regimi bassi puo' erogare una coppia elevatissima, il che si traduce in corrente elevatissima di spunto, ben piu' alta dei 15A nominali.La corrente tenderebbe ad infinito se non fosse per la resistenza del circuito elettrico. Quindi un chopper ben dimensionato sulla corrente di stallo (o rotore bloccato), riportata sempre nelle caratteristiche dei motori

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
roberto8303

Confermo, ho provato un circuito parzializzando e poi raddrizzato ma a bassi giri sulla linea ho dei picchi di assorbimento di circa 18 ampere e non ho una rotazione uniforme.

Mi occorre uno schema elettrico, una scheda tipo quelle dei tapis roulant costa un po troppo per quello che devo fare

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
fisica

Quindi comprendo che tu voglia usare la tensione di rete e non una sorgente in continua.

Sarebbe forse più opportuno prima raddrizzare e livellare, e poi parzializzare. Comunque per smazzare tre kw devi essere altro che ben dimensionato, ponte da almeno 50A (illudersi che uno da 25 regga è inutile) e teoricamente almeno 500microF per A per un livellamento ragionevole. Il che suggerisce valori di capacità non pratici.

 

Vediamo che dice Livio, io pero' a questo punto userei un piccolo inverter trifase da 3 kw raddrizzando l'uscita con un ponte trifase e un più ragionevole contensatore da un migliaio di microfarad, tenendo conto che il trifase raddrizzato ha gia' una sua bella componente continua.

 

Quale applicazione ti richiede un motore da 3 kw nominali?

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
3 minuti fa, fisica scrisse:

Vediamo che dice Livio,

 

O un chopper a transistors, ma ci vuole un trasformatore, oppure un ponte SCR, anche semiconrollato monofase, con un induttore in serie all'armatura per migliorare il fattore di forma.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
fisica

dipende molto anche dal tipo di utilizzo. p.s. questo deve essere un motore a magneti, quindi no armatura

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
roberto8303

è un motore a magneti permanenti, in effetti con variac e raddrizzatore a ponte anche senza condensatore ottengo una buona regolazione, è un motore applicato ad un riduttore di una sega a nastro. 

 

Quote

 oppure un ponte SCR, anche semiconrollato monofase

quanti ampere? e  posso controllarlo in pwm?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
3 ore fa, roberto8303 scrisse:

quanti ampere? e  posso controllarlo in pwm?

 

Se il motore ha 15A di dì targa il convertitore dovrà erogare almeno 15A, se non vuoi sfruttare la moggior coppia dei motori a magneti permanenti a bassa velocità

Se usi un convertitore a SCR la regolazione la fa lui agendo sull'angolo d'innesco dei tyristori.

Se vuoi lavorare in PWM devi acquistare un drive chopper a transistor o Mosfet.

180V 15A è una taglia tipica da Chopper a transitor; se prendi una scheda recente che usa i Mosfet con freqeunza base >5kHz non hai, forse, nemmeno necessità dell'induttore di armatura.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
gabri-z
1 ora fa, roberto8303 scrisse:

uno come questo andrebbe bene?

Per me è il minimo che può andare (32 A ) 

Per comandarlo , o ti cerchi un driver , oppure adatti uno dei schemi pubblicati e stra-collaudati da Mirko 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
roberto8303

ok un driver ce l ho per pilotare il gate, e un ne555, però resta il fatto di dover prima raddrizzare la tensione di linea va bene se utilizzo solo un ponte diodo senza condensatori? e vado direttamente sull scr?

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
gabri-z

Behh. il componente che avevi presentato lo vedevo come la metta di un ponte semicontrollato ...ti servirebbe in più un paio di diodi di pari o maggiore potenza , e poi decidere come controllarlo col 555 ....;) hai due tiristori da controllare , uno per semi-onda , devi usare trasformatori per comandarli .

Poi resta da vedere se il tuo circuito col 555 è sincronizzato con la rete , poi ancora devi tener conto che la doppietta di tiristori potrebbero necessitare anche 100 mA (max) per gate .....

Secondo me conviene utilizzare uno dei tanti circuiti specializzati per comandare il ponte . C'è stata una discussione 6-8 mesi fa con utilizzo (più che soddisfacente ) di uno di questi circuiti integrati .

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
gabri-z
25 minuti fa, roberto8303 scrisse:

va bene se utilizzo solo un ponte diodo senza condensatori? e vado direttamente sull scr?

 

Credo di aver capito cosa vorresti fare ; il scr alimentato in cc non si può '' controllare '' , un eventuale filtraggio va fatto dopo il SCR. 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
gabri-z

IGBT , qui sono su campo minato ...aspettiamo rinforzi ....

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Roberto io veramente ho consigliato l'acquisto di un convertitore, quelli che erroneamente vengono detti "azionamenti", non di un modulo a SCR.

 

Comnque se non ti servono, o pensi di farne a meno, cotrolli di corrente e di velocità, puoi usare quel modulo per realizzare un semplice dimmer a ponte semicontrollato aggiungendo 2 diodi di apri potenza. poi lo controlli come se fosse un dimmer tramite un potenziometro.

 

Se ci aggiungi anche 2 fusibili extrarapidi prima del ponte, hai un limitatore di corrente per non danneggiare il motore (potrebbe anche smagnetizzarsi se la corrente eccede di troppo il suo limite funzionale).

Dovrai aggiungere un induttore di armatura perchè questi motori hanno bassi valori di induttanza ed ilfattore di forma di un aggeggio simile è già schifoso di suo.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

SI c'è un convertitore monofase semicontrollato proposto da blackice, però leggi i miei commenti in propsito. Ricardarsi sempre che i motori cc a magneti permanenti hanno bassi valori di induttanza di armatura.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
roberto8303

Voglio utilizzare un igbt e pilotarlo in pwm ho fatto una prova a 24volt ma come si fa a dimensionare il tutto per 240volt? 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
roberto8303

come modificare il tutto per il funzionamento diretto alla 220v? e poi posso fermarmi a 180vdc parzializzando ? quali protezioni e precauzioni devo prendere?

igbt motor control.png

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
34 minuti fa, roberto8303 scrisse:

Voglio utilizzare un igbt e pilotarlo in pwm ho fatto una prova a 24volt ma come si fa a dimensionare il tutto per 240volt? 

 

In teoria è uguale, in pratica cambia tutto.:)

 

In altri termini il problema sta nella maggiore energia necesaria ed anche nel fatto che a nassa tensione un errore di pilotaggio può avere conseguenze minime a quella tensione se non hai esperienza devi mettere in conto un po di morti e feriti gravi.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
roberto8303
Quote

se non hai esperienza devi mettere in conto un po di morti e feriti gravi.

addirittura Livio!! non userò mica dell esplosivo... :lol: voglio prevedere delle protezioni cosi nessuno si farà del male e poi dimensionare un bell igbt per stare tranquilli. Diciamo che nella peggiore delle ipotesi il motore potrà assorbire una bella corrente, sovraccarico o blocco del riduttore quindi basterà un fusibile a staccare il tutto?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso


×