Vai al contenuto

fransiscos

costruire caricabatterie piombo acido

Recommended Posts

fransiscos

salve a tutti.

vorrei costruire un carica batterie per  batterie piombo  acido , in rete ho visto vari schemi.

potreste consigliarmi uno schema valido?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Per caricare una batteria al Pb bisogna avere un alimentatore che generi una tensione costante di circa 14.7V - 15V (per accumulatori a 12V nominali)

Con limite di corrente pari a 1/20 della capacità della batteria: Ad esempio una batteria da 60Ah dovrà avere un limite di corrente di carica <=3A.

 

Se la batteria è molto scarica per il primo tratto di carica il carica batterie lavora a corrente costante; quando la carica è tale che la corrente  assume un valore minore al limite impostato, la carica prosegue a tensione costante. La corrente diminuisce progressivamente con il progredire della carica sino a che a carica completata si stamilizza ad un valore di circa 1/100 della capacità. Con questo valore la batteria può rimanere in carica a tempo indefinito perchè corrisponde alla compesazione delle perdite per autoscarica.

 

Quindi qualsiasi circuito che lavori nel modo descritto sopra è adatto.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
fransiscos

Grazie sig. Livio la stimo moltissimo.

cerchero' uno schema e poi lo postero' per avere un parere.

buona serata.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
fransiscos

e' meglio un circuito a impulsi o uno lineare?

ho anche visto dei circuiti con rele' .

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
fransiscos

questo schema potrebbe andar bene?carge_bat_auto.gif.de16dc65460b7b7b44f46d1d76500b27.gif

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
gabri-z

Chiamano brutto tempo.....

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
fransiscos

cioe'

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
gabri-z

Scusami , ho sbagliato post .

Per lo schema , nel minuto che l'ho visto , mi pare a posto , ma aspettiamo qualche altro parere :thumb_yello:

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
fransiscos

ok grazie.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Ci sono 2 limitazioni di corrente, entrambe fisse.

Su gi schemi di questo sito ho letto pareri discordanti; io non ho mai nemmeno provato a simulare uno di questi circuiti per cui non mi pronuncio.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
fransiscos

 ho trovato anche questo.

 

schema-caricabatteria-piombo-12V-6V.png

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
fransiscos

  potrebbe andar bene questo?

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
fransiscos

qualcuno mi potrebbe aiutare

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

E' all'incirca come l'altro, regoli la tensione, ma la corrente è fissa.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
fransiscos

potrebbe indicarmi uno schema con le caratteristiche da lei riportate , ne sarei molto grato.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Basta che lo schema preveda anche un potenziometro per impostare la soglia di corrente.

Ad esempio nell'ultimo schema Q2 comincia a condurre non appena la tensione ai capi di R4 supera all'incirca gli 0.7V. Essendo il valore del resistore pari a 0.22 ohm l'inizio della limitazione si avrà quando la corrente supera i 3.2A circa.

Usando un resitore da 0.47 ohm la limitazione avverrà apartire da una corrente di circa 1.5A.

Se si mette in parallelo a R4 un potenziometro da 1k con in serie 330 ohm (sono valori messi li "a naso"), poi si collega il resistore di base da 100 ohm al centrale del potenziometro si potrà variare la soglia di intervento tra 1.5 A e.....infinito.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
rodolfok

Mi pare che R1 sia di valore troppo basso per far intervenire Q1 prima che la corrente nel LM diventi tropo elevata. Ho visto che il TIP42 può avere una tensione Vbe(ON) fino a 2V, il che vorrebbe dire 2A, che farebbero saltare il regolatore; R1 dovrebbe poi essere minimo da 5W.

Io ne metterei una da 10 Ohm, 1W.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
26 minuti fa, rodolfok scrisse:

Mi pare che R1 sia di valore troppo basso per far intervenire Q1 prima che la corrente nel LM diventi tropo elevata. Ho visto che il TIP42 può avere una tensione Vbe(ON) fino a 2V

 

Devi guardare le curve; quella è una condizioon che si realizza solo con correnti di collettere nell'intorno dei 4 A.

Normalmente il transistor non conduce, quindi la corrente di collettore è intorno allo 0; in queste condizioni bastano circa 0.6V di Vbe per far iniziare a condurre il transistor. Sino ad oltre 3A di Ic la Vbe si mantiene entro 0.8V.

 

La misura dell'aumento della Vbe è un metodo consolidato per effettuare le protezioni dei transistor di potenza, in quelle più sofisiticat si misura anche il Dv/Dt per intervenir più rapidamente.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
fransiscos

 il potenziometro da 1k  con la resistenza in serie da 330Ohm  lo metto con i due pin estremi in parallelo a R4 e collego il resistore R3 da 100Ohm al centrale del potenziometro.

il centrale del potenziometro lo collego tra Q2 ed R3?

potrei usare un trasformatore da 17 V ?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
rodolfok
2 ore fa, Livio Orsini scrisse:

 

Devi guardare le curve; quella è una condizioon che si realizza solo con correnti di collettere nell'intorno dei 4 A.

Normalmente il transistor non conduce, quindi la corrente di collettore è intorno allo 0; in queste condizioni bastano circa 0.6V di Vbe per far iniziare a condurre il transistor. Sino ad oltre 3A di Ic la Vbe si mantiene entro 0.8V.

 

La misura dell'aumento della Vbe è un metodo consolidato per effettuare le protezioni dei transistor di potenza, in quelle più sofisiticat si misura anche il Dv/Dt per intervenir più rapidamente.

Ok, grazie.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
3 ore fa, fransiscos scrisse:

il potenziometro................

 

Assolutamente no!

Scusa ma quali sono le tue conoscienze di elettronica circuitale?

colleghi il resistore da 330 ohm allo zero volt (massa), l'altro capo ad un estremo del potenziometro; l'altro estremo del potenziometro lo colleghi alla giunzione di R4, C4. Il centrale del potenziometro lo colleghi ai 2 resistori da 100 ohm che non saranno più collegate a R4.

R4 la porti da 0.22 a 0.47 ohm

In pratica si fa un partitore variabile della tensione che si forma ai capi di R4-

 

ATTENZIONE!

I dati sono spannometrici,non ho verificato ne tanto meno effetuato complicate analisi teoriche; ho messo li due dati desunti dalla pratica.

Quindi non c'è nessuna garanzia che funzioni al primo colpo. Anzi prima ti consiglio di mettere a punto e verificare il circuito così come è. Poi se funziona aggiungi la miglioria.

3 ore fa, fransiscos scrisse:

potrei usare un trasformatore da 17 V ?

 

Si puoi anche farlo, vorrà dire che i il tuo regolatore dovrà dissipare di più.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
fransiscos

 le mie conoscenze risultano quelle di un diploma di 20 fa, non lavoro nel campo dell' elettronica ma faccio tutt'altro, tutto quello che so, molto poco, il resto vorrei conoscerlo con il vostro aiuto se e' possibile altrimenti pazienza.

le scuole purtroppo non insegnano gran che' a livello circuitale.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
13 minuti fa, fransiscos scrisse:

le scuole purtroppo non insegnano gran che' a livello circuitale.

 

Mmm, le mie esperienze scolastiche, a livello di Istituto tecnico, risalgono ad circa 55 anni fa; però ricordo che ai tempi, sebbene i transistors fossero una cosa molto nuova, lo studio delle circuitazioni, con relativa metodologia di calcolo (almeno per i circuiti di base) erano uno dei punti di forza degli studi.

 

Purtroppo se non hai molta dimestichezza con circuiti e misure, rischi di impantanarti su questioni minime.

Piuttosto cerca, magari, un circuito in scatola di montaggio; è più facile che funzioni al primo colpo e può essere una buona base per riuscire a farsi "la mano".

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
rodolfok

Forse questo schizzo ti può aiutare a realizzare quanto suggerito da Livio. I calcoli, anche se spannometrici, sono corretti. Metti un bel dissipatore su Q1.

Ciao

Rodolfo

20180410_175545.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso


×