Vai al contenuto

nandix

valutare tipo di caldaia

Recommended Posts

nandix

Buongiorno...

ho un impianto di riscaldamento almeno da 20anni (termosifoni ancora in ghisa e caldaia hermann 24)

ormai la caldaia ha la sua età...bisognerebbe cambiare il vaso di espansione, va in blocco in continuazione, soprattutto consuma parecchio.

ho deciso di cambiare caldaia...con quale? una a condensazione alta temperatura (visto che ho i termosifoni in ghisa)...

o una a camera aperta (visto che limpianto è vecchio) ?...

soprattutto...ho un risparmio di gas (gpl) ?

se vi può essere utile... la casa è di 50mq e sono 4 termosifoni ( 11 8 6 6 elementi).

grazie...

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
mass72

....allora...prima di scegliere la caldaia...Casa privata o appartamento? Dai metri quadri  direi appartamento...a questo punto devi verificare la canna fumaria...Singola o collettiva? Se singola devi per forza installare una condensazione...se collettiva devi installare una camera aperta ( e il risparmio si va far benedire..

Altrimenti installi comunque una condensazione e scarichi a parete...

Se hai una Casa privata devi per forza installare una condensazione...

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
nandix

si ho una casa privata...

l'obbligo è per legge?

inoltre (se possibile un consiglio tra le due caldaie che ho scelto) una RADIANT B-CONDENSE RH1R     oppure    una UNICAL CoR  ??

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
DavideDaSerra

Per 50 metri potresti abbandonare il riscaldamento a gas (il GPL è il combustibile più costoso in assoluto). Fossi in te valuterei una pompa di calore aria-acqua e un aumento del numero di elementi sui termo così da andare meglio in bassa temperatura.

Il costo di 1kWh di calore da pompa di calore è leggermente inferiore al costo del metano (COP stagionale 3, elettricità a 20c/kWh 1kWh di calore costa 7cent)

 

Se hai la possibilità di allacciare il metano, in massimo due inverni rientri del costo di allaccio (il metano costa circa 9c/kWh, il GPL 20c/kWh) e poi è tutto risparmio GPL a 5500 Cal/L, metano a 9000 Cal/m^3,  GPL a 1,20€/L, metano a 0,80€/m^3

 

Quanti litri di GPL consumi in un inverno? Giusto per stimare l'ordine di grandezza risparmio col passaggio a metano o a pompa di calore

 

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
nandix

Ho anche un condizionatore a pompa di calore Ariston inverter 12000....non è il suo mestiere...siamo nel freddo! Soprattutto di mattina...lo facciamo partire alle 6.00 per far trovare un po' di calore ai bambini...niente da fare, si blocca in continuazione (sbrinamento). 

comunque aggiungere gli elementi mi è impossibile...inoltre il riscaldamento con i termosifoni...abbiamo provato solo una volta...un mese mi costò 170€. 

Infine...il metano...mi è impossibile! Nessuno lo vuole...e dovrei pagare tutto io...

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
DavideDaSerra

Fatti fare il preventivo di allaccio al metano, se anche ti chiedessero 1500€ in massimo due anni di riscaldamento a metano anzichè a GPL ne rientri.

Fuori è normale che il clima sbrini spesso ma, essendo inverter, dovresti farlo andare di continuo, non solo alla mattina. Sbrinerebbe meno e avresti la casa più calda.

 

Aggiungo che cambiare caldaia con una ad alta temperatura, anche a condensazione, non ti darebbe grossi risparmi, risparmieresti di più facendo l'allaccio al metano convertendo la caldaia attuale.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
nandix

purtroppo non posso...

sono anni che ci riscaldiamo con una pompa di calore...e ti garantisco che questo (condizionatore) non è arte sua.

poi tenerlo acceso anche di notte... dovremmo tenerci il rumore dello split e motore tutta la notte?

inoltre questo condizionatore...(non so il motivo) funziona solo a temperature esterne discrete...anche la sera (tipo alle 19) va in blocco.

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
DavideDaSerra

Allora avete un condizionatore scarso (o comunque sottodimensionato), mettete un condizionatore di qualità pensato sia per il raffrescamento che per il riscaldamento;  insomma, tenetevi lontani dagli apparecchi che vendono nei vari bricocenter / mediaworld che generalmente sono di qualità scarsa per  non dire infima, è molto raro che vendano qualcosa di accettabile perchè non riuscirebbero a piazzarlo visto che il focus di quel genere di rivenditori è il prezzo e non la qualità. La caldaia attuale potreste tenerla solo per l'acqua calda (una nuova avrebbe un rendimento praticamente identico) o, eventualmente, sostituitela con un accumulo a pompa di calore.

 

Sopratutto dipende molto anche da dove abitate: se siete in meridione la PDC è senz'altro la scelta migliore, in pianura padana un po' meno,vista l'alta umidità e i conseguenti sbrinamenti più frequenti, ma è comunque una valida alternativa al metano (sul GPL vince la PDC comunque a mani basse), se abitate in montagna e le temperature in inverno sono fisse sotto i -10.... l'unica PDC accettabile è la geotermica e a quel  punto si spende meno (sull'esistente) con una caldaia.

 

Morale: se vuoi cambiare caldaia cambiala, ma non otterrai grandi risparmi. Piuttosto mi focalizzerei sul valutare un nuovo condizionatore, dimensionato e adatto per la configurazione attuale (magari dual split: zona giorno e zona notte per non farlo mai partire proprio da freddo).

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso

×