Vai al contenuto

MusicIsLife

Collegamento motore 220V/380V a 220V

Recommended Posts

MusicIsLife

Ciao ragazzi.

Ho letto la discussione in cima alla sezione motori, ma non nego che abbia fatto fatica a capire come effettuare i collegamenti descritti nei vari post.

Ho un motore di cui riporto la targa in fotografia. Attualmente é connesso con un cablaggio ad una presa trifase a 4 poli (3F+terra?). Sapendo che alimentandolo a 220V avrò minor potenza (non é un problema) vorrei appunto utilizzare quest'ultima tensione per farlo funzionare.

Inserisco anche la fotografia di come sono effettuati i collegamenti attualmente (credo sia un collegamento a stella).

Potete aiutarmi?

Grazie mille!

IMG_20181230_110247.jpg

IMG_20181230_110114.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Cialtrone

Per alimentarlo a 230 volt trifase basta metterlo a triangolo (tre sbarrette in verticale secondo la tua foto).

Per alimentarlo a 230 volt monofase devi sia metterlo a triangolo che aggiungere un condensatore per alternata (opportunamente dimensionato) tra la fase ed il polo che avanza.

Per il dimensionamento del condensatore puoi fare una ricerca sul forum o su internet.

Ricordati che dovrai adeguare le protezioni elettriche.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
leleviola

Va inoltre specificato che se lo colleghi a 220 trifase con l'ausilio di un condensatore come specificato da Cialtrone non avrà un rendimento ottimale, anzi avrà un rendimento come potenza inferiore di circa un terzo, quindi se prevedi di usarlo con frequenti avvii che richiedono un certo spunto, beh non è l'opzione migliore e a lungo andare rischi di rovinarlo. Tanto per capirsi se deve fare uno spunto come quello di un compressore penso non sia una metodologia d'uso adatto. Quello di mettere un condensatore serve solo per creare la terza fase mancante in un sistema monofase ma capisci che la tensione che si viene a creare è piuttosto inferiore e la resa ne è la conseguenza. Se proprio non puoi cambiare il motore e non metterne uno classico monofase l'alternativa è ovviamente mettere un inverter monofase che riproduce una terna di tensioni trifase a 220-230V, a quel punto il motore avrà una resa ottimale, ovviamente devi mettere in conto la spesa dell'inverter che per quella potenza non è poi granche

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
max.bocca

Il suggerimento dell'inverter se tutto dimensionati bene sicuramente è una buona soluzione.  La soluzione con condensatore o condensatori cioè uno di marcia e uno di spunto gestito da logica di controllo è un alternativa ma con il costo attuale degli inverter non più senso.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
MusicIsLife

Calcolate che devo alimentarlo a 220V monofase.

Quindi metto le sbarrette in verticale (ovvero collego U1-W2, V1-V2 e W1-U2).

Lascio tutti i fili che vanno al motore collegati dove sono ora.

Scollego i 4 fili del cavo di alimentazione.

I due fili (fase e neutro) della 220V dove li collego? E il condensatore?

 

Calcolate che é un motore che accenderò di rado.

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
1 ora fa, MusicIsLife scrisse:

Quindi metto le sbarrette in verticale (ovvero collego U1-W2, V1-V2 e W1-U2).

Si

Collega la fase a U1, il neutro a V1 ed i condensatore tra W1 e U1.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
MusicIsLife

Essendo il motore 1,2HP a 220V otterrei un condensatore da 60uF.

Immagino che tale valore sia il minimo utilizzabile. Dunque potrei mettere un 100uF?

La tensione minima di lavoro deve essere 450V o posso usare un 250V alternati?

Come tecnologia di condensatori posso usare un poliestere? Non devo usare dei condensatori polarizzati, giusto?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
12 ore fa, MusicIsLife scrisse:

Dunque potrei mettere un 100uF?

 

Puoi ma verifica che il motore non si surriscaldi.

12 ore fa, MusicIsLife scrisse:

posso usare un 250V alternati?

 

Si se è da 250 Veff.

12 ore fa, MusicIsLife scrisse:

Non devo usare dei condensatori polarizzati, giusto?

 

Giusto.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
MusicIsLife

Ciao a tutti.

Ho recuperato questi condensatori assiali (allego fotografia).

I condensatori sono della KEMET e sono da 10uF l'uno (Un=400V e Urms=250V). Se andassero bene potrei collegarne 5 o 6 in parallelo ed otterrei 50/60uF (teoricamente servirebbero 55uF dai calcoli fatti).

Allego anche la tabella dei condensatori: quelli in mio possesso sono quelli riquadrati in rosso.

 

Possono andare bene oppure devo per forza utilizzare quelli per motori?

Grazie.

 

 

 

 

Condensatore motore.png

IMG_20190111_164441.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Per andar bene vanno bene, il solo problema che devi metterne 6 in parallelo e poi i collegamenti al motore diventano un po' difficoltosi.

 

Potresti collegarli i 2 terminali a 2 strisce di "mammut" da cui partono i 2 fili per il motore. Il "malloppo" lo metti in unn contenitore tipo scatola di derivazione.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso

×