Vai al contenuto

erbarto

Rilevatore monossido di carbonio

Recommended Posts

erbarto

Ciao a tutti!

Mi consigliate un buon rilevatore di monossido di carbonio per casa?

Vorrei metterne uno in ogni camera da letto e uno in cucina

 

Grazie mille in anticipo

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
reka

Io non lo metterei in camera a meno che non vi abbiate apparecchi a combustione...

 

è preferibile metterlo in prossimità ma all'esterno in modo di essere avvisati che c'è il problema senza cominciare a respirarlo :)

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
erbarto

In cucina abbiamo la caldaia a gas per il riscaldamento e lì ci sta, nelle camere pensavo x esempio un corto circuito x esempio di un caricabatterie, della TV o altro.... Ha senso o è esagerato?

 

Ho visto che ne esistono di tipologie e prezzi molto diversi. Me ne consigliate uno valido?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
reka

allora serve un sensore di fumo! Hai visto bruciare un apparecchio di quelli?

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
erbarto

Ho visto che esistono sensori combinati fumo/monossido. comunque immaginavo che il caricabatterie si surriscaldare e prendesse fuoco --> monossido...

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Alessio Menditto

“Il monossido di carbonio viene prodotto da reazioni di combustionein difetto di aria (cioè quando l'ossigeno presente nell'aria non è sufficiente a convertire tutto il carbonio in anidride carbonica[2]), per esempio negli incendi di foreste e boschi, dove il prodotto principale della combustione rimane comunque l'anidride carbonica. Altre fonti naturali sono i vulcani, mentre la maggior parte si genera da reazioni fotochimiche che avvengono nella troposfera. Inoltre si sprigiona durante le combustioni in ambienti chiusi[2] e dalle vecchie stufe a gas liquido, responsabili dell'alta frequenza di intossicazione da monossido di carbonio.[2]

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Alessio Menditto

Il problema è “in difetto di aria” secondo me, un caricabatterie se brucia (che poi se è a norma non brucia, si fonde) bisogna che ci sia poca aria, cioè il monossido è pericoloso perché prende il posto dell’ossigeno.

Un piccolo apparecchio fa del gran fumo ma probabilmente non a livelli di far partire l’allarme eccessivo monossido.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
omaccio

...vero tutto ciò che ti è stato scritto e... una sensore di questo genere non è per sempre come un diamante! Va sostituito e provato ad intervalli regolari! Certamente la vita non ha valore ma meglio ponderare il possibile utilizzo!

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
erbarto

Grazie davvero delle considerazioni fatte finora. Qualcuno mi sa quindi indicare qualche marca o modello di cui fidarsi?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
ilsolitario

Vado a memoria.. vimar non ha più in catalogo il rilevatore di monossido ma solo quello  per le fughe di gas..  Fantini-cosmi invece lo ha in catalogo con uscita a relè quindi volendo oltre a generarti un allarme può spegnerti la caldaia.... Ovviamente ogni 4/5 anni vanno  sostituiti https://www.fantinicosmi.it/prodotto/sicurgas-p13/


Messaggio editato da ilsolitario

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
vincenzo barberio

Buonasera, la tua caldaia è a camera di combustione aperta?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Lorenzo-53

Pericoloso perchè inodore, invisibile, con peso simile all'aria e drammaticamente veloce

sono altre le fonti di pericolo da monossido non di certo un apparecchio elettronico che brucia/fonde puzza parecchio e fuma e irrita naso e gola

La sostituzione periodica dei rilevatori è importante perchè la parte che si usura e perde efficacia è proprio il sensore attivo contenuto nella capsula

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Lorenzo-53

Per quanto riguarda i rilevatori, che possono essere luminosi e/o acustici ed avere un contatto per attivare una ventilazione forzata, ricordo un articolo dei VVF sugli interventi per intossicazione da CO nei quali risultava che, seppure presenti, molti rilevatori erano spenti perchè infastidivano dando spesso allarme, ritenuto ingiustificato perchè non c'era sentore di anomalie

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
erbarto

La mia caldaia èa camera di combustione chiusa.

Dato che, a quanto ho capito, il pericolo monossido derivi (quasi) soltanto da impianti di riscaldamento malfunzionante. Avendo la caldaia in cucina mi basterebbe un sensore in cucina dato che nelle camere da letto non nè stufe, nè camini né altro


Messaggio editato da erbarto

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Alessio Menditto

Bisogna anche dire che ci vuole sempre un ricambio di aria...le case non possono essere ambienti ermetici, bisogna assicurare sempre una ventilazione, che si paga inevitabilmente con più consumo di gas.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
vincenzo barberio

Buongiorno,come spiegato da Alessio il monossido di carbonio viene prodotto in mancanza/carenza di aria che partecipa alla combustione. Le caldaie a camera stagna prelevano (o dovrebbero prelevare) aria dall'esterno e quindi il problema non dovrebbe sussistere. A meno che non si utilizzano dei piani di cottura "industriali" senza cappa e fori di aerazione. 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso

×