Vai al contenuto

maresama

Eccitazione rele a fine tempo

Recommended Posts

maresama

Ho un timer meccanico. Quando viene messo in azione chiude un interruttore e lo mantiene chiuso fino al termine del tempo fissato (da 1 a 120 minuti)

A me serve, invece, che sia eccitato un rele ma solo quando il tempo è finito

Vorrei un circuito elettronico da alimentare a 9 v (con una pila) che collegato al timer meccanico, mi ecciti un rele a 5 volt a fine tempo.

Avendo dei mosfet irfz44n che mi hanno regalato, sarebbe l'ideale se tale schema li utilizzasse.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
20 minuti fa, maresama scrisse:

A me serve, invece, che sia eccitato un rele ma solo quando il tempo è finito

 

Ma il relè deve rimanere eccitato per un tempo indefinito?

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
maresama

Vorrei utilizzare il rele automantenendolo, ossia il contatto lo utilizzo per mantenerlo eccitato, fino a quando lo interrompo togliendo l'alimentazione.

Per essere più chiaro il tutto serve per azionare un avvisatore acustico, che deve seguitare a suonare finchè non si interviene.

 

nb: chiedo scusa: avevo fatto erroneamente questo post in questa sezione.  Entrando nel forum (elettronica fai ta te mi paere) non ho visto la mia richiesta, quindi l'ho ripetuta. Chiedo scusa.

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
9 ore fa, maresama scrisse:

chiedo scusa: avevo fatto erroneamente questo post in questa sezione.  Entrando nel forum (elettronica fai ta te mi paere) non ho visto la mia richiesta, quindi l'ho ripetuta. Chiedo scusa.

 

Ora l'ho eliminata, ma non aprire altre discussioni altrimenti si fa confusione.

 

Veniamo al tuo problema.

2 doimande:

  1. Di che tensioni disponi
  2. Quale è il tuo grado di competenza in elettronica.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
maresama

alimentazione: pila 9 volt

avrei potuto risolvere con due rele ma la pila durerebbe molto poco

quindi ho pensato ad un condensatore che venga caricato alla chiusura del contatto e all'apertura invece il condensatore si scarichi sul rele per attivare l' automantenimento

Per fare questo ho pensato che il tutto potrebbe essere regolato da un transistor in due fasi:

fase 1 - alimentazione tramite timer: il condensatore va in carica - il transistor non conduce - il consumo della pila è ridotto e questo è importante per i tempi lunghi

fase 2 - alimentazione non c'è più (tempo finito):  il condensatore fornisce la corrente per attivare il transistor e questo attiva il rele

             il condensatore deve essere di una capacità tale da riuscire a fare questo

             nb: con un diodo occorre separare le due alimentazioni

Questa è la mia idea. Ma tra il dire e il fare c'è di mezzo......

 

competenza elettronica: piccoli circuiti (alimentatori, temporizzatori e simili ma fermo a molti anni fa (moltissimi anni fa! ora ho 83 anni, purtroppo!!!)

Comunque penso che qui non occorra un  circuito molto complesso e quindi penso di riuscire.

 

 

           

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Io ti consiglierei, se il timer, dispone di un contatto pulito, di usare un flip - flop tipo "D" come il 4013; è un CMos e consuma pochissimo. Poi c'è quel relè che vuoi fare autoritenere che non si sa come lo alimenti.

 

Se hai un attimo di pazienza ti metto giu il circuitino appena ho un po' di tempo.

13 ore fa, maresama scrisse:

il tutto serve per azionare un avvisatore acustico, che deve seguitare a suonare finchè non si interviene.

 

Questo avvisatore comme è alimentato? A 230V?

7 minuti fa, maresama scrisse:

ora ho 83 anni, purtroppo!!!)

 

Be anch'io nonn sono più tanto giovane, vado per i 75; l'importante  avere ancora voglia di far qualche cosa.:smile:

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dott.cicala

Questo è ciò che ho pensato come "memoria al fronte di discesa" del segnale ALR

 

image.thumb.png.a15b7ff8fc076d635bbb61969163be4e.png

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
maresama

Io pensavo a questa soluzione:

  quando il timer chiude il contatto, c1 si carica tramite r1 e il transistor non conduce perchè la base è a massa

 quando il timer apre, c1 fornisce la tensione tramite r1 e il transistor conduce facendo eccitare il rele (finchè c1 non si scarica)

 il rele eccitato prende la tensione dal negativo della pila e si mantiene eccitato fino ad un eventuale reset

Potrebbe funzionare?

Forse dovrei mettere un diodo in parallelo a r1 per avere il massimo da c1 quando il timer toglie corrente....

Probabilmente è da troppo tempo che non faccio più niente....ma spero che mi diciate dove sbaglio: è sempre utile!!

grazie

DSCN4087.JPG

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza

fallo e provalo, dovrebbe funzionare R1 prova con 10 Kohm, nel caso la riduci

allarme.png

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
maresama

Innanzitutto grazie, anche per le modifiche allo schema (disegnato in modo orribile!)

Prima di provare volevo un minimo di possibilità che la cosa potesse funzionare.... e la tua approvazione mi è gradita.  Naturalmente non è detto che poi funzioni, ma questo è già messo in conto.    (se non fosse così, addio divertimento...).

Sono sempre più convinto che sarà utile mettere un diodo in parallelo a r1:   quando c1 deve alimentare il circuito, r1 potrebbe essere una limitazione, mentre un diodo darebbe la possibilità di avere il massimo da c1. Almeno questo è quello che gli ingranaggi del mio cervello mi inducono a pensare.... ma poichè la ruggine potrebbe far funzionare male gli ingranaggi, non mi resta che provare....

Non so quanto ci metterò (lo so che è semplice ma purtroppo ho tantissimi problemi di altro genere) ma quando l'avrò fatto ti dirò come è andata a finire.

Grazie nuovamente.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza

no non mettere diodo in parallelo a r1, altrimenti la batteria si scarica piu velocemente, metti una resistenza piu piccola da 1 Kohm o anche meno, il mosfet lavora in tensione sul gate e quindi non assorbe, quando il contatto è chiuso scarica la batteria se la R è piccola


Messaggio editato da dnmeza

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
maresama

ok. Seguo il consiglio...

Grazie

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza
53 minuti fa, maresama scrisse:

ok. Seguo il consiglio...

schema corretto, puoi togliere anche il diodo

allarme.png


Messaggio editato da dnmeza

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dott.cicala

Ma come fa a funzionare così?

Una volta acceso  la tromba suona sempre 😂

Manca ancora un po' a carnevale 

 


Messaggio editato da dott.cicala

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza

scusate .....😫

 

allarme.png

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza

scusate .....😫

 

circuitoallarme.png

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
maresama

Mi sembra che non vada bene:

1 - se sw1 è il timer, una volta aperto tutto il circuito resta senza corrente, quindi il relais, scaricato c1, si apre e non suona più l'allarme

2 - non dovrebbe esserci il diodo di protezione in parallelo al relais?

3 - non mi è chiaro a cosa serve sw2

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza

sw2 è il contatto del timer, sw1 è interruttore per spegnere la sirena e tagliare l'alimentazione, il diodo in parallelo al relè è una dimenticanza, il diodo che avevi messo tu sul contatto timer non serve nel caso una resistenza da un centinaio di ohm

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
maresama

Premetto che non conosco i mosfet se non vagamente. Mi sembra di ricordare che sono, semplificando molto, dei transistor pilotabili con correnti debolissime ma  in grado di gestire potenze abbastanza elevate. E cosi?

Quindi, a riposo, dovrebbero assorbire poco. Se cosi sarebbe una scelta valida, visto l'uso della pila per tempi piuttosto lunghi...

Io ho dei IFRZ44N.   Andrebbero bene al posto di  IFR530 ?    anche come polarità?

grazie.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
maresama

Ma se sw2 è il contatto del timer, c1 come fa a caricarsi?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza

si, sono mosfet NPN, l'interruttore sw1 lo puoi mettere anche in serie al contatto del relè, lasciando la batteria che alimenti sempre la base del Mosfet, certamente dipende dalla resistenzaR1 che con contatto chiuso del temporeggiatore scarica la batteria, pertanto è opportuno che abbia un valore sui 10 Kohm, nel caso fosse troppo alta che il Mosfet non si attivi dimezzala

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Danilo o suona sempre o non suona mai.

O si usa il circuitino di Stefano o si usa un flip-flop

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dott.cicala

 

:P

 


Messaggio editato da dott.cicala

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dnmeza

perdonate Livio O. e Stefano la mia immensa ignoranza, ma se un NPN con base a massa non conduce, dando invece una corrente (positiva BE) conduce, un Mosfet NPN non si comporta ugualmente ? io ho fatto un circuitino alcuni mesi fa in cui volevo avere la conferma che la bombola del gas fosse chiusa, avendo a disposizione un contatto NC magnetico, ho approntato un circuito con un transistor NPN  che mi accendesse un led, proprio sul principio dello schema che ho allegato, son passati dei mesi devo smontare il circuito per controllare come l'ho fatto, ma funziona, appena si apre l'interruttore il led si illumina, (purtroppo non mi ricordo piu se era un PNP o NPN il transistor, 😌 🙄

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
dott.cicala

Più o meno. Il mosfet a canale n entra in conduzione quando la tensione Vgs supera quella di soglia che in genere è di qualche volt e la corrente di gate è quasi nulla.

Nella richiesta iniziale avevo capito che il circuito dovesse reagire sul fronte di discesa e se è così, il tuo circuito non va bene ma serve qualcosa di più complesso, come ho appunto fatto nel mio.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso

×